E’ il momento del “face to face”

Settimana di confronti in vista del grande appuntamento del 28 Marzo.
The Undertaker e Shawn Michaels sono andati nuovamente faccia a faccia per chiarire una volta per tutte la loro posizione, il loro punto di vista spiegando reciprocamente il motivo per cui a Wrestlemania trionferanno. HBK e Taker rappresentano oggi più di chiunque altro la “vecchia scuola”, sono i simboli della longevità e della professionalità, capaci di lottare ad alti livelli nonostante l’avanzare dell’età e i molteplici infortuni con successive operazioni.
Due icone, due leggende del wrestling che a Phoenix si daranno battaglia regalandoci un ulteriore spettacolo bissando lo stratosferico incontro di un anno fa.
E a mio parere sarà migliore, la posta in palio è notevole e la striscia vincente di Undertaker non è mai stata così in bilico.
L’ulteriore stipulazione che non prevede squalifiche e conteggi fuori porterà la contesa ad una epicità senza eguali e se a fine anno li troveremo lì in cima come match of the year non ci sarà da stupirsi.

Primo confronto invece per Sheamus e Triple H, un face to face particolare, dove un insegnante dava consiglio e accorgimenti al portento studente.
Una sfida apparentemente di terzo piano ma che in sé racchiude uno scontro generazionale.
Da un lato un veterano di prima classe che una volta arrivato al top non intende abdicare, e dall’altro lato un giovane talento scalpitante nel bruciare le tappe alla ricerca di una vittoria di prestigio. La riconferma contro la notorietà.
Un HHH finalmente in formato The Game, con la theme dei Motorhead che lo accompagna nel ring e con l’attitudine che lo ha consacrato, plasmato e forgiato. La loro mole fa presagire ad una battaglia senza esclusione di colpi, l’antipasto nel precedente Raw insegna.

Confronto tutto botta e risposta tra Edge e Chris Jericho.
Ognuno con l’intento di provocare e di destabilizzare la mente altrui colpendo nella dignità ricordando episodi negativi della propria carriera. Inconsapevolmente l’incontro nasce all’incirca un anno fa quando le strade dei due wrestlers si incrociano ed unendo le forze diventano campioni di coppia.
Un team con tutte le certezze per dominare la categoria ma un infortunio della Rated R Superstar mette fine ai loro successi ma non al successo di Chris Jericho che con il gigante Big Show si conferma al vertice vincendo incontri su incontri detenendo le cinture per mesi e mesi perdendole solo nell’ultimo ppv del 2009.
I loro percorsi si sono nuovamente incrociati ma questa volta il successo di uno equivale al non successo dell’altro. Chris Jericho dopo svariati tentativi riesce a mettere ko Edge colpendolo con la cintura riuscendo a prevalere all’incubo chiamato Spear.

Il MITB per la prima volta nella sua storia conterrà ben nove partecipanti.
Tenta e ritenta Drew McIntyre sarà a Wrestlemania (e su questo c’erano pochi dubbi) ma il modo con cui è arrivato a questa sudata qualificazione gli toglie quella nuvola da imbattibile però allo stesso tempo rafforza la sua intoccabilità grazie allo sponsor Vince McMahon.
La qualificazione di Evan Bourne darà maggior spettacolo, le sue doti atletiche sono ben consce e le altezze sono il suo forte, se c’è da prendersi dei rischi state pure certi che non si tirerà indietro.

Il triangolo della Legacy ha vissuto un altra tappa, Rhodes e DiBiase escono vincitori ai danni di Orton ma di questa eterna lotta manca la ciliegina sulla torta che molto probabilmente avrà a luogo a Wrestlemania…staremo a vedere.

Un altro feud che continua ad avanzare è quello tra CM Punk e Rey Mysterio.
La resa sei conti è inevitabile e la diceria che tempo fa apparve nel wrestling web sembra poter prendere vita, capelli contro maschera, non ci resta che attendere, ma a parte della stipulazione l’incontro si annuncia molto spettacolare dati gli stili dei due atleti che si incastrano bene come due pezzi di un puzzle.

Il main event di Raw ha visto eccellere quel genio di Mr.McMahon.
L’impostazione dell’incontro è stata tipica del sua bastardaggine, le vecchie magagne ai danni di Stone Cold Steve Austin saranno pur servite a qualcosa.
Per certi versi il John Cena inarrendevole che si libera ad ogni tentativo di schienamento ha ricordato il grande The Rock stoico a resistere ai colpi di SCSA in quel di Wrestlemania 17.
E l’alleanza tra Batista e Vince ricorda quella tra Austin e Vince, uniti per convenienza, ognuno dà all’altro qualcosa in cambio e questo duo sempre destinato a mietere vittime.

Sul campo delle divas c’è da segnalare il buon esordio di Tiffany, l’ex GM della ECW ha dimostrato di saperci fare e di diventare in prospettiva un ottima lottatrice. Che fosse una gran gnocca lo sapevamo (per chi non l’avesse ancora fatto andasse a vedere le immagini nella sezione Divas Naked del nostro forum) ma che fosse una wrestler è una sorpresa a tutti gli effetti.
Che Vickie Guerrero fosse una scrofa è un dato di fatto inconfutabile ma le va comunque riconosciuto l’arte dell’entertainment dando quel pizzico in più nella categoria femminile tramite l’alleanza con la McCool e Layla.

La prossima puntata di RAW sarà scoppiettante, con lo sceriffo di nuovo in città (Austin), ben tre incontri delle Wrestlemania passate e la firma del contratto del match tra Bret Hart e Vince McMahon.
Insomma tanta carne al fuoco e il tutto come di consueto in “diretta”.

WWE NXT: NON C’E DUE SENZA TRE
Qui lo dico e qui lo confermo…mi sto innamorando di Daniel Bryan.
Ancora una volta ha magnificamente duettato con The Miz e nel ring ci ha mostrato altre mosse del suo vasto repertorio, portentosa la full stomp in salto dalla terza corda. Il talentuoso lottatore sta letteralmente esplodendo come stella di assoluto valore dimostrando di essere ben più un rookie. Inoltre a differenza degli altri ha già lasciato la sua impronta nel main show del venerdì sera facendo perdere il suo maestro in un incontro di Smackdown!
Siamo di fronte ad una futuro campione WWE? Assolutamente sì!
Il suo inizio è superiore a quello di CM Punk e se chi ben comincia è a metà dell’opera e se il buongiorno si vede dal mattino allora siamo a cavallo!
Altro ragazzo interessante è Justin Gabriel che con la buona prestazione contro Wade Barrett ha confermato quanto di buono aveva fatto vedere nel secondo episodio di NXT.
Lo show sta ottenendo un buon successo, ogni emergente riesce ad avere il suo spazio e la sua storyline, e l’affiancamento con il proprio mentore fa accrescere la loro popolarità.

THE ULTIMATE WARRIOR
Nella sigla iniziale di Raw, Ric Flair è stato sostituito dal Guerriero…che sia in atto una riappacificazione? Che le due parti possano aver superato alcune divergenze è probabile, d’altronde se Bret e Vince hanno sotterrato l’ascia di guerra non vedo perché anche loro non possano mettere da parte dei vecchi problemi. Se così fosse il grande Jim Hellwig potrebbe entrare a far parte della lista gloriosa della Hall Of Fame 2010 e questo sì che sarebbe un colpaccio da dimensioni stratosferiche.
The Ultimate Warrior è il mio idolo da ragazzino e rivederlo ancora una volta sarebbe un sogno

MATCH OF THE WEEK -> Vince McMahon vs. John Cena (Raw)
Non premio la qualità del match ma bensì per la sua costruzione, semplicemente da oscar.

L’appuntamento è per il prossimo fine settimana.
Au Revoir!.

 

Girolamo “The Great One” De Nicolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *