WWE: Christian e i cinque “ritorni al passato”

WWE: Christian e i cinque “ritorni al passato”

Sono passati pochi giorni dalla Royal Rumble 2021, la prima dell’era Thunderdome, che verrà ricordata per tanti motivi, tra i quali spicca il ritorno di Christian. Il canadese, ritiratosi nel 2014 in seguito all’ennesima commozione cerebrale, ha finalmente ottenuto l’ok per salire nuovamente sul ring, e si è dimostrato in forma come ai tempi d’oro, ottenendo, tra l’altro, il suo miglior risultato nella storia della Rumble. Ora l’Instant Classic guarda al futuro, a quel “one more match” che i suoi fan sognano da anni, tuttavia in occasione della Rissa Reale ha dovuto più volte fare i conti con il proprio passato, incontrando dei lottatori che hanno avuto, chi più chi meno, un ruolo chiave nella sua carriera. Ho deciso, dunque, di presentarvi i cinque principali “ritorni al passato” di Christian alla Rumble, e colgo l’occasione per ringraziare Andrea Martinelli per avermi concesso questo spazio.

Rey Mysterio

Christian e Rey Mysterio si sono incrociati più volte durante il primo stint dell’Instant Classic in WWE, e il primo ricordo che mi viene in mente è la Royal Rumble 2003, dove Captain Charisma cercò di riformare momentaneamente il tag team con Edge, il quale però lo respinse in favore dell’allenza col suo tag team partner del momento, il folletto di San Diego. Tuttavia, per arrivare all’incontro più importante tra i due bisogna arrivare al 4 novembre 2005, quando Christian e JBL sono stati sconfitti da Rey Mysterio e Matt Hardy a Smackdown; ai tempi, pochi sapevano che quello sarebbe stato l’ultimo incontro dell’Instant Classic in WWE prima del 2009. L’atleta, infatti, era in procinto di passare in TNA, dove avrebbe ottenuto tante soddisfazioni. Anche l’ultima apparizione di Christian è legata a Rey Mysterio: i due erano entrambi presenti a Taboo Tuesday, ma fu Rey a essere scelto per affiancare Matt Hardy in un match per i titoli di coppia dello show blu. Difficile che in futuro vengano rievocati questi episodi, e anche un nuovo scontro tra i due sembra altamente improbabile, anche perché Mysterio sembra prossimo al ritiro.

Sheamus

L’ attacco ai danni di Drew McIntyre a Raw ha riportato Sheamus tra le file degli heel dopo una breve parentesi tra le file dei buoni, ma lo ha anche fatto tornare nel giro titolato dopo diversi anni. Il Celtic Warrior ha ottenuto numerosi riconoscimenti, ma nel 2011 fu proprio Christian ad aiutarlo a rafforzarsi come face a poche settimane dal cambio di schieramento. I loro match furono sempre più violenti, ma videro tutti prevalere Sheamus, che proprio allora inaugurò una streak di ben dodici vittorie consecutive. L’anno dopo, per l’irlandese arrivarono la vittoria della Royal Rumble e conquista del titolo a Wrestlemania. Possiamo dire, dunque, che Christian abbia avuto un ruolo importante nel suo percorso, ma i due sono legati anche da un altro particolare: Sheamus ha preso parte all’ultimo incontro di Christian prima del ritiro, un fatal 4 way match che ha visto il canadese prevalere sul Celtic Warrior, su Alberto Del Rio e su Dolph Ziggler. Sarebbe bello rivederli insieme sul ring, specialmente ora che i loro schieramenti sono ribaltati rispetto al 2011.

Big E

In questo caso, più che di ritorno al passato possiamo parlare di “what if”, sempre che la WWE non decida di rendere nuovamente valida un’opportunità conquistata quasi sette anni fa e mai sfruttata. Il 4 marzo 2014, infatti, Christian si aggiudicò una shot per il titolo intercontinentale nella sopracitata fatal 4 way, ma la commozione cerebrale riportata nel corso del match non gli permise di approfittarne. Ai tempi, la cintura era detenuta da un giovane sulla rampa di lancio che rispondeva al nome di Big E ; per una coincidenza che ha dell’incredibile, l’ormai ex componente del New Day, dopo anni a digiuno di titoli singoli, si è da poco laureato campione intercontinentale per la seconda volta. I due si sono rivisti alla Rumble, e chissà che non diano vita a quel match ingiustamente rimandato…

AJ Styles

Lo stint in TNA viene ricordato con grande affetto dai fan di Christian, che alla corte di Dixie Carter ha ottenuto una lunga serie di successi. Due titoli NWA, quasi due anni di imbattibilità, diverse vittorie contro atleti del calibro di Sting e Kurt Angle, oltre alla possibilità di lavorare con le nuove leve e aiutarle a crescere. Kazarian ha recentemente dichiarato di aver imparato tantissimo dall’Instant Classic, ma l’atleta che più ha beneficiato della presenza di Captain Charisma in TNA è senza dubbio AJ Styles. Quest’ultimo, infatti, aveva già dato prova del suo enorme potenziale, ma aveva parecchie lacune da colmare in termini di carisma e mic skills. Unirsi alla Coalition ha permesso al Phenomenal One di lavorare a stretto contatto con Christian e a imparare parecchio. Se AJ è diventato lo straordinario performer che abbiamo ammirato anche in WWE negli ultimi anni, lo dobbiamo quindi in parte a Christian. I due si sono ritrovati da avversari alla Rumble, e la loro alchimia è rimasta intatta. Un nuovo match tra di loro potrebbe rivelarsi lo show stealer in qualsiasi pay per view.

Edge

Non potevo non chiudere la rassegna senza nominare Edge, l’amico fraterno, compagno di mille avventure e, nel periodo in cui entrambi erano ritirati, anche di podcast e di show comedy sul WWE Network. La coppia protagonista dell’era TLC si è riunita in grande stile alla Rumble, effettuando diverse mosse combinate tra cui spicca una doppia spear su Braun Strowman. Ci vorrebbe un editoriale a parte per parlare dei loro successi e di quanto ogni singolo titolo sia stato strameritato da entrambi, ma una cosa è certa: la WWE ha sempre puntato molto di più su Edge, che è stato trattato da main eventer ancora prima di trovare un personaggio che funzionasse davvero, mentre Christian è sempre stato considerato un uppercarder da utilizzare per dare prestigio ai titoli minori e mandare over il top face di turno. Non a caso, l’Instant Classic ha conquistato il massimo alloro solamente in seguito al ritiro di Edge, per poi perderlo in pochi giorni per far sì che Randy Orton diventasse il simbolo di Smackdown. La Rumble ha confermato questa tendenza, con Christian che è stato eliminato nel finale e la Rated R Superstar che ha ottenuto la vittoria e la title shot a Wrestlemania. Un’eventuale gelosia di Captain Charisma nei confronti di Edge potrebbe dare vita a una nuova faida tra i due, che non si affrontano in pay per view da quasi vent’anni, ma non è detto che la WWE non stia pensando a uno scontro tra face, magari da organizzare per l’edizione del 2022 dello Showcase of the Immortals. Di certo, queste due leggende meritano di incrociarsi ancora una volta sul ring prima del ritiro definitivo, e non fornire loro questa occasione sarebbe un errore madornale da parte della federazione di Stamford, e una grande perdita per i fan.

Stando alle ultime notizie, Christian avrà un ruolo da part timer, e ciò significa che il “one more match” non è più un sogno, ma una piacevole certezza. Dopo il tuffo nel passato della Rumble, The Instant Classic può finalmente pensare al proprio futuro.

If you don’t know… Now you know!

Alessandro Bogazzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *