Flashback: WWE Spotlight #4 22/11/2009

Flashback: WWE Spotlight #4 22/11/2009

La WWE ha deciso di andare al Madison Square Garden? Allora prepariamoci ad assistere ad uno show spettacolare. L’arena più famosa degli Stati Uniti ha quel tocco di magia che la rende speciale, unica. L’entrata posta di fronte al ring può sembrare una sciocchezza ma invece rappresenta la tipica ciliegina sulla torta.

Di certo non poteva mancare un main event con i fiocchi e così è stato. Andando a memoria non ricordo di aver mai visto un incontro dove tre tag team si danno battaglia per dieci minuti circa senza che l’azione si interrompa per un solo secondo!.
Shawn Michaels, Triple H, John Cena, The Undertaker, Chris Jericho e Big Show si meritano un 10 e lode per lo strepitoso spettacolo che hanno messo in scena, non c’è stato un attimo di sosta a tal punto che mi è venuta mancare la salivazione. L’intera puntata di Raw ha viaggiato sotto questa atmosfera che arieggiava nel MSG. Un superbo The Miz che grazie alla faccia da schiaffi che si ritrova accompagnata da una mic skill notevole si fà odiare alla grande, Santino Marella goffo e comico come nessun altro che ha regalato ilarità, un bel lumberjill per ammirare lo splendore delle divas e due grandi future superstars una contro l’altra.

Sheamus intanto continua ad impressionarmi sempre di più, l’immagine dell’atleta che vuol arrivare subito al successo distruggendo chiunque li capiti sotto tiro sta portando i suoi effetti. Il wrestler che nè sta vendendo fuori è davvero notevole, l’aver messo ko Jerry Lawler con un bel calcione senza pensarci due volte è proprio da ruthless aggression…non sarà di certo Brock Lesnar, non sarà di certo Goldberg ma ciò che stiamo assistendo di settimana in settimana è la condotta adatta affinché nasca una nuova macchina da guerra.

L’acceso diverbio tra il boss e l’hall of famer nonché Guest Host della puntata Rowdy Roddy Piper è stato più che un semplice episodio, dietro a questo battibecco si nasconde ben altro…si nasconde un match per la prossima Wrestlemania. Infatti qualche settimana fa era trapelata una news in cui lo stesso Piper aveva espresso il desiderio di lottare per un ultima volta e chiudere la carriera nella vetrina degli immortali andando a sfidare Vince McMmahon, e questo suo volere è stato richiesto esplicitamente durante Raw. Nonostante l’apparente rifiuto del chairman credo proprio che a Phoenix vedremo Piper affrontare Mr.McMahon perchè non sarà di certo un ritiro architettato ad hoc ad impedire la disputa dell’incontro.

Se per un certo verso il MSG è stata un occasione per rivedere una superstar del passato che con l’arena ha avuto un certo feeling memore di grandi match, per un altro verso è stata l’occasione per lanciare a tutti gli effetti una delle prossime superstars…Kofi Kingston. Quello a cui abbiamo assistito è una promozione a tutti gli effetti, vedere il pubblico in delirio inneggiando a gran voce il suo nome vale come pass per il main eventing. Ammirarlo così tenace e così aggressivo come non mai a tal punto da uscire vincitore in una rissa a spese di Randy Orton è stato positivo per poi raggiungere l’apoteosi quando ribellandosi all’intervento degli arbitri è ugualmente riuscito a volare su Orton mentre tutto il pubblico lo accompagnava nella manovra. Il futuro del wrestling è nelle mani delle nuove leve e avere il consenso dei fans è la cosa più importante che si possa desiderare, la WWE probabilmente ha avuto la risposta che attendeva e a questo punto per Kofi si aprono scenari davvero importanti.

La rivalità tra Batista e Rey Mysterio ha portato di settimana in settimana a farsi un idea sul tipo di massacro che Dave infliggerà all’atleta di San Diego. E proprio nell’ultimo Smackdown vedere The Animal essere deriso dal suo ex-amico dopo aver promesso nella stessa serata che non sarebbe più accaduto, l’ipotesi di ciò che potrà accadere a Survivor Series si fa sempre più suggestiva. Dato il Batista più aggressivo degli ultimi tempi, data la differenza di peso ed altezza, data la storia che coinvolge i due atleti credo proprio che assisteremo ad una carneficina (non me ne volere Rey).
La rivalità tra Morrison e Ziggler ha vissuto un nuovo capitolo all’interno del 2 out of 3 falls, la questione sembra apparentemente terminata con l’ennesima vittoria del primo ma dato che ogni match che fanno risulta sempre migliore di quello precedente non mi sorprenderei se giustamente la WWE decidesse di far proseguire il feud.

Se a RAW Sheamus rappresenta al meglio il nuovo che avanza, lo stesso si può dire per Drew McIntyre per quanto riguarda lo show blu ma di certo non si può affermare lo stesso per il latino Eric Escobar che per il momento ha dimostrato di non aver nessuna dote per poter sfondare ma gli va comunque riconosciuto il coraggio di sbaciucchiarsi Vickie Guerrero. Girano voci di una possibile retrocessione nella scuola di sviluppo e direi che sarebbe la cosa più giusta da fare. Invece per la moglie del compianto Eddie, la situazione sembra volgere al meglio, l’esser stata nominata “braccio destro” di Teddy Long potrebbe portarla nel giro di pochi mesi nuovamente al comando di Smackdown e dopotutto non sarebbe una cattiva idea.

Chi invece guadagna punti è CM Punk. Il suo Straight Edge è diventato una filosofia di vita e nell’ultimo Smackdown abbiamo potuto notare ad un fatto alquanto curioso. Seppur durante l’intero segmento è stato sommerso da fischi ed insulti aumentando di conseguenza il suo status da heel, ragionevolmente tutto ciò che CM Punk ha detto e fatto è stato un ottimo spot pubblicitario contro la droga, il fumo e l’alcol. R-Truth in tutta questa situazione potrebbe esserne il benefattore ma è ancora troppo presto per fare delle valutazioni.

Il main event di Smackdown ha visto la reunion dei fratelli della distruzione, il match che li vedeva coinvolti contro Chris Jericho e Big Show si è assestato su un discreto livello di qualità. I due in tag possono ancora dire la loro e magari vederli come campioni di coppia sarebbe il massimo ma come ben sappiamo, l’Undertaker soffre di notevoli problemi fisici che gli impediscono di sostenere un numero elevato di impegni.

Anche l’ECW, così come gli atri due brand, aveva in programma un incontro davvero interessante. Con la sconfitta di Paul Burchill, The Hurricane esegue un ulteriore “giusto” passo in avanti nella gerarchia del brand extreme mentre per l’inglese e la sorellina si prospetta a questo punto un passaggio a Raw o a Smackdown. Come avevo detto la settimana scorsa per Burchill sarà il momento della verità, di solito andar via dalla ECW equivale ad una promozione, vedremo se sarà ancora così.

Per le divas nulla da segnalare a parte la conferma come campionessa per Melina in attesa di una degna avversaria che a questo punto può ricadere su due nomi, Gail Kim e Maryse. La splendida francese ha dimostrato di avere buoni qualità e una presenza scenica da quelle di vere “hot”, mentre l’atleta coreana è ben conosciuta e l’inspiegabile non giusto utilizzi rimane un mistero.

Questa settimana ovviamente è ruotata complessivamente sull’imminente ppv ma c’è da segnalare che Wrestlemania è già iniziato. Durante Raw c’è stata l’anteprima ufficiale di Rowdy Piper vs. Vince McMahon ma l’episodio non è stato isolato visto che a mio modo di vedere una scintilla è scattata anche tra CM Punk e Christian, nell’ECW ci sono state le prime schermaglie e questo potrebbe essere il preludio dell’approdo proprio del face Christian a Smackdown dove andrebbe a trovare quel CM Punk lanciatissimo come heel.
Ma vogliamo parlare di Undertaker che infligge una Tombstone Piledriver a John Cena senza motivo??? Questo è più che un segnale e se in questi mesi abbiamo provato ad immaginare il prossimo avversario di Taker per Wrestlemania 26…beh...l’abbiamo trovato!.
Buon Survivor Series a tutti

 

Girolamo “The Great One” De Nicolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *