Raven: la storia di Scott Levy

Nome e Cognome: Scott Levy

Altezza: 180 cm

                                                                 Peso: 120 kg

Nato il: 8 settembre 1964

A: Short Hills, New Jersey

Mossa risolutiva finale: Evenflow DDT(Raven Effect)

Debutto nel wrestling: 1988

Federazioni: PNW, USWA, SMW, MEWF, HWA, USA Pro, 3PW GWF, WCW, WWF/E, ECW, ROH,  MLW, NWA/TNA

Titoli vinti:
NWA Pacific Northwest Tag Team titles(3)

NWA Pacific Northwest Television title

NWA Pacific Northwest Heavyweight title(4)

USWA Tag Team titles

MEWF Mid-Atlantic title

MEWF Heavyweight title

NWA Television title

ECW Tag Team titles(4)

ECW Heavyweight title(2)

WCW Tag Team titles

WCW United States Heavyweight title

WWF Hardcore title(26)

HWA Tag Team titles(2)

USA Pro Heavyweight title(2)

3PW Heavyweight title

NWA World Heavyweight title

NWA Central States Heavyweight title

UXW World Heavyweight Title(5)

CWA Pro Wrestling World Heavyweight Title

AWF Australian Heavyweight Title

VCW Heavyweight Title

INTRODUZIONE

Quote the Raven. Nevermore. Pilastro della ECW, prima jobber e poi campione US in WCW, bistrattato in WWF/E, campione Tna. Tantissimi poi i suoi match nelle indies. Il secondo(dopo Shane Douglas) a conquistare almeno una cintura in ECW, WCW, WWF/E e NWA. Di sicuro Raven è uno di quei lottatori che lasciano il segno e che non possono essere ignorati. Una vera e propria leggenda vivente di cui è giusto ricomporre la grande storia, che parte dal lontano 1988….

DAGLI ESORDI NELLE INDIES AL PERIODO WCW

Scott Levy, classe 1964, è uno studente dell’Università del Delaware che sogna di diventare un giudice(infatti si specializza in giustizia criminale). Ben presto però un’altra passione prende il sopravvento, quella per il wrestling, e il ragazzo, dopo essersi allenato nella palestra di Larry Sharpe, nel 1988 debutta nella federazione di Jerry The King Lawler col quale ha una faida per i servigi di Missy Hyatt. Naturalmente viene sconfitto dalla rinomata superstar di Memphis e comincia allora a lottare in Florida, dove prende la gimmick di Scotty The Body, il classico playboy che viene accompagnato sul ring da belle ragazze. Dopo il breve periodo in Florida, Scott comincia a combattere a Vancouver, ma il promoter Al Tomko gli mette i bastoni tra le ruote in quanto pensa che stia rubando le luci della ribalta ai suoi figli, che egli considera future stelle(e invece nessuno di loro farà strada).

Viene anche denunciato per aver colpito volontariamente un arbitro con un dropkick, ma le prove risultano false e Scott viene assolto, poi si trasferisce in una federazione satellite della NWA, la PNW. Qui vince quasi subito gli NWA Pacific Northwest Tag Team titles in coppia con Top Gun ma un mese dopo i due si separano e si affrontano in un match con in palio le cinture. E’Scott a vincere e così può scegliere il suo nuovo partner, The Grappler. Dopo tre settimane i due vengono sconfitti dai Southern Rockers e allora Scott decide di partecipare al torneo valido per l’assegnazione dell’ NWA Pacific Northwest Heavyweight title, torneo che vince battendo in finale Carl Styles il 2 settembre 1989. Un mese dopo, Rex King gli strappa il titolo, ma passa una settimana e Scott è di nuovo campione. In seguito è Curtis Thompson a togliergli la cintura, Scott allora conquista il titolo televisivo ai danni di Ricky Santana ma Thompson lo sconfigge di nuovo.

Il 2 giugno 1990 inizia il quarto regno da campione dei pesi massimi del futuro Raven che ha la meglio sul suo ex tag team partner The Grappler. In seguito vince anche il titolo tag con Steve Doll, ma poi i due litigano e si separano iniziando una faida nella quale viene coinvolta la valletta di Scott, Ginger. Questa viene vinta da Doll in un match e viene rimpiazzata da Scott con un’altra ragazza, Veronica: tuttavia lui rivuole indietro Ginger e riesce a rivincerla in un match contro il rivale. La ragazza però non intende tornare con lui e a nulla valgono cioccolatini, fiori, orsetti di peluche, biglietti aerei per Cancan.

Solo la proposta di matrimonio riavvicina Ginger a Scott ma questi si rimangia tutto!

Intanto è arrivato il momento di cambiare aria, Scott lascia la federazione che lo ha lanciato e approda alla Global Wrestling Federation, dove combatte col nome di Scott Anthony ed entra a far parte della stable denominata “The Cartel” della quale fanno parte Mahkan Sing, Rip Rogers e Cactus Jack Manson(Mick Foley). Lo stint in questa federazione si rivela un vero e proprio fallimento ma i tempi sono maturi per un esordio in una major: nel 1991 approda alla WCW quando il booker Dusty Rhodes, che non crede nelle capacità di Scott avendolo visto quando combatteva in Florida, viene convinto da Diamond Dallas Page a far provare il ragazzo. Il match viene definito da Eric Bischoff il miglior match di prova che abbia mai visto e così Scott viene messo sotto contratto.

TRA WCW E WWF: SCOTTY FLAMMINGO E JOHNNY POLO

In WCW, Scott prende il nome di Scotty Flammingo, un giovane aristocratico che viene subito preso sotto l’ala protettrice di Diamond Dallas Page(colui che lo aveva scoperto) e inserito nella stable chiamata “Diamond Mine” nella quale militavano altri due wrestlers che avrebbero fatto parlare di loro in futuro, Vinnie Vegas(Kevin Nash) e The Diamond Studd(Scott Hall). Flammingo combatte nella categoria lightheavyweight(la sua stazza era molto inferiore a quella di adesso) e a Wrestlewar 1992 batte Marcus Alexander Bagwell aggiudicandosi una shot per il titolo dei pesi leggeri detenuto da Brian Pillman.

Il match si svolge il 20 luglio durante il pay per view Beach Blast e Scott conquista la cintura per poi perderla due settimane dopo a favore di Brad Armstrong. L’arrivo del nuovo booker Bill Watts(padre di Erik Watts, col quale Raven avrà a che fare in Tna) cambia le carte in tavola: egli infatti non vede nessuna potenzialità in Flammingo e così decide di mettere fine al suo push. A Clash of the Champions XXI, Scotty sconfigge Johnny B.Badd in un match di boxe grazie a DDP che aveva riempito d’acqua un suo guantone,  poi come da copione finisce nel midcarding e nell’edizione successiva di Clash of the Champions viene schienato da Too Cold Scorpio.

Finalmente capisce che Watts non crede in lui e abbandona la WCW per la USWA, federazione nella quale fa coppia con Brian Christopher, il figlio di Jerry Lawler. I due conquistano i titoli di coppia contro i Moondogs, perdendoli contro gli stessi una settimana dopo. Nel 1993 la WWF mette sotto contratto Scott, gli cambia il nome in Johnny Polo e lo trasforma in…. un manager!!! E’il periodo più umiliante della carriera di colui che solo pochi anni dopo diventerà l’idolo dei fans ECW: Polo combatte pochissimi match e li perde tutti, affianca Adam Bomb(Brian Clark, futuro membro dei Kronik) ma questi viene usato come jobber, poi aiuta i Quebecers(Jacques e Pierre) ad emergere nella categoria tag team. I due canadesi conquistano per ben quattro volte i titoli di coppia, ma quando lasciano la federazione Polo viene prima spedito nella Smoking Mountain Wrestling e poi licenziato. Nel 1995 approda in ECW ed è qui che combatte per la prima volta con la gimmick che lo accompagnerà per il resto della sua carriera: Raven è pronto a fare il suo esordio e a sconvolgere per sempre il mondo del wrestling!

IL PERSONAGGIO

Agli inizi degli anni ’90 il mondo della musica viene rivoluzionato da un nuovo genere, il grunge. Gruppi come Nirvana, Pearl Jam, Alice in Chains e Soundgarden diventano gli idoli delle folle e fanno registrare grandi record di vendite. Il grunge non diventa solo un genere musicale, ma anche un vero e proprio stile di vita.

E’ caratterizzato da un forte anticonformismo che si manifesta nei modi più disparati, dai vari colpi di testa di Kurt Cobain (l’indimenticato leader dei Nirvana) alla ribellione dei Pearl Jam che decidono di non girare più video né di concedere interviste. Nasce una vera e propria moda, quella dei capelli lunghi, dei jeans tagliati al ginocchio, delle maglie nere dei gruppi musicali. Nel 1994 Kurt Cobain muore suicida, ma il grunge sopravvive per diversi anni. Un anno dopo la morte di Cobain nasce il personaggio di Raven che incarna tutti gli stereotipi del grunge.

Il wrestler però, nonostante il suo tema d’entrata sia una variante di “Come As You Are” dei Nirvana, non somiglia tanto a Kurt Cobain quanto ad Eddie Vedder, il leader dei Pearl Jam, guarda caso l’unico gruppo tra quelli che ho citato che nel 2005 incide ancora dischi di ottima qualità(i Soundgarden si sono sciolti, l’avventura degli Alice in Chains si è conclusa con una tragedia, la morte del cantante Layne Staley nel 2002). A metà del 1999 la gimmick di Raven inizia a cambiare, mischiando lo stile grunge con quello dark: sul viso del wrestler appare una chiave egizia che rappresenta il mondo dei morti. Nel periodo in WWF Raven potrebbe anche cambiare nome, visto che diventa irriconoscibile: capelli rasta, trucco da indiano e svariati tipi di gonne lo rendono semplicemente ridicolo. Per fortuna nel 2003 Raven viene licenziato e in Tna pian piano completa quella trasformazione che era iniziata quattro anni prima. Compaiono il trucco attorno agli occhi, le scritte sul corpo, lo smalto nero sulle dita, inoltre il suo tema d’entrata viene remixato in stile gothic: Raven diventa così un mix perfetto tra grunge e dark….

RAVEN IN ECW

Raven fa il suo debutto nella federazione di Philadelphia il 7 gennaio 1995: ad invocarlo è Steven Richards, che lo ritiene un idolo e che per settimane aveva interpretato le precedenti gimmick del wrestler facendosi chiamare Stevie The Body, Stevie Polo, Stevie Flammingo. Raven combatte anche in qualche indies e ad aprile conquista il titolo dei pesi massimi della MEWF e in seguito quello Mid Atlantic, oltre all’NWA television title. In ECW intanto fonda il gruppo chiamato Nest, stable nella quale entrano a far parte Richards, Beluah McGillicutty, i Dudley Boyz e i Pitbulls.

Il 30 giugno Raven e Richards conquistano i titoli tag sconfiggendo i Public Enemy. Successivamente i Pitbulls tradiscono il Nest ed entrano in rotta di collisione coi campioni ai quali portano via le cinture il 16 settembre. Venti giorni dopo Raven e Richards si riappropriano dei titoli ma nel corso della stessa serata li cedono ai Public Enemy al termine di una three-way dance nella quale partecipavano anche i Gangstas. Nel Nest entra un ex compagno di stable di Raven, Cactus Jack Manson: i due sono protagonisti di una bellissima faida contro Terry Funk e Tommy Dreamer. Inizia poi uno dei feud più appassionanti della carriera di Raven, quello che lo vede opposto all’allora campione ECW The Sandman! Raven per la prima volta dimostra di essere davvero spietato facendo entrare nel Nest Lori e Tyler, rispettivamente la moglie e il figlio di The Sandman!! Tyler comincia persino ad allenarsi coi membri del Nest e ad eseguire lo Stevie kick, la finisher di Richards! Il 27 gennaio 1996 Raven schiena il rivale e si laurea per la prima volta campione ECW.

Difende il titolo per diversi mesi per poi perderlo in una situazione molto strana: impegnato in un tag team match che prevede la perdita del titolo ECW in caso di sconfitta, Raven non si presenta sul ring e il suo posto viene preso da Brian Lee; il match si conclude quando Richards viene schienato da The Sandman che dopo mesi si riappropria della cintura. Raven si scaglia contro Richards e lo massacra in più occasioni, il 12 dicembre affronta Sandman in un barbed wire match dal quale esce vincitore e così si riprende il titolo. Dopo aver respinto gli assalti di Richards e di The Sandman, Raven deve difendersi da un agguerritissimo Tommy Dreamer. Durante il feud, Beluah tradisce il Nest per schierarsi con Dreamer e viene rimpiazzata prima con Kimona, poi con Chastity. Raven riesce a sconfiggere più volte Dreamer il quale però si vendica a Barely Legal(13 aprile 1997) quando stende il rivale con un ddt permettendo a Terry Funk di conquistare il titolo ECW! Il 6 giugno a Wrestlepalooza si svolge il “loser leaves ECW” match tra Dreamer e Raven e siccome quest’ultimo è già d’accordo con la WCW concede il job al rivale e lascia per la prima volta la federazione di Philadelphia.

IL SECONDO STINT IN WCW: DALLA FLOCK AL DEAD POOL

Il 30 giugno 1997 Raven si presenta per la prima volta a Nitro sedendosi tra il pubblico e venendo riconosciuto dagli annunciatori come il campione di un’organizzazione indipendente. Secondo la storyline, il lottatore non vuole saperne di firmare un contratto con la WCW, Steven Richards allora cerca di convincerlo ma il 21 agosto viene massacrato dall’ex amico. Raven dice che firmerà soltanto se gli verrà concesso di combattere solo quando vuole e con le sue regole, le famose Raven’s rules.

Ben presto fonda una stable, The Flock, di cui fanno parte Billy Kidman, Perry Saturn, Van Hammer, Sickboy, Horace Hogan, Reese e Lodi(che esibisce spesso cartelli con elogi al suo leader, come quello con su scritto “Raven is god”). A World War III Raven non solo sconfigge Scotty Riggs ma lo manda anche contro una sedia provocandogli seri danni ad un occhio. Naturalmente si tratta di una storyline, stavolta non c’è Al Tomko a sporgere denuncia e qualche settimana dopo Riggs entra nel Flock con una benda sull’occhio. All’inizio del 1998 inizia una faida a tre per il titolo US tra Raven, Chris Benoit e il campione Diamond Dallas Page. I primi due si affrontano prima a Nitro, dove è Raven a vincere, e poi a Souled Out, in un match senza squalifiche nel quale Benoit riesce a far cedere l’avversario alla sua crippler crossface.

Ad Uncensored DDP si aggiudica la three way dance mantenendo il titolo US, ma la rivalità con Raven si fa sempre più aspra e ottiene anche un grande riscontro. I due ce la mettono tutta per pubblicizzare il loro feud, Raven interviene nel programma MTV Live stendendo Page col suo evenflow ddt, i due combattono persino nel video degli Stuck Mojo e in quell’occasione DDP si prende cura dell’intero Flock. A Spring Stampede finalmente si affrontano in un match per il titolo e Raven vince! Si pensa ad un grande futuro per quello che in pochi mesi è diventato uno dei wrestlers di punta della federazione, ma ancora una volta la sua ascesa viene bloccata. Raven infatti non sta simpatico ad Hulk Hogan, che ha un grandissimo potere politico nel backstage. The Hulkster invece è molto amico di Bill Goldberg e prevede per lui un roseo futuro: così Goldberg a Spring Stampede sconfigge Perry Saturn e il giorno dopo a Nitro si sbarazza di Raven privandolo del titolo US!! Il regno di Raven dura solo un giorno!

Nella stessa serata Raven viene attaccato da un fan, allora chiede al commissioner JJ Dillon di poter disporre di un gruppo di guardie che lo proteggano. A Slamboree si svolge un cage match tra Raven e DDP ed è quest’ultimo a vincere grazie anche all’intervento di Van Hammer che si vendica del Flock che lo aveva defenestrato qualche settimana prima. Saturn invece decide di lasciare il gruppo di sua spontanea volontà e inizia una faida con Raven: i due si affrontano a Bash At The Beach ed è il leader del Flock a uscire vincitore al termine di un match durante il quale Kanyon(che quando interpretava la gimmick di Mortis aveva chiesto a Raven di poter entrare nella stable ma aveva ricevuto non solo un secco “no” ma anche un evenflow ddt nella rampa che porta al ring) aveva attaccato entrambi. L’8 agosto a Road Wild, Saturn sconfigge i due rivali in una three way dance, a Fall Brawl invece ha la meglio su Raven ottenendo così lo scioglimento del flock. Sorprendentemente, l’unico a rimanere dalla parte di Raven è Kanyon e i due cominciano a combattere spesso in coppia.

Il 21 settembre a Nitro sbagliano completamente una double powerbomb e infortunano seriamente Villano IV: in quell’occasione Raven è costretto a rompere la keyfabe per prestare soccorso al povero wrestler che è steso al tappeto privo di sensi. Ad Halloween Havoc Raven viene sconfitto da Chris Jericho, poi è protagonista di un angle nel quale avendo perso la voglia di combattere torna a casa dalla madre con l’intento di godersi la vita. Kanyon però cerca in tutti i modi di convincerlo a salire di nuovo sul ring e all’inizio del 1999 Raven ritorna in piena forma attaccando Hak (The Sandman) e Bam Bam Bigelow, rei secondo lui di avergli rubato le Raven’s rules. Al suo fianco c’è la “sorella” Chastity, che ad Uncensored lo tradisce regalando ad Hak la vittoria nella three way dance alla quale partecipava anche Bigelow. Inaspettatamente, Saturn decide di allearsi con Raven e i due cercano di conquistare i titoli di coppia: a Spring Stampede vengono sconfitti da Benoit e Malenko ma a Slamboree battono Kidman&Mysterio e Benoit & Malenko conquistando le cinture.

Il loro regno dura tre settimane al termine delle quali Raven perde i titoli senza neanche combattere: prima del match viene attaccato da DDP e Bam Bam Bigelow e il suo posto viene preso da Kanyon che viene schienato dagli avversari(nelle settimane successive si scoprirà che Kanyon era d’accordo coi due). Il 2 agosto Raven fa il suo ritorno a fianco di Vampiro e degli Insane Clown Posse: la nuova agguerrita stable si chiama Dead Pool ed è qui che il personaggio di Raven comincia a diventare sempre più dark. E’prevista per lui una faida con The Demon, il wrestler che si ispira a Gene Simmons, ma dopo una serie di divergenze coi dirigenti WCW Raven lascia la federazione. In seguito rilascia alcune interviste nelle quali spara a zero su Hogan definendolo un egoista e un buffone; il 25 agosto 1999 firma un contratto di un anno con la ECW!

RAVEN DI NUOVO IN ECW

Il 26 agosto Raven fa il suo ritorno nella federazione di Philadelphia aiutando l’ex rivale Tommy Dreamer a sconfiggere i Dudley Boyz e conquistando i titoli di coppia! I due, visti i loro trascorsi, naturamente non vanno molto d’accordo, tuttavia il loro regno dura fino al 9 gennaio 2000 quando gli Impact Players vincono le cinture. In questo periodo Raven e Lance Storm affiancano Dreamer nel booking team. Gli Impact Players perdono i titoli contro la coppia composta da Dreamer e Masato Tanaka, che a sua volta il 4 marzo cede le cinture a Raven e Mike Awesome. Tra le tre coppie si disputa un triangolare che viene vinto dagli Impact Players. La ECW intanto naviga in cattive acque e Raven, con il quale la ECW ha un debito di 78.000 dollari, lascia la federazione e approda alla WWF.

IL TRISTE RITORNO IN WWF

Ad Unforgiven 2000 Raven debutta in WWF aiutando un altro ex ECW, Tazz, a sconfiggere Jerry Lawler. Il suo personaggio viene stravolto, persino la musica viene cambiata e il wrestler viene relegato nella categoria hardcore della quale diventa leader indiscusso. Il 22 dicembre fa suo l’hardcore title sconfiggendo Steve Blackman e Hardcore Holly e in pochi mesi, a causa della regola del 24/7 conquista la cintura per 10 volte. In quel periodo viene assistito da un ninja misterioso che si rivela essere Tori.

A No Way Out Big Show gli porta via il titolo ma tre settimane dopo Raven ottiene la sua rivincita. A Wrestlemania X-7 affronta Big Show e Kane e viene schienato da quest’ultimo, a Backlash affronta il nuovo campione Rhyno: il loro match, in perfetto ECW-style, è uno dei migliori incontri hardcore della storia della WWF e volge a favore dell’uomo rinoceronte. Il 9 luglio 2001, in un periodo in cui la WWF è “invasa” dalla WCW, si forma un team della ECW capitanato da Stephanie McMahon: Raven è uno dei membri del gruppo, che presto si unisce alla WCW per formare l’Alliance! Il 22 luglio al pay per view Invasion, Raven sconfigge William Regal, il quale però nei mesi successivi è protagonista di faide importanti, mentre l’ex campione ECW viene relegato nella categoria tag team: combatte in coppia con Justin Credible e il duo rimedia molte sconfitte(contro gli Hardyz, contro gli X-Factor) e un no contest contro i nemici-amici Chris Jericho e The Rock. Alle Survivor Series l’Alliance viene spazzata via, agli inizi del 2002 Raven combatte anche nella HWA conquistando con Hugh Morrus i titoli tag, il 28 marzo fa suo il titolo hardcore per la dodicesima volta battendo Maven. Bubba Ray Dudley gli porta via il titolo quattro giorni dopo, ma Raven lo riconquista più e più volte fino a diventare campione per la ventesima volta.

Il 17 giugno a Raw, Raven viene sconfitto da Jeff Hardy, ma forma un alleanza con The Undertaker volta a distruggere il più giovane degli Hardyz. In seguito però Undertaker combatte da solo la sua battaglia contro Jeff e la situazione precipita il 24 giugno quando Raven perde un “loser leaves Raw” match contro Tommy Dreamer: che la WWE(nuovo nome della fed dopo la causa persa con il WWF) volesse riproporre quel “loser leaves ECW” match che si era svolto cinque anni prima? Raven combatte nello show minore della WWE, Heat, per diversi mesi, rientra a Raw il 13 gennaio 2003 e perde contro Jeff Hardy in un match valido per la qualificazione alla Royal Rumble. La WWE gli chiede di cambiare look dicendogli di avere in mente una nuova gimmick e gli fa tagliare i capelli rendendolo irriconoscibile: qualche giorno dopo lo licenzia credendo che nessuna federazione possa puntare su un Raven ridotto così. E invece la NWA/Tna fiuta l’affare, approfittando anche del fatto che Raven a differenza di altri wrestler, non ha nel suo contratto la clausola “no compete”…..

RAVEN IN TNA

Il 22 gennaio 2003 (due giorni dopo il licenziamento!) Raven fa la sua prima apparizione in un pay per view Tna attaccando Jeff Jarrett e rubandogli il titolo NWA!!! Il pubblico lo accoglie con un boato, il lottatore chiede una shot per il world title ma gli viene mandato contro The Sandman: Raven lo sconfigge in un falls count anywhere match e il 5 marzo in un “Clockwork Orange” match con arbitro speciale Kevin Sullivan. Una settimana dopo pareggia contro Aj Styles, il 15 marzo combatte nella ROH ma viene sconfitto da CM Punk. Il 19 marzo finalmente ottiene una title shot quando sconfigge Styles in un ladder match, uno degli incontri più belli dell’anno.

Nella ROH in coppia con Colt Cabana batte CM Punk e Ace Steele ma dopo il match Cabana tradisce Raven e in seguito forma insieme a Punk il tag team chiamato “The second city saints” che sconfigge l’ex Johnny Polo per ben due volte. In Tna, dopo esser stato sconfitto da Jarett in un match pieno zeppo di interferenze, Raven forma una stable con Dinero e Alexis Larèè: in seguito si unisce a loro proprio Punk(che nella ROH si aggiudica un dog collar match) e il trio Raven-Punk-Dinero prende il nome di “The Gathering”. Il 28 maggio il rientrante Vince Russo permette a Glenn Gilberti di battere Raven, che si rifà tre giorni dopo nella US Pro dove sconfigge il titolo dei pesi massimi ai danni di Balls Mahoney.

L’11 giugno si svolge una three way dance per il titolo NWA tra Jarrett, Raven ed Aj Styles ed è proprio quest’ultimo Inizia la faida tra Raven e la New Church, stable capitanata da James Mitchell, il quale durante un match scaglia una fireball contro il nemico! Shane Douglas, Brian Lee e Slash sconfiggono il Gathering per ben due volte, il 20 agosto invece Raven vince il “Lucky 13 Gauntlet Match” e diventa il contendente numero uno al titolo di Styles. Le interferenze della New Church gli costano la cintura, mentre nei War Games il team formato da Jarrett, Harris, Storm, Brown, Raven ha la meglio su quello composto da Styles, Douglas, Daniels, Diamond e Swinger.

Nella ROH si aggiudica un “A Clockwork Orange” cage match contro Punk, in Tna il 17 settembre perde, a causa dell’interferenza del suo vecchio alleato in WCW Vampiro, un hair vs hair match contro Shane Douglas e viene rasato a zero tra le risate di James Mitchell! In pochissimi giorni Raven combatte cinque match in altrettante federazioni: il 19 settembre nella MLW sconfigge Nosawa, il 20 nella ROH viene battuto da Steve Corino, il 24 in Tna il Gathering ha la meglio sulla New Church in un dog collar match, il 26 nella US Pro Raven schiena Balls Mahoney mentre il 27 nella JAPW viene sconfitto da Al Snow. Nelle settimane successive(oltre a battere Justin Credible nella ROH) Raven massacra uno dopo l’altro i membri del New Church: Sinn, Slash e Vampiro vengono spazzati via dal wrestler che il 5 novembre riesce finalmente a liberarsi di Mitchell colpendolo brutalmente in un last man standing match.

Inizia allora la faida tra il Gathering e la Red Shirt Security: si svolgono numerosi match tra le due stable e la svolta avviene il 17 dicembre quando durante il cage match che vede opposti Abyss, Joe Legend e Kevin Northcutt a Raven, CM Punk e Julio Dinero questi ultimi tradiscono il loro leader!!! Il fatto che qualche settimana prima si fosse conclusa la faida tra Punk e Raven crea ancora più confusione tra i fans, confusione che non sarebbe mai sorta se Tna e ROH avessero collaborato anziché intralciarsi reciprocamente. Il 7 gennaio 2004 Raven, che nel frattempo è diventato commissioner e campione della 3PW, e The Sandman vengono sconfitti da Punk e Dinero che si avvalgono dell’aiuto di… James Mitchell! A gennaio e a febbraio Raven combatte nelle indies(e perde anche il titolo US Pro a favore di Shane Douglas), poi la sua vendetta si abbatte sul Gathering.

Il 18 e il 25 febbraio l’ex campione ECW ha la meglio su Punk e Dinero facendo coppia prima con Terry Funk e poi con Sabu!!! Proprio quest’ultimo corre in suo aiuto per salvarlo dall’attacco dei Naturals, la risposta di Vince Russo alle richieste di una title shot da parte di Raven, che in seguito riesce a diventare il contendente numero uno per la cintura sconfiggendo Aj Styles e Ron Killings. Non ha fatto i conti con Chris Harris degli America’s Most Wanted, che due settimane dopo lo batte in un match con in palio la title shot. Harris però non disputa il match titolato perché viene attaccato nel backstage da Raven, il quale nel corso della stessa serata lascia il suo tag team partner Sabu in balia di Abyss e Monty Brown.

Harris è sostituito da Aj Styles, che vince match e cintura e il 5 maggio mette in palio l’alloro contro Raven, che nel frattempo ha perso il titolo 3PW mentre qualche giorno dopo si è riappropriato di quello della US Pro: Harris(che per l’occasione si traveste da La Parka) ottiene la sua vendetta permettendo a Styles di tenere il titolo, ma Raven non ci sta e una settimana dopo gli rende il favore!! Si arriva allora al Deadly Draw match tra Raven, Styles, Harris e Ron Killings ed è quest’ultimo a trionfare!! I quattro sono protagonisti insieme a Jeff Jarrett del primo King of the Mountain match della storia della federazione nel quale proprio Jarrett, con l’aiuto di Ken Shamrock, riesce a laurearsi campione per la terza volta. Inizia allora la faida più bella di tutto il 2004: Raven sfida Sabu ad un match, ma questi rifiuta tenendo fede alla promessa che i due avevano fatto anni prima a The Original Sheik il quale gli aveva chiesto di non combattere mai tra loro. Raven non ci sta e comincia i suoi mind games ad opera del rivale: manca più volte di rispetto al defunto Sheik, lascia messaggi al nemico, interferisce in ogni suo match e colpisce con violenza Sonjay Dutt, tag team partner e amico di Sabu.

All’ennesima sconfitta causatagli dal rivale, Sabu inizia a reagire e così viene fissato un loro match il 4 agosto 2004. La vittoria arride a Raven al termine di uno splendido match, viene fissata la rivincita tra i due e un Raven sempre più dark sembra pronto a portare a termine con successo questa faida e a puntare di nuovo al titolo: in poche settimane però le cose cambiano, e in peggio. Sabu si infortuna e nel booking team assume sempre più potere Dusty Rhodes(che aveva già avuto a che fare con Raven in WCW) che decide di puntare su altri wrestlers.

Il posto di Sabu viene preso da Sonjay Dutt che a sorpresa il 18 agosto sconfigge Raven, il quale qualche settimana dopo viene eliminato da Monty Brown in un torneo per decidere il primo contendente al titolo NWA! A Victory Road combatte nel “Monster’s Ball” match contro Abyss e Monty Brown ma ancora una volta è The Alpha Male a vincere. Diamond Dallas Page esordisce in Tna e interferisce in tutti i match di Raven: i due si affrontano a Turning Point ed è Page a vincere, a Final Resolution invece Raven jobba contro Erik Watts. Il 21 gennaio 2005 a Impact, Raven rompe le dita a Cassidy Reilly, il suo futuro fan, il quale viene salvato da Dustin Rhodes. Inizia una faida tra i due che si affrontano ad Against All Odds in un match vinto da Raven e a Destination X in un texas bullrope match vinto da Rhodes.

Entrambi i match risultano semplicemente inguardabili, poi un Raven sempre più in soprappeso ha una faida contro Jeff Hardy che lo sconfigge in un cage match a Lockdown. La credibilità di Raven è ai minimi storici: stavolta però, la sorte gli dà una mano. Ad Hard Justice dovrebbe affrontare Jeff Hardy in un “A Clockwork Orange of Fun” match ma questi non si presenta all’arena: il suo posto viene preso da Sean Waltman che viene sconfitto in un incontro molto cruento(da segnalare il fatto che il promo del match viene girato in fretta e furia, con l’ex campione ECW che chiama il rivale col nome che aveva in WWE, X-Pac). Nello show pro-ECW, Hardcore Homecoming, Raven ha la meglio sul suo vecchio rivale Sandman. Anche la WWE organizza un evento per ricordare la ECW, One Night Stand, e inizia un periodo in cui la federazione di Philadelphia torna di moda. La Tna fiuta l’affare e così si arriva al 19 giugno 2005, un giorno che Raven non dimenticherà mai. Si svolge il pay per view Slammyversary nel quale è in programma un King of the Mountain match: Jeff Jarrett vorrebbe riconquistare il titolo, ma i tempi son cambiati, l’head booker non è più Dusty Rhodes e così Jeff non viene accontentato e va su tutte le furie rifiutandosi di combattere.

Viene allora creato un angle nel quale Jarrett attacca un fan e viene arrestato perdendo la possibilità di partecipare al match: il suo posto viene preso da Raven, al quale viene detto che tornerà a casa con la cintura attorno alla vita. Si dice che quando gli è stato riferito ciò egli abbia pianto e questo dimostra il suo immenso amore per il wrestling e la sua grande gioia per esser stato finalmente ripagato di tanti sacrifici. Va tutto come previsto, Raven è il nuovo campione e a No Surrender difende con successo la cintura in un dog collar match contro Abyss che nel frattempo si è alleato col rientrante James Mitchell. Dopo il match però Raven viene attaccato da Jeff Jarrett e… Rhino! Ma le sorprese non sono finite, due settimane dopo infatti Raven scaglia contro i suoi nemici nientemeno che il rientrante Sabu!!!!!!! Il match tra le due coppie si svolge a Sacrifice ed è accompagnato dai soliti grandi promo di Raven(bellissima la scena in cui non fa che ripetere il suo nome e quello di Jarrett con tanto di urlo finale.): alla fine è Rhino a ottenere lo schienamento vincente sul campione NWA dopo averlo sbattuto su un tavolo con la gore!!

Ad Unbreakable, Raven e Rhino si affrontano per il titolo NWA: a distanza di anni dal loro match in WWE, i due danno vita a un’altra contesa entusiasmante e memorabile. Alla fine la vittoria arride a Raven, ma il suo regno è destinato a concludersi dopo poche settimane. Il 15 settembre infatti avviene la cosiddetta “Controversy in Canada”: durante uno show della canadese Border City Wrestling, Coach D’Amore, proprietario e Commissioner della federazione, sancisce un match tra Jeff Jarrett e Raven valido per il titolo NWA, durante il quale gli America’s Most Wanted interferiscono e regalano incontro e cintura a Double J. Il Director Of Authority Larry Zbyszko non solo rende valido il passaggio di titolo, ma nelle settimane successive nega anche a Raven la possibilità di ottenere un rematch: l’ex Johnny Polo inizia a inseguire Zbyszko ovunque, ma viene sempre fermato dalla sicurezza. Il 12 novembre Zbyszko offre a Raven la possibilità di firmare il rilascio, ma questi non ci sta e allora il Director Of Authority promette di rendergli la vita un vero inferno. A Genesis Zbiszko gli manda contro PJ Polaco(Justin Credible), ma Raven vince; il 3 dicembre è la volta dei Diamonds In The Rough, che però riescono a battere Raven in un Clockwork Orange House Of Fun Handicap Match. L’11 dicembre a Turning Point Zbyszko sceglie un’altra conoscenza di Raven: si tratta di Chris Kay, un tempo conosciuto come Kanyon, che però appare fuori forma e perde la contesa. Il 2006 si apre con quello che sembra essere il confronto finale: Raven affronta l’ennesimo avversario scelto da Zbyszko, ma se stavolta perde dovrà lasciare la TNA. Il misterioso nemico si rivela essere Sean Waltman e, grazie a numerosissime scorrettezze da parte di Zbyszko, riesce a ottenere il conto di tre: Raven è ufficialmente fuori dalla TNA e viene accompagnato all’uscita dell’arena, dove Jackie Gayda sembra proporgli qualcosa. Il buon Scott Levy combatte per qualche mese nelle indies e arricchisce il suo palmares, vincendo il titolo della UXW ai danni di Rhino; il 23 aprile durante il pay per view Lockdown, Raven viene reintegrato nel roster TNA dalla dirigenza e fa il suo ritorno attaccando Zbyszko! Il feud tra i due prosegue a Sacrifice, dove il Director Of Authority gli mette contro A-1: Raven ci mette poco a battere il canadese, mentre il 20 maggio perde il titolo UXW a favore di Trent Acid in un 6-Way Match(gli altri partecipanti erano The Sandman, , Nick Berk, Johnny Candido e Steve Corino). Durante le puntate di Impact che precedono Slammiversary vengono disputati dei match di qualificazione per il King Of The Mountain Match valevole per il titolo NWA: Raven viene messo di fronte a Jeff Jarrett e ha finalmente la possibilità di vendicarsi, ma viene sconfitto per colpa del solito Zbyszko. Il nuovo commissioner Jim Cornette sancisce allora un hair vs hair match tra i due rivali a Victory Road(16 luglio): Raven vince il match e rasa a zero Zbyzsko, il suo incubo sembra finito per sempre.

In questo periodo l’atleta inizia a manifestare dei seri problemi alla tiroide, che lo costringono a lottare sempre più sporadicamente: nel mese di agosto lo troviamo nelle vesti di spettatore dei match tra Abyss e Brother Runt, poi salva quest’ultimo nel Match of 10000 Thacks. Abyss lo sfida allora ad un Hangman’s Horror Match che si tiene il 14 agosto a Impact: Raven viene sconfitto, anche a causa dell’attacco subito da Runt, allora a No Surrender si opta per un triple threat, ma il risultato non cambia, The Monster esce nuovamente vincitore. A Bound For Glory, come da tradizione, va in scena il Monster’s Ball: i protagonisti sono Samoa Joe, Abyss, Brother Runt e Raven, l’arbitro speciale è Jake Roberts. E’Raven a subire lo schienamento, dopo una devastante muscle buster di Samoa Joe; nelle settimane successive l’atleta sparisce nuovamente dalle scene, ma Frankie Kazarian, Maverick Matt e Johnny Devine cominciano a vestirsi nel suo stile. Il gruppo si fa chiamare Serotonin e a Genesis riceve una sonora sconfitta contro i Voodoo Kin Mafia: nel postmatch, Matt e Kazarian fanno inginocchiare Devine, reo di aver subito lo schienamento, al centro del ring, a quel punto compare Raven, che indossa una strana maschera, e lo colpisce violentemente con una singapore cane! Dopo diversi anni, Raven torna ad essere il leader di una stable la quale, però, si rivela un fallimento: i Serotonin combattono quasi solo a Impact e nei pre-show dei pay per view, venendo regolarmente sconfitti e scatenando l’ira del loro leader, che li malmena sistematicamente. Nel 2007 inoltre Raven(che nel 2007 si sposa con una ragazza di nome Selina) combatte sempre meno, perdendo il più delle volte: contro Christopher Daniels in un first blood match, contro Chris Harris, contro il ribelle Kaz(ex Frankie Kazarian) ad Hard Justice(12 agosto 2007). Coi Serotonin che ormai esistono solo di nome, Raven ha un ultimo stint da singolo e si gioca nuovamente la carta Monster’s Ball: a Bound For Glory IV i partecipanti a questo cruentissimo match sono, oltre a lui, Abyss, Black Reign e Rhino. Per il secondo anno consecutivo, Raven subisce lo schienamento decisivo, dopo aver subito una black hole slam di Abyss sopra una parte del ring ricoperta di puntine e vetri rotti. Il 15 novembre Johnny Devine(che aveva cambiato il suo nome in Havoc) si allea col Team 3-D, mettendo la parola fine ai Serotonin; a Turning Point, Raven viene chiamato per sostituire l’infortunato Rhino e far coppia col rivale di sempre Abyss in un Match Of 10000 Thumbthacks che li vede opposti a Black Reign e Rellik. Il duo si aggiudica la vittoria, ma per Raven è il canto del cigno: il suo contratto con la TNA non viene rinnovato e il 7 marzo 2008 il suo profilo viene rimosso dal sito della federazione.

Raven decide di aprire una scuola di wrestling in Georgia e, con l’aiuto di Johnny Swinger , allena giovani atleti che, se seguono attentamente le lezioni del maestro, potrebbero avere un roseo futuro nella disciplina. Inoltre continua a combattere nelle indies: dal 15 marzo all’8 agosto detiene il titolo della CWA Pro Wrestling, nello stesso anno fa qualche apparizione nella Juggalo Championship Wrestling degli Insane Clown Posse e anche nella NWE di Roberto Indiano e detiene per poco tempo l’Australian Heavyweight Title della AWF. A sorpresa, il 28 maggio 2009 fa il suo ritorno in TNA, attaccando Abyss e alleandosi con l’amico di sempre Stevie Richards, ora noto come Doctor Stevie. L’atleta appare dimagrito e molto in forma, come dimostra nell’A Clockwork Orange House Of Fun vinto a Impact contro Jethro Holliday; il suo look è un misto tra quello visto in WWE(capelli rasta, trucco sul viso) e quello che lo rese famoso in ECW(jeans strappati, camicia usata a modo di cintura). A Slammiversary, Raven e Daffney affrontano Taylor Wilde e Abyss in un Monster’s Ball Match, ma prima dell’incontro l’ex campione NWA ci regala un promo da brividi, culminato con una malefica risata che a momenti si trasforma in pianto disperato. Anche la sua prestazione è ottima, ma purtroppo non gli vale la vittoria nè la riconferma: rilasciato dopo Slammiversary, Raven torna nelle indy, dove vince il titolo massimo della Vanguard Championship Wrestling battendo Preston Quinn e ritrova il suo vecchio nemico Larry Zbyszko, il quale ricomincia, proprio come alla fine del 2005, a mandargli contro avversari agguerriti.

Il Diabolical torna in TNA il 19 novembre, quando lancia una fireball contro Mick Foley e si allea nuovamente con Dr Stevie e Daffney. A Final Resolution, Foley si vendica insieme ad Abyss, sconfiggendo Raven e Stevie in un “Foley’s Funhouse” match. Accantonato nella prima parte del 2010, Raven ricompare in estate, quando insieme ad altri ex ECW si allea col campione mondiale Rob Van Dam. Il 29 luglio, Raven stende Tommy Dreamer con la sua ddt, e in seguito ammette di non averlo mai perdonato per avergli portato via Beluah ai tempi della ECW. I due si affrontano nel main event di Hardcore Justice, ed è Raven ad aggiudicarsi una sanguinosissima contesa. La settimana dopo, gli ex wrestler della federazione di Philadelphia formano la stable chiamata Extreme Version 2.0 e iniziano una faida con il Fortune. A Bound For Glory, gli E.V. 2.0 si aggiudicano il Lethal Lockdown match contro il gruppo rivale, ma l’avvento degli Immortals porta a una serie di match dove gli ex ECW sono spesso costretti a mettere in palio la propria carriera. Il turno di Raven arriva presto, con Jeff Hardy che lo sfida a un title vs career match, sconfiggendolo e costringendolo a lasciare la compagnia.

Negli anni successivi, Raven compare in varie indies, tra cui spicca la Resistance Pro Wrestling di Billy Corgan, ma dal 2014 viene considerato un wrestler semi-ritirato. All’inizio del 2020, Raven viene inquadrato tra il pubblico durante un episodio di AEW Dynamite, e si vocifera che possa essere lui il leader del Dark Order ; tuttavia, qualche settimana dopo è Luke Harper a rivelarsi come “The Exhalted One”, mettendosi a capo della stable.

 

Alessandro Bogazzi

 

Servatis a Maleficum

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *