WWE Ritorno al passato: WWF Ottobre – Dicembre 1990

WWE Ritorno al passato: WWF Ottobre – Dicembre 1990

Eccoci per la prima volta nella versione 2.0 di World of Wrestling con Ritorno al passato, che ripercorrerà gli ultimi tre mesi del 1990.

A Superstars del 6 ottobre, l’ospite del Brother Love show è Jake the snake Roberts ma, come accaduto anche negli ultimi segmenti, è presente pure Rick the model Martel, che si mette a lamentarsi dell’odore del serpente Damien, spruzzando sopra la sua borsa il profumo Arrogance, scatenando la reazione del padrone, che si trova però involontariamente accecato dal getto.

Il 9 ottobre, prima dei taping di Superstars, Koko B. Ware sconfigge un giovane Scott Levy, cioè il futuro Raven

Il 13 ottobre 1990 si svolge la 28esima edizione di Saturday Night’s Main event, ribattezzata Oktoberfest.

Nel primo incontro, Ultimate Warrior & Legion of Doom sconfiggono i 3 Demolition

Poi tocca al match tra Machoking Randy savage e Dusty Rhodes, con spettatore interessato Ted Dibiase. L’uomo da un milione di dollari offre centinaia di dollari ai fans della prima fila per farli alzare, tutti accettano tranne un ragazzo biondo, che si rivela essere il figlio dell’American Dream, cioè Dustin Rhodes (conosciuto ora come Goldust). Dibiase  e Virgil aggrediscono il giovane, costringendo il padre ad intervenire per difenderlo, e ciò comporta la sua sconfitta per count-out

Nel terzo match, la squadra composta da Hulk Hogan & Tugboat sconfigge i Rhytm’n’blues di Jimmy Hart per squalifica, dovuta all’attacco con la chitarra compiuto da Honky Tonk Man sull’amico dell’Hulkster. Giungono poi Earthquake e Dino Bravo a dar man forte agli heel, che riescono a colpire ripetutamente i rivali, prima che questi ultimi riescano a fare piazza pulita

Nell’incontro successivo, Sergeant Slaughter si sbarazza facilmente di Koko B.Ware, ed a fine match si mette a sventolare la bandiera irachena, in risposta a Nikolai Volkoff, che dalla piattaforma delle interviste stava sventolando quella statunitense

Tocca al campione intercontinentale Texas Tornado chiudere l’evento, schienando in pochi minuti lo sfidante Haku

A Prime Time Wrestling del 15 ottobre (trasmesso da noi addirittura nel 1993) Big Bossman schiena Haku, ma deve subire nuovi insulti a sua madre, perpetrati dal solito Bobby Heenan, che fugge appena il poliziotto prova ad avvicinarsi

Nella puntata di Superstars del 20 ottobre, viene annunciato un match per le Survivor Series, con Sgt. Slaughter, Akeem (poi sostituito da Boris Zhukov, in quanto abbandonò la WWF) e gli Orient Express che dovranno affrontare Nikolai Volkoff, Tito Santana e i Bushwhackers

Secondo quanto riportato dal sito historyofwwe.com, durante l’house show di Oakland del 22 settembre, avviene una rissa nel backstage tra Mister Perfect e Boris Zhukov, interrotta dall’arrivo del dirigente (ex wrestler e futuro hall of famer) BlackJack Lanza). Inoltre, dopo una rissa in un bar di San Francisco, Koko B.Ware viene spedito a casa dalla WWF

A Superstars del 27/10,  Jake the snake è nuovamente ospite del Brother Love show, dove colpisce il conduttore credendolo il rivale Rick Martel, e poi mostra l’infortunio all’occhio che The Model gli ha causato in precedenza.

Il presidente Jack Tunney annuncia che Rick Rude è sospeso a tempo indeterminato per i suoi commenti contro la madre di Big Boss Man, ed il suo posto nei match già concordati sarà preso da Bobby Heenan. In realtà l’ex campione intercontinentale abbandonò la federazione a causa della differenza di pagamento tra lui e Ultimate Warrior per il match di SummerSlam, e per il suo ridimensionamento da main eventer.

A Challenge del 28 ottobre, Randy Savage e Sensational Sherri vengono intervistati da Mean Gene Okerlund, in cui MachoKing lancia la sfida per il titolo WWF ad Ultimate Warrior.

Nella puntata di Superstars del 3 novembre, il rookie Dustin Rhodes deve affrontare Ted Dibiase in un match particolare, nel quale The Million Dollar Man pensa di vincere in meno di dieci minuti. Ma questo non accade, e quindi il figlio dell’American Dream viene dichiarato vincitore per aver resistito il tempo concordato

Nella puntata di Superstars del 10 novembre, assistiamo alla riunione dei Demolition con l’ex manager Mister Fuji: i tre membri della squadra ex campione di coppia fa scattare la squalifica assalendo i Legion of Doom durante il loro match contro gli Orient Express

Il giorno dopo, durante Challenge, si affrontano gli eterni rivali Rick Martel e Tito Santana, con la vittoria che va al primo quando un ancora ipovedente Jake Roberts interferisce, anche se per errore colpisce Tito

Il 13 novembre, l’ex wrestler Jesse the body Ventura comincia la sua scalata politica, divenendo sindaco di Brooklyn Park in Minnesota

Il 17 novembre, a Superstars, Jake perde per squalifica contro il jobber Tom Stone, dopo aver colpito l’arbitro, mentre il match per il titolo di coppia tra la Hart Foundation  e i Rhytm’n’blues termina con il più classico dei risultati pre-Survivor Series: la doppia squalifica causata dall’intervento di tutti i membri delle squadre del ppv (con Virgil al posto del mystery partner)

Il tradizionale Survivor Series Showdown va in scena il 18 novembre, con questi risultati:

Sergeant Slaughter schiena Tito Santana grazie all’interferenza del Generale Adnan, che gli blocca il piede mentre sta effettuando un suplex

Poi Rick Martel schiena Marty Jannetty; Earthquake sconfigge Big Boss Man per count-out, col poliziotto che insegue Bobby the brain nel backstage; Bret Hart ottiene il pin vincente su Honky Tonk Man, dopo che quest’ultimo si è scontrato col mangaer Jimmy Hart sull’apron ring.

Infine, il campione IC Texas Tornado sconfigge Demolition Smash per squalifica, dopo l’intervento dei suoi partner di Survivor Series. Ax & Smash riescono a colpire il campione con la Decapitation, poi ci pensano Ultimate Warrior e gli LOD a mettere in fuga i nemici

Il 22 novembre 1990 va in scena la quarta edizione di Survivor Series, che si apre col match tra Ultimate Warrior & Texas Tornado & Legion of doom (una delle formazioni più forti di sempre) contro i tre Demolition e Mister Perfect. Molto probabilmente al posto di Ax (al suo ultimo match in WWF) avrebbe dovuto esserci Machoking Randy Savage, sofferente però di un infortunio che terrà fuori anche dalla Royal Rumble 1991, centellinando le sue presenze fino al programmato ultimo match di Wrestlemania VII (nelle idee di Savage c’era realmente il ritiro da lottatore attivo, ma l’addio di Warrior e l’infortunio di Sid, lo fecero rientrare alla fine del 1991)

E’ subito Ax ad abbandonare la contesa, schienato dal campione WWF, e pochi minuti dopo vengono squalificati sia gli altri 2 Demoltion sia gli LOD, per una rissa fuori ring che vede coinvolto anche l’arbitro.

Mister Perfect schiena Texas Tornado riportando il risultato in parità, ma deve soccombere alla potenza di Ultimate Warrior.

Dopo diversi annunci, ecco il momento in cui Ted Dibiase, accompagnato dai Rhytm’n’blues, rivela il suo partner misterioso, che in molti (tra i quali Dan Peterson) sospettano poter essere il figlio di Dusty Rhodes. Ecco invece comparire un nuovo wrestler, gigantesco e inquietante: The Undertaker.

Basta un minuto al neoarrivato per schienare Koko B. Ware con la tombstone, e poi ad incutere timore agli altri avversari. Jim Neidhart schiena HonkyTonk Man, ma viene immediatamente eliminato da Ted Dibiase. Undertaker porta la sua squadra avanti di due uomini ottenendo il conto di 3 su Dusty Rhodes, ma poi si fa contar fuori per aiutare il manager Brother Love che stava avendo un diverbio con l’American Dream.

Bret Hart pareggia i conti schienando Greg Valentine, e cerca di affrontare ad armi pari The Million Dollar Man. Ma Bret, che dedicherà il match al fratello Dean (morto la sera prima a causa di una malattia renale cronica, che l’aveva colpito da una decina d’anni) viene sconfitto dall’esperienza del rivale.

Nel terzo incontro si affrontano Rick Martel & Warlord & Power & Glory vs Jake Roberts & Jimmy Snuka & Rockers.

Il primo schienamento viene eseguito da Warlord ai danni di Marty Jannetty, ed alcuni minuti dopo la squadra helle allunga con il pin di Martel su Snuka. In due contro quattro la situazione è difficile, ma Michaels e Roberts resistono per diversi minuti, fino a quando è Shawn ad essere schienato da Paul Roma. Jake the snake rimane solo contro tutti, riesce a mettere a segno la DDT su Warlord, ma poi insegue Rick Martel con il serpente, venendo così contato fuori per un sorprendente (e mai accaduto fino ad allora) risultato di 4-0

E’ ora il turno di Hulk Hogan, assieme a Big Bossman, Tugboat e Jim Duggan contro Earthquake, Dino Bravo, Haku (sostituto di Rick Rude) & Barbarian.

Bossman elimina abbastanza presto Haku, ma un’ingenuità di Hacksaw Jim Duggan (squalificato dopo aver colpito Earthquake con la spranga, mentre inseguiva Jimmy Hart) riequilibra la sfida.

Ci pensa l’Hulkster a riportare avanti il suo team, schienando Dino Bravo, ma subito dopo Earthquake effettua il pin su Bossman, vanificando il tutto.

Il gigante canadese e Tugboat vengono contati fuori per uno scontro extra ring, e Barbarian sfiora l’impresa contro Hogan, che però effettua la sua solita rimonta, portandosi a casa la vittoria.

Eccoci all’incontro probabilmente meno atteso della serata, quello tra Nikolai Volkoff, Tito Santana & Bushwhackers contro Sgt. Slaughter, Boris Zhukov (sostituto di Akeem) & Orient Express.

Santana ci mette meno di un minuto per schienare Zhukov, poco dopo Butch schiena Sato, e Santana schiena Tanaka. Così, dopo neppure 3 minuti, il risultato è di 4 vs 1, e rischia di ripetersi quanto accaduto precedentemente in serata. Ma Slaughter schiena in rapidissima sequenza Volkoff, Luke e Butch, per un inaspettato pareggio.

Ma il capitano dei mercenari viene squalificato quando il General Adnan colpisce Tito con la bandiera irachena, dimostrando tuttavia di meritarsi in qualche modo la chance al titolo WWF che gli verrà assegnata alla Rumble 1991

Tralasciando l’orrenda parentesi del Goobledy Gooker con all’interno il povero Hector Guerrero (e pensare che il Wrestling Observer dell’epoca arrivò ad ipotizzare il debutto di Mark Calloway, cioè Undertaker, nelle vesti di Egg Man, l’uomo uovo che avrebbe attaccato Warrior ed Hogan) passiamo ad un evento inedito e mai più riproposto: la finale delle Survivor Series.

I sopravvissuti degli incontri precedenti si uniscono per formare due squadre, ma i face si ritrovano in 3, con Hogan, Warrior e Santana, ad affrontare ben 5 heel: Dibiase e tutta la squadra dei Visionaries.

Santana parte subito a mille come nell’incontro appena concluso, eliminando Warlord in pochi secondi. Un minuto dopo tocca a lui lasciare il match, schienato da Ted Dibiase, e così si va sul 4-2.

Ma Hogan e Warrior sono di un altro livello, ed ecco Hulk che schiena Paul Roma e Ted Dibiase, mentre Rick Martel decide di abbandonare la contesa, e poi è il turno del campione WWF di schienare Hercules, tra il tripudio del pubblico, con l’evento che si chiude con i due beniamini a posare insieme

Il 23 novembre va in onda la quarta edizione di “The Main Event”, che originariamente avrebbe dovuto essere un’edizione di Saturday Night’s Main Event (della durata quindi di 90 minuti anziché di 60) ma pochi giorni prima la NBC cambiò i piani, a show già registrato (lo era stato il 30 ottobre, ed avrebbe dovuto essere trasmesso il 24/11)

Fu questo uno dei motivi (oltre al rinnovo del contratto di Jim the anvil Neidhart) per il quale il match in cui i Rockers sconfissero la Hart Foundation, conquistando le cinture in un best 2 of 3 falls, non fu trasmesso, e bisognerà attendere l’uscita del dvd “Heartbreak & Triumph – the Shawn Michaels story” per poter assistere al match (anche se le fasi finali furono irradiate durante il ritorno di Marty Jannetty nel 1995)

Durante la seconda caduta, si ruppe la terza corda del ring, ed anche per questa ragione Vince McMahon non volle trasmettere l’incontro, con Jack Tunney che annunciò il ritorno dei titoli alla Hart Foundation nelle tv delle zone limitrofe allo svolgimento dell’evento, seppur i Rockers difesero le cinture 3 volte contro i Power & Glory.

Prima delle registrazioni, il campione WWF Ultimate Warrior schiena Machoking in un minuto, in un incontro poi inserito nella vhs “2nd Annual Battle of the WWF Superstars”. Come già detto, all’epoca Savage era infortunato, ed infatti salterà sia le Survivor Series che la Royal Rumble, rientrando in tempo per il gran match di Wrestlemania VII

Nel primo match di The Main Event IV, Warrior difende con successo la cintura contro Ted Dibiase, per squalifica dovuta all’intervento di Virgil che toglie il suo “padrone” dal conto di 3. Dopo l’incontro, Savage colpisce Warrior con lo scettro, effettuando infine il flying elbowsmah

Successivamente è previsto un match tra Nikolai Volkoff e Sgt. Slaughter, che però non comincia, in quanto il sergente colpisce il rivale prima del suono del gong. Ci vuole l’intervento di Hacksaw Jim Duggan con la spranga per evitare il peggio.

Nel terzo match, Mr. Perfect sconfigge Big Boss Man per count-out, con il poliziotto che insegue Bobby Heenan nel backstage, ed infine Rick Martel sconfigge Tito Santana con la Boston Crab

A Challenge del 25/11, il presidente WWF Jack Tunney annuncia che d’ora in poi ci saranno solo due Demolition

L’8 dicembre, a Superstars, Dustin Rhodes è ospite del Brother Love show, dove viene interrotto da Ted Dibiase, che cerca di comprarlo. Dibiase, che nel segmento insulta due volte Virgil, e gli chiede di pulire le scarpe sue e di Brother Love,  ottiene risposta negativa dal figlio dell’American Dream, e quindi lo attacca, sino all’arrivo di Texas Tornado, che aiuta il giovane Dustin.

Nella stessa puntata, Honky Tonk Man debutta come commentatore al fianco di Vince McMahon e Roddy Piper, e vengono annunciati i partecipanti alla Royal Rumble 1991 (tra i quali si possono notare lo stesso Honky e Andrè the giant, che poi non prenderanno parte all’evento, in quanto il primo lascerà la WWF, mentre il secondo si infortunerà)

L’11 dicembre, durante le registrazioni di Superstars, si svolge un match tra i Rockers e la coppia composta da The Genius & Charles Austin. Purtroppo, a causa della mossa Rocker Dropper di Marty Jannetty, Austin rimane parzialmente paralizzato, ed il match non verrà trasmesso. Austin, ex giocatore di football, sembrerebbe essersi posizionato male durante la mossa, e questo sarebbe il motivo della rottura del collo. La causa intentata dal wrestler contro la WWF si concluderà nel 1994, con il risarcimento record di 26,7 milioni di dollari

A Superstars del 15/12, c’è un promo sul debutto di Mountie, un segmento con Gobbledy Gooker e l’annuncio che Ultimate Warrior difenderà il titolo WWF alla Royal Rumble contro Sergeant Slaughter.

Ma l’avvenimento importante è l’incontro tra il campione intercontinentale Texas Tornado e lo sfidante Mister Perfect. Prima del match, Ted Dibiase paga Howard Finkel per sostituirlo come ring announcer, e il motivo si scoprirà nel corso dell’incontro, quando si prenderà la rivincita su Tornado, colpendolo con la cintura e permettendo a Perfect di rivincere la corona IC

Nell’ultima puntata dell’anno di Superstars, in onda il 29 dicembre, Mean Gene Okerlund intervista Sgt. Slaughter, che mostra un paio di stivali che dichiara essergli stati donati personalmente da Saddam Hussein per il suo match contro Warrior.

Durante il match tra Tugboat ed il jobber Bob Bradley, Vince McMahon annuncia che Andrè the giant non prenderà parte al Royal Rumble match, a causa di un infortunio subito in Giappone

E con questo trimestre abbiamo finito di ripercorrere il 1990, arrivando così a coprire tutte le annate dal 1987 al 1994.

Ripartiremo presto con il resoconto degli anni dal 1983 al 1986,  oltre ai soliti speciali sull’epoca dell’oro della World Wrestling Federation

 

Daniele Fusetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *