Videogame Flashback: WCW Mayhem per Gameboy Color

WCW MAYHEM (GBC)

This is absolutely Mayhem!!!

Molti di noi conoscono sicuramente il gioco per playstation WCW Mayhem della Electronic Arts, un gioco abbastanza buono con tanti personaggi, tante modalità, tante hardcore, una bel editor di personaggi (da ricordare le parti invisibili) e tanti stages riportanti gli eventi PPV e settimanali della WCW di quell’anno.

Nonostante qualche bug, il gioco era piacevole e il divertimento era assicurato infatti le animazioni erano molto realistiche per i tempi ed era anche possibile andare nel backstage e usare tutto ciò che si trovava.

Il gioco uscì il 31 Agosto 1999 (data riportata su wikipedia, forse un rilascio internazionale) mentre nell’aprile del 2000 non molti sanno che la Electronic Arts ha rilasciato per Game Boy Color un altro gioco di wrestling della WCW intitolato Mayhem.

Ovviamente le caratteristiche della Playstation e del Game Boy Color sono evidentemente differenti e sicuramente non ci possiamo aspettare una gran grafica o un gran sonoro ma credo che almeno possiamo sperare in un gameplay simpatico che ci permetta di farci divertire con la nostra console portatile ovunque vogliamo.

Bene, accendiamo il nostro Game Boy… “Chupling!” (La scritta nintendo che si ferma)

Innanzitutto parte una musica che sfortunatamente per noi durerà per TUTTO il tempo che terremo acceso il nostro Game Boy, dopotutto non fa neanche ricordare minimamente nessuno dei temi della WCW! Che canzone è?! Potevano fare qualcosa di carino facendo risuonare il tema di Thunder in una versione inedita in 8 bit, o ancora meglio, METTERE PIU’ CANZONI!

Il menù riporta 3 modalità, la carriera (nominata come “Quest for the Best”),  un giocatore contro il computer e due giocatori in modalità link (e le opzioni).

I wrestler selezionabili sono 12: Bam Bam Bigelow, Bret Hart, Buff Bagwell, Booker T, Diamond Dallas Page, Goldberg, Hollywood Hulk Hogan, Kevin Nash, Lex Luger, Macho Man Randy Savage, Ric Flair e Sting.

Le capacità di memoria del Game Boy sono veramente povere perciò non mi sorprende che non ci siano cose come wrestler sbloccabili, donne o cruiserweight, ma almeno hanno scelto un buon roster, erano wrestler che a tempi erano molto popolari e la loro presenza in questo gioco è più che giustificata, però è anche vero che sono dei wrestler molto powerful perciò forse non ci potremmo aspettare una grande variazione di mosse… e poi mancano Tank Abbott e Perry Saturn! 😀

Il gioco parte, e notiamo immediatamente che se prendiamo Kevin Nash o Sting che sono a petto nudo! Perchè!? Bret Hart è coperto Bam Bam è coperto, persino Macho Man combatte con gli occhiali e il gilet, mah…

Noterete anche (probabilmente ridendo) che i wrestlers sono tutti di altezza uguale, e tutti con una stupidissima postura con un braccio avanti con aria da gradassi.

Nonostante tutto sono disegnati malissimo, si è vero è il Game Boy non ti puoi aspettare parecchio, ma almeno un pò altezzosi, simili a esseri umani.

Persino ECW Hardcore Revolution e WWF Attitude, sempre sul game boy, sono disegnati ed animati bene.

Giochi che cmq prima o poi recensirò!

Comunque la cosa peggiore viene subito dopo perchè OGNI lottatore, anche Bam Bam Bigelow o Goldberg, fa un salto da sotto il ring fino oltre la terza corda per entrare nel ring con una capriola in avanti degna di un Power Ranger!

Magari se c’era almeno un cruserweight avrebbe avuto un pò senso (anche se nessuno ne sarebbe capace…ora che ci penso!) ma il roster, come ho menzionato prima, è un roster molto heavyweight e da loro non ci possiamo aspettare cose del genere.

Anche Kevin Nash con i suoi 2,08 metri di altezza riesce a fare una cosa del genere!

Scavalcare la terza corda come un gigante? Bah! Una cosa superata! Adesso posso imitare Rey Misterio! Super-salto, capriola e via, direttamente sul ring!

Ogni volta che comincia un match anzichè una semplice scritta “Fight”, “Start” o un piccolo effetto sonoro che assomigli una campanella dobbiamo vedere le scritte “CAUSE” “SOME” “MAYHEM” (alla comparsa di quest’ultima lo scermo comincerà a vibrare).

Ahahaha… immaginatevi Street Fighter con queste scritte più la vibrazione anzicchè il classico “Round one” “Fight”… Magari pronunciate da Tony Schiavone!

Poi il match comincia e capire come funzionino le prese è una vera impresa.

Credo che il tasto A serva a lanciare l’avversario alle corde e B a fare le prese usando il D-pad per usare una mossa diversa. Dico “credo” perchè il sistema di controllo è tremendamente confusionario ed impreciso, pur avendo solo due tasti a disposizione!

Le mosse sono una cosa orrenda e le mosse non assomigliano per niente a quello che dovrebbero essere.

Ad esempio un suplex normalissimo. Come rovinarlo? Prendete un cuscino e lanciatelo a casaccio dietro di voi e poi cadete anche voi all’indietro appena il cuscino cadrà per terra. Solo a quel punto potrete cadere anche voi.

Non sapevo come spiegarlo meglio ma vi assicuro che in questo gioco è così!

Il piledriver è simile a quello di Zangief su Street Fighter, un salto, un giro di 360° e poi giù per terra.

Beh Zangief saltava molto più alto e faceva molti più giri ma spero di aver reso l’idea.

La splash dal paletto poi è un capolavoro! Non centrate l’avversario? Tranquilli, cadrete impiedi! Questi wrestlers sono agili come gatti (ricordate la loro entrata sul ring saltando e facendo una capriola in avanti?)

E poi sul paletto loro ci salgono saltandogli sopra!

Il gioco si farà noioso se rimarrete sul ring perciò possiamo farci un giro nel backstage come nella Playstation, passando dallo stage… lo stage, si! Due porte normalissime… che fantasia!

Arrivati nel backstage l’immagine si farà grigia  perchè da quel momento saranno le telecamere di sicurezza a riprendere l’azione (con tanto di rec e un pallino rosso in un angolo) e saremo in una stanza che comprende: palestra, spogliatoio ed infermeria + un infortunato da arredamento!

Ebbene si c’è uno coricato in un lettino che non muove un muscolo… sarà morto forse… forse sarà un jobber infortunato da Scott Steiner con la spranga d’acciaio!

C’è ancora una porta li che conduce fuori dall’arena dove troveremo un camion e un container da dove si potranno eseguire le splash (stavolta si arrampicano da una scala… falliti!).

L’immagine tornerà a colori (?!?!) e noteremo anche un “MAYHEM” scritto sul muro, possibilmente scritto da Konnan incazzato perchè non è presente nel gioco!

Ogni tanto sul ring o nel parcheggio qualcuno (proveniente sicuramente da Philadelphia) esterno al match lancerà un oggetto contundente. WOW! Il match si farà interessante!

Lancerà una sedia? Un bidone? Un tavolo? NO! Uno sgabello!!! Probabilmente era il fan più sfigato della buon vecchia ECW e non lo volevano la dentro per aver portato solo uno sgabello!

I match saranno la noia più assoluta per via delle mosse contate e vi annoierete solamente guardando i wrestlers muoversi in giro ma c’è dell’altro che avrei potuto menzionare prima!

Nella schermata della selezione dei personaggi viene elencato oltre al peso e l’altezza anche la finisher.

Ebbene, almeno personalmente, non ho ancora capito come si fanno le finisher sempre se ci sono!

Almeno nella Playstation ti potevi almeno immaginare come si faceva e comunque la c’era l’editor dove era possibile vedere la combinazione di tasti da fare  per fare la finisher (che se non ricordo male era giu e O), ma qui abbiamo solo 2 tasti se non contiamo anche start e select, perciò se in una presa A lancia l’avversario e B fa le mosse, la finisher come si fa? Select e D-pad?

Boh non lo so… fatto sta che questo gioco è ridicolo e fatto male!

La WCW è morta troppo presto e sfortunatamente assieme a Mayhem pochi sono i bei giochi di questa leggendaria federazione.

C’era anche un altro gioco con lo stesso motore grafico… mmm… io non ricordo, e voi? Vi viene niente in mente?

Se volete farvi delle risate allora giocateci pure, se riuscite a finire la carriera… allora siete pazzi!

Dal tastiere e tutto! Ciao!

POWER OFF

 

“Il Tastiere” Andrea Celauro

andrea.celauro@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *