WWE SummerSlam 2021: il Pagellone

WWE SummerSlam 2021: il Pagellone

Nella notte tra sabato 21 e domenica 22 agosto 2021, si è disputato SummerSlam. Vediamo insieme i risultati, le analisi e i voti di questo PPV dell’estate.

BIG E B. BARON CORBIN Voto: 6
Un KickOff match senza infamia e senza lode, con la vittoria prevedibile di Big E. Così in un colpo solo, Big E ha vinto il match e si è reimpossessato della valigetta del Money in the Bank, che gli era stata indebitamente sottratta proprio da Baron Corbin, il quale si è dovuto arrendere alla Big Ending e ha visto allungarsi il suo momento negativo, iniziato con la perdita della corona di Re contro Nakamura.

RK-BRO SCONFIGGONO AJ STYLES E OMOS CONQUISTANDO I TITOLI  DI COPPIA DI RAW Voto: 6,5
La serata della main card di Summerslam inizia con un cambio di titolo. Randy Orton e Riddle hanno strappato a AJ Styles e Omos i titoli Tag Team di Raw, Riddle e Orton hanno dimostrato una buona alchimia di coppia nonostante la riluttanza iniziale di The Viper a fare squadra con l’ex campione degli Stati Uniti Riddle. E’ stato proprio Orton a chiudere il match con una micidiale RKO su AJ Styles. Riddle e Orton si confermano uno dei fattori più positivi di questo periodo, buona la prova del gigante Omos, uno degli osservati speciali di questo match.

ALEXA BLISS B. EVA MARIE Voto: 4
Prima nota negativa per un match che già aveva delle pessime premesse, che sono state purtroppo confermate in pieno. La gimmick di Alexa Bliss è assurda ed ha stufato. Vedere un talento come Alexa Bliss ridotta così fa venire molta rabbia. Anche su Eva Marie le note negative ormai si sprecano. Match breve e direi per fortuna, ma i dubbi e  le molte perplessità su queste atlete sono ancora notevoli.

DAMIAN PRIEST B. SHEAMUS E CONQUISTA LO US TITLE VOTO: 6.5
Dopo la prestigiosa vittoria ottenuta a WrestleMania 37 assieme a Bad Bunny, contro The Miz e John Morrison, Damian Priest conquista il suo primo titolo da quando è nel roster di Raw, strappando lo United States Championship a Sheamus, al termine di un incontro davvero molto combattuto e ben lottato da entrambi. Nelle battute conclusive, Priest ha strappato al Celtic Warrior la maschera protettiva, per poi andare a segno con la Reckoning e prendersi così la cintura. Una sfida appassionante e avvincente che alza il livello tecnico del PPV e l’interesse attorno allo Us Title.

THE USOS B. REY & DOMINIK MYSTERIO CONSERVANDO I TITOLI DI COPPIA DI SMACKDOWN VOTO: 6,5
Jimmy e Jey Uso si confermano i più forti nella categoria Tag Team di SmackDown, difendendo con successo i titoli conquistati un mese fa contro Rey e Dominik Mysterio. I due samoani hanno condotto quasi sempre il match, per poi finire il lavoro con il double kick su Rey Mysterio e il successivo Uso Splash di Jey che ha condotto al successo il suo team. Un match di buon livello, ma penalizzato forse da un epilogo scontato e dal fatto che quest sfida l’abbiamo vista molte volte nelle ultime settimane. Ma è inutile dire che questi 2 Tag Team sono tra i migliori in circolazione.

BECKY LYNCH B. BIANCA BELAIR E CONQUISTA IL TITOLO MONDIALE FEMMINILE DI SMACKDOWN VOTO:4
Un colpo di scena dietro l’altro nel match valevole per il titolo femminile di SmackDown, a partire dall’assenza di Sasha Banks che viene rimpiazzata da Carmella. Ma quando il match sta per partire, risuona la musica di Becky Lynch, che torna così dopo quasi un anno e mezzo. The Man mette fuori gioco Carmella e sfida Bianca Belair, che accetta. Becky fa per tendere la mano, ma poi colpisce con un pugno, connette con la Chokeslam, vincendo il match e il titolo in pochi secondi. Bianca Belair è incredula per quanto accaduto. Ma non è la sola. Un ritorno importante che si poteva essere sfruttato meglio è stato servito con un match breve che danneggia tutti, soprattutto Bianca.

DREW MCINTYRE VS JINDER MAHAL Voto: 5
L’assenza a bordo ring di Shanky e Veer, che non potevano essere presenti per aver perso l’handicap match a Raw, ha sicuramente agevolato il compito di Drew McIntyre, che si è aggiudicato la sfida contro Jinder Mahal senza fare troppa fatica in un match breve, con il Maharaja che ha confermato tutti i suoi limiti sul ring. Un incontro dal quale non esce rafforzato nessuno, neanche il vincitore Drew Mcintyre. Un altro intoppo che non ci voleva in questo Summerslam.

NIKKI ASH VS RHEA RIPLEY VS CHARLOTTE FLAIR Voto: 6,5
È il 14esimo titolo di campionessa del mondo per Charlotte Flair, che si riprende il Raw Women’s Championship uscendo vincitrice dal Triple Threat Match con Nikki ASH e Rhae Ripley. La figlia del Nature Boy ha portato a casa l’incontro grazie alla sua manovra più celebre, la Figure Eight, applicata a Nikki ASH, che ha resistito finchè ha potuto, sperando in un aiuto di Rhea Ripley che però non è arrivato in tempo. Un buon match nel complesso che ha visto le 3 protagoniste in grande spolvero. Ma l’ennesimo titolo mondiale di Charlotte Flair ha aperto molte critiche. Inoltre viene sminuito il titolo vinto dalla povera Nikki Ash che era stata anche la vincitrice del MITB. Nikki ne esce non solo da campionessa di transizione, ma anche da vittima sacrificale, che già possiede una gimmick bizzarra e che viene affossata quasi del tutto con questo breve regno da campionessa mondiale. Scelte come sempre schizofreniche e illogiche della WWE. Peccato perché il match non è stato male

EDGE VS SETH ROLLINS Voto:7,5
Quella tra Edge e Seth Rollins era una delle rivalità più accese e i due lo hanno dimostrato anche sul ring, dando vita a un incontro sicuramente gradevole dal punto di vista tecnico e senza esclusione di colpi. Dopo una serie di colpi di scena, a dire l’ultima parola è stata la Rated-R Superstar che ha chiuso Rollins nella Sleeper Hold, costringendolo a cedere. Uno degli incontri migliori della serata, per intensità e incertezza che risulta ancora più appassionante, perché la sensazione che tra i due non sia finita e che potremo avere altri match emozionanti tra i 2 mette ancora più interesse e coinvolgimento in questa faida.

BOBBY LASHLEY VS GOLDBERG Voto: 4
Si è concluso molto male il match per Goldberg, che perde contro Lashley. Ma direi che è finita male un po’ per tutti. Goldberg, infortunatosi alla gamba dopo una bastonata tiratagli da Mvp, non vista dall’arbitro, è stato costretto ad abbandonare il match. Ma non è finita qui, perchè Lashley si è procurato una sedia e ha colpito più volte Goldberg sulla gamba infortunata. In soccorso è arrivato il figlio, che ha tentato di fermare Lashley, ma è stato messo anche lui ko con la Headlock. Sono stati 7 terribili minuti su cui non voglio spendere troppe parole. Il regno di Lashley continua così a subire connotati negativi. Ma poi mi chiedo che senso possono avere questi match titolati di Goldberg?

ROMAN REIGNS VS JOHN CENA Voto: 8
Roman Reigns ha sconfitto John Cena e per conservare per l’ennesima volta il titolo Universale. Alla vigilia di questo match il ‘capo tavola’ aveva alzato la posta, affermando di essere disposto a lasciare la WWE in caso di sconfitta, sentendosi sicuro della sua vittoria. In realtà Reigns ha rischiato grosso in almeno 3 occasioni, riuscendo a sopravvivere ad altrettante Attitude Adjustement, di cui una sul tavolo dei commentatori e una dalla seconda corda. Poi, dopo il match, i festeggiamenti sono stati improvvisamente interrotti dal grande rientro di Brock Lesnar, che è salito sul ring e ha subito puntato il campione. Sono successe così tante cose in questo main event che devo dire mi ha fatto capire come la WWE abbia voluto cercare di tutto per rispondere alla AEW e a CM Punk. Andiamo con ordine. Ottimo match e grande lavoro da parte di entrambi. Ottimi promo e match di alto tasso tecnico e  degno main event di un PPV come Summerslam. Inaspettato il ritorno di Brock Lesnar che crea numerosi interrogativi stuzzicanti. Ora Paul Heyman da che parte starà?

VOTO AL PPV: 6
Non me la sono sentita di dare di più di un sei.
4 Match insufficienti sono un po’ troppi, con il il ritorno di Becky Linch che andava gestito e sfruttato decisamente meglio. Goldberg  che non si può più sopportare sul ring e una gimmick quella di Alexa Bliss che al limite tra l’assurdo e il grottesco. Flop anche tra Drew Mcintyre e Jinder Mahal. Di contro però abbiamo 2 ottimi match ovvero il main event e Seth Rollins vs Edge. Da ricordare anche il match per lo Us Title e il match per il titolo mondiale femminile di Raw nonostante l’ennesimo successo di Charlotte Flair. Un PPV che ha avuto talmente tanti alti e bassi, ma questo rispecchia la WWE di questo periodo. Certo non era semplice rispondere alla AEW che visto l’esordio di CM Punk. Ma credo che avere un PPV così lungo e con tanti match non fosse di buon auspicio. Bello però il main event e il ritorno a sorpresa di Brock Lesnar. Nonostante alcune cose di questo PPV non mi siano piaciute, è stato comunque un SummerSlam che ha messo tante cose in mostra ed ha realizzato tanti fatti che creano interesse per le prossime settimane.

ANGELO SORBELLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *