Hall of Shame: Mike Shaw, l’uomo che fu Bastion Booger - World of Wrestling

Viaggio attraverso i personaggi di Mike Shaw, l’uomo dietro la gimmick piu’ grottesca della storia del wrestling: The Bastion Booger!

**CLASSIC HALL OF SHAME**
THE BASTION BOOGER
Un grande classico…grande, grandissimo, enorme classico.

Quando un fan di wrestling pensa alle peggiori gimmick di tutti i tempi, salta fuori praticamente sempre il nome di Bastion Booger.
Sono tantissimi i nuovi fans che non conoscono le gesta di colui che per molti anni e’ stato persino nel logo della Luca PoiSoN’s Hall of Shame, diventandone un vero e proprio simbolo.

Ma chi e’ questo Bastion Booger? E perche’ e’ cosi’ trash?

The Bastion Booger non fu altro che uno dei tanti personaggi interpretati dal povero Mike Shaw, che come potete benissimo immaginare, si sono rivelati uno peggio dell’altro!
Mike Shaw era un uomo enorme, alto circa 1.80 dal peso di 160 kilogrammi, il che lo rendeva un personaggio “diverso” dagli omoni muscolosi che andavano particolarmente di moda in quel periodo: gente come Hulk Hogan, Paul Ondorff, Hercules Hernandez avevano un fisico statuario scolpito come la roccia. Shaw no, faceva del suo peso e del suo grottesco aspetto la sua arma migliore. Al contrario di quello che molti di voi pensano, Mike Shaw era particolarmente atletico per essere un uomo della sua taglia, e’ stato allenato da Killer Kovalski, uno dei migliori allenatori sulla piazza (tra i suoi illustri allievi troviamo anche un certo Triple H) ed ha mosso i primi passi nel mondo del Pro-Wrestling nella Stampede Wrestling a Calgary in Canada, sotto gli occhi attenti di Stu Hart, padre di Bret e Owen Hart. La sua stazza ed il suo background interessarono parecchio ai dirigenti della WCW, i quali proposero un contratto al nostro Mike e un personaggio tanto inedito, quanto di cattivo gusto:

NORMAN THE LUNATIC

Una delle mie gimmick trash preferite in assoluto perche’ cosi’ brutte da essere belle!
Mike Shaw si ritrovo’ ad interpretare questo pazzoide, liberato dal suo tutore Theodore Long dallo State Ospital in cui era ricoverato in quanto minorato mentale. L’idea doveva essere quella di creare un personaggio simile a quello di George “The Animal” Steel, un tenero pazzoide.
La caratteristica principale di questa gimmick (a parte la bruttezza del costume ed il cattivo gusto) era una misteriosa chiave che portata in mano da Theodore Long, con la quale minacciava il povero Norman di ritornare ad essere rinchiuso in una delle celle di contenimento dell’Ospedale Psichiatrico se non si fosse comportato secondo i suoi ordini.

Lui era buono. Talmente buono da lanciare orsetti di peluche al pubblico.
Gli veniva ordinato di vincere il match contro il Jobber di turno e poi al termine dell’incontro veniva bloccato immediatamente dal personale medico dello State Ospital che gli rimetteva addosso una camicia di forza.

Come prevedibile, il nostro Norman si riusci’ a liberare del malvagio Long che lo teneva prigioniero e magicamente si trasformo’ in un un personaggio face: Norman The Maniac. Come puo’ un maniaco essere face? Maniac era l’abbreviazione di hulkamaniac? Di wrestlemaniac? …The Maniac. OK. Face. Va bene.

Insomma, Norman divenne un personaggio che giostrava in maniera piu’ o meno regolarmente nel alto midcarding della WCW di allora, tanto da riuscire a sfidare “The Nature Boy” Ric Flair per il titolo assoluto della Federazione di Atlanta. Niente male per un maniaco!

Successivamente a questa esperienza, il personaggio di Norman fu eliminato ed al suo posto arrivo’ un rude, ma simpatico camionista:

BIG TRUCKER NORM

La gimmick era basata sul vero lavoro del padre di Shaw che faceva realmente il camionista.
Secondo i booker della WCW il povero Mike Shaw, faceva ben due lavori per vivere: il camionista di giorno ed il pro-wrestler di notte. O forse trasportava il set ed il ring da citta’ a citta’ per la WCW che risparmiava sul personale a tal punto da assumere come camionista un ex malato mentale con tanto di patente di guida!!! Ve lo immaginate un pazzo del genere al volante di un enorme Tir a 18 ruote per le autostrade d’America??? Ma la WCW ha mai considerato che anche i fans hanno una memoria???
Big Trucker Norm al contrario delle aspettative (QUALI?) non ebbe un gran successo (…strano) e anche a causa di un diverbio tra Mike Shaw e Arn Anderson, capo booker della WCW in quel periodo, il personaggio venne soppresso ed il nostro Mike spari’ dai ring della federazione di Atlanta. Vista la sua esperienza nel business che conta, apri’ anche una sua scuola di wrestling per gli aspiranti lottatori camionisti del futuro…finche’ non arrivo’ un’importante telefonata da Stamford, Connecticut…

FRIAR FERGUSON
Vince McMahon. O Vince McMahon…che visionario! Che genio! Che uomo superbo! La sua passione per i big man e’ smisurata. Per non parlare dei personaggi che ballano…quelli sono amore a prima vista. Cosa fare del povero Mike Shaw? La risposta era semplicissima: trasformarlo in un gigantesco frate ballerino!! Chiaro, no???

Cosi’ il nostro povero Mike Shaw, si taglio’ i capelli come un uomo di Dio, indosso’ l’abito da monaco e si presento’ sul ring accompagnato da un coro di voci bianche, come fosse uscito da un monastero. Una volta salito sul ring beve dalla sua borraccia del vino benedetto (!?) che probabilmente fa uno strano effetto al nostro monaco …ed inizia a ballare.
Si, a ballare.
Un prete che balla! AHAHAHHAHAHAHAHAH che risate!!!! AHAHAHHAHAH

**Jesus Facepalm**

Altro da aggiungere?
Dobbiamo per forza aggiungere che la gimmick fu presto soppressa e dimenticata com’era prevedibile? Dobbiamo aggiungere che la gimmick soggetta a continue lamentele della Chiesa Cattolica di New York??? No, basta aggiungere che ben presto il nostro prete ballerino divento’ di punto in bianco il personaggio piu’ grottesco dell’intera storia della WWE:

THE BASTION BOOGER

Cosa dire di Bastion Booger che non sia gia’ stato detto?

Beh iniziamo dall’aspetto: Mike Shaw si raso’ a zero i capelli e gli venne assegnato un atroce costumino argentato che metteva in risalto le sue curve sexy (MMMMBBBBluuaaeeerrrggghhhh!!!!!) e contemporanemente sottolineava il pallido colore della pelle, facendola sembrare “sporca” o peggio “malata”… Mai vista una scelta cromatica peggiore!!! Il costume era studiato per risultare “stretto”. Il costume stringeva sia tra le cosce e il sedere, sia sopratutto in tutta la parte alta del busto, facendo fuoriuscire tutta il suo tripposo e peloso torace.

Il personaggio venne chiamato “The Bastion Booger” e rappresentava un uomo ripugnante, malvestito, disgustoso, perennemente affamato e …persino maleodorante!
Si, perche’ non tutti sanno che il nostro eroe prima delle sue apparizioni veniva anche spruzzato con una sorta di intruglio maleodorante che lo rendeva nauseabondo per tutti quelli che gli stavano accanto, fans e lottatori compresi.

La sua musica d’ingresso era una composizione di suoni della natura (rutti e scoreggie varie…) e si presentava sulla scena, a volte con le dita nel naso, altre con in mano qualcosa da mangiare (pezzi interi di pollo, pizza ecc..). Nei siparietti che lo vedevano protagonista, lo vedevamo anche in una veste piu’ elegante mentre raccoglieva qualcosa da mangiare dai cassonetti dell’immondizia oppure mentre si trovava a tavola ad ingurgitare praticamente di tutto!!

Degna di nota anche la sua mitica finisher, intitolata ironicamente “Trip to the batcave” (letteralmente: viaggio nella batcaverna…) avete capito la finezza del giochino di parole???.
Booger la eseguiva semplicemente sedendosi sulla faccia dell’avversario, che sarebbe rimasta intrappolata tra le sue putride, vomitevoli e schifose cosce trippose!!!!
La finisher (se cosi’ possiamo definirla) veniva preceduta da un balletto che fu chiamato Boog-Dance. Raccapricciante…non tanto per il balletto in se, ma perche’ sta per annunciare che tra poco le sue merdose chiappe saranno spalmate sulla faccia di quel povero jobber malcapitato!!! MIO DIO! Basta!! Fatelo smettere!!

In qualche modo qualcuno trovo’ che il personaggio di Booger fosse simpatico, fosse in grado di attirare gente e far vendere biglietti per gli eventi WWE (perche’ in fondo, i personaggi servono a quello, no?)…ma stranamente si sbagliarono. Il personaggio ebbe un unico feud di rilievo in WWE, quello contro Bam Bam Bigelow durante il quale il nostro Don Giovanni in salsa di scoreggie riesce persino a baciare la bella (brutta) Luna Vachon, scatenando l’ira della “Bestia dell’Est”! Una storia di secondo livello come tante altre, ma il bacio che riusci’ a rubare alla Vachon fu uno dei momenti principali della carriera di Bastion Booger!

The Bastion Booger fu successivamente licenziato dalla federazione, per non essersi presentato alla Royal Rumble del 1994 a causa di problemi di salute… e cosi’ si conclude la carriera di uno dei piu’ strani e contorti personaggi della storia della WWE.

Il nostro amico Mike Shaw torno’ a farsi vedere durante la puntata del Quindicesimo Anniversario di Monday Night RAW nei panni di Bastion Booger. Ricordo che quando vidi la puntata restai scioccato, come vedere il ritorno di Macho Man o non so quale altra leggenda sul ring WWE!
Il nostro mito era sul ring assieme ad altri personaggi stravaganti (tra cui segnalo anche il mitico Abe Knuckleball Shwarz) e fu persino preso in giro da Triple H…lo scopo di tutto il siparietto era presentare quello che secondo la “Continuity WWE” sarebbe stato il vero figlio di Bastion Booger!!!

Quella fu l’ultima apparizione pubblica di Mike Shaw, che ci ha lasciato all’eta’ di 53 anni a causa di un infarto l’11 Settembre del 2010… su queste pagine sara’ per sempre ricordato come merita, con rispetto e simpatia, come un classico, un mito, un emblema della Hall of Shame: l’unico ed il solo (grazie a Dio!) Bastion Booger!!!!

MIKE SHAW – R.I.P.
1957-2010

 

Luca Celauro
lucapoison@gmail.com

*********************************************************

Banner forumqrcode

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *