Hall of Shame: il trash ai tempi di Internet

Hall of Shame: il trash ai tempi di Internet

Luca PoiSoN’s HALL of SHAME: Pillole Vol.1: Luca Celauro riporta sul web due serie di (in)successo: I tentati suicidi di un arbitro depresso ed un cartone animato fatto letteralmente col cu*o!!

 

I (Tentati) suicidi di Tim White
La stupidità umana consiste nell’avere tante idee, ma delle idee stupide.

Ci sono personaggi nel mondo del wrestling che siamo abituati a vedere ad ogni puntata da anni, ma ai quali non prestiamo abbastanza attenzione: sono gli arbitri.
Eppure sono davanti ai nostri occhi tutte le volte, ma sono in pochi a conoscere veramente Jimmy Korderas, i gemelli Hebner, Charles Robinson, Nick Patrick, le persone che si nascondono dietro le maglie a striscie bianche e nere. Ma ben prima che le maglie diventassero a strisce in bianco e nero, ci fu un periodo in cui si indossavano delle eleganti camicie con tanto di farfallino, ed uno dei più importanti farfallini di quel periodo era indossato da Tim White, storico arbitro WWE dall’aspetto inconfondibile.
White era molto amico di Andrè The Giant, viaggiavano spesso insieme ed arbitrava gran parte dei match del gigante. Anche vista l’amicizia con l’ottava meraviglia del mondo, Tim White era visto come un arbitro d’esperienza, del quale ci si poteva fidare ad ogni occasione e restò in WWE per parecchi anni diventando uno dei “Senior Referee” della federazione.
Proprio per questo motivo, aveva spesso l’occasione di arbitrare i match più importanti della compagnia, come quel fatidico “Hell in a Cell” Match tra Chris Jericho e Triple H a WWE Judgement Day 2002.
Il povero White si trovava sull’apron ring e in una parte concitata del match tra i due main eventers, Jericho spinse involontariamente il povero arbitro verso la terribile cella infernale, infortunandosi gravemente alla spalla.

Al nostro arbitro venne dato un periodo di riposo per recuperare dall’infortunio, ma qualche mese dopo, tornò sugli schermi della WWE, intervistato a Rhode Island nel suo bar da Josh “l’uomo dalle mille capigliature” Mattews, in quel periodo intervistatore di WWE Smackdown!
Durante l’intervista, White raccontava il suo dolore davanti le telecamere, veniva dipinto come un uomo in preda alla depressione e all’alcool, che trincava ormai come l’acqua.
Diceva che quel “maledetto Hell in a Cell” ha rovinato la sua vita e che da quel giorno ha vissuto letteralmente un vero inferno in terra.
Durante la chiacchierata, Tim sembra averne abbastanza della sua vita, sembra non volere più vivere (aspettava giusto una diretta della WWE e poi poteva farla finita) tira fuori un fucile ed esce dall’inquadratura con Mattews che continua a gridare “Non farlo Tim! Ti prego no!! Noo!!!”
Si sente uno sparo. Tim White si è suicidato.

Giusto un mese dopo la morte di Eddie Guerrero, perdiamo anche uno storico arbitro della WWE…persino in diertta TV. Ed in un modo tutt’altro che gradevole!!! Passano i giorni e ci continuiamo a chiedere Perchè!?! Perchè Tim!!?! PERCHE’!?
Beh…magari ce lo potrà spiegare lui stesso in una nuova intervista con Josh “The One-man Boy Band” Mattews! Si! Proprio Tim White in persona! Perchè…non è morto!
No, a quanto pare, Tim è riuscito a mancare se stesso con il fucile e ha colpito il suo alluce.
Ok…la storia non comincia nemmeno a fare acqua da tutte le parti, quando senza proferir parola, il nostro arbitro manda giù un’intero pacco di veleno per topi!!!!!!! OMMIOOOODDIOOOO!!!

Per poi scoprire che nemmeno quello l’ha ucciso… Mmmh.. Le seguenti puntate vanno in onda su WWE.com, viste da praticamente nessuno (e meno male!) nelle quali Tim tenta il suicidio impiccandosi (per poi scoprire che la corda si è rotta poi…), gettando un tostapane acceso nella vasca assieme a lui, tagliandosi le vene, soffocandosi con una busta di plastica, fino ad arrivare alle tecniche di suicidio più strampalate ed idiote… tipo annegare nella vasca dei pesci o facendosi investire…insomma…siamo nel trash più totale.
Ma non si tratta di quel genere di trash che ci piace prendere in giro in queste pagine.
E’ un trash talmente stupido e di cattivo gusto che non trovo le parole per raccontarvi quanto sia sbagliato questo abominio.
Non sto neanche a dire quanti ragazzini entravano ogni giorno su WWE.com in quel periodo, i quali potevano farsi una cultura sulle più svariate tecniche di suicidio…

Se ne avete il coraggio (ci vuole stomaco, credetemi!).

i suicidi di Tim White per qualche motivo andavano in onda su WWE.com, seguiti da praticamente nessuno, ma questo non terminò la sete di quei grandissimi creativi del sito ufficiale di sfornare altri capolavori del trash e del nonsense. E’ il caso di un controverso cartone animato andato anch’esso in onda sul sito ufficiale della federazione di Stamford…

Eh si…Siamo lontanissimi dai tempi di WWE Are You Serious? (miglior webshow WWE di SEMPRE!!!!)

 

Mr. McMahon and his Ass
Un cartoon fatto col c*lo!

Vi ricordate quei bei cartoni animati della WWE di una volta? Vi ricordate de “I campioni del wrestling?” (Hulk Hogan’s Rock ‘n Wrestling) con protagonista un biondissimo Hulk Hogan e i suoi amici contro i malvagi stranieri? Si quelli con Andrè The Giant che parlava con la francesissima “r” moscia o con la parlata a là Ivan Drago di Nikolai Volkoff! Con Erano cartoni semplici e eppure ce ne hanno fatte fare di risate!

Qualche genio a Stamford pensò bene di creare un nuovo cartoon sulla base di quel club privato un pò speciale con a capo Vince McMahon….stiamo parlando del Kiss My Ass Club!
Come sapete il chairman della WWE adora dimostrare il suo potere facendosi baciare letteralmente il culo… ed ogni volta è come la prima: è sempre raccapricciante vederlo sfilarsi i pantaloni e sfoggiare quelle chiappe bianchicce ed aspettare il bacetto da qualche dipendente…
Basterebbe il famigerato “Kiss my ass” club ad assicurare l’introduzione nella HALL of SHAME, ma per voi, miei intelligentissimi rrestling fens, questi geni sono riusciti a tirare fuori qualcosa di più scandaloso:
Mr McMahon and his ass (letteramente: “Il Sig. McMahon e il suo culo”), un cartone animato con protagonista IL CULO DI VINCE MCMAHON.
Si non avete letto male: è così! Il culo è il protagonista del cartone!
In che modo?
Beh, praticamente nel cartone si scopre che il suo culo vive di vita propria ed ha una sua intelligenza, una sua fede ed una sua intelligenza. Probabilmente ha pure la patente…insomma… A differenza del mio e del vostro culo, quello di Vince McMahon non serve solo a cagare e a scorreggiare al sapor di broccoli…
Il suo è speciale ed ha persino una sua sigletta! Che invidia!
Similmente a quanto accade adesso con il canale ufficiale WWE su Youtube, allora su WWE.com potevamo assistere a webshow di questo genere…roba da disdire l’adsl…
Nel cartone appaiono anche altre superstar WWE e per quel che ne so, dovrebbero esserci in giro almeno due puntate di questo obbrobbrio! Purtroppo sono riuscito a recuperare solo la prima puntata, ma dovrebbe bastarvi (e avanzarvi!) per capire che razza di cagata abominevole era ‘sto cartone…

La domanda mi sorge spontanea: che sia Vince McMahon il vero Sig. Kulo Skoreggia? Mhhh….

Luca Celauro
www.lucapoisonHALLofSHAME.com 

*********************************************************

 

Banner forum
L’appuntamento con la Hall of Shame continua sul sito www.lucapoisonHALLofSHAME.com dove troverete l’archivio generale di tutti i personaggi e le storie introdotte nell’arca della vergogna…ed inoltre news, speciali e tanto altro ancora!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *