Cinema

In questa sezione si può dibattere di cinema, serie TV, videogame, musica, tecnologia, cartoni animati, fumetti, libri e tutto ciò che riguarda l'intrattenimento.
Mr. Mackey
Main Eventer
Messaggi: 8284
Iscritto il: 19/10/2009, 23:27

Re: Cinema

Messaggio da Mr. Mackey »

Italia: il migliore è stato ancora Bellocchio, il che fa riflettere sulla mediocrità del movimento italiano tra registi limitati e produttori merdosi

Peggior film Van Gogh a mani basse, una merdata assoluta
Steam
Main Eventer
Messaggi: 915
Iscritto il: 09/11/2018, 14:56

Re: Cinema

Messaggio da Steam »

Visto The Lighthouse. Tipico caso di ossessione per la cinefilia globale dovuta alla predominanza della regia, in realtà è un film senza sguardo e senza stile, che passa senza molta cura da Tarr a Lynch, da Vigo a Ejzenstein, nel giro della stessa scena, risultando solo un confuso pastiche virtuosistico e poco altro, più vicino a Refn che ai suoi riferimenti. Ottimo Dafoe ma la regia lo tiene ai margini della scena per mandarsi over da sola regalandogli ben pochi primi piani e momenti singoli, interessante scritturare le star per trattarle come pezze al culo. Poi vabbè la storia è tipo zero. Fotografia e sonoro invece ottimi e molto funzionali. Cinefilia globale (italiana) che sta ora piangendo perchè questo film non passa in sala mentre Zalone fa il record di presenze per singola giornata al day one e incolpa la distribuzione. Come se sto film fosse vendibile a un gruppo diverso dal loro (che pure però non si fanno problemi a scaricare e gli pesa continuamente il culo di andare in sala)

Finiti i rewatch più urgenti, questa la mia classifica uscite in sala 2019

1. Tramonto (L. Nemes)
2. Storia di un matrimonio (N. Baumbach)
3. La casa di Jack (L. Von Trier)
4. Che fare quando il mondo è in fiamme? (R. Minervini)
5. Joker (T. Phillips)
6. Ognuno ha diritto ad amare - Touch Me Not (A. Pintilie)
7. Il gioco delle coppie (O. Assayas)
8. Parasite (JH Bong)
9. Il traditore (M. Bellocchio)
10. Border: Creature di confine (A. Abbasi)
Avatar utente
Colosso
Main Eventer
Messaggi: 25829
Iscritto il: 30/10/2009, 21:30

Re: Cinema

Messaggio da Colosso »

Come nel wrestling i ratings, nel cinema l'unico dato oggettivo per determinare il successo sono gli incassi al botteghino. Vediamo quali sono stati i 10 film più visti dell'anno 2019 in Italia:

Il Re Leone – 37.5 milioni di euro
Avengers: Endgame – 30.2 milioni di euro
Joker – 29.3 milioni di euro
Frozen 2 – 18 milioni di euro
Aladdin – 15.4 milioni di euro
Il Primo Natale – 13.3 milioni di euro
Maleficent: Signora del Male – 12.3 milioni di euro
C’era una volta a… Hollywood – 11.8 milioni di euro
Spider-Man: Far From Home – 11.7 milioni di euro
Dumbo – 11.2 milioni di euro


Incredibile il successo del Re Leone che a mia memoria è il film animato con i più alti incassi nella storia del nostro paese. La cosa strana è che poi non ho letto un solo commento positivo da nessuno di quelli che l'hanno visto. Si vede che è piaciuto a mamme e bambini che di solito non scrivono su internet. Avengers Endgame prevale per un filo su Joker confermandosi il numero 1 dei supereroi.
Classifica dominata dalla Disney che piazza 4 film fra i primi 5. Star Wars entrerebbe sicuramente fra i primi 10 ma è penalizzato dal fatto di essere uscito nelle ultime 2 settimane dell'anno. In controtendenza Dumbo e Maleficent che qui sono andati molto bene mentre in America hanno floppato di brutto. La stronzata di Ficarra e Picone è il film italiano più visto degli ultimi 2 anni, in attesa della nuova merdata di Zalone che come minimo raggiungerà i 30 milioni.
Immagine
Avatar utente
BeforEvolution
Main Eventer
Messaggi: 650
Iscritto il: 10/04/2018, 1:17
Località: Milano

Re: Cinema

Messaggio da BeforEvolution »

Vorrei sentire un parere di Colosso sui film di Checco Zalone.
ImmagineImmagine
Avatar utente
Colosso
Main Eventer
Messaggi: 25829
Iscritto il: 30/10/2009, 21:30

Re: Cinema

Messaggio da Colosso »

BeforEvolution ha scritto:Vorrei sentire un parere di Colosso sui film di Checco Zalone.
Sono il simbolo di tutto ciò che va male nel cinema italiano: il pubblico va a vedere un personaggio buzzurro, egoista e ignorante perchè si rivede in lui e gode nel vederlo sempre ottenere successo e diventare ricco senza meritarlo. Il sogno dell'italiano medio è non studiare, non lavorare e aspettare che i soldi gli piovano in tasca senza fare niente. Non ho mai riso per una battuta di Zalone perchè sarebbe come ridere per i cinepanettoni invece che vomitare per lo schifo ogni volta che ne propongono uno.
Di Tolo Tolo ho sentito cose tremende, un film che non solo non fa ridere neanche gli spettatori più rozzi e volgari ma propone un buonismo e un politicamente corretto tanto radicale da diventare razzismo al contrario (tutti i bianchi sono stupidi e cattivi, tutti i neri sono buoni, intelligenti e migliori di noi, dobbiamo far entrare ogni singolo migrante nel nostro paese e consentirgli di prendere il nostro posto).
Immagine
Mr. Mackey
Main Eventer
Messaggi: 8284
Iscritto il: 19/10/2009, 23:27

Re: Cinema

Messaggio da Mr. Mackey »

Bravo Steam su Lighthouse, per una volta siamo d'accordo. Anche se la Top 10 è assai opinionabile: Polanski non ti è piaciuto?

Baumbach perché è durato così poco nelle sale?
Steam
Main Eventer
Messaggi: 915
Iscritto il: 09/11/2018, 14:56

Re: Cinema

Messaggio da Steam »

Mr. Mackey ha scritto:Polanski non ti è piaciuto?

Baumbach perché è durato così poco nelle sale?
Alcuni ottimi spunti ma mancano il guizzo e l'affondo, starebbe sulla 12-13esima posizione

Netflix.

L'avevi visto al TFF 2018 l'ultimo di Jude, I Do Not Care If We Go Down in History as Barbarians? Visto ieri, veramente pazzesco, uno dei migliori film degli ultimi anni, un docudrama brechtiano simile ai film di Kluge, una discussione sulla scrittura e rappresentazione della storia oggi.
Mr. Mackey
Main Eventer
Messaggi: 8284
Iscritto il: 19/10/2009, 23:27

Re: Cinema

Messaggio da Mr. Mackey »

Steam ha scritto:
Mr. Mackey ha scritto:Polanski non ti è piaciuto?

Baumbach perché è durato così poco nelle sale?
Alcuni ottimi spunti ma mancano il guizzo e l'affondo, starebbe sulla 12-13esima posizione

Netflix.

L'avevi visto al TFF 2018 l'ultimo di Jude, I Do Not Care If We Go Down in History as Barbarians? Visto ieri, veramente pazzesco, uno dei migliori film degli ultimi anni, un docudrama brechtiano simile ai film di Kluge, una discussione sulla scrittura e rappresentazione della storia oggi.
con i titoli ho un serio problema, intendi quello con la regista rumena che mette in scena nella piazza centrale una scena della 2WW con tanto di massacro degli ebrei e con i spettatori causali tutti presi bene? effettivamente fu notevole, tra i migliori dell'edizione 2018. Ricordo pure che subito dopo sono andato vedere un terribile film coreano sul suicidio (onde)

Su Netflix poi aprirò un topic in quanto ignorantissimo sull'argomento
Avatar utente
AL Snow
Main Eventer
Messaggi: 3313
Iscritto il: 16/03/2011, 11:26

Re: Cinema

Messaggio da AL Snow »

Qualcuno esperto di cinema può spiegarmi perchè "Chiamami col tuo nome" è stato valutato cosi bene da meritarsi anche una candidatura agli Oscar come miglior film?

Io per ora mi astengo perché evidentemente non l'ho capito
Avatar utente
Colosso
Main Eventer
Messaggi: 25829
Iscritto il: 30/10/2009, 21:30

Re: Cinema

Messaggio da Colosso »

AndyLewis ha scritto:Qualcuno esperto di cinema può spiegarmi perchè "Chiamami col tuo nome" è stato valutato cosi bene da meritarsi anche una candidatura agli Oscar come miglior film?

Io per ora mi astengo perché evidentemente non l'ho capito
Principalmente per il tema, l'educazione sentimentale di un giovane omosessuale è qualcosa a cui la liberale Hollywood non sa resistere. Mi si dirà che ormai ci sono decine di film così, ma questo aveva come novità una tipica cornice italiana alto-borghese che piace molto ai giurati.
Altri motivi non ne vedo, lo trovo anche io un film iper-sopravvalutato.
Immagine
Avatar utente
TheKingEdoardo
Main Eventer
Messaggi: 592
Iscritto il: 08/02/2019, 23:09

Re: Cinema

Messaggio da TheKingEdoardo »

Colosso ha scritto:
AndyLewis ha scritto:Qualcuno esperto di cinema può spiegarmi perchè "Chiamami col tuo nome" è stato valutato cosi bene da meritarsi anche una candidatura agli Oscar come miglior film?

Io per ora mi astengo perché evidentemente non l'ho capito
Principalmente per il tema, l'educazione sentimentale di un giovane omosessuale è qualcosa a cui la liberale Hollywood non sa resistere. Mi si dirà che ormai ci sono decine di film così, ma questo aveva come novità una tipica cornice italiana alto-borghese che piace molto ai giurati.
Altri motivi non ne vedo, lo trovo anche io un film iper-sopravvalutato.
Sulla qualità della fotografia e del sonoro penso ci sia poco da discutere. Non sono un esperto di cinema però mi è sembrato esteticamente molto gradevole e piuttosto intelligente nel raccontare ciò che doveva raccontare. Non voglio fare spoiler, ma anche il finale mi aveva colpito molto.
ImmagineImmagine
Avatar utente
Colosso
Main Eventer
Messaggi: 25829
Iscritto il: 30/10/2009, 21:30

Re: Cinema

Messaggio da Colosso »

TheKingEdoardo ha scritto:
Sulla qualità della fotografia e del sonoro penso ci sia poco da discutere. Non sono un esperto di cinema però mi è sembrato esteticamente molto gradevole e piuttosto intelligente nel raccontare ciò che doveva raccontare. Non voglio fare spoiler, ma anche il finale mi aveva colpito molto.
Sì l'aspetto tecnico mi ha sorpreso, molto superiore alla media dei film italiani. Bella anche la scelta di luoghi e paesaggi che sicuramente hanno colpito gli americani.
Immagine
Mr. Mackey
Main Eventer
Messaggi: 8284
Iscritto il: 19/10/2009, 23:27

Re: Cinema

Messaggio da Mr. Mackey »

ma anche scrittura, inserito nel contesto LGBTQ, mi è sembrato decisamente più complesso rispetto la media. Il film con protagonisti neri che ha vinto l'Oscar era molto più banalotto per dire.

Poi Guadagnino è stato bravo anche con la scelta della colonna sonora
Avatar utente
Colosso
Main Eventer
Messaggi: 25829
Iscritto il: 30/10/2009, 21:30

Re: Cinema

Messaggio da Colosso »

Mr. Mackey ha scritto:ma anche scrittura, inserito nel contesto LGBTQ, mi è sembrato decisamente più complesso rispetto la media. Il film con protagonisti neri che ha vinto l'Oscar era molto più banalotto per dire.
Moonlight mi ha dato sui nervi non perchè il suo protagonista da adulto si rivela gay, ma perchè dice senza nessun problema che il suo lavoro è quello di spacciatore, e il regista la fa passare per una cosa assolutamente normale e positiva, zero condanne morali.
Immagine
Avatar utente
AL Snow
Main Eventer
Messaggi: 3313
Iscritto il: 16/03/2011, 11:26

Re: Cinema

Messaggio da AL Snow »

Mr. Mackey ha scritto:ma anche scrittura, inserito nel contesto LGBTQ, mi è sembrato decisamente più complesso rispetto la media. Il film con protagonisti neri che ha vinto l'Oscar era molto più banalotto per dire.

Poi Guadagnino è stato bravo anche con la scelta della colonna sonora
Io l'ho trovato estremamente banale, mi ha fatto rivalutare la vita di Adele dove, pur con una storia molto trascurata, entravi molto più in sintonia coi personaggi. Qui di complesso non ho visto proprio nulla, proprio la storia standard di un ragazzo che scopre la sua sessualità senza grandi problemi o riflessioni. Anche il discorso finale del padre è di un banale devastante infarcito di concetti già sentiti mille volte.
Avatar utente
Tyler Durden
Jobber
Messaggi: 5
Iscritto il: 16/06/2017, 15:26

Re: Cinema

Messaggio da Tyler Durden »

TheKingEdoardo ha scritto:Ma quanto est magnifico la nova pellicola di Tarantino lo Feticista? Azzardo: est la sua opera miliore dopo la magnus opus che è Pulp Fiction, o per gli intenditori Finzione Polpa.
Tecnicamente magistra, lo concetto di "l'arte est capace di riscrivere la realtà" espresso meravigliosamente e con un senso di magia... Meraviglia!

DEUS VULT!
Heh, occhei.
Avatar utente
polykai
Main Eventer
Messaggi: 4598
Iscritto il: 02/10/2015, 9:06

Re: Cinema

Messaggio da polykai »

Candidature agli Oscar 2020
Miglior film

1917, regia di Sam Mendes
C'era una volta a... Hollywood (Once Upon a Time... in Hollywood), regia di Quentin Tarantino
The Irishman, regia di Martin Scorsese
Jojo Rabbit, regia di Taika Waititi
Joker, regia di Todd Phillips
Le Mans '66 - La grande sfida (Ford v Ferrari), regia di James Mangold
Parasite (Gisaengchung), regia di Bong Joon-ho
Piccole donne (Little Women), regia di Greta Gerwig
Storia di un matrimonio (Marriage Story), regia di Noah Baumbach

Migliore regia

Bong Joon-ho - Parasite (Gisaengchung)
Sam Mendes - 1917
Todd Phillips - Joker
Martin Scorsese - The Irishman
Quentin Tarantino - C'era una volta a... Hollywood (Once Upon a Time... in Hollywood)

Migliore attore protagonista

Antonio Banderas - Dolor y gloria
Leonardo DiCaprio - C'era una volta a... Hollywood (Once Upon a Time... in Hollywood)
Adam Driver - Storia di un matrimonio (Marriage Story)
Joaquin Phoenix - Joker
Jonathan Pryce - I due papi (The Two Popes)

Migliore attrice protagonista

Cynthia Erivo - Harriet
Scarlett Johansson - Storia di un matrimonio (Marriage Story)
Saoirse Ronan - Piccole donne (Little Women)
Charlize Theron - Bombshell
Renée Zellweger - Judy

Migliore attore non protagonista

Tom Hanks - Un amico straordinario (A Beautiful Day in the Neighborhood)
Anthony Hopkins - I due papi (The Two Popes)
Al Pacino - The Irishman
Joe Pesci - The Irishman
Brad Pitt - C'era una volta a... Hollywood (Once Upon a Time... in Hollywood)

Migliore attrice non protagonista

Kathy Bates - Richard Jewell
Laura Dern - Storia di un matrimonio (Marriage Story)
Scarlett Johansson - Jojo Rabbit
Florence Pugh - Piccole donne (Little Women)
Margot Robbie - Bombshell

Migliore sceneggiatura originale

Noah Baumbach - Storia di un matrimonio (Marriage Story)
Bong Joon-ho e Han Jin-won - Parasite (Gisaengchung)
Rian Johnson - Cena con delitto - Knives Out
Sam Mendes e Krysty Wilson-Cairns - 1917
Quentin Tarantino - C'era una volta a... Hollywood (Once Upon a Time... in Hollywood)

Migliore sceneggiatura non originale

Greta Gerwig - Piccole donne (Little Women)
Anthony McCarten - I due papi (The Two Popes)
Todd Phillips e Scott Silver - Joker
Taika Waititi - Jojo Rabbit
Steven Zaillian - The Irishman

Miglior film internazionale

Corpus Christi (Boże Ciało), regia di Jan Komasa (Polonia)
Dolor y gloria, regia di Pedro Almodóvar (Spagna)
Medena zemja, regia di Tamara Kotevska e Ljubomir Stefanov (Macedonia del Nord)
I miserabili (Les Misérables), regia di Ladj Ly (Francia)
Parasite (Gisaengchung), regia di Bong Joon-ho (Corea del Sud)

Miglior film d'animazione

Dov'è il mio corpo? (J'ai perdu mon corps), regia di Jérémy Clapin
Dragon Trainer - Il mondo nascosto (How to Train Your Dragon: The Hidden World), regia di Dean DeBlois
Klaus - I segreti del Natale (Klaus), regia di Sergio Pablos
Missing Link, regia di Chris Butler
Toy Story 4, regia di Josh Cooley

Migliore fotografia

Jarin Blaschke - The Lighthouse
Roger Deakins - 1917
Rodrigo Prieto - The Irishman
Robert Richardson - C'era una volta a... Hollywood (Once Upon a Time... in Hollywood)
Lawrence Sher - Joker

Migliore scenografia

Dennis Gassner e Lee Sandales - 1917
Lee Ha-jun e Cho Won-woo - Parasite (Gisaengchung)
Barbara Ling e Nancy Haigh - C'era una volta a... Hollywood (Once Upon a Time... in Hollywood)
Bob Shaw e Regina Graves - The Irishman
Ra Vincent e Nora Sopková - Jojo Rabbit

Miglior montaggio

Andrew Buckland e Michael McCusker - Le Mans '66 - La grande sfida (Ford v Ferrari)
Tom Eagles - Jojo Rabbit
Jeff Groth - Joker
Thelma Schoonmaker - The Irishman
Yang Jin-mo - Parasite (Gisaengchung)

Migliore colonna sonora

Alexandre Desplat – Piccole donne (Little Women)
Hildur Guðnadóttir – Joker
Randy Newman – Storia di un matrimonio (Marriage Story)
Thomas Newman – 1917
John Williams – Star Wars: L'ascesa di Skywalker (Star Wars: The Rise of Skywalker)

Migliore canzone

I Can’t Let You Throw Yourself Away (Randy Newman) - Toy Story 4
(I'm Gonna) Love Me Again (Elton John, Bernie Taupin) - Rocketman
I'm Standing With You (Diane Warren) - Atto di fede (Breakthrough)
Into the Unknown (Kristen Anderson-Lopez e Robert Lopez) Frozen II - Il segreto di Arendelle (Frozen II)
Stand Up (Joshuah Brian Campbell, Cynthia Erivo) - Harriet

Migliori effetti speciali

Matt Aitken, Dan DeLeeuw, Russell Earl e Daniel Sudick - Avengers: Endgame
Greg Butler, Dominic Tuohy e Guillaume Rocheron - 1917
Leandro Estebecorena, Nelson Sepulveda-Fauser e Stephane Grabli e Pablo Helman - The Irishman
Roger Guyett, Neal Scanlan, Patrick Tubach e Dominic Tuohy – Star Wars: L'ascesa di Skywalker (Star Wars: The Rise of Skywalker)
Andrew R. Jones, Robert Legato, Elliot Newman e Adam Valdez - Il re leone (The Lion King)

Miglior sonoro

David Giammarco, Paul Massey e Steven A. Morrow - Le Mans '66 - La grande sfida (Ford v Ferrari)
Tom Johnson, Gary Rydstrom e Mark Ulano - Ad Astra
Todd Maitland, Tom Ozanich e Dean Zupancic - Joker
Christian P. Minkler, Michael Minkler e Mark Ulano - C'era una volta a... Hollywood (Once Upon a Time... in Hollywood)
Mark Taylor e Stuart Wilson - 1917

Miglior montaggio sonoro

David Acord e Matthew Wood - Star Wars: L'ascesa di Skywalker (Star Wars: The Rise of Skywalker)
Alan Robert Murray - Joker
Wylie Stateman - C'era una volta a... Hollywood (Once Upon a Time... in Hollywood)
Donald Sylvester - Le Mans '66 - La grande sfida (Ford v Ferrari)
Oliver Tarney e Rachael Tate - 1917

Migliori costumi

Mark Bridges – Joker
Jacqueline Durran – Piccole donne (Little Women)
Arianne Phillips – C'era una volta a... Hollywood (Once Upon a Time... in Hollywood)
Sandy Powell e Christopher Peterson – The Irishman
Mayes C. Rubeo – Jojo Rabbit

Miglior trucco e acconciatura

Vivian Baker, Anne Morgan e Kazuhiro Tsuji - Bombshell
Rebecca Cole, Naomi Donne e Tristan Versluis - 1917
Kay Georgiou e Nicki Ledermann - Joker
Paul Gooch, Arjen Tuiten e David White - Maleficent - Signora del male (Maleficent: Mistress of Evil)
Jeremy Woodhead - Judy

Miglior documentario

American Factory, regia di Steven Bognar e Julia Reichert
The Cave, regia di Feras Fayyad
Democrazia al limite (Democracia em vertigem), regia di Petra Costa
For Sama, regia di Waad al-Kateab ed Edward Watts
Medena zemja, regia di Tamara Kotevska e Ljubomir Stefanov

Miglior cortometraggio documentario

In the Absence, regia di Yi Seung-jun
Learning to Skateboard in a Warzone (If You're a Girl), regia di Carol Dysinger
Life Overtakes Me, regia di Kristine Samuelson e John Haptas
St. Louis Superman, regia di Smriti Mundhra e Sami Khan
Walk Run Cha-Cha, regia di Laura Nix

Miglior cortometraggio

Ikhwène, regia di Meryam Joobeur
Nefta Football Club, regia di Yves Piat
The Neighbors' Window, regia di Marshall Curry
Saria, regia di Bryan Buckley
Une sœur, regia di Delphine Girard

Miglior cortometraggio d'animazione

Dcera, regia di Daria Kashcheeva
Hair Love, regia di Bruce W. Smith, Matthew A. Cherry e Everett Downing Jr.
Kitbull, regia di Rosana Sullivan
Mémorable, regia di Bruno Collet
Sister, regia di Siqi Song
Avatar utente
TheKingEdoardo
Main Eventer
Messaggi: 592
Iscritto il: 08/02/2019, 23:09

Re: Cinema

Messaggio da TheKingEdoardo »

Spero che Storia di un Matrimonio venga premiato a dovere, probabilmente il mio film preferito dell'anno insieme a Parasite e al nuovo di Tarantino (forse migliore anche di entrambi, dovrei rivederli tutti e tre per dare un giudizio più azzeccato)

Dispiace non vedere Sandler che quest'anno ha fatto una performance di livello nel film Uncut Gems. Poi vabbè, gli Oscar lasciano il tempo che trovano.

Volevo ringraziare Steam per avermi fatto scoprire Tramonto di Nemes, bellissimo. Mi piacerebbe recuperare il resto della sua filmografia, da cosa mi consigli di iniziare?
ImmagineImmagine
Avatar utente
madferit
Upper Carder
Messaggi: 453
Iscritto il: 27/08/2018, 19:40

Re: Cinema

Messaggio da madferit »

Minchia, abbastanza competitivi quest'anno gli Oscar, in parecchie categorie.
Peccato per Adam Sandler, però ha avuto la sfiga di trovarsi nello stesso anno di Joaquin Phoenix, Adam driver ecc.
Avatar utente
Colosso
Main Eventer
Messaggi: 25829
Iscritto il: 30/10/2009, 21:30

Re: Cinema

Messaggio da Colosso »

La categorie che mi interessano di più sono sempre quelle per gli effetti speciali e il miglior film d'animazione. Nella prima mi fa incazzare da morire la tendenza degli ultimi 10 anni di ignorare i grandi blockbuster a favore di film costati una miseria e che hanno effetti rudimentali, per niente innovativi e neppure evidenti. Quest'anno abbiamo 2 filmoni da paura costati 300 milioni (Star Wars e Avengers", una pellicola che è tutta un effetto speciale (Il re leone) e 2 film insignificanti dove gli effetti non si vedono e non servono a niente nel contesto della storia. Ci scommettete che i maiali dell'Academy faranno vincere uno di questi ultimi 2?

Sul fronte animazioni, scelte completamente da hipster snob e radical chic con la merda sotto al naso. Incredibile eliminare Frozen 2 e Il re leone che hanno incassato oltre un miliardo di dollari, come pure Gli Incredibili 2. L'unico film Disney considerato è Toy Story 4 che per me era il meno valido di quest'anno. Abbiamo invece The Missing Link che è uno dei più grandi flop della storia del cinema (qualcosa come 100 milioni persi) e che nessuno si è cagato, ma che è stato già premiato col Golden Globe. Abbiamo 2 film europei che non avevo mai sentito nominare prima d'ora. Abbiamo Dragon Trainer 3 a cui purtroppo do ben poche possibilità. Anche questa volta si premierà una pellicola costata 2 euro e che nessuno ha guardato.
Immagine
Rispondi