Hall of Shame: G.I. Bro e i Misfits in Action - World of Wrestling

G.I. Bro e i Misfits in Action
I militari piacciono a tutti… o no?

Ci troviamo alla WCW nel periodo più buio della sua intera storia. Eric Bischoff era stato mandato via dalla dirigenza ed era stato sostituito dal mitico Vince Russo e da quell’incompetente di Ed Ferrara. I due erano convinti di poter portare una vera e propria ventata di aria fresca nella federazione, ma il loro operato fu nella maggioranza dei casi quella di arricchire la nostra Hall of Shame…Come gia’ raccontato nell’articolone dedicato a Vince Russo (direttamente dalla penna di Manuele Poli), i due avviarono un processo che porto’ al reset della federazione, ristrutturando (o meglio distruggendo e ricreando) la federazione stessa, i suoi campioni e le varie gimmick legate ai lottatori. Moltissimi infatti, si ritrovarono senza alcun motivo heel, altri si ritrovarono ad interpretare una nuova gimmick, altri ancora da Main Eventers diventarono dei mid-carders e alcuni dei mid-carders diventarono Main Eventers! A ripensarci ancora oggi, questa storia mi fa venire la pelle d’oca!

Uno degli esempi più eclatanti di come funzionavano le cose nell’era Russo fu quello che successe a Booker T durante l’estate del 2000. Il lottatore di colore fino a quel momento era stato un ottimo campione di coppia assieme a suo fratello Stevie Ray, nel tag-team chiamato Harlem Heat e si era distinto particolarmente in una serie di match singoli contro il canadese Chris Benoit (i leggendari Best of 5 Series). Vince Russo voleva puntare tutto su di lui e (con una storyline idiota, ovviamente) fece in modo che non combattesse più in coppia col fratello e lo lanciò da wrestler singolo, ma il pubblico non lo prese particolarmente in considerazione. La gente ci mette un po’ ad accettare un ex lottatore di coppia come lottatore singolo…

Quale fu a questo punto la genialata?
Immaginate la scena:
Ferrara: “Il pubblico non apprezza Booker T da singolo. Che si fa?”
Russo: “Ho un’idea!! Cambiamogli la gimmick! Facciamolo diventare un militare! Alla gente piacciono i militari!”

E così poco dopo, senza alcun motivo, né significato, né spiegazione alcuna, Booker T si unì alla folle stable militare dei “Misfits in Action”, vestito da militare col nome di G.I. Bro.

Che tristezza.

I “Misfits in Action” erano una divertente stable miliatare, che si formo’ a seguito del distaccamento di Hugh Morrus e di alcuni altri wrestlers dal predominante New Blood, la stable di Vince Russo. Questi ex-membri del New Blood si reinventarono i loro soprannomi in tema con la loro gimmick: ecco perche’ ad esempio Morrus divento’ “General Hugh G. Rection” (un gioco di parole, per far pronunciare il suo soprannome come “Huge Erection” – “enorme erezione”), cosi’ come Chavo Guerrero cambio’ il suo soprannome in “Liutentant Loco”, come Lash LeRoux, che divento’ “Cpl. Cajun” e cosi’ via.

Cosa ci facesse Booker T in questa stable, rimane ancora un mistero per tutti noi. Ma nella Hall of Shame, lo ricorderemo sicuramente per il mitico “Boot Camp Match” contro un maestro dell’inutilita’, Shawn Stasiak. Cos’e’ un Boot Camp Match? Un Last Man Standing con un nome figo a tema.

La cosa più divertente è vedere poi Booker T, per un paio di settimane conciato in questa maniera, per poi abbandonare la gimmick completamente come se niente fosse MAI accaduto! Cioè, mai una citazione, una menzione, un minimo segno che ti spiegasse il perché per quelle settimane si faceva chiamare G.I. Bro…

Che ne so..magari non era lui.

Una piccola curiosità: G.I. Bro era la gimmick con la quale Booker aveva debuttato parecchi anni prima…
Applausi, non tanto a Booker T, che poveraccio ha fatto quello che gli veniva chiesto, ma a Vince Russo che vede ancora una volta una delle sue creature nella Hall of Shame!

Luca Celauro
lucapoison@gmail.com

*************************************************

1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *