War Games 2020: il pagellone di World of Wrestling

War Games 2020: il pagellone di World of Wrestling

È andato in scena nella notte tra domenica 6 e lunedì 7 dicembre, NXT TakeOver War Games. Vediamo insieme i risultati, le analisi e i voti di questo evento.

TEAM CANDICE SCONFIGGE TEAM SHOTZI VOTO: 7
È stato un War Games match davvero interessante e  vivace. Nonostante sia stato un incontro forse un po’ troppo lungo, ben 35 minuti, è stata una contesa gradevole e godibile. Del resto, come vedremo, essendoci stati pochi match all’interno della card, avere incontri così lunghi come minutaggio non è stato un grande problema. Un ottimo match opener della serata, tutte le ragazze hanno offerto un grande spot di wrestling. Io Shirai, la campionessa in carica di NXT, è stata sicuramente una delle protagoniste di questo match. Entra nel ring con un bidone addosso, lanciandosi dalla cima della gabbia, generando sgomenti, sorprese e spettacolo. La giapponese è riuscita ad essere uno dei punti focali della seconda parte del match. È  stato prezioso, anche il ruolo di Raquel Gonzales che fa ottenere la vittoria alla sua squadra, proprio su Io Shirai, scaraventandola su una scala. A questo punto la Gonzales, potrebbe nei prossimi mesi puntare al titolo femminile di NXT. Un bellissimo modo, per aprire la serata di War Games.

TOMMASO CIAMPA SCONFIGGE TIMOTHY THATCHER VOTO: 7
Da questo match i fan si aspettavano un grande spettacolo, ed i due wrestler non hanno tradito le  aspettative. Un incontro duro e ben combattuto. Ad un certo punto, Thatcher ha iniziato a sanguinare dall’orecchio, a causa di una ginocchiata violenta di Ciampa. Thatcher ha disputato un buon incontro, ma ne è uscito sconfitto. La WWE dovrebbe cercare di elevarlo di più. È anche per questo che non mi sento di dare di più a questo match, la vittoria di Ciampa è risultata un po’ troppo scontata.

DEXTER LUMIS SCONFIGGE CAMERON GRIMES IN UNO STRAP MATCH VOTO: 5
Era il match meno atteso e sentito della vigilia, e purtroppo tutti i dubbi e le perplessità sono stati confermati. Un incontro dai ritmi lenti e blandi, con una stipulazione che non ha certo aiutato i due wrestler. È stata sicuramente il tasto dolente e il punto debole della serata. La vittoria di Dexter Lumis, passa quasi inosservata.

JOHNNY GARGANO SCONFIGGE LEON RUFF (c) E DAMIEN PRIEST CONQUISTANDO IL TITOLO NORDAMERICANO NXT IN UN TRIPLE THREAT MATCH. VOTO: 7
Era l’unico match che metteva un titolo in palio. Ed è finito con l’essere uno dei match più interessanti della serata. Perché intanto ci ha regalato un cambio di titolo, con Johnny  Gargano che riconquista la cintura Nordamericana, grazie all’aiuto dei suoi Ghostface. Il match, ha avuto dei ritmi alti e intensi. Nella prima parte Damien Priest e Gargano hanno dominato bene la scena, ottimo il ritorno nella seconda parte del match di Leon Ruff, che nonostante abbia uno stile di lotta ancora da perfezionare, è riuscito a ben figurare. Poi come detto l’arrivo dei Ghostface che hanno contraddistinto il finale. La vittoria di Gargano ci porta però ad una domanda, perché questo breve regno di Leon Ruff?

WARGAMES MATCH: UNDISPUTED ERA SCONFIGGE I KINGS OF NXT.  VOTO: 8.5
È stato davvero un grande main event, del resto anche in questo caso le aspettative e le attese erano alte. E devo dire che i protagonisti, sono stati all’altezza della situazione. Pat McAfee ha confermato di essere un grande valore aggiunto, non è solo bravo al microfono, ma ha dimostrato di essere molto abile sul ring. Con Adam Cole, si è creata un’intesa perfetta e sono riusciti a interpretare bene i loro ruoli nel corso di questo lungo match. Avevo dei dubbi sul ruolo face della Undisputed Era, ma si sono riusciti ad adattare discretamente a questo loro nuovo status. Anche gli altri atleti hanno ben figurato, parliamo di nomi importanti che non potevano deludere. Pensiamo a Pete Dunne o a Kyle O’Reilly, sono stati a lungo i veri personaggi che hanno rubato la scena, con azioni e mosse che hanno elevato la qualità del match. È stato proprio Kyle O’Reilly ad ottenere lo schienamento decisivo, dimostrando di essere l’uomo più interessante dell’Undisputed Era. Non è da escludere un suo push a breve.  Nonostante il match sia durato parecchio, ben 45 minuti, devo ammettere  che l’incontro non ha avuto fasi di noia. Anzi un vero spot per il wrestling.

VOTO ALLO SHOW 7,5
Un NXT TakeOver War Games che regala una grande qualità, con un solo match insufficiente. Un incontro femminile ben lottato, un cambio di titolo e un grandissimo main event. Con  pochi match all’interno della card, si è potuto puntare su incontri lunghi. È stato un peccato però che non ci fosse il titolo principale in palio, una sola cintura in palio in un evento speciale è  stato davvero troppo poco. Anche l’assenza di personaggi come Karrion Kross, per fortuna prossimo al rientro, ha pesato. In qualche modo NXT, è riuscita a sopperire a delle carenze con uno show di ottima fattura e che conferma una volta di più come il brand giallo nero sia un patrimonio preziosissimo della WWE.

ANGELO SORBELLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *