Quali saranno i grandi protagonisti della Royal Rumble 2021 ?

Quali saranno i grandi protagonisti della Royal Rumble 2021 ?

È stato un inizio di 2021 molto intenso in casa WWE, culminato con la brutta notizia di Drew Mcintyre positivo al Covid19. Per fortuna lo scozzese dovrebbe guarire e tornare presto, il che è una buona notizia per Raw che fa ormai un grande affidamento sull’attuale WWE Champion. Inoltre, sono state rese note le date di Wrestlemania, non solo per l’edizione di quest’anno, ma anche per le prossime due edizioni, con Wrestlemania 38 in programma il 3 aprile 2022, e Wrestlemania 39 che si svolgerà il 2 aprile 2022.

Wrestlemania 37 si terrà al Raymond James Stadium di Tampa Bay, in Florida, in due serate, precisamente sabato 10 e domenica 11 aprile. Un’idea giusta quella di dividere Wrestlemania in due serate come lo scorso anno, visto che la WWE ha in programma diversi match per il suo show più importante dell’anno. La speranza è che, da quanto si legge, potremo finalmente vedere molti fan presenti, per la prima volta dopo mesi di arene vuote.

La federazione di Stamford vorrebbe riprendere dopo Wrestlemania a svolgere i suoi show “on the road”, ma credo che sia ancora presto per parlarne, perché questa pandemia di Covid19 non permette ancora di fare programmi a lungo termine.

La cosa più importante ora è concentrarsi sulla Royal Rumble, del prossimo 31 gennaio. Drew Mcintyre dovrebbe essere della partita, e difenderà il suo WWE Championship contro Goldberg, in un match che farà parlare tanto, nel bene e nel male. Sarà un incontro probabilmente breve, ma tuttora incerto, e dall’esito di questo incontro dipenderanno diverse cose, i match di Wrestlemania e i prossimi rivali per i titoli mondiali.

Sul fronte di Smackdown, Roman Reigns difenderà il suo titolo universale contro Kevin Owens.  Certamente è una sfida che abbiamo già visto e rivisto, ma sarà sicuramente meglio che vedere Roman Reigns contro Adam Pearce, un match, inizialmente, programmato, che non avrebbe avuto alcun senso.  Roman e Kevin dovrebbero offrirci un buon incontro, anche se l’esito è piuttosto scontato, con Kevin che rischia di subire l’ennesima sconfitta.

A salvare il tutto potrebbero essere proprio i due Royal Rumble match, maschile e femminile. In un momento difficile, tra Covid19 e incertezze sul futuro, ascolti non sempre convincenti e soprattutto con storyline e personaggi mal gestiti, forse mai come prima le due Risse Reali sono incerte e interessanti.

Nella rissa reale a 30 uomini maschile, nelle ultime ore il favorito numero uno è diventato Daniel Bryan. Per il leader dello ‘Yes Movement’, sarebbe un successo meritato, è sempre amato dal pubblico, non ha mai vinto la Royal Rumble, e come rivale di Roman Reigns a Wrestlemania sarebbe fantastico. Una classica sfida top heel vs top face, con Bryan che ha già tanti conti in sospeso con Roman Reigns e Jey Uso. Attenzione però alle soprese: Seth Rollins e AJ Styles sono altri due nomi molto caldi. Non credo che Seth Rollins alla Royal Rumble farà solo da comparsa, inoltre, una sfida tra Roman e Rollins, tra i due ex membri dello Shield, con Seth di nuovo tra i face,  sarebbe una sfida densa di interesse e di significati. Aj Styles come Daniel Bryan, non ha mai vinto la Royal Rumble, ‘The Phenomenal’ è sempre uno dei migliori performer in assoluto, una sua vittoria nella rissa reale sarebbe fantastica, anche perché AJ Styles è il classico wrestler “che dove lo metti sa stare alla grande”, che sia face o che sia heel, oppure che sia a Raw o a Smackdown, AJ Styles riesce a dare sempre il suo eccellente contributo. Un vero jolly che la WWE deve tenersi stretto e sfruttare al meglio. Meno credibili, penso che siano Keith Lee, forse ancora troppo acerbo per una vittoria così importante o Edge, che farà forse il suo ritorno alla Royal Rumble, ma che non penso avrà lo stesso straordinario effetto di un anno fa. Inoltre, questa volta non ci sarà il pubblico e non so che progetti avrà la WWE per la Rated R Superstar, dopo uno stop di quasi un anno dal suo infortunio e dopo il suo lungo periodo di inattività. Tra le possibili sorprese potrebbero esserci Brock Lesnar, The Rock e Bray Wyatt.

Sul Royal Rumble match femminile vorrei puntare su un nome, quello di Rhea Ripley, sarebbe il modo migliore per lanciare l’australiana nel main roster. La Ripley a NXT è stata eccezionale, la divisione femminile della WWE, in particolare nei main roster, ha bisogno di nomi nuovi e importanti. La WWE spero non faccia l’errore di un anno fa, con il successo di Charlotte Flair, brava per carità, ma che non aveva bisogno di un successo così importante per farsi strada, essendo già una pluricampionessa mondiale.
Come secondo nome della rissa reale femminile, vorrei puntare su Bianca Belair che a Smackdown sta facendo molto bene. La sua rivalità con Bayley, le sta dando spazio e visibilità. Atletica, energica e spettacolare la Belair potrebbe essere un vero toccasana, per le scene titolate femminili.
Se la WWE, anziché sui giovani vorrà invece puntare su vincitrici già rodate, allora secondo me si può puntare su Bayley che ha vissuto un 2020 da grande protagonista. Con Sasha Banks la faida non è ancora finita, e vedere le due a Wrestlemania lottare con il titolo in palio sarebbe uno scenario fantastico. Bayley e Sasha Banks sono due performer bravissime.
Meno probabile la vittoria di Nia Jax che è sempre molto criticata per la sua irruenza sul ring, ma che voglio difendere perché a differenza di altre atlete a mio avviso non ha solo potenza, forza e energia,  ma possiede anche una discreta tecnica. Probabilmente Nia non vincerà la rissa reale femminile, ma può essere una protagonista. Infine, non voglio scartare una delle grandi ‘beffate’ dello scorso anno ovvero Shayna Baszler che avrebbe meritato il successo un anno fa, venendo poi scavalcata, nelle preferenze da Charlotte Flair. Shayna meriterebbe questo successo, anche se la WWE non sembra voler puntare seriamente su di lei.

In un momento forse tra i più difficili per la WWE, spero che l’azienda possa offrirci due Royal Rumble match credibili e con due vincitori degni e all’altezza di questo trionfo. In WWE ci si è messa anche la sfortuna, con un Roman Reigns così imponente ma senza pubblico, i rimpianti sono molti per quello che poteva essere. Ma con una AEW che continua a crescere e a migliorarsi. Mai come adesso la WWE deve venire fuori da queste problematiche, offrendoci una Royal Rumble almeno convincente. La Road To Wrestlemania quest’anno dovrà servire, come mai prima, a rilanciare l’immagine e la solidità della WWE.

ANGELO SORBELLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *