WWE: il 2021 inizia con una settimana delirante!

La prima settimana del 2021 in WWE non verrà facilmente dimenticata in WWE, non tanto per gli ascolti di Raw e Smackdown che comunque sono stati discreti (basti pensare a WWE Raw Legends che ha portato lo show del lunedì sera sopra i due milioni, cosa che non accadeva da mesi). Verrà invece ricordata soprattutto per i due match titolati che la WWE ci ha consegnato per il primo PPV dell’anno la Royal Rumble, ovvero Drew Mcintyre vs. Goldberg e Roman Reigns vs. Adam Pearce.

Due scelte incredibili e che hanno acceso una serie impressionante di discussioni e di polemiche, che tra i fan della WWE continuano da diversi giorni e che molto probabilmente proseguiranno ancora per diverso tempo.

Ma al di là di questo, la prima settimana del nuovo anno ci ha proposto, a WWE Raw Legends, l’ennesimo ritorno di Goldberg, che sfida per il titolo WWE il campione Drew Mcintyre, accusandolo di aver mancato di rispetto alle leggende. A parte che a mancare di rispetto alle leggende è stato il The Viper Randy Orton, Goldberg, che ormai ha 54 anni, non è più credibile sul ring. Vedere un altro match titolato di appena cinque minuti non ha senso.

Ora l’esito del match della Royal Rumble per il WWE Championship sta creando discussioni e polemiche, perché sembra che Da Man conquisterà il titolo, una scelta anche questa assurda. Perché lo sappiamo tutti, Goldberg è stato un grande, è un Hall of Famer, ma sembra abbastanza chiaro che il suo tempo è passato. Purtroppo la WWE si intestardisce in queste decisioni. La lezione di Supershowdown, dello scorso anno, quando Goldberg conquistò il titolo mondiale contro Bray Wyatt in un match imbarazzante, non è servita.

Ma non è tutto, perché anche a Smackdown ne sono capitate di tutti i colori. Non era stata una cattiva puntata, con Dolph Ziggler e Robert Roode che hanno conquistato i titoli di coppia contro gli Street Profits, al termine di un match avvincente. Poi il Gauntlet match, che doveva darci il nome del prossimo sfidante al titolo universale di Roman Reigns. Nakamura esce vincitore da questo match, dopo una vittoria in un finale tiratissimo contro Daniel Bryan. Ma con un controverso epilogo, alla fine il n. 1 Contender diventa Adam Pearce che con l’aiuto di Roman Reigns e Jey Uso vince in maniera pirotecnica.

Ma anche in questo caso, non si capisce la scelta Adam Pearce, che ha sì vinto in passato il titolo NWA, ma molto tempo fa, e non lotta più da circa 6 anni, oltre ad essere adesso un dirigente all’interno della federazione. Sembra che la WWE abbia fatto questa scelta di Roman Reigns vs Adam Pearce, perché il Team creativo della WWE e i suoi produttori non sapevano proprio chi mettere contro il Big Dog al PPV della Royal Rumble.

Le polemiche dei fan e degli appassionati del wrestling sono alte, ma penso che sia normale. In un PPV così importante come la Royal Rumble avere due match, con i titoli in palio che sono Drew Mcintyre vs Goldberg e Roman Reigns vs Adam Pearce è quanto meno imbarazzante. Dopo un 2020 in cui le cose, per varie ragioni in WWE non sono andate bene, il 2021 si apre in modo a dir poco preoccupante.

La AEW è già una realtà, pur con qualche problema dovuto alla scarsa esperienza, è una miscela di wrestler esperti come Chris Jericho e Sting e di giovani talenti come Cassidy e MJF, chiedendo scusa se dimentico dei nomi. Anche lo stesso Impact wrestling offre degli show apprezzabili e gradevoli, pur non facendo ascolti alti, il prodotto però è di buona qualità. La WWE deve porsi delle domande sulle scelte che sta facendo.

Vince McMahon non credo sia l’unico responsabile di una situazione che a Stamford inizia a essere complicata. Drew Mcintyre è un campione che ha vissuto un 2020 da sogno, con un finale di anno in grande crescita con le faide con Randy Orton, Roman Reigns e AJ Styles. Ora per quale motivo mandarlo contro Goldberg e poi magari farlo perdere in un match breve, vanificando così il buon lavoro fatto dallo scozzese in questi mesi difficili? La faida tra Drew Mcintyre e Sheamus era già di per sé costruita tra due amici/nemici, invece si è fatta una scelta illogica e senza senso con Goldberg. Perché la cosa più importante è la costruzione di faide e di storyline convincenti, un concetto che la WWE non riesce più a esprimere e a comprendere da troppo tempo.

Lo stesso discorso può valere anche per Roman Reigns che finalmente è diventato un top heel della federazione. Non c’erano proprio alternative a Adam Pearce, se proprio non si riuscivano a trovare rivali? Abbiamo capito che Kevin Owens ha già perso due volte con l’ex membro dello Shield e che Daniel Bryan lo vogliono tenere come rivale per Wrestlemania, però non capisco per quale motivo, non si è voluto puntare su un rientrante Seth Rollins che poteva passare per l’occasione tra i face.

Un Seth Rollins vs Roman Reigns alla Royal Rumble, avrebbe coinvolto sicuramente di più. I due ex membri dello Shield avrebbero offerto uno spettacolo importante. Invece, almeno per il momento non sarà così. La WWE sta facendo scelte incomprensibili e che non hanno una logica chiara. Mi aspetto ora che l’azienda capisca che non si può andare avanti così. WWE Raw Legends fa capire che l’azienda deve giovarsi non solo del suo passato glorioso, ma deve guardare al futuro e soprattutto al presente.

Come dicevo prima la parola costruzione è davvero troppo importante per il wrestling professionistico. La WWE deve cercare di capire che non basta più basarci sulle leggende del passato, ma puntare sui giovani talenti che tra l’altro ci sono, Keith Lee, Karrion Kross, Big E, Ricochet, Elias, Mustafa  Ali ecc. Invece vengono tutti mal gestiti e mal trattati.

Ora da questa situazione non è facile uscirne, però piuttosto che guardare l’indice di ascolto che si alza solo una volta ogni tanto. Si dovrebbe lavorare su un prodotto che deve avere una maggiore concretezza e solidità. Su questo dovranno riflettere e lavorare Vince McMahon con il Team creativo e i produttori. Intanto salvo miracoli, la speranza a questo punto e avere almeno due risse reali maschili e femminili convincenti e credibili, su questo spero che chi è di dovere ci stia lavorando.

ANGELO SORBELLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *