WWE Night of Champions 2014 Review - World of Wrestling

21/09/14: Nella notte dei campioni John Cena vuole riconquistare il suo trono. Riuscirà nell’impresa di battere la Bestia?

WWE Night Of Champions 2014

Nashville, Tennessee 

Pre-Show:

La linea va al panel di commento dove vengono presentati da Renee Young i suoi ospiti: Alex Riley, Booker T e Big Show. I quattro discutono della card del PPV incentrandosi particolarmente sulla notizia del grave infortunio subito nelle ultime ore da Roman Reigns, costretto ad uno stop di sei settimane.

Ci si sposta sul ring dove Christian, tornato dopo mesi, presenterà il Peep Show!
L’ospite principale, Chris Jericho, viene accolto tra il calore del pubblico e Christian non gli risparmia varie battute sui loro trascorsi. Quando si arriva all’argomento caldo, il match di stasera, Randy Orton interviene con un collegamento dal backstage per minacciare l’avversario, prontamente fronteggiato verbalmente da Jericho.

Pay-Per-View:

WWE Tag Team Championship Match: The Usos vs Gold & Stardust

L’incontro inizia con i campioni assetati di vendetta per gli agguati subiti nelle ultime settimane. Presto però le scorrettezze dei fratelli Rhodes riescono ad isolare il già acciaccato Jay Uso per diversi minuti. L’aria del match sembra cambiare al momento del cambio, ma anche Jimmy, dopo aver inizialmente sbaragliato i rivali, si ritrova in minoranza strategica. Finalmente i campioni reagiscono col ritorno di fiamma di Jay che fa tabula rasa degli sfidanti, concentrandosi particolarmente sulla gamba di Stardust. Il momento cruciale si ha quando coincide una Senton di Goldust su Jimmy a un Samoan Dive di Jay su Stardust, in modo da avere tutti e quattro i partecipanti Knock Out. Stardust rientra sul ring e sembra pronto a subire il Samoan Splash, ma all’ultimo alza le gambe e con un rapido Roll-up si aggiudica il match!

Vincitori e nuovi campioni: Gold & Stardust

Dolph Ziggler viene intervistato nel backstage in compagnia di R-Truth. Ziggler ribadisce il suo status da campione e minaccia di sfregiare il “Moneymaker” dello sfidante.

U.S. Championship Match: Cesaro vs Sheamus

Le fasi iniziali sono caratterizzate da un grande equilibrio, frutto del repertorio simile dei due contendenti. Cesaro riesce, con un European Uppercut, a guadagnare il vantaggio necessario ad addormentare la contesa, spostandola al suolo. Sheamus si riprende mettendo a segno due Irish Course consecutive, ma va vicino alla sconfitta quando, sbagliato il Brogue Kick, subisce il Very European Uppercut. Cesaro riesce a neutralizzare più volte il kick dell’avversario, ma nel momento in cui comincia a farsi beffe di quest’ultimo, la manovra conclusiva di Sheamus lo finisce dal nulla, confermando l’irlandese come campione.

Vincitore e ancora campione: Sheamus

Negli spogliatoi Big show incita Mark Henry ricordandogli cosa ci sia in palio e che tutti gli americani lo supporteranno. Show gli dona gli indumenti che Henry indossava alle olimpiadi e Mark accetta.

I Florida Georgia Line si siedono al tavolo di commento per il match tra The Miz e Ziggler

Intercontinental Championship Match: Dolph Ziggler vs The Miz

Nonostante il solito inizio sprint del campione, è Mizanin a fare suo il dominio delle fasi iniziali, rallentando drasticamente la contesa. Punto di svolta è l’intromissione di Sandow, che battibecca addirittura con gli ospiti dei commentatori, che insieme ad R-Truth lo mandano via dal bordo ring. Ziggler va più volte vicino alla vittoria, ma il restare intrappolato nella Figure-4 Leglock gli reca gravi danni al ginocchio. Zoppicante connette con la Fameasser, ma il ritorno di Sandow lo distrae abbastanza da permettere il Roll-up di Miz, che gli regala la vittoria.

Vincitore e nuovo campione: The Miz

Recap del ricovero di Roman Reigns con tanto di sue prime dichiarazioni

Seth Rollins fa capolinea sul quadrato facendosi beffe del suo ex partner infortunato. Tuttavia il suo infortunio non è una scusa per il prematuro forfait. Rollins da un’altra possibilità a reigns: 10 secondi per presentarsi sul ring, al termine dei quali Rollins viene dichiarato vincitori. Seth scarica ancora le colpe sul suo rivale e lancia una sfida aperta a chiunque si presenti. Arriva un taxi da cui esce… DEAN AMBROSE!!!

La rissa tra i due è come al solito scatenata e si sposta rapidamente tra il pubblico, dove Rollins è alla mercé del suo nemico prima che la Security provi a fermare uno scatenato Ambrose che mette ko tutti. Infine tutti i bodyguard bloccano Dean e lo portano via un peso, mentre Seth va via con l’Authority.

Al panel si commentano i primi match del PPV e si pronosticano i risultati del Main Event e degli incontri più importanti.

Mark Henry vs Alexander Rusev

L’inno americano accoglie un Mark Henry visibilmente commosso. Le fasi iniziali sono dominate proprio dall’afroamericano, frutto del suo strapotere fisico. Rusev, nonostante sia intimorito dal rivale, sfrutta la prima falla possibile e lo infortuna mandandolo contro i gradoni. Henry subisce lo spinning kick del rivale, ma riesce ad uscire dalla Bulgarian Clutch e a mettere a segno una sorta di World Strongest Slam, poco efficace a causa dell’infortunio. I due superkick messi a referto dal bulgaro una volta ripresosi sono il preambolo alla Bulgarian Clutch che chiude definitivamente l’incontro.

Vincitore: Alexander Rusev

Chris Jericho vs Randy Orton

Jericho conferma di stare bene fisicamente nonostante i dubbi della vigilia e cerca di impostare i ritmi su livelli alti. Orton non si dimostra d’accordo e, dopo un Superplex dal paletto, tiene ferma la contesa in modo da mantenere il vantaggio. Jericho ha una fiammata che lo porta a tentare il Lion Sault, evitare l’RKO del rivale e finalmente connettere con la manovra precedente, ottenendo solo un conto di 2. Orton riesce a riprendere in mano il match  e addirittura tenta il Punt Kick, evitato e trasformato nelle Walls of Jericho. Randy riesce ad uscirne e mette a segno la Silver Spoon DDT. Vorrebbe tentare anche una successiva RKO, ma Jericho dal nulla esegue la Codebreaker che clamorosamente non gli regala la vittoria! Il canadese tenta un improbabile assalto aereo e cade nelle grinfie della RKO conclusiva.

Vincitore: Randy Orton 

Nel Backstage Brie Bella ammette di tifare contro la sorella, definendola chiaramente una putt***a

Divas Championship Triple Treat Match: AJ Lee vs Paige vs Nikki Bella

Il match viaggia molto sulla rivalità tra la Lee e Paige, con Nikki spesso pronta ad approfittare. Proprio la Bella va vicino alla vittoria con la sua Torture Rack, ma AJ interviene per “salvare” Paige, per poi metterla nella sua Black Widow, che inaspettatamente le regala la vittoria.

Vincitrice e nuova campionessa: AJ Lee

WWE World Heavyweight Championship Match: John Cena vs Brock Lesnar 

Lesnar inizia subito in maniera furiosa, ma clamorosamente resta vittima dell’Attitude Adjustment dell’avversario! Il conto però non va oltre il due e un innervosito Lesnar mette a segno la Kimura Lock, da cui Cena riesce miracolosamente ad uscire. Il pubblico immediatamente si infiamma e si divide. Tuttavia il copione somiglia molto all’ultimo match tra i due e i tentativi di reazione dello sfidante sono puniti prima con dei German Suplex, poi con tre snap Suplex in sequenza e infine da un devastante Belly to Belly. Cena risorge dalle sue ceneri e va a connettere con una nuova AA, ma il conto è ancora di due! Lesnar prova a chiudere con la F-5 ma sbaglia e finisce dentro la STF, clamorosamente ribaltata nella Kimura Lock! Cena riesce a liberarsi con uno sforzo mostruoso e tra lo stupore dell’arena mette a segno un’altra AA, a cui fa seguire immediatamente la STF. Lesnar sembra essere sul punto di cedere quando si materializza Rollins che fa scattare la squalifica!!!

Vincitore ma non nuovo campione: John Cena

Rollins attacca Cena con la valigetta e clamorosamente va a segno con la Peace of Mind sul Lesnar!! Seth è pronto a incassare ma dal nulla torna John Cena che lo mette in fuga. Cena non ha il tempo di girarsi che resta vittima dell’F-5 di Lesnar, che chiude definitivamente il PPV tra i fischi dell’arena.

A cura di Vincenzo “It Factor” Florio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *