The Ultimate Warrior vs. Macho Man Randy Savage: chi perde si ritira!

Abbiamo da poco assistito ad un epico match tra Shawn Michaels e The Undertaker, al termine del quale l’Hbk ha dovuto, per contratto, porre fine alla sua carriera, essendo uscito sconfitto dal confronto.

Ma non è stata la prima wrestlemania ad avere un “career ending match” nella sua card. Andiamo infatti al 1991, all’edizione numero 7, e a combattersi vi sono due grandi stelle, all’apice della grandezza: Ultimate Warrior e Machoman, che da qualche mese era divenuto Machoking, dopo aver battuto Jim Duggan e conquistato il titolo di “re”.

Tutto comincia durante l’autunno del 1990: Ultimate Warrior è campione WWF da aprile, dopo aver schienato Hulk Hogan in quel di Wrestlemania VI, e Randy Savage, fresco dell’appellativo di “king”, si proclama primo sfidante.

Durante “The main event IV” del 23 novembre, Warrior difende con successo il titolo dall’assalto di Ted Dibiase ma, a fine match, deve subire l’attacco di Savage, che lo colpisce con lo scettro.

Nella stessa serata, in un incontro non trasmesso in tv, ma contenuto nella vhs “2nd battle of superstars”, il campione distrugge Savage in 30 secondi, ridimensionando le pretese dello stesso.

Alle survivor series, Savage lanciò comunque una sfida ufficiale al campione, che però non dava troppa considerazione alla dichiarazioni di Macho e della sua manageressa, Sensational Sherri.

Si arriva così alla royal rumble 1991, in cui Ulimate Warrior si trova a dover difendere il titolo WWF contro il neo rientrato Sergeant Slaughter.

Prima dell’incontro, Savage affermò di essere riuscito ad ottenere da Slaughter la promessa di un match per la cintura nell’eventualità che fosse il sergente a trionfare contro il guerriero, e inviò quindi Sherri da Warrior per guadagnare la stessa promessa.

Purtroppo per lui, Warrior rifiutò malamente, e decise così di interferire durante il match titolato, con la speranza di aiutare Slaughter a trionfare.

Già nelle prime fasi dell’incontro, le intromissioni di Sherri portarono Warrior ad allontanarsi dal quadrato, facendolo facile vittima dell’aggressione di Machoking.

Nonostante questo, il campione si dimostrava troppo superiore a Sergeant Slaughter, e la vittoria sembrava dovesse giungere da un momento all’altro.

Ma una distrazione fu fatale al campione che, colpito con lo scettro da Machoking, fu schienato da Slaughter, in un’arena ammutolita.

Warrior si lanciò alla ricerca di Savage che, per questo, evitò addirittura di prender parte alla rissa reale.

Un primo nuovo confronto si ebbe il 21 gennaio, in un evento trasmesso in tv solo nella zona del madison square garden, nel quale Savage riuscì a sconfiggere Ultimate Warrior in un ottimo steel cage match (si può trovare in 2 vhs dell’epoca: “mega matches” e “best of steel cage”)

Durante l’edizione di superstars del 2 febbraio, Mean Gene Okerlund disse che vi erano indiscrezioni secondo le quali Warrior e Savage si sarebbero sfidati ad “retirement match”.

La settimana successiva, il match fu confermato, e annunciato che si sarebbe svolto proprio a Wrestlemania.

24 marzo 1991 – wrestlemania VII: tutto è pronto per una sfida che rimarrà scolpita nelle menti di tutti i fans della disciplina.

Viene annunciato come il primo “retirement match”, ma questo non è vero: durante l’edizione di superstars del 22 aprile 1989, infatti, Greg Valentine aveva sconfitto Ronnie Garvin con questo tipo di stipulazione.

Tuttavia, l’eco mediatico attuale era incredibilmente superiore.

Una grande entrata di Savage fu seguita da quella di Warrior, il quale, a differenza di sempre, non entra correndo, ma bensì camminando, e con un fantastico costume, sul quale risalta la scritta: “questo è più importante della cintura”

L’incontro non delude le aspettative, con grande intensità e capovolgimenti di fronte, oltre alle immancabili interferenze di Sensational Queen Sherri.

L’epilogo sembra arrivare in grande stile: dopo aver ribaltato una situazione a suo sfavore, Savage riesce a mettere a segno il suo flying elbow smash dalla terza corda. Tutto è pronto per lo schienamento vincente, ma Machoking vuole infierire, mettendo a segno un secondo volo dalle corde… e poi un terzo… ne chiama un quarto… e addirittura un quinto.

Warrior è immobile al centro del ring, Savage va finalmente per lo schienamento, ma incredibilmente Ultimate Warrior riesce a rialzarsi al conto di 2. Si carica di adrenalina, inizia la sua serie di mosse: braccio teso, blocco football, gorilla press slam. Va per il conteggio vincente, sembra finita, ma anche Savage compie l’impresa di resistere allo schienamento.

A questo punto Warrior è incredulo, e pronto ad abbandonare il match, consegnando la sua carriera nelle mani di Savage. Ma Machoking preferisce colpire Warrior fuori ring, aiutato dalla sua manageressa, scatenando la reazione del guerriero, che dopo tre blocchi football volanti si porta a casa la vittoria, umiliando Savage ottenendo il conteggio solo con un piede sopra il petto dello sfidante.

Il pubblico è in visibilio, ma il post match diventa altrettanto epico: Sherri si mette ad insultare e colpire Savage, delusa dal risultato, fin quando Miss Elizabeth, storica partner dell’attuale king, sale sul ring in aiuto del suo ex assistito, rivalendogli tutto il suo affetto.

Tra le lacrime di donne e bambini, si conclude così una delle più belle rivalità di sempre.

Ultimate Warrior sparirà dalle scene dopo Summerslam, per rientrare a sorpresa durante wrestlemania 8, mentre Savage, dopo essersi sposato con Elizabeth durante il ppv d’agosto, ed essere stato reintegrato nella federazione, riuscirà, proprio a wrestlemania 8, a tornare campione WWF.

Questi due avvenimenti faranno nuovamente incrociare le strade dei due rivali, in un bellissimo incontro svoltosi a Wembley durante Summerslam 1992, grazie anche alla partecipazione del pubblico inglese.

L’incontro vede trionfare Warrior per count-out, lasciando a Savage il titolo.

Questo match sarà caratterizzato dalle interferenze di Ric Flair e Mr. Perfect, contro i quali i due ex nemici si coalizzeranno, formando gli Ultimate Maniacs, dopo la perdita del titolo di Savage contro Flair, complice anche l’intromissione del neo arrivato Razor Ramon, autoproclamatosi nuovo simbolo del machismo.

A Survivor series i Maniacs avrebbero dovuto affrontare proprio Flair & Ramon ma, nell’edizione di Saturday night’s main event precedente il pay per view, durante un incontro valido per i titoli di coppia tra Warrior/Machoman e i campioni Money Incorporated, Ultimate Warrior rimane infortunato.

Questo causerà la sua assenza per oltre 3 anni, costringendo Machoman a sostituirlo con Mr. Perfect (rientrante come lottatore dopo un anno e mezzo) che negli ultimi tempi si sentiva messo in disparte dalla coppia Ramon/Flair.

Nonostante non sia mai considerato nelle classifiche dei vari “esperti” del settore, che preferiscono incontri caratterizzati da 600 mosse ma senza il minimo di psicologia, adrenalina, apporto del pubblico, ecc. (e molto incide anche la cattiva reputazione extra ring dei 2 wrestlers) il loro match a wrestlemania 7 è sicuramente tra i migliori di sempre, col post match a renderlo leggendario.

Fuso81

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *