WWE Elimination Chamber 2021: il Pagellone

WWE Elimination Chamber 2021: il Pagellone

Nella notte tra domenica 21 e lunedì 22 febbraio si è disputato il PPV di Elimination Chamber vediamo insieme risultati, voti e analisi di questo secondo PPV del 2021 targato WWE.

KICK-OFF MATCH JOHN MORRISON SCONFIGGE ELIAS, MUSTUFA ALI E RICOCHET GUADAGNANDOSI L’OPPORTUNITÀ DI PARTECIPARE AL MATCH PER LO US TITLE, VOTO: 6,5
Un match inserito nella card veramente all’ultimo minuto, per la defezione di Keith Lee. È stata una contesa piuttosto caotica, confusa e veloce. Forse è anche per questo che il match è stato alla fine gradevole. John Morrison ha ottenuto la vittoria, approfittando del fatto che i membri della Retribution erano troppo distratti a pensare a Ricochet. Buon successo per il Tag Team partner di Miz che a mio avviso e sempre stato un po’ sottovalutato dalla WWE. Un buonissimo opener per questo PPV.

ELIMINATION CHAMBER MATCH PER DECRETARE IL PRIMO SFIDANTE AL TITOLO UNIVERSALE, DANIEL BRYAN SCONFIGGE JAY USO, CESARO, KEVIN OWENS, SAMI ZAYN E CORBIN. VOTO: 7,5
È stato un match interessante e per certi versi sorprendente. Eliminati subito Corbin e Sami Zayn, ed è stato meglio così visto che i due non erano affatto credibili in questo match. Al di là di questo è stato comunque un buon match con dell’ intensità e del discreto wrestling. Bravo Jey Uso che conferma di essere un wrestler in grandissima crescita. Il finale con Daniel Bryan è stato intenso e spettacolare. Il grande favorito della vigilia Cesaro non ha pienamente convinto, effettuando l’eliminazione del wrestler più debole della contesa, ovvero Corbin. Per il resto non ha fatto moltissimo, a conferma che le voci di un possibile push per lo svizzero erano troppo affrettate. Meglio la vittoria di un Bryan che è già una sicurezza. Buona la prova di Owens, che anche se eliminato forse troppo presto ha comunque avuto dei momenti di gran dominio, portando avanti la sua faida personale con Jey Uso. Match vivace con la giusta dose di violenza. Come detto il successo di Daniel Bryan è stata la scelta più giusta.

ROMAN REIGNS SCONFIGGE DANIEL BRYAN E RESTA CAMOIONE UNIVERSALE SV
Neanche il tempo di tirare il fiato  che Roman Reigns decide di sfidare subito il vincitore dell’Elimination Chamber match, Daniel Bryan. Un segmento breve per rafforzare sempre di più lo status di heel di Roman Reigns. Bello anche il coinvolgimento di Edge che attacca Roman e decide di sfidare il campione di Smackdown. Una sfida destinata a creare un grande interesse, con un esito incerto. Il match non è valutabile per chiari motivi. Però questo segmento è stato ben fatto e ben costruito.

MATT RIDDLE SCONFIGGE LASHLEY E JOHN MORRISON CONQUISTANDO LO US TITLE VOTO: 6,5
Il match è stato per diversi tratti dominato da Lashley. Il finale è stato coinvolgente e divertente. Lashley stava per far cedere Morrison, ma Matt Riddle ha usato la stampella di MVP per interrompere il tutto, schienando Morrison e vincendo il titolo degli Stati Uniti. Un cambio di titolo in un match piacevole e ben combattuto. Certo niente di eccezionale e spettacolare, ma la vivacità e le sorprese non sono mancate. La vittoria del titolo di Matt Riddle apre nuovi scenari, non solo per il Bro che la WWE potrebbe definitivamente lanciare dopo questo trionfo, ma anche per il fatto che la Hurt Business nelle prossime settimane con Lashley può puntare al main event. Comunque anche questo match è stato gradevole e divertente.

NIA JAX E SHAYNA BASZLER SCONFIGGONO SASHA BANKS E BIANCA BELAIR CONFERMANDOSI CAMPIONESSE DI COPPIA VOTO:6,5
Match piuttosto equilibrato, l’inizio ha visto molto bene le due sfidanti Sasha Banks e Bianca Belair. Nonostante fossero l’ennesimo Tag Team improvvisato, si sono comportate in maniera egregia. Nella seconda parte sono venute fuori le campionesse di coppia Nia Jax e Shayna Baszler che confermano di essere un Tag Team collaudato e che funziona bene. Quando sembra vicino un cambio di titolo, ecco arrivare Reginaldo che distrae Sasha Banks.. così le campionesse ne approfittano per conservare le cinture. Un finale che nelle logiche del wrestling ci può stare. Non è da escludere che per il titolo femminile di Smackdown si vada per un match a tre con il coinvolgimento anche di Carmella. Un match interessante e che ha messo tanta carne al fuoco per il futuro.

DREW MCINTYRE VINCE L’ELIMINATION CHAMBER MATCH DI RAW SCONFIGGENDO AJ STYLES, SHEAMUS, JEFF HARDY, KOFI KINGSTON E RANDY ORTON. AL TERMINE MIZ INCASSA IL MITB SU DREW MCINTYRE CONQUISTANDO IL WWE CHAMPIONSHIP VOTO: 8
Un match che ha tenuto fede alla alte premesse della vigilia, una sfida molto ben combattuta dai sei protagonisti. Colpi di scena a ripetizione che arrivano fin da subito all’inizio, con la sorprendente eliminazione di Randy Orton. Kofi Kingston e Jeff Hardy come era prevedibile hanno vivacizzato il match con le loro azioni acrobatiche. Nella seconda parte si sono visti in evidenza Sheamus ed AJ Styles. Ad un certo punto ho pensato che The Phenomenal potesse diventare campione. Ma invece c’è stato Drew e che con una incredibile Claymore ha vinto. Poi tutto il segmento con Lashley che attacca lo scozzese e l’incasso di Miz che diventa campione WWE. Un rimescolamento delle carte in tavola che crea un hype in vista di Wrestlemania, molto interessante e coinvolgente. Insomma devo dire che in questo main event non è mancato nulla. Miz campione WWE può piacere o no, ma per interrompere il lungo regno da campione di Drew Mcintyre ci voleva un’invenzione che può essere questa. Miz come campione può funzionare. Ora tra la voglia di rivincita di Mcintyre e il coinvolgimento della Hurt Business. E con AJ Styles e Sheamus sempre in agguato. La scena del main event di Raw, in vista di Wrestlemania, si preannuncia ricca di spunti.

VOTO al PPV: 7,5
Unica nota stonata è stato il match non disputato tra Asuka e Lacey Evans. Magari per la giapponese si poteva trovare una sostituzione, come fatto per Keith Lee nel match per lo Us Title. Per il resto un gran bel PPV, non è stato il solito evento di transizione e di passaggio. Ha messo delle buone basi per Wrestlemania. L’incasso di Miz, Edge che attacca Roman Reigns, la Hurt Business che aiuta lo stesso Miz, Matt Riddle che vince lo Us Title ed anche il match di coppia femminile non mi è dispiaciuto. Due Elimination Chamber match entusiasmanti. Davvero alla WWE questa volta non posso dirgli nulla, anche se il match per il titolo femminile di Raw poteva essere trattato in un’altra maniera. La WWE si è fatta perdonare con un bel PPV con emozioni, colpi di scena e cambi di titolo. Un bel viatico in  vista dello Showcase of Immortal, con un bel rimescolamento delle carte soprattutto per il WWE Championship. Speriamo che la federazione di Stamford prosegua per questa strada. Miz campione WWE, Edge che sfida Roman Reigns sono solo due cose destinate a creare un grande interesse per le prossime settimane.

ANGELO SORBELLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *