Nella notte tra sabato 13 e domenica 14 novembre 2021 si è disputato il PPV Full Gear 2021. Vediamo insieme i risultati, le analisi e i voti di questo evento della AEW

MJF ha sconfitto Darby Allin
I due giovani della All Elite ci avevano promesso un incontro intenso  e spettacolare e sono riusciti a mantenere la parola. Abbiamo assistito ad una sfida ben lottata e ben raccontata. Nonostante il problema al ginocchio, MJF ha portato a casa il successo. In questa contesa, i due ragazzi hanno confermato che sono due vere colonne della federazione e che stanno continuando a crescere alla grande. Darby Allin al di là della sconfitta rimediata sta svolgendo un lavoro eccellente.
Voto: 7

AEW Tag Team Championship: Lucha Bros (c) vs FTR
Sarà che mi aspettavo un match da 10. Ma da questa sfida mi aspettavo qualcosina di meglio. Gli FTR che deridevano la Lucha Libre messicana e i numerosi riferimenti al compianto Eddie Guerrero, forse sulla lunga hanno iniziato a stancare. Molte perdite di tempo e la qualità del match ne ha risentito. Certo le emozioni non sono comunque mancate però la sensazione e che si poteva fare molto di più. Il successo dei Lucha Brothers devo dire che è stato un po’ troppo scontato.
Voto: 6

AEW World Championship Eliminator Tournament Final: Bryan Danielson ha sconfitto Miro
L’attesa finale del torneo che garantiva una Title shot per il titolo mondiale AEW ha regalato una contesa solida e di buona qualità. Nonostante la defezione di Jon Moxley, Bryan Danielson e Miro hanno lottato molto bene. Con Bryan che ha controllato bene il match, Miro ha pagato il fatto di avere problemi ad una gamba. La seconda  parte del match è stata piuttosto interessante e equilibrata ed ho creduto  che il bulgaro potesse fare il colpaccio. Ma a vincere è stato Bryan Danielson in un finale incerto e molto ben interpretato dai due protagonisti. L’unica cosa è che mi aspettavo era qualche sorpresa in più, magari una vittoria sporca e sorprendente di Miro. Il successo di Danielson è stato alla fine un po’ telefonato.
Voto: 6.5

Trios Falls Count Anywhere Match: Jurassic Express & Christian Cage hanno sconfitto i Superkliq
È stato un incontro davvero durissimo, caratterizzato principalmente da spot duri, cruenti e violenti. Azioni aeree e acrobatiche se ne sono viste meno di quanto ci aspettavamo, ma è  stato meglio così. Incredibile poi l’azione in cui gli Young Bucks hanno fatto quasi ingoiare delle puntine a Jungle Boy per poi colpirlo con i Superkick. Uno dei match migliori della serata con tante belle azioni e diversi colpi di scena, in aggiunta ci sono state anche diverse sorprese. La sconfitta dei Superkliq non era assolutamente così scontata. Bravo inoltre Christian Cage che sembra essere già diventato uno dei pilastri della AEW.
Voto: 7.5

Tag Team Match: Cody Rhodes & PAC hanno sconfitto Andrade e Makalai Black
Mi pare che questo Tag Team match sia stata una sfida più da show settimanale, perché è stato un incontro forzato e non un bel match di wrestling. Il rapporto tra Cody e PAC è piuttosto complicato da capire. L’American Nightmare prima non si fa trovare al suo posto per il tag e poco dopo cerca di rubare la scena. Ma anche il Tag Team formato da Andrade e Black non funziona molto. Troppe incertezze e una contesa forse troppo lunga per un PPV. Rhodes e PAC trovavano una Vittoria che non ha entusiasmato molto.
Voto: 5.5

AEW Women’s World Championship Match: Britt Baker (c) ha sconfitto Tay Conti
Le due ragazze ce l’hanno messa tutta, ma fin dall’inizio si è capito che la Baker era troppo superiore in questo momento alla Conti. Inoltre, le due wrestler non sono mai riuscite a trovare la giusta intesa. Ne è venuto fuori un match poco credibile e anche poco coinvolgente. I fan hanno sentito davvero poco la contesa, che è stata un’altra brutta macchia in questo Full Gear. La Baker ha conservato il titolo alla fine con una furbata che è stata una delle poche cose da salvare dell’incontro.
Voto: 5.5

Grudge Match: CM Punk ha sconfitto Eddie Kingston
Davvero una sfida con i fiocchi e dopo dei match non proprio bellissimi avevamo bisogno di un incontro palpitante e divertente. I due hanno dato vita ad un match bellissimo e intensissimo, fatto di colpi duri, sangue e grande cuore. Eddie Kingston ha dato veramente tutto se stesso, con un Cm Punk che dal giorno del suo rientro disputa uno dei suoi migliori match, dimostrando di aver già acquisito uno stato di forma ottimo. Vedendo il finale del match non escludo che la storyline vada ancora avanti. Se ci proporranno ancora match così ben vengano altre sfide tra i due.
Voto: 8

Inner Circle hanno sconfitto Men of the Year (Ethan Page and Scorpio Sky) & American Top Team (Junior dos Santos, Andrei Arlovski and Dan Lambert)
Questo match non mi è dispiaciuto anche se forse criticherei il troppo caos e una gestione rivedibile. Non ha funzionato tutto per il meglio, ma nonostante la confusione, il pubblico è comunque rimasto partecipe. Jericho che omaggia Eddie Guerrero e il buon finale con la vittoria degli Inner Circle salvano un match non certo irresistibile.
Voto: 6

AEW World Championship Match: “Hangman” Adam Page ha sconfitto Kenny Omega
Il main event di AEW Full Gear è un insieme di grandi emozioni. Un grande main event e un gran finale di una trama e di una rivalità molto ben raccontata e costruita. I due sono protagonisti di una performance con una contesa strepitosa, una serie di mosse e di azioni incredibili. Non mi sono dispiaciute neanche le diverse interferenze degli Young Bucks e di Don Callis. Credo che per entrambi si tratta di uno dei migliori match mai disputati nella loro carriera. Sono riusciti ad interpretare benissimo la loro parte e si sono saputi calare alla grande nel loro personaggi e inoltre hanno trovato un’intesa e un’alchimia incredibile e invidiabile. Grande successo per Page che conquista un titolo mondiale AEW in modo davvero meritato.
Voto: 8.5

Conclusioni di AEW Full Gear
Full Gear e’ stato un gran bel PPV ed è  stato un evento interessante.  Alcuni match però sono state delle brutte battute a vuoto come il match femminile ed il Tag team match. Il main event ed l’incontro di CM Punk ed in parte anche il Falls count  Anywhere match hanno salvato una serata che stava prendendo una brutta piega. Non è  stato come All Out di due mesi fa, ma è stato comunque un PPV gradevole. Una cosa però è chiara, la All Elite ha delle cose da sistemare,  sulla lunga avere una federazione sovraffollata di wrestler può pesare. La qualità però non si discute ed è davvero di primissimo livello.
Voto al PPV 7

ANGELO SORBELLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *