Attentato a Parigi

Sezione nella quale si può discutere su tutto ciò che riguarda lo sport ed il fitness.
Main Eventer
Avatar utente
Messaggi: 5755
Iscritto il: 28/01/2015, 15:17

Attentato a Parigi

da mrk-cj94 » 30/10/2016, 14:17

Una Senatrice M5S rincara la dose:
Immagine

"False flag per nascondere l'effetto che hanno le scie chimiche sulla Terra che si sta ribellando portando alla luce i Rettiliani. Itagliano svegliaaa!1!1!1!123"
commento del giorno:
Immagine
"il vostro idealismo e la vostra visione utopica della WWE mi commuovono" cit#1
"guardare/commentare un prodotto che sai benissimo cosa ti offre e poi lamentarsene perché il risultato non ti piace/soddisfa è da stupidi" #2

Main Eventer
Avatar utente
Messaggi: 5246
Iscritto il: 08/08/2016, 13:08

Re: Attentato a Parigi

da bonf89 » 30/10/2016, 16:52

mrk-cj94 ha scritto:Immagine


Fantastica!

Alla fine è un po' quello che stavo dicendo io anche per gli storici e quelli come me che stanno studiando per esserlo: cacchio, c'ho una memoria da pesce rosso e devo studiare manuali e libri da svariate centinaia di pagine, ho esami da più di duemila pagine su quasi millecinquecento anni di storia, lavoro la sera sottopagato con voucher e "fuori cassa" per pagarmi rette, libri, benzina, vestiti, ecc... e poi i primi benpensanti che aprono un blog e sparano teorie complottiste senza prove e senza fonti hanno più risonanza di quelli che gli storici lo fanno di mestiere.

Che poi almeno un sismologo è stimato nella società, gli storici, i filosofi, gli umanisti in genere invece quando dicono quello che sono, quello che fanno, solitamente ricevono come risposta "scusa eh, ma a che cavolo serve la storia/filosofia/sticazzi?". La mia è navitadimmerda, non quella del sismologo! :mrgreen:
ONE AND ONLY

V.I.P. of Clash Of Champions 2016, Backlash 2017, Backlash 2018

Main Eventer
Avatar utente
Messaggi: 14811
Iscritto il: 31/03/2010, 11:24
Località: Villeneuve (AO)

Re: Attentato a Parigi

da Tsunami » 30/10/2016, 18:33

Alcune precisazioni su fraintendimenti comuni in caso di terremoto.

1) Gli animali non "prevedono" i terremoti. Alcuni possono avvertire una manciata di secondi prima gli infrasuoni, che noi non udiamo, ma non molto di più. Se al TG dicono "i cani abbaiavano ben mezz'ora prima" stanno mischiando causalità e correlazione: è pieno di cani che non hanno abbaiato affatto, solo che non fa notizia dirlo.

2) Il sito INGV può andare offline perché saturo di richieste allo stesso momento: se tutti si collegano contemporaneamente il server va in sovraccarico.

3) Esistono differenti scale di misurazione. La magnitudo locale (Ml) è una, la magnitudo di superficie (Ms) è un'altra e la magnitudo momento (Mw) è un'altra ancora. Sono vari modi matematici di calcolare l'energia di un sisma e non coincidono esattamente. Ci sono motivazioni storiche e tecniche del perché non sono la stessa cosa e non è certo per confondere la gente.
Ad esempio, la magnitudo locale è relativamente rapida da calcolare ma perde precisione di misura attorno a ~6.5, per cui per i terremoti più grandi sono preferibili altre misure (che usano strumenti differenti).

Qualunque sia la misura della magnitudine e su quale scala, non hanno nulla a che vedere con la scala Mercalli che misura i danni causati dal terremoto. Un sisma Mw 8 nel deserto del Sahara non farà danni e sarà grado Mercalli 0. Un sisma Mw 4 in una città costruita con le carte da gioco spianerà tutto e sarà grado Mercalli massimo.

4) Il fatto che la magnitudo segua una scala logaritmica vuol dire che a un terremoto di grado 7.0 corrisponde una misurazione sul sismografo di un'ampiezza 10 volte maggiore di un sisma di grado 6.0. Dalla misurazione sul sismografo si può poi risalire all'energia rilasciata, che per un grado Richter di differenza corrisponde a 30 volte più energia. Se vi sembra che da 6.1 a 6.5 non cambi molto, in realtà è una differenza molto grande in termini di energia sprigionata.

Ma quando un sito, con fare un po' allarmistico titola "Terremoti 30 volte più potenti!", occhio che non intende dire che ci sarà un terremoto di grado 30x6=180 (che rilascerebbe l'energia equivalente a una piccola supernova più o meno), sta sfruttando il fatto che non tutti conoscono cosa sia una scala logaritmica per dire una cosa tecnicamente giusta ma fuorviante e attirare click allo stesso tempo.

5) Non esiste alcuna legge Monti che dice "se il grado è inferiore a 6.1 lo stato non risarcirà i danni". Per due motivi: il primo è che il governo Monti fece un disegno di legge nel 2012, prima del terremoto emiliano, che contemplava questa possibilità, ma non fu mai tramutata in legge. E non c'è nulla di simile nell'ordinamento legale italiano.
Il secondo motivo è che, anche nel disegno di legge, i risarcimenti dipendono dai danni valutati dalla scala Mercalli, che sono scollegati dalla magnitudo misurata da INGV (vedere punto 3 sopra).

6) Strumenti diversi possono dare valori diversi a seconda di vari fattori. La magnitudine non si misura come il peso su di una bilancia, ma ci vogliono alcuni calcoli triangolando più strumenti e i calcoli sono suscettibili a rettifiche man mano che sono disponibili dati più accurati.
Per questo INGV tende ad aggiornare la magnitudo nel corso del tempo. Inoltre i siti delle agenzie geologiche straniere sono leggermente meno attendibili di INGV, sia perché a distanze maggiori c'è un margine di errore lievemente maggiore, sia perché sono tarati per suoli dalle caratteristiche geomorfologiche diverse (per stimare correttamente la magnitudo di un luogo bisogna tenere conto anche di varie caratteristiche del suolo).
Aspettate sempre qualche minuto e fate riferimento solo a INGV per aggiornamenti.

7) Le valutazioni sulla sicurezza degli edifici le può fare solo un ingegnere strutturale sul posto, non chiedete su internet e non affidatevi a chi non ha un titolo di studio consono. Sembra un ovvietà, ma tristemente non lo è.

8) L'Italia è un paese ad alto rischio sismico. Lo è sempre stato: la penisola esiste proprio perché ci troviamo in un punto in cui le placche continentali di un pianeta geologicamente attivo si scontrano.Siamo giovanissimi da un punto di vista geologico: 65 milioni di anni fa, per esempio, non esisteva alcuna Italia, era tutto ancora sommerso dalle acque. La domanda, quindi, anche se é un cliché, non deve essere se ci sarà un terremoto, ma quando. Non si può affrontare un terremoto senza conoscerlo e senza un adeguato monitoramento.

9) In Italia non si pratica fracking.

10) I terremoti non uccidono. Gli edifici che crollano sì. La prevenzione prima di tutto.

[AM]

Main Eventer
Messaggi: 2167
Iscritto il: 28/05/2016, 22:13

Re: Attentato a Parigi

da ShatteredDreams » 30/10/2016, 19:09

Ho scoperto adesso che è LA magnitudo
Immagine

Main Eventer
Avatar utente
Messaggi: 2493
Iscritto il: 13/04/2013, 11:27
Località: C' Parig avess u mér ava iess na piccola Bér

Re: Attentato a Parigi

da Rated R Superstar » 31/10/2016, 21:24

Il problema è che quando non c'era internet la gente prendeva un cazz0 di libro o una cazz0 di enciclopedia, leggeva, studiava e imparava.

Adesso con internet invaso da fessi che spacciano le loro opinioni come fatti conclamati (leggasi Marco Carta) questo passaggio viene sostituito dalla consultazione dei social. Di leggere leggono lo stesso, ma pensano di aver imparato delle nozioni quando invece hanno imparato delle cagate. E intanto l'ignoranza si diffonde a macchia d'olio.
Immagine

Main Eventer
Avatar utente
Messaggi: 5445
Iscritto il: 12/10/2012, 23:57

Re: Attentato a Parigi

da nicola » 31/10/2016, 21:29

Rated R Superstar ha scritto:Il problema è che quando non c'era internet la gente prendeva un cazz0 di libro o una cazz0 di enciclopedia, leggeva, studiava e imparava.

Adesso con internet invaso da fessi che spacciano le loro opinioni come fatti conclamati (leggasi Marco Carta) questo passaggio viene sostituito dalla consultazione dei social. Di leggere leggono lo stesso, ma pensano di aver imparato delle nozioni quando invece hanno imparato delle cagate. E intanto l'ignoranza si diffonde a macchia d'olio.

Beh, ma le persone che, oggi, credono a certe sciocchezze, non avrebbero preso in mano nessun libro neanche in passato.

Main Eventer
Avatar utente
Messaggi: 2493
Iscritto il: 13/04/2013, 11:27
Località: C' Parig avess u mér ava iess na piccola Bér

Re: Attentato a Parigi

da Rated R Superstar » 31/10/2016, 21:57

nicola ha scritto:Beh, ma le persone che, oggi, credono a certe sciocchezze, non avrebbero preso in mano nessun libro neanche in passato.

Una parte sì. Una parte di boccaloni magari invece di credere ai gruppi su Facebook avrebbe creduto che ne so, ai testimoni di Geova, a quelli delle bollette del gas più economiche o a postalmarket.

Psicologicamente resta il fatto che certi individui hanno bisogno di nutrire le proprie menti con realtà difficilmente attuabili.
Immagine

Main Eventer
Avatar utente
Messaggi: 5755
Iscritto il: 28/01/2015, 15:17

Attentato a Parigi

da mrk-cj94 » 01/11/2016, 0:08

Povero internet, sempre colpa sua :c
Che poi a leggere certi giornalisti, tutto sommato forse è meglio internet c:
"il vostro idealismo e la vostra visione utopica della WWE mi commuovono" cit#1
"guardare/commentare un prodotto che sai benissimo cosa ti offre e poi lamentarsene perché il risultato non ti piace/soddisfa è da stupidi" #2

Main Eventer
Avatar utente
Messaggi: 5445
Iscritto il: 12/10/2012, 23:57

Re: Attentato a Parigi

da nicola » 01/11/2016, 0:23

mrk-cj94 ha scritto:Povero internet, sempre colpa sua :c
Che poi a leggere certi giornalisti, tutto sommato forse è meglio internet c:

Ma no...
I cretini mica sono nati con Internet, hanno semplicemente ottenuto più visibilità.

Main Eventer
Avatar utente
Messaggi: 5246
Iscritto il: 08/08/2016, 13:08

Re: Attentato a Parigi

da bonf89 » 01/11/2016, 14:50

ONE AND ONLY

V.I.P. of Clash Of Champions 2016, Backlash 2017, Backlash 2018

Precedente

Torna a Sport & Fitness

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti