NXT in crisi totale: quali prospettive?

NXT in crisi totale: quali prospettive?

Non ci sono dubbi, per molti anni il brand di NXT ha rappresentato una vera manna dal cielo per la WWE. Un prodotto fatto e costruito davvero bene. È altrettanto vero che ultimamente, il brand giallo/nero sta avendo delle difficoltà. Lo scontro degli ascolti TV del Mercoledì sera contro AEW Dynamite è stato impietoso, con la AEW che sta avendo puntualmente la meglio su NXT, quasi tutti i mercoledì.

Ma non è stato solo il continuo perdere questa sfida che ha fatto andare in crisi il prodotto di NXT. C’è anche dell’altro. Diversi talenti usciti da NXT e trasferiti nel main roster hanno fatto una fatica incredibile per andare bene. Kevin Owens, Finn Balor, Sami Zayn o Nakamura, solo per fare qualche esempio. Tutto questo ha ridimensionato parecchio il valore di NXT.

Certo, sulle gestioni di alcuni personaggi potremmo stare a discutere per tanto tempo, anche qui solo per fare degli esempi, Sami Zayn e Nakamura hanno subito delle gestioni schizofreniche da parte della WWE. Ma la fatica e le difficoltà che hanno trovato in questi anni e i problemi che stanno attraversando ancora adesso nel main roster, fa capire come tra NXT e il main roster ci sia un dislivello e una differenza notevole.  Per fare un paragone, il gap è più o meno quello che troviamo tra la sezione primavera e la Serie A nel calcio italiano.

Finn Balor è un classico esempio. Uscito come prima scelta del Draft 2016, quando la WWE decise di nuovo di dividere il roster in Raw e Smackdown, Balor divenne il primo campione universale di Raw a SummerSlam 2016. Purtroppo dovette lasciare per infortunio il titolo vacante, e da lì è iniziato per lui un lungo calvario, culminato con il ritorno a NXT, dove è ancora l’attuale campione del brand, nonostante i numerosi problemi fisici.

È chiaro che a NXT qualcosa non va o non funziona più bene come prima. A Survivor Series 2019, l’inserimento di NXT aveva reso il PPV brillante e coinvolgente. Grazie anche all’effetto novità/sorpresa. L’idea era stata eccellente. Si parlava di un inserimento di NXT nei Draft, ma la proposta è stata accantonata. Da quel Survivor Series 2019, sembra essere passata un’eternità, vista la situazione attuale.

NXT produce sempre show interessanti, ma pare aver perso smalto, certezze e sicurezze. Ma che cosa  sta succedendo? Alcuni dicono che ci sia troppa foga nel voler comptere con AEW Dynamite. Ma non è soltanto quello. La fatica che hanno trovato i wrestler nominati prima, ha ridimensionato molto NXT, dove i protagonisti sembrano fare meglio per la pressione minore che hanno rispetto a Raw o a Smackdown.

La realtà è che Finn Balor è il campione di NXT semplicemente perché la WWE non sapeva più dove piazzarlo. Nei giorni scorsi, Daniel Bryan ha detto una frase importante e che non può passare inosservata “Alla WWE servirebbe un territorio di sviluppo, NXT non lo è più”. Insomma, la situazione di NXT nel 2020 e’ precipitata improvvisamente senza che nessuno capisse realmente i motivi e senza porre un rimedio.

La presenza di Edge, nella puntata di NXT del mercoledì 3 febbraio non è bastata a far alzare gli ascolti, che sono rimasti bassi. Fa sempre piacere rivedere TakeOver e spettacoli come quelli di Vengeance, ma è chiaro che non basta. NXT come tanti aspetti della WWE, deve essere costruito in modo migliore, non vorrei che talenti come Karrion Kross e Damien Priest (solo per citare dei nomi, perché potremmo farne molti altri) poi nel main roster si perdessero subito come sta accadendo ad Andrade e a Keith Lee.

Uno dei meriti più importanti di NXT e di aver rivoluzionato la categoria femminile, grazie alle prime campionesse sfornate, ovvero Sasha Banks, Charlotte Flair, Becky Linch, Bayley e Asuka.  Poi però è successo qualcosa, e ragazze come Lacey Evans e Niki Cross stanno faticando più del previsto nel main roster. Ora la speranza è riposta nella vincitrice del Royal Rumble match femminile, Bianca Belair, in Rhea Ripley e Shayna Baszler.

NXT deve ritornare ad essere un serbatoio di talenti, come Seth Rollins e Kevin Owens che nel main roster non devono poi soffrire la tensione del salto di qualità. Damien Priest che da pochissimo ha esordito a Raw, merita spazio e visibilità importanti, perché il talento c’è, e il ragazzo va sfruttato e gestito bene.

NXT deve tornare ad essere una fucina di talenti per la WWE e non può essere utilizzato solo per una battaglia persa contro Dynamite, puntando solo ad ottenere un risultato televisivo che finora pare lontano dal concretizzarsi.

ANGELO SORBELLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *