WWE Ritorno al passato: WWF Aprile – Dicembre 1987

WWE Ritorno al passato: WWF Aprile – Dicembre 1987

Wrestlemania III ha consacrato definitivamente Hulk Hogan, la WWF è all’apice del successo, ma non intende assolutamente adagiarsi o mollare il colpo. Iniziamo quindi il racconto da aprile 1987

A superstars del 4/4 inizia un sodalizio che porterà poi i Demolition sul tetto della federazione, quando Johnny Valiant cede il contratto dei suoi assistiti a Mr. Fuji. Vi è anche l’inizio del segmento “Ken Patera story”, dove si raccontano gli eventi che portarono l’ex campione IC in carcere.

Il match tra Jim Duggan e Iron Sheik termina in squalifica, quando Nikolai Volkoff  spacca il bastone di Slick sulla testa di Hacksaw. Solo l’intervento di Sivi Afi e dei Killer Bees ristabilisce l’ordine.

Successivamente, Nikolai Volkoff dovrebbe affrontare il jobber Rick Hunter, ma mentre il sovietico sta cantando come prassi il suo inno nazionale, Hunter lo attacca, fino ad essere però sopraffatto. Sarà Jim Duggan a salvare lo sparring partner.

Durante l’episodio di Prime Time Wrestling del 6 aprile, I fratelli Rougeau sconfiggono la Hart Foundation, grazie al pin vincente di Raymond su Bret Hart. Purtroppo per loro il match non era titolato

Il 23 aprile, durante i tapings di superstars, la coppia formata da Hulk Hogan e Billy Jack Haynes sconfigge la Hart Foundation & Danny Davis. Il match, inserito poi nella vhs “Even more unusual matches” è stato trasmesso sugli schermi italiani, nonostante fosse un dark match. Come già detto negli scorsi numeri, questa era una consuetudine per il mercato estero.

Il 25 aprile, durante superstars, i Demolition lottano il loro primo match con Mr. Fuji a bordoring, sconfiggendo gli Young Stallions (Paul Roma & Jim Powers)

Il 28 aprile, vicino Tampa, in Arizona, Barry O (fratello di Cowboy Bob Orton e zio di Randy, e negli anni ’90 accusatore di Pat Patterson per molestie sessuali) è protagonista di un incidente stradale nel quale muore la sua passeggera. Barry verrà arrestato in ospedale qualche giorno dopo e licenziato dalla WWF.

Nella puntata di superstars del 2 maggio assistiamo al ritorno di Killer Khan dopo circa 5 anni, al debutto di Brutus Beefcake con la gimmick di The Barber, sconfiggendo l’ex manager Johnny Valiant, e ad una feroce discussione tra Ken Patera e il suo ex manager Bobby Heenan, che termina con l’attacco di Patera a The Brain, costretto ad allontanarsi in barella.

Per finire, Adrian Adonis fa la sua prima ed unica apparizione con la testa pelata, conseguenza di quanto avvenuto a Wrestlemania III

Sempre il 2 maggio, sulla NBC, va in onda l’edizione numero 11 di Saturday Night’s Main Event, con Kamala che sconfigge sorprendentemente Jake Roberts, schienato dopo che Kimchee l’aveva colpito mentre l’arbitro era distratto. A fine match, Kimchee si toglie il costume, rivelandosi non come il vero accompagnatore del gigante ugandese (interpretato negli anni da diversi lottatori, ma principalmente da Steve Lombardi) ma HonkyTonk Man. Il match è contenuto nella vhs dedicata a Jake Roberts, uscita negli annni ’80.

In questo episodio termina anche il feud tra Randy Savage e George the animal Steele, col primo che vince tramite schienamento in un lumberjack match

Il terzo incontro è valido per i titoli di coppia, e i British Bulldogs trionfano in un best 2 of 3 falls contro i campioni dell’Hart Foundation. Il primo round viene vinto dal team inglese per squalifica, mentre il secondo per schienamento. Così l’incontro finisce sul 2-0, ma ai Bulldogs non vengono consegnate le cinture per quanto avvenuto nella prima caduta, applicando in maniera controversa la regola secondo cui il titolo può passare di mano solo tramite pin o sottomissione. Ma la cosa incredibile è che ci sarebbe ancora un’eventuale terza caduta per permettere a Davey Boy Smith & Dynamite Kid di riappropriarsi del titolo, invece si dichiara il match concluso, dato che si era già sul 2-0. Grave errore della WWF, del quale non si farà comunque alcun cenno.

Successivamente, Ricky Steamboat mantiene il titolo IC, battendo Hercules per squalifica, dovuta ai colpi inferti dallo sfidante utilizzando la sua catena

Nell’ultimo match, la Can-Am Connection batte Nikolai Volkoff & Iron Sheik, approfittando dell’intromissione di Hacksaw Jim Duggan

Il 15 maggio, durante un house show a Houston, sale sul ring Ted Dibiase, che annuncia il suo approdo in WWF (dove aveva già combattuto alla fine degli anni ’70, scontrandosi anche con Hulk Hogan in versione heel). One Man Gang lancia poi la sfida a Ted, ma gli arbitri evitano lo scontro. Il debutto della gimmick del Million Dollar Man avverrà solo qualche mese più tardi

Il 16 maggio, a Superstars, Ken Patera lotta il suo match televisivo di ritorno, battendo Hercules per squalifica, dovuta all’interferenza di Harley Race, anche lui membro della Heenan Family. L’ex campione di sollevamento pesi viene salvato dall’intervento di Bily Jack Haynes.

Il 20 maggio, il tribunale di Memphis si trova a dover affrontare una causa intentata da Jerry the king Lawler contro la WWF,  sull’utilizzo del soprannome “King of Wrestling” usato da Harley Race. La sentenza obbliga Race a presentarsi in Tennessee senza quell’appellativo, e senza i suoi classici abbigliamento e corona.

Nella puntata di superstars del 23 maggio, fa il suo debutto nel programma (prima andava in onda su Challenge) lo Snake’s Pit, inoltre assisitiamo alla prima apparizione televisiva di One Man Gang, che sconfigge un jobber; Bobby Heenan dichiara che la prossima settimana si presenterà col suo nuovo tag team, e viene annunciato che Superstar Billy Graham ha subito un’operazione, ma è pronto per ritornare sul ring

Il 26 maggio Jim Duggan e Iron Sheik, vengono arrestati dalla polizia che, dopo averli fermati per un controllo, li trovano in possesso si droga. Inoltre Duggan viene accusato anche di guida in stato di ebbrezza. Questa notizia fa il giro dei giornali, scatenando ancor più il dibattito (finora solo accennato nella massa del pubblico) della finzione del wrestling, visto che il patriota americano e il “nemico” iraniano erano rivali sui teleschermi. Lo sceicco verrà licenziato, mentre Duggan ùsi vedrà bloccata l’ulteriore ascesa.

Il 30 maggio, a superstars, gli Islanders (Haku & Tama) battono la Can-Am Connection per conteggio fuori. Durante il match si presenta a bordo ring Bobby Heenan, rivelandosi come il nuovo manager degli isolani

Il 2 giugno si registrano le puntate di superstars, ed in un dark match, Hulk Hogan & Koko B. Ware sconfiggono Kamala & Honky Tonk Man, appena diventato campione intercontinentale (il match contro Steamboat si era svolto prima nella stessa serata, ma sarà trasmesso il 13/6). L’incontro sarà inserito nella vhs “Best of the WWF volume 13” e irradiato anche su Italia 1 col commento di Dan Peterson.

Il 3 giugno, durante le registrazioni di Challenge, i Rockers fanno il loro primo match nella federazione di Stanford, sconfiggendo Josè Estrada & Jimmy Jack Funk. Ma qualche giorno dopo, Shawn Michaels & Marty Jannetty verranno licenziati, a seguito di un party non autorizzato svoltosi dopo alcuni tapings televisivi. Il loro rientro/debutto è tuttavia solo rimandato

Nella puntata di superstars del 6 giugno, il presidente Jack Tunney dichiara che la DDT di Jake Roberts non sarà vietata, come invece richiesto da Honky Tonk Man & Jimmy Hart. Viene altresì ufficializzato un match tra il sosia di Elvis e Ricky Steamboat per la prossima puntata, con in palio il titolo intercontinentale.

Come affermato da Steamboat nel dvd uscito nel 2010, lui voleva prendersi una pausa per stare vicino a sua moglie, che aspettava un figlio, ma a McMahon questo non andava bene, e perciò gli fece perdere il titolo. Come detto in altri speciali, non è vero che Honky fu un rimpiazzo improvviso di Butch Reed, che aveva perso l’aereo. Questo lo si può dimostrare, oltre che dalle interviste shoot rilasciate dai vari protagonisti, dal fatto che si vede Reed festeggiare Honky negli spogliatoi, assieme agli altri heel della federazione.

Il 7 giugno, durante un house show a Houston, ma trasmesso nel circuiti locali, per una collaborazione con il promoter Paul Boesch, One Man Gang sconfigge Ted Dibiase, schienandolo grazie all’ausilio illegale delle corde,

Nella puntata successiva di superstars, si nota come Machoman sia stato il primo a congratularsi con il nuovo campione intercontinentale, e infatti poco dopo rilascia un’intervista allo Snake’s Pit, dichiarandosi felice per quanto accaduto, mentre lui ora è pronto a sfidare il campione WWF Hulk Hogan.

Nella stessa puntata la Hart Foundation viene nuovamente sconfitta in un match non titolato, questa volta dai Killer Bees. Queste sconfitte vanno probabilmente inquadrate nell’ambito del processo che stava coinvolgendo Jim Neidhart per la presunta aggressione ad una hostess di qualche mese prima: essendo i match registrati, si sarebbero poi potuti far valere per il titolo, in quanto sarebbe bastato non far dire nulla al ring announcer, e far comunque prendere in mano le cinture dai vincitori, come avverrà poi in futuro. Ma questa è solo una mia considerazione personale

Il 23 giugno, ad Indianapolis, si svolgono le registrazioni di superstars e, secondo quanto riportato dal libro di Bret Hart, avvengono i primi test antidroga della WWF, durante i quali risultano positivi alla cocaina Brian Blair e Jake the snake Roberts, che vengono così sospesi

Sempre a Houston, il 26 giugno, Ted Dibiase compie il suo turn heel, abbandonando il compagno di coppia Sam Houston durante il match che li vedeva opposti a Ron Bass & One Man Gang. Proprio Houston aveva aiutato Dibiase durante l’aggressione subita da OMG di qualche giorno prima.

Sam Houston Coliseum era anche il nome dell’arena dove si svolgevano i match in città, e prende il nome da un generale e politico americano del 1800. Il wrestler invece è fratellastro (stesso padre, l’ex lottatore “Grizzly” Smith, ma madre diversa) di Jake Roberts, così come Rockin’ Robin.

Nella stessa serata, Hulk Hogan mantiene il titolo WWF schienando Kamala, in un match che sarà inserito nel dvd uscito nel 2011, denominato “Hulk Hogan Unrealeased Archives, e contenente match rari dell’eroe della federazione

Nell’episodio di superstars del 27/6 si assiste al primo promo del Million Dollar Man  Ted Dibiase

Nell’episodio del 4 luglio di superstars, inizia quella che sarà ribattezzata “Battle for Bam Bam”: praticamente in ogni episodio qualche manager afferma di aver messo sotto contratto un nuovo grande lottatore, cioè Bam Bam Bigelow

Nella ormai tradizionale cornice di Houston, il 10 luglio, fa il suo debutto un personaggio che scriverà pagine importanti nella WWF: Dingo Warrior, successivamente conosciuto come Ultimate Warrior

Il 15 luglio, prima delle registrazioni di superstars, effettua un provino un giovane Dan Kroffatt, che diverrà poi un wrestler molto stimato in Giappone, mentre in America si farà conoscere in ECW e in WWF, ma solo nella seconda metà degli anni ’90

A superstars del 18/7 Hulk Hogan è ospite dello Snake’s Pit, ma viene attaccato da Killer Khan & Mr. Fuji, col primo che sputa il suo green mist negli occhi del campione WWF. Questo segmento non sarà però trasmesso in tutte le aree degli Stati Uniti, ma solo in quelle dove i match tra i due venivano pubblicizzati per gli house show. Negli altri mercati televisivi lo spazio riservato alle interviste di The Snake avrà come ospite Mr. T, presentato nei giorni seguenti come nuovo “enforcer” della WWF (ruolo che ricoprirà per pochissimo tempo)

Oltre a filmati promozionali relativi al fim “Predator”, con protagonista Jesse the body Ventura, nella puntata vi è la partecipazione di Jimmy Hart, che mostra alcune immagini di Bam Bam

Durante Prime Time Wrestling in onda il 20 luglio, le Jumping Bomb Angels sconfiggono le campionesse femminili Glamours Girls (Judy Martin & Leilani Kai) ma senza le cinture in palio

Lo show del 24 luglio 1987 svoltosi a Houston passa alla storia per la vittoria del titolo femminile da parte di Sherri Martel, che schiena la campionessa Fabulous Moolah girando a suo favore una mossa della rivale. A fine match l’ex campionessa se la prende con l’arbitro Joey Marella, prima di essere allontanata da sherri a colpi di cintura. L’incontro sarà inserito nelle vhs “Best of the WWF Vol. 15” e “The Women of the WWF”

Nell’episodio di superstars trasmesso il 25 luglio, fa il suo ritorno sul ring Superstar Billy Graham, grande campione WWF tra il 1977 e il 1978 (sconfisse Bruno Sammartino per la cintura, per poi cederla a Bob Backlund, e fu fonte di ispirazione per Jesse Ventura ed Hulk Hogan, mntre negli anni ’90 sarà il principale accusatore di Vince McMahon per lo scandalo steroidi, a causa dei quali perse la sua famosa chioma e fu costretto a diversi interventi chirurgici)

Rick Martel rilascia un’intervista durante la quale dichiara che il suo tag team partner Tom Zenk ha abbandonato la federazione (Zenk dichiarerà di aver lasciato la WWF dopo aver appreso di guadagnare molto meno di Rick Martel, mentre all’epoca i due membri di una coppia percepivano la stessa cifra. Martel era però un ex campione di coppia, nonché ex campione AWA, mentre Zenk era un giovane in rampa di lancio, che avrebbe ottenuto di più se fosse rimasto in WWF, visto che era in programma una loro vittoria delle cinture di coppia, cosa che invece avverrà con l’unione di Tito Santana a Rick Martel)

Il 1° agosto, a superstars, debutta in Tv Ravishing Rick Rude, che assieme ad Hercules e King Harley Race sconfigge 3 jobbers

Nella puntata di Wrestling Challenge del 2 agosto, vengono trasmessi alcuni spezzoni della vittoria del titolo femminile da parte di Sherri Martel

La settimana seguente vi è la divisione tra Cowboy Bob Orton e Don Muraco. I due erano in crisi da tempo, ma la goccia che fa traboccare il vaso avviene durante il match tra i due futuri hall of famers & Joe Mirto contro Tito Santana & JYD & Hillbilly Jim, in cui un colpo fortuito di Orton costa a Muraco lo schienamento

Nell’episodio si viene informati che Bam Bam Bigelow (conosciuto però finora solo come Bam Bam) ha rifiutato Jimmy Hart come manager.

Infine, gli Young Stallions (Paul Roma & Jim Powers) infliggono l’ennesima sconfitta in match non titolati ai campioni della Hart Foundation. Questa volta il match termina con lo schienamento di Bret su Roma, ma visto che The Hitman aveva i piedi sulle corde, il rinforzo speciale Mr. T impone una reverse decision

Al Boston Garden, il 15 agosto, Dingo Warrior schiena Barry Horowitz, nel suo primo match ripreso dalle telecamere (anche se solo per il circuito locale). L’incontro è stato passato spesso nel palinsesto italiano di WWE 24/7 (o Classics on demand, come preferite)

Nell’episodio di superstars del 15 agosto, Sherri Martel sconfigge Angie Minelli, annunciando che d’ora in poi si farà chiamare Sensational Sherri. Poi Rick Martel schiena Barry Horowitz, ma viene attaccato nel post-match dagli Islanders, fino all’arrivo di Tito Santana (che era il commentatore speciale di lingua spagnola). Johnny V. viene rifiutato come manager da Bam Bam, e per finire assistiamo al debutto (ritorno) sul ring  di Ted Dibiase, che sconfigge uno sparring partner

A Prime Time Wrestling del 17 agosto c’è il debutto di Sir Oliver Humperdink, manager proveniente dal circuito NWA, che si scontra con Bobby the Brain Heenan

Nella puntata di Challenge del 23 agosto, Ted Dibiase dovrebbe affrontare un jobber di nome Chris Curtis, ma sale sul ring dicendosi non interessato alla sfida, introducendo un lottatore pagato 5 mila dollari per sostituirlo, un certo Mr. Washington. Curtis schiena Washington in un minuto, poi a fine match Virgil blocca Washington, Dibiase si riprende i suoi soldi, e infine i due lo colpiscono ripetutamente.

Una settimana dopo, Bobby Heenan viene licenziato da Paul Orndorff, dopo che The Brain aveva affermato che Rick Rude gli era superiore, ed introduce Humperdink nelle vesti di suo nuovo manager. Bam Bam rifiuta anche Mister Fuji, poi vediamo Ken Patera battere un jobber, infortunandosi però al braccio durante una powerslam. Questo terrà Patera lontano dal ring per circa 2 mesi.

Rick Martel e Tito Santana vengono intervistati negli spogliatoi, affermando che ora sono una squadra, e che si faranno chiamare “Strike Force”

Il 28 agosto si svolge, a Houston, il Paul Boesch retirement show, con molte personalità della storia del wrestling (Red Bastien, Verne Gagne, Stu Hart, Jesse James, Gene Kiniski, Ernie Ladd, Jose Lothario, Boris Malenko, Vince McMahon, Pat Patterson, Lou Thesz, Jack Tunney, ecc.) che omaggiano il grande promoter. Durante l’evento si svolge un match tra Ted Dibaise e Jim Duggan: la qualità dell’incontro consente a Hacksaw di riavere il lavoro nella compagnia, dalla quale era stato sospeso dopo l’arresto.

Il giorno dopo, a Baltimore, Bruno Sammartino lotta quello che diventerà il suo ultimo match per la WWF. E quale migliore occasione se non quella di fare coppia con Hulk Hogan, cioè colui che stava compiendo la strada per superarlo in quanto a leggenda. L’incredibile coppia sconfigge quella formata da King Kong Bundy & One Man Gang.

Nella puntata di superstars del 29/8 anche Bobby Heenan viene rifiutato da Bam Bam, lasciando come unico candidato Slick. Honky Tonk Man rilascia delle dichiarazioni dove afferma di essere il più grande campione IC di tutti i tempi, meglio di Stemboat, Santana o Savage.

Gli Strike Force fanno il loro debutto tv sul ring, sconfiggendo Steve Lombardi & Tiger Chung Lee

Il 4 settembre, a Providence in Rhode Island, si svolge il torneo King of the ring, che poi nel 1993 diventerà un ppv. In questi anni nessuna telecamera riprendeva invece l’evento (in rete si possono trovare molti match dell’edizione 1991, in qualità amatoriale). Trionfa Machoman, che schiena in finale King Kong Bundy, usando il flying elbowsmash dopo una “valanga” mancata dall’ex rivale di Hulk Hogan

Il 5 settembre, durante superstars, Craig DeGeorge intervista Slick, accompagnato da Nikolai Volkoff, che introduce Bam Bam Bigelow. Ma a fare il suo ingresso è Oliver Humperdink, seguito da Bam Bam, che colpisce Volkoff e dichiara che il suo manager non è Slick, ma lo stesso Humperdink. Più tardi viene ufficilaizzato un match tra Volkoff e Bigelow, da svolgersi la settimana successiva.

Vengono mostrate delle immagini di Ken Patera, che si dice infortunato a causa di un attacco della Heenan Family. Per concludere, Honky Tonk Man viene informato che Randy Savage è andato su tutte le furie dopo che il campione Ic si è dichiarato migliore di lui, ma Honky ribatte che sa ballare, cantare e lottare meglio di Machoman, dando così il via ad una rivalità che porterà Savage a divenire un beniamino del pubblico.

Nella puntata di Prime Time del 7 settembre, Bob Orton sconfigge un jobber, e poi ha uno scontro verbale con Don Muraco. Ma il fatto saliente è il debutto, nelle vesti di aiuto commentatrice, di quella che in futuro diverrà la speakerina (come la chiamava Dan Peterson) Mike McGuirk. Il mio amico Aaron, durante la sua avventura a Wrestlemania 28 (in compagnia del nostro staffer Valentino) è riuscito a scattare una foto insieme a lei, ed è stato tra i pochi a riconoscerla.

Nella stessa puntata, la Hart Foundation difende con successo i titoli di coppia, battendo per count-out I fratelli Rougeau, grazie all’interferenza di Danny Davis. In questo incontro, al fianco di Gorilla Monsoon, fa il suo debutto Bruce Prichard (successivamente conosciuto come Brother Love, e come dirigente della WWF)

Nella puntata di superstars del 12/9, Bam Bam Bigelow fa il suo debutto televisivo in un match, schienando Nikolai Volkoff con quello che sarà per sempre il suo marchio di fabbrica, cioè il flying headbutt (la caduta di testa dalla terza corda)

Nella puntata di superstars del 26 settembre, Honky Tonk Man sta elencando 10 ragioni per le quali lui è il più grande campione IC di tutti i tempi, ma viene interrotto dal sopraggiungere di Machoman, che lo sfida ad un incontro. Honky rifiuta, affermando di non essere vestito in maniera adeguata. Nella puntata successiva, il match tra i due viene annunciato per Saturday Night’s Main Event

La dodicesima edizione di SNME va in onda, come tradizione, sulla NBC, e registra un ottimo 9.7 di rating. E’ un’edizione importantissima quella del 3 ottobre 1987,  per quanto accade nel main event, che come consuetudine è il primo match: Machoman sconfigge il campione IC Honky Tonk Man, ma solo per squalifica, che scatta quando Bret Hart rompe il pin che Savage stava compiendo su Honky dopo il flying elbowsmash. Inizia così un 3 vs 1 ai danni di Randy, e solo l’intervento di Miss Elizabeth blocca il campione dal fracassare la chitarra in testa a Machoman (una scena che compare in diversi video di tributo). Però poi Liz viene allontanata negli spogliatoi, e così il colpo di chitarra viene portato a termine.  Elizabeth torna poco dopo, e incredibilmente con lei c’è il campione WWF Hulk Hogan! I due fanno piazza pulita della Hart Foundation e di Honky Tonk Man, tra lo stupore e il delirio del pubblico. Una nuova, inaspettata alleanza è nata!

Nel secondo match, Hogan schiena Sika (che ha sostituito all’ultimo Kamala); poi King Kong Bundy schiena Paul Orndorff, dopo l’interferenza di Andrè the giant, che rientra dopo diversi mesi di assenza (il suo film “The Princess Bride, conosciuto da noi come “La storia fantastica”, uscì il 25 settembre nelle sale americane)

Infine, la Hart Foundation (senza Jimmy Hart, infortunatosi nel parapiglia del primo match) sconfigge gli Young Stallions, mantenendo le cinture di coppia

Il 4 ottobre, alla Saint Lous Arena, si svolge la prima Royal Rumble! Come? Direte voi… Ebbene sì, l’avevo già scritto durante lo speciale Royal Rumble di inizio anno, ma quella del 1988 fu soo la prima ad essere trasmessa in tv (nel 1989 in ppv) ma, come accadrà per altre stipulazioni (ladder match, casket match, falls count anywhere match, ecc.), prima si dovette procedere con delle “prove”. La vittoria, che avrebbe permesso di sfidare il campione WWF nello show di Saint Louis del 7 novembre, se la aggiudica One Man Gang, che esce nelo stesso momento dal ring con Junk Yard Dog, ma quest’ultimo tocca prima terra (vi ricorda qualcosa? Tipo la rissa reale del 1994?)

Nell’episodio del 10 ottobre, durante un’intervista a Bobby Heenan & Andrè the giant, viene ufficializzato il main event di Survivor Series, il secondo ppv della WWF

Il 23 ottobre la WWF fa tappa in Francia, al Bercy Stadium di Parigi, con alcuni incontri che saranno poi inseriti in vhs oppure trasmessi a Prime Time Wrestling

Il giorno dopo, per la prima storica volta, si svolge una tourneè della World Wrestling Federation in Italia, a Milano. Purtroppo non ci sono filmati al riguardo, tranne questo breve segmento con Mike Bongiorno, avvenuto a TeleMike ma riproposto da Paperissima, a causa del colpo ricevuto dal conduttore.

La card (nulla di eclatante) fu la seguente:

SD Jones batte Sika
WWF Women’s Champion Sensational Sherri batte Velvet McIntyre
The Junkyard Dog batte King Harley Race
Jim Duggan batte Iron Sheik
Rougeau Brothers battono The Dream Team
Outback Jack batte Nikolai Volkoff

A superstars de 24 ottobre, Jimmy Hart annuncia di essere diventato il manager delle Glamour Girls, mentre la settimana seguente Bam Bam Bigelow vince una battle royal a 10 uomini. Viene inoltre ufficializzato un match tra la Hart Foundation e la Strike Force, con in palio i titoli di coppia, da svolgersi nella puntata seguente

Durante Challenge del 25 ottobre, fa il suo debutto in TV, schienando Terry Gibbs, Ultimate Warrior

Il 28 ottobre, prima delle registrazioni di Challenge, Hulk Hogan schiena One Man Gang. Ma il fatto curioso accade all’inizio del match, quando OMG viene attaccato da un fan con una grossa mole, di nome Joe D’Acquisto, costringendo la security a riportare l’ordine. Questo tifoso riuscirà, circa 10 anni dopo, a lottare su importanti ring americani, e verrà conosciuto in WCW come Road Block

A challenge del 31 ottobre c’è un altro debutto, ma meno significativo, quello della coppia formata da Nikolai Volkoff & Boris Zhukov, cioè i Bolshevicks

Nell’episodio di Prime Time del 29 ottobre va in scena un siparietto che sarà poi riproposto in diversi video: Ted Dibiase offre 500 dollari ad un bambino per palleggiare 15 volte di fila con un pallone da basket ma, dopo 14 palleggi, The Million Dollar Man calcia via la palla, e così non paga quanto pattuito

Il 7 novembre, a superstars, King Harley Race attacca Jim Duggan mentre quest’ultimo stava effettuando un’intervista; ma la puntata è importante per la conquista del titolo di coppia da parte della Strike Force, che batte la Hart Foundation grazie alla sottomissione di Jim Neidhart, che deve cedere al Boston Crab di Rick Martel

Il 14 novembre, oltre a vari promo su Survivor Series, assistiamo al match tra Superstar Billy Graham e Butch Reed, con la vittoria che va all’ex campione WWF per squalifica. Una vittoria che paga caro, in quanto dovuta all’attacco di One Man Gang, che colpisce Graham con diversi splash all’angolo. Neanche l’intervento di Don Muraco migliora la situazione, e questo attacco verrà utilizzato per porre fine alla gloriosa carriera di Superstar Billy Graham

Nella puntata successiva di superstars, Graham verrà rimpiazzato da Don Muraco  nel team di Hulk Hogan per Survivor Series

Il 26 novembre, il giorno del Ringraziamento Americano, va in scena la prima edizione di Survivor Series, un evento che prevede match a squadre 5 contro 5, tra wrestlers spesso in rivalità tra loro.

Nel primo incontro, il team composto da Machoman Randy Savage, Hacksaw Jim Duggan, Jake the snake Roberts, Ricky the dragon Steamboat e Brutus the barber Beefcake sconfigge quello format dal campione IC Honky Tonk Man, King Harley Race, Danny Davis, Hercules e Outlaw Ron Bass. Duggan e Race si autoeliminano per doppio conteggio fuori, poi Beefcake schiena Ron Bass, ma poco dopo Honky pareggia i conti, schienando Brutus. Jake Roberts porta la sua squadra sul 3-2, schienando Davis, successivamente Machoman allunga il vantaggio, schienando Hercules. Rimasto solo contro 3 avversari, Honky preferisce darsi alla fuga, consegnando la vittoria per count-out.

Il secondo match vede coinvolte ben 10 donne: The Fabulous Moolah, Velvet McIntyre, Rockin Robin e le Jumping Bomb Angels,  che battono la campionessa WWF Sensational Sherri e le campionesse di coppia Glamour Girls, accompagnate da Dawn Marie e Donna Christianello. La McIntyre schiena la Christianello dopo neanche due minuti, e poco dopo la Robin firma il 2-0 schienando Dawn Marie. Sherri schiena Robin e la Martin schiena la Moolah, e così si torna in parità. A sorpresa, la McIntyre schiena Sherri, ma viene in seguito eliminata da Leilani Kai. Restano le campionesse di coppia e le loro rivali, e sono proprio le Bomb Angels a “sopravvivere”

Terzo incontro, che si svolge tra le coppie della WWF, e quindi ha come protaginisti ben 20 lottatori, in un’epoca un cui i tag team erano molto considerati, e non improvvisati lottatori singoli messi insieme a caso, come avviene adesso.

Da un lato gli Strike Force, campioni di coppia, alleati dei British Bulldogs, dei Rougeau Brothers, degli Young Stallions e dei Killer Bees. I loro avversari sono la Hart Foundation, gli Islanders, i Bolshevicks, i Demolition e il Dream Team. In questo match (che sarà l’ultimo per Johnny V a fianco di Valentine & Bravo) basta eliminare un membro della coppia per far sì che entrambi siano eliminati.

Santana schiena immediatamente Zhukov, Ax realizza il 4-4 schienando Jacques Rougeau, ma poi Smash rovina tutto colpendo l’arbitro e facendosi così squalificare. Ci pensa Neidhart a riequilibrare la situazione, con il pin su Tito, e Haku segna il punto del sorpasso, schienando Dynamite Kid. Il pareggio è opera di Paul Roma, che schiena Greg Valentine, quindi Jim Brunzell schiena Bret Hart, e poco dopo il suo compagno Brian Blair effettua lo schienamento finale, su Tama, usando il loro ormai tipico scambio di maschere (Blair infatti non era l’uomo legale)

Nel main event, si affrontano: Andrè the Giant (che torna sul ring dopo circa 7 mesi), Ravishing Rick Rude, King Kong Bundy, Butch Reed e One Man Gang, contrapposti al campione WWF Hulk Hogan, Bam Bam Bigelow, Paul Orndorff, Ken Patera e Don Muraco. Hogan schiena Reed grazie anche all’aiuto di Orndorff; OMG pareggia, schienando Patera; Rude effettua il pin su Orndorff, utilizzando le corde dopo un attacco di Bundy a Mr. Wonderful. Don Muraco elimina lo stesso Rude, prima di essere schienato da One Man Gang, aiutato da Andrè.

Hulk Hogan, attaccato da Gang e Bundy, viene eliminato per count-out, lasciando il giovane Bigelow da solo contro 3 avversari. Bam Bam si dimostra all’altezza della situazione, schienando Bundy e Gang in rapida sequenza. La futura “Bestia dell’Est” va molto vicino all’impresa, ma dopo aver mancato uno splash all’angolo, viene schienato da Andrè, che ottiene quindi la vittoria finale. Dopo il match, Hogan torna sul ring e attacca il gigante francese con la citura di campione WWF. Andrè torna nel backstage, dove viene intervistato (assieme al manager Bobby Heenan) da Mean Gene Okerlund. I due lanciano una nuova sfida all’Hulkster, in quanto con la vittoria di stasera ha dimostrato di meritarsela.

Nella puntata di superstars del 28 novembre, Ted Dibiase annuncia di voler impradonirsi del titolo WWF. Questa non sarebbe una notizia, ma il modo in cui vorrebbe farlo suo non è vincendolo sul ring, bensì comprandolo!

Durante lo show, Brutus the barber Beefcake e Greg the hammer Valentine (ex compagni di coppia) lottano fino ad una doppia squalifica. Al fianco di Greg Valentine, in qualità di manager, vi è Jimmy Hart, che torna con lui dopo circa 2 anni

Due giorni dopo le Series, è il turno della tredicesima edizione di SNME.

Questa volta il primo match non è il main event, che infatti vede George Steele sconfiggere Danny Davis per squalifica, poi Machoman Randy Savage schiena Bret Hart. King Kong Bundy sconfigge il campione WWF Hulk Hogan per count-out, in un incontro che vede interferire Andrè the giant, e con Hogan che provocherà un infortunio al collo a Bobby Heenan.

Nell’ultimo incontro, Bam Bam Bigelow (sostituto di Hacksaw Jim Duggan) schiena Hercules. Inizialmente il match termina per doppio count-out, ma Bigelow prende il microfono e chiede ad Hercules di continuare, e così avviene.

Il 19 dicembre, a superstars, Hulk Hogan viene intervistato da Craig DeGeorge, che gli domanda se intende vendere il titolo WWF a Ted Dibiase. Hogan, dopo un attimo di riflessione, risponde con un secco “nooo!” che rimbomba nell’arena e nelle televisioni a casa.

Nell’ultima puntata di superstars dell’anno, quella del 26/12, De George intervista Dibiase, riguardo il rifiuto di Hogan. L’uomo da un milione di dollari si dimostra arrabbiato, ma ancora fiducioso, in quanto ha altri piani in mente.

Honky Tonk Man si presenta con una valletta, che chiamerà Peggy Sue (interpretata da Sensational Sherri Martel)

Al Madison Square Garden di New York, il giorno di Santo Stefano, va in scena un house show WWF (a dimostrazione della quantità di date alle quali dovevano sottostare i lottatori dell’epoca, che spesso combattevano sia al mattino o primo pomeriggio, sia alla sera). L’evento è, come di consueto, irradiato nel circuito locale tramite il MSG Network (molti eventi sono stati poi passati anche su WWE Classic on demand in tempi recenti) e balza all’occhio il bel match tra Ravishing Rick Rude e Ricky the dragon Steamboat, che si danno battaglia per 20 minuti, fino al pareggio per raggiungimento del tempo limite. L’incontro è stato introdotto nel dvd “WWE’s top 50 superstars of all time, uscito nel 2011

 

Daniele Fusetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *