Wrestling & Cinema: Man on the Moon

Wrestling & Cinema: Man on the Moon

La storia di un uomo fuori dal comune catapultato nel mondo del wrestling in un modo tanto originale quanto folle…

Scheda tecnica

Titolo: Man on the Moon
Conosciuto anche come: Andy Kaufman (Titolo di Lavorazione USA, 1997)
Anno: 1999
Produzione: USA
Durata: 118 min.
Regia: Milos Forman
Sceneggiatura: Scott Alexander, Larry Karaszewski
Cast: Jerry “The King” Lawler, Jim Ross, Danny DeVito, Courtney Love, Jim Carrey, Paul Giamatti.

Recensione
Il film narra la vita, piena di sorprese, risate ma anche di tragedie e dolore, di Andy Kaufman, personaggio surreale nel panorama americano dell’intrattenimento: la pellicola parte dalla sua infanzia, in cui già si intravedeva una notevole vena umoristica (che tanta fortuna gli avrebbe poi portato nell’arco degli anni che vanno dal 1975 al 1983) fino alla sua morte, avvenuta in circostanze drammatiche all’età di appena trentacinque anni. Kaufman giocava col pubblico, inventando personaggi che litigavano con i vip del mondo dello spettacolo, arrivando ad un grado di oltraggiosa imprevedibilità come mai se ne erano visti prima: persino quando Andy annuncia la sua imminente morte a causa del cancro, le persone più fedeli a lui, dalla ragazza al suo migliore amico, non gli crederanno e scoppierano in delle (in seguito) amare risate…

Kaufman consolida Il suo legame col wrestling grazie ai suoi alterchi con Jerry “The King of Memphis” Lawler (che nel film interpreta se stesso) e a una serie di episodi in cui il comico sfida delle donne in match assurdi proclamandosi campione del mondo di “intergender” (ovvero di lotta di uomini contro donne, pura follia…): alla fine, Lawler affronta a Kaufman in un regolare incontro e Andy ne esce con il collo fratturato dopo essere stato messo ko con un piledriver, la finisher del buon vecchio King.

In seguito a quest’ultimo “incidente”, i due siglano una breve amicizia, che li porta addirittura a litigare durante il David Letterman Show, famoso talk-show americano, inscenando un farsa memorabile…

“Man on the Moon” è di sicuro un film da vedere, anche per chi che non apprezza lo stile del cinema biografico: il regista Milos Forman è infatti riuscito a ricostruire alla perfezione il genio sregolato di Kaufman mentre Jim Carrey, ancora una volta a suo agio in un doppio ruolo drammatico-comico (vi ricordate il bellissimo “The Truman Show” ?), ci offre un’interpretazione si Andy molto realistica e “viva”, che va ben oltre le aspettative per un prodotto indubbiamente per palati fini, estremamente complesso e per certo versi dai contenuti contrastanti.

Da segnalare pure il breve cameo nel film anche di J. R. Jim Ross (fedele compagno di sventure al microfono con Lawler per molti anni) e l’omonimo brano dei R. E. M. scritto nel 1992 proprio in onore di Kaufman e rispolverato in occasione di questo film.

 

“Maestro” Francesco Zamori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *