Insistenza su divas Giapponesi

Discuti qui di tutto quello che vuoi inerente al wrestling. Per la WWE è SPOILER (e quindi va segnalato accuratamente) tutto ciò che non sia stato ancora trasmesso da Sky Italia. Per le altre federazioni è SPOILER quanto non sia stato ancora trasmesso in TV negli USA.
NXT Club
Main Eventer
Messaggi: 973
Iscritto il: 01/10/2019, 21:32

Re: Insistenza su divas Giapponesi

Messaggio da NXT Club »

luchador ha scritto:
Colosso ha scritto:
luchador ha scritto:Comunque divas erano kelly kelly, la McTaker, Maryse, le Bellas..
Quelle che lottano adesso nei roster di wwe e aew sono lottatrici
Kairi Sane corrisponde proprio al concetto di Diva. Ricordiamo che non ha un passato da atleta ma da Idol, ovvero quelle bimbeminkia che vanno a cantare e ballare negli show giapponesi.
E' entrata nella Stardom giovanissima. E li si e' formata, prima di andare in WWE.
Poi soprattutto una può essere sia idol che atleta.
Avatar utente
Servatis a Maleficum
Main Eventer
Messaggi: 7030
Iscritto il: 02/10/2009, 0:40
Località: Bratislava, Slovakia

Re: Insistenza su divas Giapponesi

Messaggio da Servatis a Maleficum »

Concordo, è una lottatrice fatta e finita, non conta il passato. Oserei dire che le Divas non esistono più, e quel termine viene mantenuto solamente in Total Divas in quanto cambiare nome allo show non è facile.
The single most important thing that separate the men from the boys is respect!
Avatar utente
Jagger
Main Eventer
Messaggi: 991
Iscritto il: 29/06/2015, 13:27

Re: Insistenza su divas Giapponesi

Messaggio da Jagger »

Diciamo che il termine Divas, pur denotando un certo indirizzo da parte della WWE dell'epoca, non è concepito in contrapposizione a "lottatrice". Mickie James e Natalya (oltre alle per me sopravvalutatissime Paige e AJ Lee) hanno vinto il Divas Championship, vogliamo metterle nello stesso calderone di Kelly Kelly, Maryse e affini?
Nelle intenzioni della WWE Divas altro non era che l'equivalente femminile di Superstars (già, in quel periodo anche "wrestler" era tabù come parola...), non diversamente da "Knockouts" nell'universo TNA. Tant'è che perfino il processo di restyling della categoria femminile fu inizialmente chiamato "DIVAS Revolution".
Poi hanno sfruttato l'onda, e percependo che il trademark "Divas" aveva addosso una puzza di sfiga tremenda se ne sono liberati, con l'occasione lanciando anche il personaggio di Charlotte.
Immagine Immagine
Hateful Eight
Main Eventer
Messaggi: 1120
Iscritto il: 08/01/2018, 19:32

Re: Insistenza su divas Giapponesi

Messaggio da Hateful Eight »

Beh certo non ha senso modificare l'albo d'oro e depennare tutte le divas Champion solo perchè a qualcuno da fastidio il termine diva :D
Avatar utente
BeforEvolution
Main Eventer
Messaggi: 696
Iscritto il: 10/04/2018, 1:17
Località: Milano

Re: Insistenza su divas Giapponesi

Messaggio da BeforEvolution »

Premetto che De Sica fa molto più ridere di Asuka, almeno parla italiano a un pubblico italiano, sai che palle se avesse urlato per un'ora in russo.
Detto questo, non so perché questo push così costante delle giapponesi.
Che poi a me Kairi e la Shirai piacciono anche discretamente, se non altro perché non hanno ancora smarmellato del tutto con loro.
Ma Asuka, eddai, è imbarazzante. E a me piaceva un botto agli inizi.
L'avevo già detto non ricordo quando, il problema della WWE è che le giapponesi sono bookate e scritte col personaggio "giapponesi che urlano, fanno le facce e si vestono tutti eccentrici e colorati". Ancora sta cazzata del Green Mist poi, che faceva già Tajiri 15 anni fa.
Evidentemente saranno molto professionali, e su questo non metto parola, e questa caratteristica è effettivamente ambivalente: se la vuoi fare face la giappa coi capelli colorati che tira calci piace sempre, se la vuoi fare heel la fai urlare in lingua così nessuno capisce e le tifa contro per il fastidio (?)
ImmagineImmagine
NXT Club
Main Eventer
Messaggi: 973
Iscritto il: 01/10/2019, 21:32

Re: Insistenza su divas Giapponesi

Messaggio da NXT Club »

Dove ca**o fanno ridere Boldi e De Sica. Comicità mediocre per un pubblico mediocre
Rispondi