WWE Ritorno al passato: WWF annata 1992 completa

WWE Ritorno al passato: WWF annata 1992 completa

Mentre è ancora forte l’eco per l’intervista audio a Tony Fusaro, ritorniamo ad un periodo altrettanto importante per il wrestling in Italia. Pubblicai questa annata già 2 anni fa, divisa come sempre in 4 trimestri, ma ora ve la ripropongo integralmente, con l’aggiunta dei video meno conosciuti, video che molti di voi apprezzano e che iniziai a mettere solo dagli ultimi numeri del 1993. Quelli più famosi, tipo i ppv, sono facilmente rintracciabili, e chi non li ha visti deve assolutamente colmare questa lacuna.

Buona lettura!

Il 1992 è un anno a cui gran parte dei tifosi italiani è affezionato, ed io sono tra questi.
Avevo poco più di 10 anni, e stavo per assistere ad eventi che non saranno superati nonostante il passare del tempo.
Iniziamo subito dicendo che a metà 1991, il grande campione NWA Ric Flair era passato in WWF, portandosi dietro la cintura di campione del mondo.
Questo portò molti fan “puristi” a seguire la federazione rivale, addirittura tifando il Nature Boy, facendo per la prima volta cadere la contrapposizione tra face ed heel.

Ma non fu l’unico grande acquisto della WWF. Sid Vicious era infatti arrivato, prendendo il nome di Sid Justice, ed entrando subito nel cuore dei tifosi, che lo vedevano come il nuovo Hulk Hogan.
Alla fine dell’anno, durante Survivor Series, Hulk perse il titolo contro Undertaker, per poi riconquistarlo una settimana dopo durante il ppv speciale “Tuesday in Texas”. In entrambe le occasioni, l’intervento di Flair e altre irregolarità, portarono controversie, col risultato di rendere il titolo vacante.
Il vincitore della royal rumble sarebbe così diventato il campione indiscusso della federazione.
C’erano tutti i più forti pronti a conquistare l’alloro, ma non era il solo motivo per il quale c’era grande attesa. Infatti, vi erano molte rivalità incrociate, che avrebbero permesso, in ogni istante, di assistere a delle rese dei conti.

GENNAIO

Come se non bastasse, durante l’episodio di challenge del 12 gennaio, Shawn Michaels attaccò il compagno Marty Jannetty, col quale vi erano già stati segnali di crisi. Durante l’intervista al Barber shop di Brutus Beefcake, i due sembravano pronti a riappacificarsi ma, all’improvviso, Michaels colpì Jannetty col superckick (che anni dopo diverrà famoso come Sweet chin music) per poi gettarlo attraverso la vetrata scenica del negozio del barbiere.
Questo evento lasciò Jannetty fuori dalla royal rumble, e proiettò tutte le attenzioni su Shawn, ora odiatissimo dai suoi ex fans.

Si cominciano a vedere dei promo per il debutto di un nuovo lottatore, che prima si identificherà come Chris Chavis e, in seguito, sarà conosciuto come Tatanka.

Due giorni prima della Rumble, accade dell’altro: Bret Hart, campione intercontinentale, viene sconfitto in un match in house show dallo sfidante Mountie, in un incontro che si sarebbe dovuto svolgere al ppv (si disse che Bret aveva problemi col contratto, e per questo fu privato del titolo, ma nel suo libro racconta che fu tutto studiato ad arte per essere messo over da Piper durante WM 8).
Così l’incontro titolato divenne Mountie – Rowdy Roddy Piper, che si aggiunse agli altri match della card: Orient Express – New Foundation; Legion of doom – Natural Disasters (valido per i titoli di coppia) e Bushwhackers – Beverly Brothers.

19 gennaio 1992, una data indimenticabile. Con un Dan Peterson in forma strepitosa, assistiamo ad un memorabile pay per view.
Rowdy Piper si laurea nuovo campione intercontinentale, conquistando il primo titolo in anni di militanza in WWF.
I Natural Disasters sconfiggono i Legion  of doom, ma solo per conteggio fuori, ridimensionando i campioni ma senza riuscire a strappare loro le cinture.
Nel match tra Orient Express e New Foundation (Owen Hart e Jim Neidhart) a farla da padrone è lo spettacolo, mentre il trionfo sul ring va al fratello minore di Bret ed al suo partner.
L’incontro tra Bushwhackers e Beverlys è solo comedy wrestling, unica pecca di un ppv eccezionale..

E’ quindi il momento della rissa reale. Ad entrare come primi sono British Bulldog (che aveva vinto una speciale Battle royal all’Albert Hall, in Inghilterra) e Ted Dibiase (sfortunato come nel 1990 ad entrare subito).
Bulldog riesce ad eliminare l’uomo da un milione di dollari, ed attende l’entrata del numero 3. Con grande dispiacere di Bobby Heenan e di Dan Peterson, è Ric Flair a fare la sua entrata. Uno dei favoritissimi è costretto quindi a dover resistere almeno 56 minuti (Flair era famoso in NWA per la sua resistenza in match lunghissimi da un’ora o quasi, ma questo il tifoso WWF medio non lo sapeva)
Bulldog dimostra subito la sua potenza contro Ric, che si salva in varie occasioni, anche grazie all’intervento di altri lottatori.

Col numero 6 tocca a Michaels presentarsi nel ring, accolto da insulti e lanci di oggetti.
Poi, tra gli altri, tocca anche a Texas Tornado e Greg Valentine entrare nel ring, scagliandosi subito contro Flair, col quale c’erano state aspre battaglie in NWA, WCCW, ecc (i fan più accaniti, che seguivano Flair ovunque, apprezzarono la scelta di ricordare il passato, anche se non erano rivalità made in WWF)
Flair comunque riesce a resistere, arrivando anche ad eliminare British Bulldog, con una mossa di gran furbizia.
Michaels invece viene eliminato per mano di El Matador Tito Santana, riuscendo tuttavia ad eliminare lui stesso Tito.

Flair, dopo aver eliminato anche Big Boss Man, crolla al centro del ring, in attesa del 15° partecipante.
Purtroppo per lui si rivela essere il suo nemico, Rowdy Roddy Piper, intenzionato a vincere 2 titoli nella stessa serata.
Piper imprigiona Ric nella sua micidiale sleeper hold, e viene il momento dell’entrata numero 16: Jake the snake Roberts.
Dapprima Jake si fa in disparte, tra il tripudio del pubblico, ma poi attacca Piper, impedendogli di eliminare Flair. Ric è convinto di aver trovato un alleato, ma invece viene colpito anche lui da the snake.

Si arriva poi all’entrata numero 20 (da questo momento possono entrare sia Hogan sia Undertaker, favoriti nel sorteggio per essere stati gli ultimi campioni)
Ed è proprio “il becchino” a comparire, mettendo a frutto l’alleanza con Roberts.
Ma subito dopo tocca al nemico mortale di Jake entrare: Machoman, desideroso di mettere le mani addosso a colui che aveva attaccato Miss Elizabeth.
Riesce ad eliminare Roberts, ma poi commette un incredibile errore, saltando fuori ring dalla terza corda. Gli arbitri però fanno finta di nulla (Savage, secondo i programmi, non doveva essere eliminato) e Macho può continuare ad inseguire il titolo.

Intanto Flair continua a resistere, pur non eliminando nessuno.
Col numero 26 è il momento di Hulk Hogan! Subito elimina The Undertaker! E poi tocca anche a Berzerker.
Col 28 tocca a Sergeant Slaughter, mentre il 29 è il numero di Sid Justice, rientrante dopo un infortunio, e tifatissimo dal pubblico.
Si parla di alleanza tra Sid e Hogan, che infatti eliminano insieme Warlord, entrato con il 30. Sid, pochi giorni prima della Rumble, aveva dichiarato come non fosse un mistero la sua amicizia verso Hogan e Savage, ma che “every man for himself”.

Dopo l’eliminazione di Sgt. Slaughter (lanciato come un pupazzo dall’altra parte del ring da Sid Justice) e di Irs, rimangono: Piper, Rick Martel (che era uscito, ma tra la seconda e la terza corda), Randy Savage, Ric Flair, Hulk Hogan, Sid.

Piper e Martel vengono eliminati da Justice mentre lottano a bordo ring, Savage viene anch’esso estromesso facilmente da Sid, che rimane immobile a guardare Hogan tentare di gettare fuori Flair.
Sid si guarda in giro, sembra pronto ad aiutare Hogan, ma poi si avvicina e lo elimina!
Il pubblico si divide, tra chi lo sostiene e chi lo fischia (successivamente i fischi saranno cancellati nelle trasmissioni e nei dvd)

In effetti la rissa reale ha il motto: “ognuno per sè stesso”, e Hogan negli anni passati eliminò Savage, Warrior e Tugboat, suoi alleati, quindi Sid è dalla parte della ragione, pronto a conquistare il titolo, contro un Flair distrutto.
Ma Hogan non ci sta e, antisportivamente, prende Sid per un braccio, cercando di eliminarlo, lasciando piuttosto la vittoria al suo nemico Ric Flair.
E così accade: Flair si rialza e, sollevando una gamba a Justice, grazie al contemporaneo aiuto di Hogan, riesce a trionfare dopo un’epica battaglia di un’ora!
Al termine Sid e Hulk rimangono a centro ring, pronti ad affrontarsi, col pubblico schierato in gran parte col neo arrivato, fin quando i dirigenti riescono a riportare la calma.

FEBBRAIO 

Durante superstars del 1° febbraio, vengono annunciati i match per l’edizione di Saturday night’s main event: Hogan & Sid avrebbero fatto coppia contro Flair & Taker; i LOD avrebbero difeso i titoli contro i Beverly Brothers; Piper avrebbe concesso un rematch a Mountie per il titolo IC, e Machoman si sarebbe nuovamente scontrato con Jake the snake

Nella medesima puntata però viene anche scelto lo sfidante per il titolo WWF detenuto da Ric Flair, che avrebbe affrontato il campione ad Indianapolis, durante wrestlemania 8.
La lista dei pretendenti vede: Rowdy Piper, Machoman, Undertaker (posizionati sulla destra di Jack Tunney), Hulk Hogan e Sid Justice (alla sinistra del presidente WWF).
Tunney, al momento della decisione, si gira a sinistra, Sid è convinto di essere lui il primo sfidante, ma invece Tunney sceglie Hogan, mandando su tutte le furie Sid, che accusa la WWF di complotto (riprendendo una storyline WCW, nella quale Sid non otteneva match per il titolo)

Dopo varie dichiarazioni, nelle quali Sid affermava che Hogan non avrebbe battuto Flair neppure nella sua migliore giornata, e non avrebbe mai battuto lui nella sua peggiore giornata, i due sembrano chiarirsi, e pronti ad affrontare Flair & Taker

Sempre durante superstars, assistiamo ad un Funeral Parlor durante il quale Sensational Sherri ottiene da Ted Dibiase il permesso per affiancare Shawn Michaels come manageressa nella sua carriera da singolo.

Il primo febbraio vede anche il debutto televisivo del nativo americano Tatanka, e il promo del debutto di Papa Shango, che avverrà invece la settimana successiva.

Durante un house show a Denver, il 7 febbraio, i Lod vengono sconfitti dalla nuova coppia composta da Ted Dibiase & Irs, conosciuti ora come Money Incorporated, cedendo il titolo (il programma originale vedeva gli Lod dover difendere le cinture contro i Natural Disasters, mentre Irs & Dibiase avrebbero dovuto vedersela contro l’accoppiata Bossman/Santana)

Questo (anche se l’annuncio verrà dato in seguito) porterà gli Lod ad essere sostituiti da Sgt. Slaughter & Jim Duggan durante SNME dell’ 8 febbraio (registrato però il 29 gennaio)
Allo show del sabato sera, assistiamo proprio alla vittoria dei due patrioti, mentre Piper sconfigge nuovamente The Mountie, anche grazie ad una splendida trovata: nonostante fosse stato colpito dall’avversario col classico teaser che dà la scossa, Piper riuscì a resistere, svelando successivamente di avere una speciale maglietta “testata contro ogni tipo di shock”.
Si rivede, durante il match, Bret Hart che, in una vignetta, dichiara che sarà lui ad affrontare a wrestlemania il vincitore, con in palio il titolo IC.

Il match tra Hogan/Sid vs Flair/Undertaker era al centro dell’attenzione, ma già nel backstage si poteva notare un’aria strana: l’intervistatore Sean Mooney infatti, dopo aver rivolto una domanda a Justice, gli toglie il microfono prima che possa rispondere, dando la parola ad Hulk.
Sid, scuotendo la testa, si allontana verso il ring, mentre l’Hulkster dichiara di avere una sorpresa per i fans.
La sorpresa si rivela essere Brutus the barber Beefcake, che arriva sul quadrato assieme ad Hogan. Quest’ultimo, con i suoi consueti atteggiamenti verso i tifosi, provoca ancor più irritazione a Justice.
Tuttavia, il match sembra scorrere senza particolari intoppi, finchè Hogan, in difficoltà, tende la mano a Sid, il quale, dopo un attimo di prese in giro verso Hulk e i tifosi, si allontana, lasciando il partner da solo.
Nonostante Beefcake cerchi di far ragionare Sid, costui abbandona la contesa, anche se Hogan riuscirà a vincere il match per squalifica degli avversari.
Il passaggio ad heel di Sid è compiuto (questa volta non c’erano giustificazioni, e Hogan era tornato completamente dalla parte della ragione, dopo i fatti della rumble) e si definirà ancor meglio il giorno dopo, durante challenge dove, intervistato di Beefcake, lo minaccia (Brutus subì un reale gravissimo incidente nel 1990 che lo costrinse a subire una delicatissima operazione alle ossa facciali) e gli distrugge il negozio del barber shop (una lattina di schiuma esploderà involontariamente sulla faccia di Sid, rendendo il segmento ancor più impressionante). Questa sarà l’ultima apparizione del segmento del barber shop

Il main event di SNME vede invece Machoman trionfare definitivamente su Jake the snake, ma il meglio si vedrà ad evento terminato, e trasmesso nella puntata successiva di superstars (anche se noi italiani lo vedemmo subito nello special trasmesso da Tele+ 2). Roberts, frustrato, si dirige negli spogliatoi, prende in mano una sedia, e si appresta a colpire Savage ed Elizabeth, che stanno facendo rientro dopo aver festeggiato insieme sul ring.
Appena la tenda si apre, Jake va per colpire, ma viene bloccato da quello che era un suo alleato: the Undertaker.
Savage riesce così a mettere in salvo Elizabeth, e lasciare Roberts a terra dolorante dopo averlo colpito ripetutamente.

Il 9 febbraio Texas Tornado viene arrestato per possesso di sostanze illegali, e poco dopo verrà licenziato dalla federazione.
Stessa sorte era toccata il 25 gennaio a Marty Jannetty, che vedrà così sfumare i suoi sogni per lungo tempo.
Questo porterà, il 14 febbraio, durante un house show a Saint Louis, le forze dell’ordine a perquisire i wrestlers WWF, senza però trovare nulla di compromettente.

A superstars del 15 febbraio, Mean Gene Okerlund informa che, visti gli ultimi avvenimenti, Hogan ha scelto di rinunciare al match titolato contro Flair, preferendo la resa dei conti con Sid (viene fatto capire che ci sarebbe stato un arbitro speciale, ma poi non si dirà più nulla a riguardo) mentre Randy Savage è stato selezionato come nuovo primo sfidante.
Questo porta Flair e Perfect a dichiararsi soddisfatti, in quanto sanno cose che Savage non sa.

Durante superstars del 29 febbraio, assistiamo al Funeral Parlor che vede Paul Bearer intervistare Jake the snake Roberts, che attacca poi Taker (fantastico lo scambio di battute: Jake chiede a Taker da che parte stia, e ottiene la risposta “not yours”, destinata a rimanere scolpita negli annali) chiudendogli la mano nella bara, e colpendolo più volte con una sedia.
Dopo aver eseguito la DDT su Paul Bearer, continua l’attacco a Taker, che però riesce a stare in piedi e ad inseguire Jake trascinandosi dietro la bara, con la mano incastrata dentro.

Nella stessa puntata viene annunciato il cambio dei titoli di coppia, e dichiarato che i nuovi tag team champions avrebbero difeso le cinture a wrestlemania contro i Natural Disasters.
Secondo la storyline detta in tv, Jimmy Hart avrebbe venduto la title shot dei Disasters ai Money Inc. e poi avrebbe aiutato questi ultimi a vincere il titolo.
In realtà, fu Jack Tunney a cambiare gli sfidanti, che furono accompagnati da Sherri, e le interferenze che portarono i due a trionfare furono proprio dei Natural Disasters.
Ma questo lo sapevano solo i presenti all’arena, visto che non c’erano immagini video.

La stessa puntata vede l’ultima apparizione di Jim Neidhart per oltre 2 anni.
E l’annuncio di un nuovo match per wrestlemania: Shawn Michaels – El Matador, che si erano eliminati insieme alla rissa reale.

MARZO

Ufficializzati, durante la prima puntata di superstars di marzo, anche Jake Roberts vs. the Undertaker, Tatanka vs. Rick Martel, Owen Hart vs. Skinner, e British Bulldog  vs. the Berzerker per l’ottava edizione di wrestlemania, mentre Flair rivela che l’annuncio scottante riguarda Miss Elizabeth, che sarebbe stata la sua amante, e avrebbe poi scelto Savage una volta che Ric l’ebbe scaricata.

Il 14 marzo Sid Justice, ora accompagnato da Harvey Whippleman, distrugge prima un jobber, per poi rompere anche il naso a Virgil, intervenuto in difesa dello sparring partner. Tutti i match di Justice si concluderanno con gli avversari (anche in 2 vs 1) portati via in barella, con Sid che, non contento, li attaccherà anche durante il trasporto verso l’ambulanza.

Gli episodi successivi sono caratterizzati da Ric Flair che mostra delle foto che lo ritraggono in pose intime con la moglie di Savage, dall’ufficializzazione del match 4 vs 4 tra Mountie/Nasty Boys/Repo Man e Slaughter/Duggan/Virgil/Bossman, con quest’ultimo che però inizia ad essere disturbato dalle immagini di una prigione, e poi da una voce che afferma che sta arrivando per lui.

Un’intervista condotta da Mean Gene con protagonisti Piper e Bret vede i due confrontarsi in maniera dura, con Piper che ricorda i momenti in cui si allenava da Stu Hart, e Bret era poco più di un bambino. Al termine Piper finge di colpire alle spalle lo sfidante con la cintura, alzando il livello dello scontro.

Iniziano i rumors riguardo il fatto che quello contro Sid potrebbe essere l’ultimo match di Hogan, e Justice ne approfitta per promettere che metterà lui stesso fine alla carriera dell’Hulkster, indipendentemente dalla volontà di quest’ultimo.

Il 29 marzo si svolge un’edizione speciale di Prime time wrestling, denominata “March to wrestlemania”.
Si assiste ad un’intervista condotta da Vince McMahon ad Hulk Hogan il quale, dopo una serie di highlights sulla sua carriera, dichiara che non saprà se quello contro Justice sarà il suo ultimo match “sino a quando non uscirà dal ring”.
Il tutto si conclude con Vince che ringrazia Hogan per il contributo dato alla WWF, e lo ringrazia, contraccambiato (questo momento sarà riproposto durante la rivalità tra i due di wrestlemania 19)
Nella stessa serata Sid si sbarazza facilmente anche di Hercules, che però si rifiuta di “vendere” la powerbomb, mentre Rowdy Piper sconfigge Shawn Michaels per squalifica, per poi scambiarsi sguardi infuocati con Bret Hart, giunto a bordoring.

 

APRILE

Siamo così giunti al 5 aprile, per l’edizione numero 8 di wrestlemania.
Dopo un promo da studio, nel quale Dan Peterson presenta la card e fa i suoi classici pronostici, anche sugli schermi italiani si può assistere in diretta all’evento (erroneamente viene considerata la prima wrestlemania vista live in Italia, ma in realtà già Wrestlemania 5 fu trasmessa live, su Italia 1)

Il primo match vede protagonisti Shawn Michaels ed El Matador. L’incontro si rivela molto buono, con la vittoria che va a Shawn, bravo sia ad uscire dal ring dopo aver subito il “braccio teso volante” di Santana, sia a ribaltare a suo favore un suplex eseguito oltre le corde dall’avversario, ottenendo il conteggio di 3.

Dopo un’intervista ai Legion of doom, ora accompagnati dal loro storico manager (nelle altre federazioni) Paul Ellering, si passa alla battaglia tra Undertaker e Jake Roberts
The snake parte subito all’attacco del becchino, ma i suoi colpi non sortiscono l’effetto desiderato.
Quando Taker sembra essere in controllo del match, Roberts mette a segno la sua micidiale DDT, lasciando inerme al tappeto l’avversario.
Non contento, esegue una seconda DDT, ma poi si distrae colpendo Paul Bearer fuori ring, e permettendo così ad Undertaker di rialzarsi, effettuare la tombstone piledriver, e riportare poi Jake, privo di sensi, sul quadrato, per un facile conteggio.
Dopo questo match, Jake the snake Roberts sparirà dalla WWF. (In realtà minacciò addirittura di non presentarsi al ppv)

Il terzo incontro è quello valido per il titolo intercontinentale. Dopo uno scambio di mosse, Bret Hart sembra infortunato ma, mentre l’arbitro e Piper si sincerano delle sue condizioni, si rivela essere tutta una montatura, con Bret che chiude il campione in un roll-up.
Piper riesce ad evitare la sconfitta, ma questa scorrettezza fa scaldare gli animi. Col passare dei minuti, ci troviamo lo sfidante sanguinante e, con l’arbitro svenuto, Rowdy ne approfitta per prendere il gong, pronto a colpire il rivale. Il pubblico riesce a fargli cambiare idea, e decide così di imprigionare the hitman nella sleeper hold.
Bret Hart riesce però ad avvicinarsi alle corde, darsi la spinta con le gambe contro il paletto, e cadere su Rowdy proprio mentre l’arbitro si sta risvegliando, riuscendo così ad ottenere lo schienamento e quindi la cintura.
A fine incontro torna il sereno tra i due contendenti, con Piper che mette la cintura intorno alla vita di Bret, lo abbraccia e lo accompagna negli spogliatoi.
Piper tornerà in WWF solo nel 1994  (nonostante venga annunciato, durante superstars dell’11 aprile, il ritorno del Piper’s pit, con ospite Machoman, nella puntata successiva)

Dopo il match 4 vs 4, che vede la vittoria dei face, si può passare al primo dei 2 main event, quello valido per il titolo WWF
Con un Dan Peterson in forma strepitosa (lo considero il suo miglior commento) nonostante i classici errori, vediamo Savage partire subito all’assalto del campione, che si rifugia fuori ring e si avvale dell’aiuto del suo consulente esecutivo Mr.Perfect.
Tornando sul quadrato, Ric si porta in vantaggio, lanciando lo sfidante oltre la corda più alta.
Il match prosegue con diversi cambiamenti di fronte, con un pubblico coinvolto sempre più col passare dei minuti.
Quando il match sembra concludersi a favore di Machoman, un Flair sanguinante si salva all’ultimo istante e, poco dopo, approfitta di un’interferenza di Mr. Perfect per colpire Savage con un tirapugni.
Tutti credevamo arrivasse il conteggio di 3 su un Savage esanime, ma questi, tra il tripudio generale, riesce ad alzare una spalla.
Flair, distraendo l’arbitro, permette a Perfect di attaccare la gamba di Machoman con una sedia, predisponendola per la mossa di sottomissione del suo assistito, la figura 4.
Lo sfidante è ormai senza forze, ma l’arrivo di Miss Elizabeth gli dà nuova linfa, permettendogli di uscire dalla terribile presa alle gambe.
Machoman ribalta anche un attacco di Flair, ma il roll-up gli porta solo un conteggio di 2.
Il campione è sempre più fiducioso, Machoman è stremato, ma Flair perde tempo provocando Miss Elizabeth (che Bobby Heenan, al commento americano, afferma sia lì per tifare Flair) e, con un incredibile ulteriore “culla”, Machoman schiena Flair diventando per la seconda volta campione del mondo WWF!!!!!
Nel post match Flair e Perfect aggrediscono Machoman, dopo che questi era intervenuto in difesa della sua donna, baciata a tradimento dallo sconfitto.
Flair, Perfect e Heenan  dichiarano Machoman un imbroglione, per aver vinto tenendo i pantaloncini del Nature Boy, e annunciano vendetta.

Dopo aver assistito alla vittoria di Tatanka su Rick the model Martel, si passa a Money Inc. – Natural Disasters, valido per le cinture di coppia.
Earthquake & Typhoon si dimostrano troppo forti per i detentori, che sono costretti a scappare facendosi contare volontariamente fuori dal quadrato. Così facendo perdono il match, ma non i titoli, con i due avversari che rimangono fregati come alla royal rumble. Finale controverso, ma originale per l’epoca.

Successivamente, Owen Hart sconfigge Skinner in pochi minuti, mentre l’annunciato incontro tra Berzerker e British Bulldog viene cancellato (in entrambi i casi il motivo è da ricercarsi nella mancanza di tempo)

Quindi tocca ad Hulk Hogan e Sid Justice chiudere questa bellissima wrestlemania. Sid parte all’attacco dell’immortale prima ancora che quest’ultimo abbia messo piede sul ring, determinato a distruggerlo.
Hulk riesce però a reagire, scaraventando Sid fuori ring, mentre ancora risuona la musica “Real American”.
La forza del giovane sfidante sembra non dare alcuna possibilità all’Hulkster, che subisce per tutto il match.
Ogni qualvolta sembra poter ribaltare la situazione, Justice lo annichilisce.
E’ il momento della devastante mossa finale, la powerbomb, con Hulk che accusa il colpo. Ma grazie alla sua classica scarica di adrenalina riesce a liberarsi, sferrare qualche pugno all’ex partner, sollevarlo e scaraventarlo al suolo.
Va per il legdrop of doom, è finita! Ma incredibilmente Sid alza la spalla, tra lo stupore di tutti. Harvey Whippleman cerca di interferire, facendo scattare la squalifica. Tuttavia la paura per Hulk non è terminata, in quanto Sid prosegue nell’attacco, aiutato anche da Papa Shango.

Con Hogan imprigionato nelle corde, l’arena ammutolita pronta ad assistere al mantenimento della promessa fatta da Justice di terminare la gloriosa carriera di colui che ha cambiato la storia del wrestling, e il telecronista Gorilla Monsoon urlare “it’s crazy”, una musica familiare si diffonde all’Hoosier Dome.
Bobby the brain Heenan (anche lui al commento) esclama: “It’s the Warrior music!”, il pubblico incredulo impazzisce, ed è proprio Ultimate Warrior a rientrare in federazione, dopo 8 mesi di assenza (da summerslam 91, che aveva visto proprio Sid come arbitro speciale nell’incontro tra Warrior & Hogan vs Slaughter/Adnan/Mustafa).
Warrior getta Shango fuori ring, ma viene colpito da una sediata di Justice che, dopo che Hogan è riuscito a liberarsi, scappa fuori ring.
La storia è scritta con questo rientro a sorpresa, senza gli spoiler di internet. Oltretutto, Warrior era dato addirittura per morto (la notizia fu riportata anche dai tg italiani).

Indimenticabile Dan Peterson: “the ultimate warrior. Tutti voi che avete telefonato… the ultimate warrior rientra in questa maniera in wrestlemania 8. Danza di guerra, papa shango sparisce. Sid justice colpisce the ultimate warrior, hulk hogan porta via la sedia, sid justice sparisce, hulk hogan vincerà. E il grande grande rientro di ultimate warrior” e dopo: “tutti voi che avete scritto, e domandato, cartoline, lettere, fax, telegrammi, telefonate, eccetera, su the ultimate warrior… ecco la risposta, eccolo qua, vivo e in grande forma”
Hogan starà comunque lontano dal ring per quasi un anno, ma non certo grazie a Sid Justice.

Quasi sicuramente il match avrebbe dovuto terminare con l’intervento di Shango ad interrompere il pin di Hogan (la squalifica per “intervento” di Whippleman non aveva senso, e Monsoon afferma, a fine ppv, che Hogan ha vinto per squalifica dovuta all’interferenza di Papa Shango), ma Shango arrivò in ritardo (cavolo, hai appena debuttato in WWF, sei nel main event di wrestlemania, avendo a che fare con Hulk Hogan, e sbagli i tempi del run-in?!) costringendo Justice ad uscire dal legdrop.

Durante il pay per view, è da segnalare anche il segmento che ha visto Lex Luger, massimo esponente della WCW, apparire per pubblicizzare la WBF, federazione di body building creata da Vince McMahon (la federazione chiuderà dopo poco, ma fu eccezionale il metodo col quale Vince riuscì a far partecipare un lottatore di un’altra compagnia, cioè mettendolo sotto contratto per una lega non inerente il wrestling)

Dal 10 al 19 aprile, la WWF effettua un tour mondiale, iniziando dall’Olanda (prima ed unica data nella storia), e tornando anche in Italia, sabato 11 aprile, dopo 2 anni di assenza. Nello stesso giorno altri lottatori furono imegnati a Bruxelles, in Belgio.
La card italiana fu la seguente:
El Matador sconfigge Repo Man
Sgt. Slaughter sconfigge Col. Mustafa con la camel clutch
Jim Duggan schiena Dino Bravo (al posto di Earthquake, che era passato “face” dopo l’annuncio della card mesi prima)
The Legion of Doom battono the Nasty Boys
TITOLO IC: Bret Hart schiena Shawn Michaels
TITOLO WWF: Randy Savage schiena the Mountie (al posto di Jake Roberts)
Davey Boy Smith schiena Ric Flair
Purtroppo l’evento non fu trasmesso da alcuna rete televisiva.

L’appuntamento inglese del 19 aprile fu invece irradiato dalla tv britannica, e gli incontri uscirono anche nella vhs “UK Rampage 92” (alcuni di essi sono rintracciabili anche in altre vhs o dvd). In questo evento Sid Justice riesce a battere Undertaker per count out, ma dopo subisce la tombstone.

Dino Bravo disputa il suo ultimo match, prima di ritirarsi per dedicarsi ad allenare giovani lottatori (verrà poi ucciso l’11  marzo 1993, coinvolto in un losco traffico di contrabbando di sigarette)
Ma sarà ricordato per l’ultima apparizione di Miss Elizabeth in WWF, durante il match che ha visto Savage sconfiggere Shawn Michaels. (La storyline con Flair va comunque avanti sino a quando, i primi di giugno, sul WWF magazine compare un’intervista a Savage, che dichiara di aver divorziato. E’ un’occasione unica, per quegli anni, mischiare vita privata e storyline e, dopo di essa, non ci saranno più riferimenti ad Elizabeth durante i momenti che vedranno protagonista Machoman)

Nelle trasmissioni televisive successive a wrestlemania, assistiamo ai commenti di Sid e Warrior, con il primo pronto a vendicarsi per l’intromissione del guerriero, e che dichiara di aver comunque estromesso Hogan dalla federazione.

Ric Flair torna a provocare Machoman riguardo particolari messaggi che Elizabeth avrebbe lasciato sulla sua segreteria telefonica (come detto sopra, a dispetto di ciò che avveniva nella realtà). I Beverly Brothers rivolgono le proprie attenzioni sui Legion of doom, mentre Shawn Michaels lancia la propria sfida a Bret Hart, con obiettivo il titolo intercontinentale.

Vi è il debutto di Chris Walker, che però sparirà quasi subito, dopo essere stato distrutto da Sid Justice.
Nell’episodio di superstars del 25/4, oltre ad un promo per il ritorno di Crush, è in programma un incontro tra Undertaker e The Berzerker. Questo però non inizia neppure, in quanto il vichingo attacca Taker con lo scudo, lo colpisce con due piledriver sul cemento, e cerca poi di infilzarlo con la spada, che rimane conficcata nel tappeto del ring.

Il 26 aprile, dopo essere stato sconfitto da Ultimate Warrior durante un house show, Si Justice si allontanadall’arena, e per questo viene licenziato immediatamente.

MAGGIO

Durante superstars del 2/5 Ultimate Warrior fa il suo ritorno da combattente, umiliando Skinner in pochi istanti (qui sotto il match commentato da Dan Peterson), mentre Rick Martel colpisce Tatanka col suo profumo al termine di un match tra l’indiano e Brian Costello.

La settimana seguente assistiamo al ritorno di Crush, vittorioso su Kato, ed anche quello di Kamala, accompagnato dal solito Kimchee e da Harvey Whippleman.
Ric Flair sconfigge Sergeant Slaughter, anche grazie all’interferenza di Mountie, che colpisce il sergente con lo shock stick. A fine match, dopo un nuovo attacco, l’ex campione WWF è costretto ad abbandonare il ring in barella

Il giorno dopo, durante Challenge, il momento di violenza incontrollabile prosegue con Repo Man che, durante l’incontro con British Bulldog, lo lega con una corda a quelle del ring, cercando praticamente di impiccarlo. Davey Boy Smith, portato via in barella, riesce a non avere conseguenze peggiori grazie al fatto di essere riuscito ad incastrare leggermente la mano tra il collo e il cappio.

L’incontro principale di challenge del 10 maggio è quello tra Earthquake e Ted Dibiase, col primo ad uscire vincitore per la squalifica scaturita dall’attacco perpetrato da Irs con la sua immancabile 24 ore.

Superstars del 16 maggio è caratterizzato dal voodoo che Ultimate Warrior subisce da Papa Shango al termine del match che ha visto il guerriero trionfare su Nasty Boy Brian Knobbs. Inoltre, si ode nuovamente una voce minacciare Big Bossman.

Il 23 maggio a superstars Mean Gene Okerlund conduce un’intervista ad Ultimate Warrior, durante la quale quest’ultimo comincia a sanguinare dalla testa.

Viene per la prima volta affermato, ma solo nel mercato britannico, che SummerSlam si sarebbe svolto in Europa.
L’ultima puntata di superstars di maggio vede Papa Shango effettuare una magia nera sul jobber Brian Brieger, che si ritrova con un piede infuocato, e la faccia ricoperta di polvere nera.
Ma, soprattutto, segna il debutto di Nailz, che colpisce a tradimento Big Bossman dopo un incontro, facendogli abbandonare l’arena in barella.

 

GIUGNO

Giugno comincia con un nuovo voodoo perpetrato da Papa Shango, questa volta ai danni di Mean Gene Okerlund, nella puntata di superstars del 6.

 

Il 13, sempre durante superstars, vengono annunciati i primi match per Summer Slam: Machoman dovrà difendere il titolo WWF da Ultimate Warrior, mentre (ma viene momentaneamente affermato solo nella versione per il Regno Unito) i Money Incorporated dovranno affrontare i Legion of doom, con in palio i titoli di coppia, e Bret Hart si scontrerà con suo cognato British Bulldog in un match valido per il titolo intercontinentale. E il ppv si svolgerà proprio in Inghilterra, nel mitico stadio Wembley

Il 30 giugno, all’età di 54 anni, scompare Uncle Elmer, mid carder negli anni 85-86

LUGLIO

Il 6 luglio, a Prime time wrestling, Berzerker ottiene una bella vittoria in una battle royal a 40 uomini

Durante l’edizione di Prime time wrestling del 20 luglio vediamo Rick Martel ad un passo dallo strappare il titolo IC a Bret Hart ma, mentre quest’ultimo è imprigionato nella Boston Crab, Shawn Michaels interviene a colpirlo, causando sì la vittoria di “The model”, ma solo per squalifica. Questo provoca la reazione di Martel, che sfida l’HBK

L’edizione del 25 luglio d WWF superstars è caratterizzata dall’intervista di Okerlund a Savage e Warrior, durante la quale il campione afferma che quello che è accaduto tra loro appartiene al passato. Successivamente Warrior si allontana, ma interviene Mr. Perfect ad offendere Savage, per poi attaccarlo assieme a Flair, fino a quando Ultimate Warrior ritorna in aiuto del suo futuro avversario, che però non prende bene l’interferenza.

Viene anche annunciato che i Natural Disasters hanno sconfitto i Money Inc,. diventando i nuovi tag team champions, trasformando il match tra gli ex detentori e i LOD in un match senza cinture in palio (questo, nella realtà, perchè i Legion of doom si sarebbero poi allontanati dalla WWF). L’incontro, non trasmesso in tv, si può comunque trovare nella vhs “Grudges, gripes & grunts”

Oltre alle vignette dell’imminente debutto di Razor Ramon, sono definiti altri 2 match per il pay per view estivo, e cioè: Undertaker vs Kamala e Shawn Michaels vs Rick Martel

AGOSTO

Il primo agosto, sempre durante superstars, vengono resi noti gli sfidanti dei Natural Disasters per i titoli di coppia, e questi si rivelano i Beverly Brothers, mentre Virgil se la dovrà vedere con Nailz
La settimana seguente si assiste al debutto di Razor Ramon, che sconfigge un jobber con la sua mossa finale, la Razor’s Edge

Altri 7 giorni dopo Big Boss Man fa il suo ritorno sul ring, sconfiggendo facilmente Skinner, mentre Sensational Sherri annuncia che l’incontro tra il suo assistito Shawn Michaels e Rick Martel prevede che nessuno dei 2 possa colpirsi sul volto. Questa stipulazione è stata voluta dalla stessa Sherri, sempre più attratta anche da Martel, che vuole preservare la bellezza di entrambi i contendenti

Il 9 agosto va in scena a Memphis un house show, durante il quale Jeff Jarrett e Jerry “the king” Lawler, i maggiori rappresentanti della USWA, federazione con sede proprio a Memphis, sono presenti nelle prime file, indispettiti da quella che considerano un’invasione della WWF. Durante l’evento, Jarrett lancia una sfida aperta ai wrestlers WWF. Successivamente, Bret Hart dichiara che, se fosse uscito vincitore da Summer Slam, avrebbe accolto la sfida di Jarrett, la prossima volta che la WWF fosse tornata in zona.

Il 23 agosto va in onda lo speciale “Summer Slam Spectacular”, durante il quale Ric Flair sconfigge El Matador con la figura 4, al termine di un lungo e piacevole incontro.

Ma l’incontro clou vede Warrior & Savage fare coppia contro i Nasty Boys. Dopo una decina di minuti, la vittoria va ai protetti di Jimy Hart, per count-out. Infatti, dopo l’interferenza di Flair e Perfect, Warrior si allontana per inseguirli nel backstage, permettendo ai Nastys di colpire Savage fuori ring. Questo provocherà nuove tensioni tra i due rivali per il titolo mondiale, con Machoman che accusa Warrior di averlo abbandonato.

Si arriva con queste premesse al 29 agosto, in una delle più belle cornici mai viste per uno show di wrestling, davanti a 80 mila persone, alla quinta edizione di Summer Slam
L’edizione sarà leggermente diversa tra il mercato televisivo britannico e quello statunitense, sia per i match non trasmessi in ppv (dark match), sia per il fatto che negli USA andò in onda non in diretta, ma ben due giorni dopo.
L’evento segna anche il ritorno del wrestling sugli schermi italiani, dopo qualche mese di pausa.

Nel dark match iniziale, Jim Duggan e i Bushwhackers sconfiggono The Mountie e i Nasty Boys. L’incontro verrà poi trasmesso durante l’edizione di Prime time del 14 settembre (in Italia fu fatto vedere, invece, qualche giorno dopo la trasmissione di Summer Slam)
Lo show si apre con l’apparizione a sorpresa di Rowdy Roddy Piper che suona, assieme a dei professionisti, “Scotland the brave” con le cornamuse.
Si passa poi al primo match, che vede Papa Shango trionfare su El Matador. Anche questo incontro non fu trasmesso in ppv  negli USA, ma solo nell’episodio di Prime time del 21 settembre (gli italiani poterono vederlo sempre dopo il ppv durante le puntate settimanali)

Summer Slam entra nel vivo con l’incontro tra i Legion of doom e i Money Inc. Come detto sopra, l’incontro avrebbe dovuto essere l’occasione per gli LOD di riprendersi rivincita e titolo da coloro che li avevano battuti a febbraio, ma la sconfitta di IRS & Dibiase contro Earthquake & Typhoon, stravolse i piani.
La vittoria arrivò comunque per Hawk & Animal: dopo uno scontro tra l’uomo del fisco e il miliardario, Animal ne approfittò infatti per mettere a segno una powerslam e poi il conteggio vincente.

Nailz distrugge facilmente Virgil, e poi tocca a Michaels e Rick Martel affrontarsi.
Il match è molto particolare, in quanto entrambi erano heel, e perciò osteggiati dal pubblico. I due arrivarono quasi a colpirsi al volto, causando lo “svenimento” di Sherri, interessata ad entrambi. Per accorrere la donna, i due avversari finirono per essere entrambi contati fuori ring. Il post match vide i due cercare di far risvegliare Sherri, ottenendo però di farla cadere svariate volte dalle loro braccia.

I campioni di coppia Natural Disasters difendonoo con successo le cinture dai Beverly Brothers, ai quali va comunque riconosciuta un’ottima prova.
Crush sconfigge Repo Man con la mossa di sottomissione alla testa. L’incontro fu trasmesso solo nel mercato ppv USA, e non in quello britannico (e non fu visto neppure in Italia)

Con un pubblico eccezionalmente partecipe, si arriva al match per il titolo WWF.
L’attesa era aumentata anche dal fato che, nei giorni precedenti, Flair e Perfect offrirono i servigi di quest’ultimo ai due contendenti, facendo poi intendere come uno dei due avesse accettato.
Machoman fu il primo ad entrare sul ring, e di Perfect non c’era traccia, lasciando così dichiarare a Bobby Heenan che quindi era Warrior ad aver scelto il suo aiuto.
Ma anche il guerriero entrò da solo. I due si guardarono, poi un’incomprensione durante la stretta di mano fece riscattare le scintille.
Il match si rivelò molto intenso, con un tifo incredibile. Dopo una decina di minuti, ecco comparire Flair e Perfect che, poco dopo essere giunti a bordoring, colpiscono Savage, facendo pensare ad un turn di Warrior (che in effetti era previsto, ma fu rifiutato dal diretto interessato)
Poco dopo però colpirono anche lo sfidante, facendo capire che il loro obiettivo era indebolire ed infastidire entrambi, in quanto chiunque avesse trionfato, avrebbe poi comunque dovuto sfidare Flair con il titolo in palio.
Le intromissioni favorirono entrambi, con Flair posizionato da un lato del ring, e Perfect dall’altro.
Poi, con Warrior al tappeto, Savage era pronto per andare per il suo elbow drop dalle corde. Ma decise di girarsi e colpire Ric Flair fuori ring, con un volo dal paletto. Purtroppo per lui, il Nature Boy si rese conto del pericolo, riuscendo a colpirlo con una sedia. Queso risolse il match in count-out a favore di Ultimate Warrior, ma lasciando Machoman campione.
Flair e Perfect si accanirono su Savage, cercando di indebolirlo ancor di più alla gamba, in modo di lasciarlo senza forze per il match in cui avrebbe difeso il titolo, oltretutto in un punto su cui concentrare la terribile figure 4 leglock.
L’intervento di Warrior fece fuggire i due, ma il danno era comunque fatto. L’abbraccio tra gli sfidanti chiuse gli screzi tra i due.

Undertaker entrò a bordo di un carro funebre per il suo match contro Kamala, che lo vide trionfare per squalifica dopo nemmeno 5 minuti.

Nel penultimo match Tatanka sconfisse Berzerker col samoan drop. (Anche questo incontro non fu trasmesso nel ppv USA, ma solo durante Prime time del 28 settembre. E neanche in Italia lo vedemmo)

L’onore del main event spettò quindi al beniamino di casa, Davey Boy Smith, in cerca del suo primo titolo da singolo nella federazione (avrebbe dovuto sfidare lui Mr. Perfect a Summer Slam ’91, ma un lieve infortunio lo fece rimpiazzare proprio da Bret Hart , con lui relegato ad un match 3 vs 3)
Bulldog fu accompagnato al ring dal campione olimpico di boxe Lennox Lewis (che successivamente vinse vari titoli mondiali) tra l’ovazione del pubblico inglese, ma anche Bret Hart dimostrò di avere numerosi fans.
In prima fila, Diana Hart Smith, sorella di Bret e moglie di Bulldog, si dimostrava combattuta su chi parteggiare.
Le interviste prima del match fecero capire che nessuno dei due si sarebbe risparmiato, e così fu, dando vita ad un match epico.
Continui capovolgimenti di fronte, tecnica sopraffina, Bret che resistette alla “schiacciata accompagnata”.
L’incontro si concluse dopo 25 minuti, con Bulldog bravissimo ad imprigionare Bret, bloccandogli un tentativo di sunset flip, laureandosi così nuovo campione intercontinentale.
A fine match Bret, deluso, rifiutò di stringere la mano a Bulldog, tra i fischi del pubblico, ma poi ci ripensò, e Summer Slam si chiuse col loro abbraccio, e Diana che si mise in mezzo ai due, alzando loro le braccia.

SETTEMBRE

Il 1° settembre, cioè due giorni dopo SummerSlam, Savage è costretto a difendere il titolo dall’assalto di Ric Flair.
Come se non bastasse, poco prima del match viene attaccato dall’autoproclamatosi nuovo simbolo del machismo: Razor Ramon.

Con un ginocchio infortunato, e le interferenze di Mr. Perfect e Razor, non può far altro che abdicare al Nature Boy: pur non cedendo alla figure-4, il dolore subito lo fa svenire, subendo così il conteggio di 3.
Il match andrà in onda solamente il 14 settembre, durante la puntata di Prime Time Wrestling. In un segmento esclusivo trasmesso qualche giorno dopo, si vede Ultimate Warrior, senza trucco, riportare Savage in braccio negli spogliatoi.

Il 2 settembre, invece, durante le registrazioni di challenge, Undertaker annienta il neo campione, ma il match viene vinto per squalifica, non sancendo il passaggio della cintura. L’incontro si può trovare nella vhs “Undertaker his gravest match”, e fu trasmesso anche in italiano su tele+ 2.

Durante superstars del 19 settembre, l’amicizia tra Machoman e Warrior viene cementata dal regalo fatto dal primo al secondo, nello specifico un paio di occhiali con la scritta Ultimate Maniacs.
Il giorno dopo, a Challenge, mentre Okerlund sta intervistando Ric Flair & Mr. Perfect, lo stesso annunciatore comunica che Ultimate Warrior è stato nominato primo sfidante al titolo WWF.

Al termine di un incontro vinto dai Nasty Boys contro due jobber, a superstars del 26 settembre, il manager Jimmy Hart afferma che i Nasty Boys sono i primi sfidanti per le cinture di coppia.
Sempre nello stesso episodio, assistiamo al debutto di The Comet Kid, che sconfigge Barry Horowitz. Successivamente assumerà il nome Max Moon

 

OTTOBRE

La settimana seguente, durante un incontro che vede protagonisti i campioni di coppia Natural Disasters, Jimmy Hart e i Money Incorporated rilasciano un promo, nel quale si proclamano loro come primi sfidanti.

Durante l’episodio di superstars targato 10 ottobre, viene annunciato il ritorno sul ring di Bob Backlund, grande campione dal 1978 al 1983, mentre un report su Survivor Series informa che gli Ultimate Maniacs se la vedranno contro Ric Flair & Razor Ramon nel main event del pay per view.
Inoltre, dopo il match di debutto di Lance Cassidy (Steve Armstrong, figlio di Bob e fratello di Road Dogg Jesse James), Sgt. Slaughter dichiara di essere il nuovo supervisore agli arbitri.

A Challenge del giorno dopo, accade un evento più unico che raro: i Nasty Boys vengono squalificati per aver ripetutamente alzato, dopo vari conti di 2, due jobber che stavano subendo un brusco trattamento

Una settimana dopo, a Superstars, scopriamo, con un’intervista condotta da Mean Gene Okerlund a Bret Hart, che the hitman ha sconfitto, durante le registrazioni di superstars tenutesi a Saskatoon il 12 ottobre, il campione Ric Flair, diventando il nuovo possessore del titolo WWF.

Vengono anche annunciati altri 2 match per Survivor Series: Undertaker vs Kamala in un coffin match, che consiste nel mettere in una bara l’avversario sconfitto, e Natural Disasters & Bushwhackers vs Money Inc. & the Beverly Brothers in un classico elimination match

Il 24 ottobre altri 2 incontri vengono aggiunti alla card: Bret Hart vs Shawn Michaels per il titolo WWF, e British Bulldog vs The Mountie per il titolo intercontinentale.
Assistiamo ad un’intervista ai Nasty Boys, che si dichiarano felici di affrontare i Natural Disasters la prossima settimana con in palio i titoli di coppia.
Ma poco dopo segue un’altra intervista, con protagonisti Jimmy Hart e i Money Inc., nella quale il manager di entrambe le coppie assicura che saranno Ted Dibiase & Irs ad avere una chance per i titoli.

NOVEMBRE

Infatti, durante Challenge del 1° novembre, sono i Money Inc. ad entrare sul ring come sfidanti. Subito dopo però sono seguiti dai Nasty Boys, che li attaccano per la fregatura subita.
L’incontro vedrà, oltretutto, uscire i Money Inc. campioni, grazie all’interferenza degli Headshrinkers, ed alla maestria nei cambi del duo Dibiase/Irs, che sconfiggono i mastodonti con l’astuzia, applicando di continuo la sleeper hold a Earthquake, costringendolo ad addormentarsi.
A fine match, i Nasty Boys tornano alla carica, attaccando l’ex manager Jimmy Hart.

Il giorno prima invece, superstars aveva regalato un’interessantissima puntata.
Vi è infatti il debutto di un gigantesco lottatore di sumo, Yokozuna, pronto a mettere terrore in federazione.

Ma si intravede anche uno strano personaggio, vestito da clown, aggirarsi tra il pubblico ed, inoltre, viene annunciato il ritorno di Bam Bam Bigelow, vi è un recap della “sfida di sguardi” accaduta la scorsa settimana tra Undertaker e Nailz, e vengono definiti 2 match: uno per Survivor Series tra Tatanka e Rick Martel, e uno per la prossima puntata di superstars, tra Money Inc. e High Energy.

Ma l’avvenimento più importante si ha mentre Shawn Michaels sta per affrontare il jobber Steve May: dopo 9 mesi infatti, Marty Jannetty fa il suo ritorno, attaccando l’ex partner con lo specchio con il quale Shawn è solito entrare sul ring. Ma la vendetta non va a buon fine, in quanto Michaels arriva addirittura a farsi scudo con la sua manageressa Sensational Sherri, che viene quindi colpita al suo posto.

A prime time del 2 novembre, Tatanka sconfigge Kamala per conteggio fuori, dopo che il gigante ugandese scappa alla vista della bara portata a bordo ring da Paul Bearer che, una volta aperta, mostra Undertaker con sguardo minaccioso

Durante superstars del 7 novembre, viene ricapitolata la card di Survivor Series, ma non viene menzionato il match tra Bulldog e Mountie per il titolo IC (questo perchè The Mountie sparirà dalle scene, per le lamentele delle guardie canadesi sul suo personaggio. E, inoltre, qualche tempo dopo, anche Bulldog lascerà la federazione, per il problema steroidi)

I Money Incorporated escono vittoriosi dal confronto con High Energy durante la loro prima difesa del titolo.

Il 14 novembre è il momento di Saturday night’s main event numero 31 (sarà l’ultimo per parecchi anni):
gli Ultimate Maniacs cercano di strappare le cinture ai Money Inc., ma riescono a trionfare solo per cont out. Al termine dell’incontro vengono attaccati anche da Razor Ramon, Ric Flair e Mr. Perfect. Warrior fa scudo a Savage col suo corpo, ma deve soccombere dall’attacco 5 contro 2.

In quello che diverrà il suo ultimo match per quasi 2 anni, British Bulldog cede il titolo intercontinentale a Shawn Michaels, mentre Bret Hart difende con successo la cintura WWF nel match contro Papa Shango

Il 9 novembre è il turno di Berzerker di cedere alla sharpshooter di Bret Hart

Il 16 novembre va in onda un’importante puntata di Prime Time Wrestling, durante la quale Machoman annuncia che il suo partner Ultimate Warrior è rimasto infortunato, e quindi deve scegliere un sostituto.
L’incredibile avviene quando Savage seleziona Mr. Perfect, cioè il manager di Flair & Ramon, affermando che lui conosce i due meglio di chiunque altro.
Dopo qualche risata in studio (nel quale vi sono sia Perfect sia Bobby Heenan), le continue provocazioni di Heenan fanno, nell’incredulità generale, reagire Perfect, che lo attacca e poi accetta la richiesta di Machoman, dichiarandosi pronto a tornare sul ring, dal quale era assente da Summerslam 1991. Questa scelta lascia però tutti col dubbio che Perfect possa tradire il suo nuovo tag team partner.

L’episodio del 21 novembre vede invece Bret Hart, che aveva tempo prima ringraziato Ric Flair per l’opportunità concessagli ed affermato che avrebbe dato una chance titolata a chiunque, visto che lui, per molto tempo, non ne aveva mai ottenuta una, continuare con questa promessa, e battere Virgil con la sharpshooter. A fine match il campione aiuta lo sconfitto a rialzarsi, per poi abbracciarsi.

Il 25 novembre va in onda Survivor Series.
Il primo incontro vede trionfare gli Headshrinkers contro High Energy, mentre nel secondo Big Boss Man ottiene la sua rivincita contro Nailz, in un incontro che prevede la possibilità di utilizzare lo sfollagente, appositamente collocato su un palo posto sopra un angolo del ring.

Tatanka sconfigge nuovamente Rick Martel, come già avvenuto a Wrestlemania 8, e con questo si arriva al match tra Mr. Perfect & Machoman vs Ric Flair & Razor Ramon.

Negli spogliatoi Savage afferma che sa che i due non si vogliono bene, ma ora devono unire le forze per sopravvivere, affermando che forse sono il Perfect Team.
Perfect entra sul ring tra l’incitamento della folla, e mostra stupore, essendo la prima volta che viene tifato dal pubblico. Nonostante i 15 mesi di assenza dimostra di essere ancora un grande lottatore ma, dopo un momento di frustrazione dovuto all’impossibilità di riuscire a dare il cambio a Savage, si allontana dal ring, facendo sorgere nuovamente i dubbi sul fatto che potesse tornare a schierarsi con i due ex amici.
L’affetto del pubblico gli fa cambiare idea, e Perfect torna sui suoi passi, sfoderando una performance eccellente, imprigionando sia uno sia l’altro avversario nel perfect plex. Le interferenze e le distrazioni arbitrali non porteranno al conteggio vincente, ma comunque ad un’ottima vittoria, seppur per squalifica.

Yokozuna distrugge facilmente Virgil,  e poi i Nasty Boys (in sostituzione dei Bushwhackers) e i Natural Disasters sconfiggono Money Inc. & Beverly Brothers, nell’unico match tipico delle Survivor Series, anche se per essere eliminata la coppia, bastava l’eliminazione di uno dei 2 componenti.

Undertaker, nonostante qualche difficoltà, riesce a prevalere su Kamala, approfittando del fatto che l’ugandese tentasse lo schienamento mettendo il petto del becchino al tappeto anziché la schiena. Al termine dell’incontro, Kamala viene infilato nella bara.

Il main event tra il campione WWF Bret Hart ed il neo campione IC Shawn Michaels, si disputa con il solo alloro principale in palio. L’incontro è molto piacevole, tra due wrestlers fino a poco tempo prima lontani da sfide di alto livello, ma che diverranno il nuovo volto della federazione, fino ad ora abituata a lottatori di stazza molto superiore.
Ma il problema steroidi ha favorito l’ascesa di questo stile, e i protagonisti si sono dimostrati all’altezza del palcoscenico.
La vittoria va a Bret Hart, che prosegue così la sua striscia vincente da campione WWF (continue difese vittoriose utili ad aumentare il suo status e la sua credibilità) grazie ancora una volta alla sua mossa di sottomissione.
Questo rimarrà l’unico incontro tra i due (in una rivalità dentro e fuori ring che durerà anni) nel quale Bret è uscito vincitore.

Durante il primo episodio di superstars dopo il ppv, si assiste al ritorno di Bam Bam Bigelow, che sconfigge Jerry Fox

Il 12 dicembre debutta Jerry Lawler tra i commentatori, mentre  un’intervista condotta da Gene Okerlund a Bret Hart viene prima interrotta da Bobby Heenan, che dichiara che se non sarà la mano sinistra (Ric Flair) a strappargli il titolo, lo farà la destra (Razor Ramon) alla Royal Rumble. Dopo il successivo intervento di Flair & Ramon che attaccano Bret, è Mr. Perfect ad andare in aiuto del campione della federazione.

La puntata del 14 dicembre di Prime Time vede affrontarsi Papa Shango e Repo Man, in un inconsueto match heel vs heel. L’incontro termina in doppia squalifica

Durante la stessa serata, Randy Savage schiena Terry Taylor al termine di un ottimo match

Durante Prime time wrestling del 21 dicembre, Marty Jannetty viene sconfitto per count out da Papa Shango, dopo essersi messo all’inseguimento di Shawn Michaels.
Il clown termina l’anno con uno scherzo a Lance Cassidy: al termine del match di quest’ultimo, gli passa la giacca con la quale Lance arriva al ring, ma dopo avergli attaccato un cartello con la scritta “Kick Me Hard”. Poco dopo, quindi, il clown lo colpisce con un calcio
Con questo si conclude il ritorno al 1992. Ci si rivede tra qualche settimana per il 1993

Voti ai principali show

Royal Rumble 1992 – voto generale 9

-) New Foundation battono Orient Express   7
-) Roddy Piper sconfigge The Mountie conquistando il Titolo Intercontinentale  6
-) Beverly Brothers battono Bushwackers 4.5
-) Natural Disasters battono i Campioni di coppia Legion of Doom, ma solo per count out, non conquistando così il titolo  5.5
-) Ric Flair vince la Royal Rumble    9.5

Saturday Night’s Main Event XXX – voto generale 6.5

-) Rowdy Roddy Piper batte Mountie e mantiene il titolo IC         6.5
-) Hulk Hogan & Sid Justice battono Ric Flair & Undertaker per squalifica   7
-) Sgt. Slaughter & Hacksaw Jim Duggan battono Beverly Brothers   5
-) Machoman Randy Savage batte Jake the snake Roberts   7

Wrestlemania VIII – voto generale 9

-) Shawn Michaels batte El Matador Tito Santana 6.5
-) Undertaker batte Jake the snake Roberts 7
-) Bret Hart diventa il nuovo campione intercontinentale battendo Roddy Piper 8
-) Virgil, Big Bossman, Sgt. Slaughter e Jim Duggan battono Nasty Boys, Repo Man e Mountie  4.5
-) Macho Man Randy Savage diventa il nuovo campione WWF battendo Ric Flair 9
-) Tatanka batteRickMartel 6
-) Natural Disasters battono Money Inc, ma solo per count-out, quindi non vincendo le cinture  5.5
-) Owen Hart batte Skinner  n.g.
-) Hulk Hogan batte Sid Justice per squalifica 7

Summer Slam 1992 – voto generale 8

-) Legion of Doom battono Money Inc 7.5
-) Nailz batte Virgil 6
-) Shawn Michaels vs Rick Martel termina in doppio count-out 6.5
-) Natural Disasters battono Beverly Brothers mantenendo i titoli di coppia   6.5
-) Crush batte Repo Man 5
-) Ultimate Warrior batte Machoman Randy Savage, ma solo per countout, quindi il titolo WWF resta a Savage 8.5
-) Undertaker batte Kamala 5.5
-) British Bulldog batte Bret Hart conquistando il titolo intercontinentale 9

Survivor Series 1992 – voto generale 7.5

-) Headshrinkers battono High Energy 6.5
-) Big Bossman batte Nailz   6
-) Tatanka batte Rick Martel 5
-) Macho Man Randy Savage & Mr. Perfect battono Ric Flair & Razor Ramon 8
-) Yokozuna batte Virgil n.g.
-) Nasty Boys & Natural Disasters battono Money Inc. & Beverly Brothers  5.5
-) Bret Hart batte il campione IC Shawn Michaels mantenendo il titolo WWF (la cintura IC non era in palio) 7.5

classifica dei migliori match, lottatori, feud, ecc.

Match: 1) bulldog-bret; 2) machoman – flair; 3) machoman-warrior; 4) piper-bret; 5)flair/ramon – perfect/savage; 6)lod-money; 7) bret-shawn; 8)hogan-sid; 9) bulldog-shawn; 10) orient – new foundation

Match extra ppv: 1) bulldog-shawn; 2)bret-flair; 3) jake-savage; 4) bret-shawn (ladder match); 5) hogan/sid – flair/taker; 6) savage-flair; 7) maniacs-money inc.; 8) natural – money; 9) warrior/savage – nastys; 10) undertaker-flair

Feud: 1) flair-savage; 2)taker-jake; 3) hogan-sid; 4) savage-jake; 5) money-natural; 6) taker-kamala; 7) warrior-savage; 8) bossman – nailz; 9) warrior – shango; 10) ramon – savage

Segmenti: 1) barber shop coi rockers; 2) funeral parlor con taker e jake; 3) ritorno di jannetty; 4) perfect si schiera con savage; 5) bret intervista post titolo

Momenti: 1) ritorno di warrior; 2) flair vince rumble; 3) taker salva savage; 4) bret vince titolo; 5) sid tradisce hogan; 6) hogan elimina sid da rumble; 7) pubblico wembley; 8) savage vince titolo; 9) berzerker attacca taker con la spada; 9) piper mostra maglia anti shock; 10) debutto nailz

Debutti: 1) yokozuna; 2) razor ramon; 3) tatanka; 4) papa shango; 5) headshrinkers; 6) nailz; 7) max moon; 8) paul ellering; 9) damien demento; 10) chris walker

Ritorni: 1) ultimate warrior; 2) crush; 3) bam bam bigelow; 4) bob backlund; 5) kamala; 6) terry taylor

Addii: 1) hulk hogan; 2) ultimate warrior; 3) sid justice; 4) british bulldog; 5) legion of doom; 6) jake roberts; 7) miss elizabeth; 8) rowdy roddy piper; 9)  texas tornado; 10) the mountie; 11) jimmy snuka; 12) brutus beefcake; 12) jim neidhart; 13) sgt slaughter (come lottatore); 14) nailz

Classifica: 1) ric flair; 2) machoman; 3) bret hart; 4) undertaker; 5) ultimate warrior; 6) hulk hogan; 7) british bulldog; 8) shawn michaels; 9) sid justice; 10) rowdy roddy piper; 11) razor ramon; 12) the mountie; 13) tatanka; 14) jake roberts; 15) big boss man

Coppie: 1) money inc.; 2) natural disasters; 3) lod; 4) beverly brothers; 5) nasty boys; 6) headshrinkers; 7) bushwhackers; 8) new foundation; 9) high energy; 10) duggan&slaughter

 

Daniele Fusetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *