Nella notte tra Domenica 26 e Lunedì 27 Settembre si è disputato Extreme Rules 2021. Vediamo insieme i risultati, i voti e le analisi di questo PPV.

LIV MORGAN SCONFIGGE CARMELLA
Un incontro che non era da PPV, non si capisce perché la WWE lo abbia inserito in questo Extreme Rules. È stato un tipico match da show settimanale, dieci minuti in cui si capiva fin dall’inizio che avrebbe vinto Liv Morgan, con Carmella che ha dovuto vedersi appioppata ancora una volta l’etichetta di heel perdente. Un successo che comunque non cancella i dubbi su un eventuale push di Liv Morgan che non pare all’altezza dei piani alti. Non sarà un caso che in questo PPV tra le ragazze si è visto il ritorno della boss. Match da bocciare.
VOTO 5

NEW DAY SCONFIGGE AJ STYLES, OMOS E LASHLEY
Un match aggiunto all’ultimo minuto. La sfida dura forse troppi minuti, ma il livello di lottato e di intensità è stato eccellente e gradevole. Il pubblico ha vissuto con grande coinvolgimento questo incontro che si è fatto apprezzare. Tante buone azioni e una vera miscela di mosse interessanti. Con Big E, il neo campione mondiale che schiera Lashley. Un finale che ci può stare. Un buon opener.
VOTO: 7

GLI USOS SCONFIGGONO GLI STREET PROFITS E RESTANO CAMPIONI DI COPPIA DI SMACKDOWN
Questo incontro ha tenuto fede alle premesse ed ha offerto un ottimo spettacolo. Un ritmo davvero fantastico e appassionante, con i due Tag Team che hanno espresso al meglio le loro capacità. Entrambi sono andati più volte vicini alla vittoria. I fan hanno apprezzato il grande lavoro svolto dai 4 wrestler. Gli Usos da heel sono fantastici e anche gli Street Profits sono una grande conferma. Giusto il successo dei samoani che sono inseriti molto bene nella storyline con il campione universale Roman Reigns.
VOTO: 7

CHARLOTTE FLAIR SCONFIGGE ALEXA BLISS E SI CONFERMA LA CAMPIONESSA FEMMINILE DI RAW
È stato un incontro ben combattuto da entrambe le atlete. Forse per Alexa Bliss è il migliore match disputato da un paio di mesi a questa parte, perché si trova intrappolata in una gimmick discutibile. Il finale in cui Charlotte Flair distrugge la bambola Lilly di Alexa Bliss apre scenari per assurdo piuttosto interessanti. Infatti fa capire che forse la storyline tra le due non è chiusa. Charlotte Flair è una una buona heel e per Alexa Bliss, il personaggio al femminile del “Fiend” è forse finalmente concluso e stiamo quindi per rivedere la vecchia Alexa Bliss e questo sarebbe giusto.
Voto: 6,5

BIANCA BELAIR SCONFIGGE BECKY LYNCH PER SQUALIFICA, BECKY LYNCH CHE CONSERVA IL TITOLO MONDIALE FEMMINILE DI SMACKDOWN
Il voto è a metà, 7 per il lottato e 5 per il finale, con la squalifica causata dal ritorno a sorpresa di Sasha Banks. Perché gestire così, un ritorno importante e a sorpresa come quello della Boss? Come detto il match è stato più che buono. Buone azioni e grande ritmo. Con Bianca Belair che ha disputato uno dei suoi match migliori e che, come spesso capita a molti ex campioni mondiali, sta iniziando adesso a dimostrare le sue ottime capacità, ora che non ha più la cintura. Becky è chiaramente ancora alla ricerca della forma migliore, ma è sulla buona strada. Un quarto d’ora di buon wrestling, rovinato da un finale per squalifica che andava gestito in altro modo.
VOTO: 6

DAMIAN PRIEST SCONFIGGE SHEAMUS E JEFF HARDY e RIMANE CAMPIONE DEGLI STATI UNITI
Non penso di esagerare quando dico che è stato uno dei match più belli del PPV. Il merito è soprattutto di Jeff Hardy, che dimostra di essere ancora in grande forma e di poter essere ancora molto utile per l’azienda. Gli stili diversi da combattimento si fondono all grande in questo match che risulta essere avvincente e incerto, tutti e tre riescono ad andare più volte ad un passo dalla vittoria. Un finale palpitante che si chiude con Damian Priest ancora campione degli Stati Uniti. Un epilogo scontato, ma un match che comunque va promosso a pieni voti.
VOTO: 7,5

ROMAN REIGNS SCONFIGGE FINN BALOR E RESTA CAMPIONE UNIVERSALE
È stato un po’ a sorpresa l’unico match con stipulazione speciale del PPV, nonostante il nome Extreme Rules lasci presagire normalmente qualcosa di meglio. Sfida intensa e che si svolge anche in mezzo al pubblico. Vorrei tralasciare la mascherina indossata da Roman. Inevitabile la classica interferenza degli Usos. L’intensità non è mancata in un match comunque ben riuscito e ben lottato. Un finale difficile da commentare e da analizzare, con Finn vicino alla chiusura e alla vittoria ma compromesso dalla corda che si spezza e che permette a Roman Reigns di mantenere il titolo. Qualcuno poi si aspettava un arrivo di Brock Lesnar che però non è giunto.
VOTO: 7,5

VOTO al PPV: 6,5
Forse per qualcuno sarà un voto eccessivo, ma alla fine c’è stato un solo match insufficiente e anche se c’erano dei match con l’esito finale più che scontato si è visto un buon wrestling e un buon livello di lottato. Il ritorno di Sasha Banks si poteva gestire nettamente meglio, ma il ritorno della Boss è comunque prezioso per la divisione femminile della WWE. Non siamo ai livelli di match e di qualità della AEW, però non si può certo affermare che si sia visto un brutto PPV. Buon main event, un bel Triple Threat match e un ottimo incontro in Tag Team. Non credo che ci si possa lamentare. È chiaro che la WWE deve ancora migliorarsi, e tanto, però porta a casa un risultato tutto sommato più che sufficiente.

ANGELO SORBELLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *