Hall of Shame: The Great American Turkey Hunt - World of Wrestling

La AWA fa la fine del pollo…anzi del Tacchino!

Negli anni ottanta, molto prima dei cruenti ring della ECW… molto molto prima dei sanguinolenti match della CZW… molto molto molto prima dell’onore della ROH; c’era un’altra terza federazione al mondo, il suo nome era AWA – American Wrestling Association.

Tutti i più grandi campioni dell’epoca sono passati dalla AWA.
Nomi illustri come Sgt. Slaughter, Shawn Michaels, Hulk Hogan, Kurt Henning, I Road Warriors, Eric Bischoff, Gene Okerlund e molti altri sono diventati famosi sui ring della AWA.

Agli albori degli anni 90 la federazione era in ginocchio. Non poteva più competere coi capitali della WCW e dell’allora WWF e aveva perso tutti i suoi wrestlers di punta, che prontamente migrarono verso altri lidi, restando con alcune vecchie glorie del passato (gente che ha visto la notorietà col binocolo) e alcuni nuovi wrestler che però non avevano più nulla da dire in un contesto del genere.

Nel 1990 la AWA era sull’orlo della chiusura.

Ad un tratto qualcuno di loro ebbe un’idea, una di quelle idee che rivoluzionano una federazione intera.

Un torneo!

Ma non un torneo qualunque, un vero torneo in cui tutto il roster venne diviso in tre squadre:

Team Slaughter (capitanato da Sgt. Slaughter), Team Zbyszko (con a capo Larry Zbyszko) e Team Raschke (di Baron von Raschke).

Fin qui niente di strano, anzi potrebbe essere una buona idea.

Si tratta di un torneo a punti, dove i vincitori di un tag-team match guadagnano dei punti in base alla conclusione del match (vittoria, sconfitta, parità, squalifica) e i vincitori alla fine di questo torneo avrebbero intascato ben un milione di dollari. La fine del torneo non fu precisata…sembrava che dovesse andare così all’infinito poiché non c’era un cartellone con un inizio e una fine.

Bill Apter (noto giornalista di wrestling) scrisse in uno dei suoi articoli che dopo un qualche tempo Larry Zybszko scappò in WCW col malloppo e la fine del torneo non arrivava mai perché mancava il premio in palio. Non si sa se credere a questa versione ma tant’è…

Ma la AWA nuotava in cattive acque… Così che cattive che i fans non andavano più a vedere gli eventi dal vivo. La federazione, che però aveva un buon contratto televisivo decise di inscenare una storyline in cui tanti, troppi match finivano per interferenze esterne.

Così facendo trasferirono lo spettacolo della AWA dalle arene, ad una stanza di sicurezza ROSA chiusa ermeticamente in modo che nessun lottatore del backstage avrebbe potuto interferire nel match.

Era un escamotage per evitare di guardare in faccia la realtà: mancavano i fans negli eventi live e non potevano inquadrare gli spalti vuoti.

Sembra terribile, vero? Beh c’è di peggio.

Per attirare l’attenzione la federazione cominciò a proporre dei terribili gimmick match tipo il “Behind the 8 Ball Battle Royal” oppure la famigerata “The Great American Turkey Hunt.”

Quest’ultimo fu proprio l’ultimo match trasmesso in TV dalla AWA.

Fu penoso. E’ Considerato da molti il peggiore match di tutti i tempi.

Beh forse non peggiore di “Hogan vs Warrior II”, ma peggio di un qualunque match di Randy Orton! Giusto per rendere l’idea.

In cosa consiste il match? Dai…non ci siete ancora arrivati? Insomma è un “Turkey on a Pole match”. Insomma un tacchino spennato (crudo) viene appeso ad un palo sul ring e i due contendenti dovranno fare di tutto per prendere quel dannato (ex) pennuto!

Delizioso!

Se poi i contendenti sono due jobbers come Col. DeBeers e Jake “The Milkman” Millilman, capite quanto schifoso fu questo match.

Sgt. Slaughter fu il guest commentator del match, il quale nonostante la sua naturale simpatia, non riusciva proprio a dir nulla di divertente a parte “Prendi il tacchino! Prendi il tacchino!”.

Il match dura qualche giorno circa (è quello che sembra, per la lentezza del match) e alla fine si arriva ad un “Ref Bump” (viene colpito l’arbitro) e con l’arbitro a terra DeBeers prende il tacchino.

Ma aspettate! E’ un finale fasullo! Infatti “The Milkman” deruba DeBeers del tacchino, l’arbitro si sveglia e lo proclama vincitore!

Milliman vince l’ultimo match della AWA!

L’ultimo gradino dei jobbers della AWA vince l’ultimo match della storia della AWA.

In qualche modo a qualcuno potrebbe sembrare appropriato.

 

Luca “PoiSoN” Celauro

lucapoison@gmail.com
http://lucapoisonhallofshame.blogspot.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *