La questione San Siro

Sezione nella quale si può discutere su tutto ciò che riguarda lo sport ed il fitness.
Main Eventer
Avatar utente
Messaggi: 4345
Iscritto il: 02/10/2015, 9:06

Re: La questione San Siro

da polykai » 30/09/2019, 10:54

e proprio come ti abbiamo risposto, solo quello di Monaco di Baviera è un caso simile a quello di Milano

in tutti gli altri casi, le amministrazioni comunali non potevano fare nulla in quanto erano già stadi di proprietà dei rispettivi club

Main Eventer
Avatar utente
Messaggi: 3095
Iscritto il: 16/03/2011, 11:26

Re: La questione San Siro

da AndyLewis » 30/09/2019, 14:41

Ma ci sei o ci fai?
Secondo te se un privato vuole costruire un impianto a cosi alto impatto urbanistico come uno stadio l'amministrazione comunale non può fare nulla? :lol: :lol: :lol: :lol:

Secondo te se il comune di Madrid si fosse opposto alla costruzione del Wanda sarebbero riusciti a farlo?
No semplicemente hanno trattato e ritenuto più opportuno e redditizio il nuovo progetto.

Main Eventer
Avatar utente
Messaggi: 4345
Iscritto il: 02/10/2015, 9:06

Re: La questione San Siro

da polykai » 01/10/2019, 12:57

quindi immagino che quando il R.Madrid si sia ristrutturato lo stadio, il comune si sia messo di traverso, no?

ah no, non poteva...

tralasciando le tue ultime ciance:


Inter e Milan sono pronte a sfidare il Comune di Milano. Le critiche bipartisan, arrivate in Consiglio Comunale dinanzi all’ipotesi del nuovo stadio nel nuovo quartiere di San Siro, non hanno lasciato indifferenti i due club.

Inter e Milan sono tornate a prendere in considerazione l’idea di fare lo stadio a Sesto San Giovanni. Lo scrive oggi “Repubblica”. E la mossa non è solamente politica, “Tanto che in questi giorni i club per non farsi trovare impreparati si sono messi a ( ri) studiare mappe e regole urbanistiche, pronti a cambiare rotta nel caso”.

“La partita a poker con Palazzo Marino non è ancora conclusa, anche se prima del verdetto, il Consiglio comunale aprirà il capitolo del Piano di governo del territorio. Ed è proprio lì, all’interno del libro mastro dell’urbanistica, che l’aula ribadirà la quantità di costruzioni massima che si potrà realizzare nell’ambito San Siro: la metà di quanto, in base alla legge sugli stadi, hanno indicato le squadre per il loro progetto complessivo”, evidenzia Repubblica.

Una concessione limitata, che non piace alle due società. Anche per questo, Inter e Milan hanno iniziato a valutare concretamente l’ipotesi di realizzare altrove non solo il nuovo impianto, ma anche i grattacieli di uffici e hotel, i negozi e i ristoranti, i cinema e il verde che dovrebbe accompagnarlo.

Dove? La zona sarebbe quella delle ex aree Falck di Sesto. Terreni privati dove non ci sarebbero vincoli alle costruzioni che prevedono persino la grande distribuzione e anche le bonifiche necessarie verrebbero realizzate dai proprietari come già previsto da un piano in corso. Per questo dalle sedi rossonerazzurre sarebbero partite richieste di incontro. Chi frena per il momento sono i vertici di MilanoSesto. E non per una mancanza di interesse, anzi. Questione di correttezza istituzionale.

Mid Carder
Avatar utente
Messaggi: 372
Iscritto il: 04/08/2015, 10:36

Re: La questione San Siro

da glc_1912 » 01/10/2019, 14:56

Ma al di là di tutti i discorsi, io una roba proprio non l'ho capita.

Il Milan è IN AFFITTO a Casa Milan. Non è roba loro, niente. E quando, un paio d'anni fa, provarono a sondare per comprare l'area (e fare lì lo stadio) scapparono a gambe levate per i prezzi.

Adesso esattamente dove pensano di trovare i soldi per uno stadio (che già sono cifre alte), ed oltre a quelle pure quelli per "grattacieli di uffici e hotel, i negozi e i ristoranti, i cinema e il verde che dovrebbe accompagnarlo"? Cioè, non si sono potuti comprare il palazzo dove hanno la sede, e devono costruirsi tutta sta roba? :lol:

Main Eventer
Avatar utente
Messaggi: 3095
Iscritto il: 16/03/2011, 11:26

Re: La questione San Siro

da AndyLewis » 01/10/2019, 16:07

polykai ha scritto:quindi immagino che quando il R.Madrid si sia ristrutturato lo stadio, il comune si sia messo di traverso, no?

ah no, non poteva...




Si ne avesse avuto motivi o interesse poteva mettersi in mezzo.
Il comune può romperti le palle anche se vuoi fare una tettoia fissa nel tuo giardino, senza autorizzazione comunale non puoi piantare un chiodo, figuriamoci ristrutturare uno stadio.

E comunque qui nessuno parla di ristrutturazione ma di costruire un nuovo stadio privato (come ha fatto l'Atletico) quindi il tuo intervento è doppiamente inutile

passa ad altro va ed evita di scrivere ste cavolate.

glc_1912 ha scritto:E quando, un paio d'anni fa, provarono a sondare per comprare l'area (e fare lì lo stadio) scapparono a gambe levate per i prezzi.


Non ricordo esattamente come andarono le cose all'epoca ma c'è da considerare che all'epoca il Milan progettava di fare tutto da solo ed aveva una società ancora meno solida di oggi

Mid Carder
Avatar utente
Messaggi: 372
Iscritto il: 04/08/2015, 10:36

Re: La questione San Siro

da glc_1912 » 02/10/2019, 9:29

AndyLewis ha scritto:Si ne avesse avuto motivi o interesse poteva mettersi in mezzo.
Il comune può romperti le palle anche se vuoi fare una tettoia fissa nel tuo giardino, senza autorizzazione comunale non puoi piantare un chiodo, figuriamoci ristrutturare uno stadio.

E comunque qui nessuno parla di ristrutturazione ma di costruire un nuovo stadio privato (come ha fatto l'Atletico) quindi il tuo intervento è doppiamente inutile

passa ad altro va ed evita di scrivere ste cavolate.


Però è una situazione diversa da Milano, è inutile continuare a paragonarle.
Il Calderon era già di proprietà dell'Atletico, poi l'Atletico ne ha costruito uno nuovo poco distante (sempre di sua proprietà), mentre San Siro è del Comune di Milano.
Il Bernabeu era di proprietà del Real, e l'ha ristrutturato. Idem il Camp Nou, e praticamente tutti i vari stadi.
Il Comune di Milano fa ostruzionismo perché tira l'acqua al suo mulino, ovviamente. Da San Siro ci guadagna, e non può fregarsene di 2 milioni di abitanti, né dei bilanci, per fare un favore alle squadre di calcio. Al Comune di Madrid avere il Bernabeu più attrattivo conviene e basta, avere il Wanda Metropolitano al posto del Calderon non cambia nulla, sono sempre impianti privati che possono generare utili indiretti anche per la città, quindi li agevola. Se Milano dà l'ok al nuovo stadio, si trova San Siro sul groppone (costi annessi) e non prende più i soldi dell'affitto (e sono tanti).

L'unico caso di top team che giocava in un impianto comunale e si è trasferita altrove, lasciando il vecchio stadio (e non ricostruendolo, come la Juventus) è il Bayern Monaco, ma va detto che l'Olympiastadion è un impianto multifunzionale, ed il comune lo continua ad utilizzare (mentre San Siro è uno stadio e basta, non ha pista d'atletica o altro).

Main Eventer
Avatar utente
Messaggi: 4345
Iscritto il: 02/10/2015, 9:06

Re: La questione San Siro

da polykai » 02/10/2019, 11:12

invece secondo lui all'estero le amministrazioni comunali non si mettono di traverso perchè, boh, "sono belli, buoni e bravi e non pensano mica ai conti delle casse comunali" e non perchè, di fatto, sono impianti privati in cui non possono mettere mano granchè e la cui ristrutturazione/costruzione/altro può produrre benefici per tutti

anche sala lo disse chiaramente che, se buttasse giù san siro senza avere la proprietà del nuovo stadio, la corte dei conti lo appenderebbe per le orecchie

immagino che all'estero queste siano solo futili quisquilie di spiccioli...

Main Eventer
Avatar utente
Messaggi: 3095
Iscritto il: 16/03/2011, 11:26

Re: La questione San Siro

da AndyLewis » 02/10/2019, 12:32

Glc, che sono circostanze diverse è proprio il mio discorso iniziale, al quale polikai ha voluto rispondere in modo arrogante e senza argomenti che non siano ridicoli dimostrando anche poca capacità di comprensione di un testo.
Se in tutta l'Europa occidentale, seppur con qualche differenza, abbiamo modelli di sviluppo simili e che funzionano mentre in Italia no posso dire che l'anomalia è italiana?

Discorso Atletico?
prima di tutto polikay mettitelo in testa su un impianto ad alto impatto urbanistico si privato ma ad uso pubblico il comune può dire e fare tutto quello che gli conviene, dire il contrario e ripeterlo è di una stupidità imbarazzante.
Secondo no, non ha costruito un impianto vicino lo ha costruito dall'altra parte della città ed ha dovuto lavorare con il comune per i progetti di rivendita e riqualificazione dell'area (discretamente urbanizzata) senza i quali non avrebbero mai dato i permessi di un nuovo impianto, da questa sinergia l'atletico è riuscito a vendere e anche a creare una plusvalenza sui vecchi terreni del Calderon.

Mi chiedo come sia possibile che invece a Milano la riqualifica dell'area di San Siro debba per forza essere una spesa, o sono incapaci oppure vogliono solo mantenere un certo controllo su questo business bloccandone di fatto una vera crescita cosi com'è sempre stato in Italia, anomalia d'Europa.

Under Carder
Messaggi: 212
Iscritto il: 01/10/2019, 21:32

Re: La questione San Siro

da NXT Club » 05/10/2019, 20:52

glc_1912 ha scritto:
AndyLewis ha scritto:Si ne avesse avuto motivi o interesse poteva mettersi in mezzo.
Il comune può romperti le palle anche se vuoi fare una tettoia fissa nel tuo giardino, senza autorizzazione comunale non puoi piantare un chiodo, figuriamoci ristrutturare uno stadio.

E comunque qui nessuno parla di ristrutturazione ma di costruire un nuovo stadio privato (come ha fatto l'Atletico) quindi il tuo intervento è doppiamente inutile

passa ad altro va ed evita di scrivere ste cavolate.


Però è una situazione diversa da Milano, è inutile continuare a paragonarle.
Il Calderon era già di proprietà dell'Atletico, poi l'Atletico ne ha costruito uno nuovo poco distante (sempre di sua proprietà), mentre San Siro è del Comune di Milano.
Il Bernabeu era di proprietà del Real, e l'ha ristrutturato. Idem il Camp Nou, e praticamente tutti i vari stadi.
Il Comune di Milano fa ostruzionismo perché tira l'acqua al suo mulino, ovviamente. Da San Siro ci guadagna, e non può fregarsene di 2 milioni di abitanti, né dei bilanci, per fare un favore alle squadre di calcio. Al Comune di Madrid avere il Bernabeu più attrattivo conviene e basta, avere il Wanda Metropolitano al posto del Calderon non cambia nulla, sono sempre impianti privati che possono generare utili indiretti anche per la città, quindi li agevola. Se Milano dà l'ok al nuovo stadio, si trova San Siro sul groppone (costi annessi) e non prende più i soldi dell'affitto (e sono tanti).

L'unico caso di top team che giocava in un impianto comunale e si è trasferita altrove, lasciando il vecchio stadio (e non ricostruendolo, come la Juventus) è il Bayern Monaco, ma va detto che l'Olympiastadion è un impianto multifunzionale, ed il comune lo continua ad utilizzare (mentre San Siro è uno stadio e basta, non ha pista d'atletica o altro).

L'Allianz Stadium sorge al posto del vecchio Delle Alpi

Mid Carder
Avatar utente
Messaggi: 372
Iscritto il: 04/08/2015, 10:36

Re: La questione San Siro

da glc_1912 » 06/10/2019, 13:56

Colosso Capra ha scritto:
glc_1912 ha scritto:
AndyLewis ha scritto:Si ne avesse avuto motivi o interesse poteva mettersi in mezzo.
Il comune può romperti le palle anche se vuoi fare una tettoia fissa nel tuo giardino, senza autorizzazione comunale non puoi piantare un chiodo, figuriamoci ristrutturare uno stadio.

E comunque qui nessuno parla di ristrutturazione ma di costruire un nuovo stadio privato (come ha fatto l'Atletico) quindi il tuo intervento è doppiamente inutile

passa ad altro va ed evita di scrivere ste cavolate.


Però è una situazione diversa da Milano, è inutile continuare a paragonarle.
Il Calderon era già di proprietà dell'Atletico, poi l'Atletico ne ha costruito uno nuovo poco distante (sempre di sua proprietà), mentre San Siro è del Comune di Milano.
Il Bernabeu era di proprietà del Real, e l'ha ristrutturato. Idem il Camp Nou, e praticamente tutti i vari stadi.
Il Comune di Milano fa ostruzionismo perché tira l'acqua al suo mulino, ovviamente. Da San Siro ci guadagna, e non può fregarsene di 2 milioni di abitanti, né dei bilanci, per fare un favore alle squadre di calcio. Al Comune di Madrid avere il Bernabeu più attrattivo conviene e basta, avere il Wanda Metropolitano al posto del Calderon non cambia nulla, sono sempre impianti privati che possono generare utili indiretti anche per la città, quindi li agevola. Se Milano dà l'ok al nuovo stadio, si trova San Siro sul groppone (costi annessi) e non prende più i soldi dell'affitto (e sono tanti).

L'unico caso di top team che giocava in un impianto comunale e si è trasferita altrove, lasciando il vecchio stadio (e non ricostruendolo, come la Juventus) è il Bayern Monaco, ma va detto che l'Olympiastadion è un impianto multifunzionale, ed il comune lo continua ad utilizzare (mentre San Siro è uno stadio e basta, non ha pista d'atletica o altro).

L'Allianz Stadium sorge al posto del vecchio Delle Alpi


È quello che ho scritto.

Precedente

Torna a Sport & Fitness

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 2 ospiti