Hall of Shame: Renegade, il clone di Ultimate Warrior - World of Wrestling

THE RENEGADE
Non ci bastava un esaltato…ci voleva pure la copia!

Siamo alla metà degli anni novanta e la Hulkamania scorre nuovamente selvaggia in WCW, dove ha trovato nuova linfa vitale e sta vivendo un periodo di nuovo boom dopo il passaggio di Hulk Hogan alla compagnia di Ted Turner. Uno dopo l’altro arrivarono tutti i vecchi amici e nemici dell’Hulkster in WCW: “Macho Man” Randy Savage, Earthquake, Brutus “The Barber” Beefcake e tanti altri…

Durante un’intervista, Hulk Hogan promise una  “Ultimate Surprise” (sorpresa definitiva) per i suoi avversari. Beh, noi che siamo degli “intelligeant rressling fans” sappiamo che in questo ambiente la parola “Ultimate” si ricollega all’unico e solo, il leggendario (e Hall of Shamer!) “Ultimate Warrior” Jim Hellwig.

Dove stava il problema?

Il problema e’ che la WCW al momento non aveva sotto contratto Ultimate Warrior. Beh se e’ per questo non l’aveva neanche la WWF. The Ultimate Warrior, infatti si era ritirato dal wrestling per problemi di vario genere, ma molta gente ricordava ancora con nostalgia l’energia e la potenza di Ultimate Warrior.

Cosa fare allora?

Chiamare Warrior sarebbe stato un dispendio incredibile di denaro (e con Hogan e compagnia avevano gia’ tanti lauti stipendi da pagare) poi sarebbe risultato anche fuori forma, e per dirla tutta anche perché avevano già abbastanza grane con le note “primedonne” della WCW…
Quindi si decise di creare un Ultimate Warrior da se, con l’originale kit “Ultimate Warrior FAI-DA-TE” (made in Bischoffland).

La scatola contiene:

1 ragazzo coi capelli lunghi e il fisico massiccio.
1 Trucco variopinto per la faccia
1 Plagio spudorato della musica d’ingresso della WWF.
1 Costume tamarro.

La WCW chiamò Rick Williams, un lottatore che si era fatto notare parecchio nelle federazioni indipendenti, lo truccò e lo mandò sulla scena come Ultimate Warrior, sotto il nome di The Renegade!

Renegade assomigliava ad Ultimate Warrior.
Entrava correndo come Ultimate Warrior.
La sua musica era moooolto simile a quella di Ultimate Warrior.
Muoveva le corde come Ultimate Warrior.
Lottava come Ultimate Warrior (che è facile da fare, visto che sono solo tre mosse!)

Piccolissima nota: Non era The Ultimate Warrior, ne’ fu capace di replicare anche in minima parte il carisma innato di Jim Hellwing.

La cosa più terribile fu che venne pushato dalla federazione, quasi come se fosse il vero Ultimate Warrior, collezionando vittorie su vittorie! Infatti, Renegade sconfisse persino Arn Anderson conquistando il titolo TV (l’episodio che l’ex Horsemen stesso definisce il momento più basso di tutta la sua carriera).

Rick “The Renegade” fece coppia assieme ad Hulk Hogan ed in seguito persino con Sting. Dopo un breve periodo i bookers capirono che i fans non se la bevevano e pian piano scomparse dalle scene.
Provarono ad eliminare il trucco e gran parte dei riferimenti all’originale Guerriero, diventando pero’ sempre piu’ simile a Lorenzo Lamas in “Renegade”, la serie TV degli anni ’90, ma senza risultati..
La frittata era gia’ stata fatta! Agli occhi degli appassionati quello li’ era quello che imitava Ultimate Warrior.

Dopo un lungo periodo di utilizzo sporadico al WCW Saturday Night venne infine rilasciato dalla compagnia nel 1999.   Purtroppo subito dopo essere stato licenziato, Rick si suicidò in preda alla depressione. Aveva solo 33 anni. Su queste cose non si scherza, il ragazzo non aveva nessuna colpa se non quella di non essere il signor Jim Hellwig. Non dovrebbero mai esistere dei personaggi usa e getta come lui o cloni di altri personaggi: The Renegade, ne ha fatto (purtroppo) le spese in prima persona. Chissa’ come sarebbero andate le cose se Rick Williams avesse avuto la possibilita’ di esprimersi con un personaggio tutto suo.

 

Luca Celauro
lucapoison@gmail.com

 

**********************************************

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *