Hall of Shame: No Holds Barred - World of Wrestling

Il primo film della WWE Films non si scorda mai, specie se c’è un bestione strabico col monociglio a tentare di distruggere l’Hulkam…ehm la Rip-a-mania!

Ah, gli anni ottanta…in cui tutto era possibile, anche far uscire un personaggio dallo schermo e vederlo lottare davvero in un ring di wrestling! No, no…guardate che non sto parlando di Spiderman vs Goku, oh no…sto parlando di Zeus, lo strabico antagonista del filmone “No Holds Barred” con Hulk Hogan, recentemente rispolverato e rimesso a nuovo in versione bluray dalla WWE nello stile “un sè butta via gnente!”.

A cavallo di Summerslam 1989 infatti, i rilettori erano tutti puntati sul leader della Hulkamania, Hulk Hogan che debutta nel suo film da protagonista al cinematografò con “No Holds Barred” (in Italia invece si chiamava “Senza esclusione di Colpi” continuamente confuso con l’omonimo film di Van Damme).
Per l’Hulkster era la grande occasione da protagonista, dopo aver partecipato al terzo capitolo della saga di Rocky, massacrando Sylvester Stallone e una serie di stuntmen nei panni di Thunderlips (da noi “Labbra Tonanti”).

Nel pieno dell’Hulkamania non si poteva non portare al cinema l’autentico fenomeno della World Wrestling Federation e così nasce “No Holds Barred”. Hulk interpreta Rip, un mega campione di wrestling che somiglia in tutto e per tutto al personaggio di Hulk Hogan…ma non si veste in giallo e rosso ed ha un ringname orrendo. A parte questi piccolissimi dettagli è praticamente Hulk Hogan con un altro nome sul grande schermo. Ed i fans non volevano altro.

Per chi non avesse mai visto il film e per qualche motivo fosse interessato a vederlo, vi avverto che se continuerete nella lettura, ci saranno un sacco di SPOILERS, consideratevi avvisati!

Nel film, Rip è la star della WWF – World Wrestling Federazion (mai sentita questa sigla prima d’ora!), che porta un mare di ascolti alla rete televisiva che trasmette i suoi incontri. La rete televisiva avversaria, capitanata da un certo Brell (interpretato da Kurt Fuller, noto ai più per avere sempre interpretato il ruolo del pezzo di merda aziendalista in quasi tutti i suoi film) è assolutamente interessata ad accaparrarsi l’esclusiva sulla messa in onda degli incontri di Rip. Il “Ripster” viene convocato dalla rete e dopo una serie di spassose gag per i non udenti e i non vedenti, Rip decide di non accettare alcuna proposta economica, data la sua fedeltà alla rete.
Brell gli mette addirittura davanti un assegno in bianco, Rip deve solo inserire la cifra e non lo fa! Anzi! Fa mangiare l’assegno a Brell! Il sogno bagnato di Vince McMahon, in previsione di ciò che in realtà accadrà nell 1994 ad Hulk Hogan con Ted Turner e la WCW!

Nel film non viene specificato il motivo per cui Rip non accetta…immaginiamo che si tratti di un’antipatia a pelle nei confronti del tizio che gli propone il contratto e questo rende il film un pò più WTF nel suo sviluppo.

Brell, non si da sotto ed ha una grande idea: invece di cercare un campione da proporre in un’altra federazione minore (perchè nell’universo WWE fino ad allora non esistevano!), decide di assistere a degli scontri all’interno di pessimi bar di periferia, con bagni degni delle fogne di Calcutta, donne con un catarro notevole e uomini sudici e sudati come maiali.

In quel bar c’è un ring all’interno della sala e Brell ed i suoi due collaboratori assistono alla lotta sanguinaria fatta di ceffoni e morsi tra due ciccionissimi.
L’idea arriva! Brell decide di fare di questo lerciume un programma televisivo da prima serata, da contrapporre al programma di Rip e della WWF: The Battle Of The Tough Guys (la battaglia dei tipi tosti!).
Ricrea in uno studio televisivo l’ambiente marcio in cui sono stati qualche sera prima, senza donne col catarro, ma con gli stessi lottatori ciccioni sudati. Ratings assicurati!

Dal nulla però, arriva sfondando un muro (così! perchè passare dalla porta non gli piaceva) il nostro HALL of SHAMER: ZEUS in tutta la sua potenza!

Arriva sul “ring” e massacra i due zoticoni a pugni e pedate, gridando incessantemente. Si perchè la cosa che prima di tutto ti ricordi pensando a Zeus, a parte l’occhio strabico, sono le grida e il ruggito che fa quando respira! AAAAAAAAAAAAAARRGHH!!!! AAAAAARRGG!!!! E tu abbassi il volume.

Rip nel frattempo sta guardando il programma in TV e un “Mean” Gene Okerlund nero accanto a lui (incredibile la somiglianza!) che scopriamo essere il suo allenatore, rivela che è stato lui ad allenare Zeus, ma che quando poi è diventato incontrollabile lo ha lasciato andare via e non si è sentito più parlare di lui per anni. Miiiii che misteeeeerooo!!!

Nel frattempo, al biondo Rip viene affiancata un’avvenente assistente personale, la quale segretamente ha il compito di ammaliarlo e di boh… di dare i piani segreti della morte nera a Brell…? boh, di distrarlo?
Insomma c’è questa qua e forse a Rip ci piace, ma lei è di legno (ed è pure pagata per questo) e non ci sta manco per scherzo.
Perchè ve lo racconto? Perchè le scene d’amore con Hulk Hogan protagonista sono IMBARAZZANTI sotto qualunque punto di vista! Ma come lo prendo sul serio questo romanticone con le braccia più grandi del mondo, coi baffi biondi e la maglietta da notte azzurrina?! No, sul serio!

Nel frattempo Zeus continua a macinare vittorie schiaccianti su tutti i suoi avversari e alla fine della fiera, Ripster viene sfidato da Zeus (che per l’occasione arriva in elicottero) ma la sfida non viene accettata da Rip…e Zeus se ne torna in elicottero.

Durante un match di Zeus, nel pubblico è presente il fratello di Rip (con cui si toglie tipo centocinquantanove anni, visto che è un fottuto teenager!!!!!!), viene notato da Brell e i suoi compari per la sola colpa di essere il fratello di Rip e viene stragolato con dalle possenti braccia (e dalle possenti grida) di Zeus!

A questo punto la sfida diventa personale e Rip è pronto a spaccare la faccia a Zeus! Faccia che è già spaccata di suo, con quel monociglio e quell’occhio pazzo.

Subito dopo assistiamo ad un montaggio d’allenamento in stile Rocky IV dei poveri, con Zeus che manco mentre si allena smette di gridare e di grugnire.

Arriva la sera del match e Rip è pronto a vendicare il fratello, ma poco prima dell’incontro, la signorina Samantha di cui prima, viene rapita da alcuni loschi figuri della rete e Rip viene minacciato in stile “dai spettacolo per 10 minuti e poi perdi se non vuoi che le sia fatto del male”.
Ah, dimenticavo di dirvi che in questo film c’è parecchia violenza sulle donne da parte degli uomini: schiaffi, ceffoni e persino strangolamenti per il gentilsesso! Brava WWE FILMS, così si fa!!

Il Ripster (perdonatemi, non riesco a non chiamarlo così!) si presenta come WWF Champion, e nel pubblico c’è pure suo fratello in sedia a rotelle, tutto rotto.
Zeus invece si presenta vestito da Road Warrior dei poveri, con le spalline di carta stagnola e le ginocchiere che fanno rumore di metallo (oh, contento lui!).
Il match tra i due è un massacro ai danni di Rip, con Zeus che grida ad ogni colpo che da e tra un colpo e l’altro (praticamente sempre!). Zeus, fuori di se, forse stupito dall’incredibile resistenza di Rip, arriva a staccare un paletto del ring col quale cerca di trafiggere il biondo avversario, andando però a bucare il ring, non la panza di Rip.

Di questo buco però, nelle riprese successive si perdono completamente le tracce…evvabbè.

Rip resiste ad ogni maledetto colpo di Zeus, persino ad una mossa che teoricamente dovrebbe ucciderti e spezzarti il collo. Infatti in quel momento sembra finita, ma Rip viene rincuorato dal vedere suo fratello e tutta la folla credere in lui e parte un “Hulk Up”…anzi un “Rip Up” che suona peggio. Rip riesce a reagire finalmente e colpisce Zeus con la sua finisher (una running double axe handle smash) che butta fuori dal ring il suo bruttissimo avversario.

Il match si butta a caciara, finisce sugli spalti, Zeus comincia a lanciare la gente..un casino… Rip ha comunque la meglio in questo frangente ed il produttore televisivo Brell, che guarda tutto dalla sala regia impazzisce di rabbia, distrugge i monitor, fa a pezzi le apparecchiature, ma a quanto pare finisce folgorato nella foga del momento …emmuore. Intanto Rip esegue nuovamente la sua running double axe handle e Zeus cade dagli spalti fino (ADDIRITTURA) a finire al centro del ring, sfondandolo. Un volo notevole. Meno l’effetto del ring che si rompe. Rip festeggia e tutti sono felici, mentre il produttore televisivo emmòrto e nessuno ha visto il finale del match in tv a causa delle apparecchiature distrutte. Rip ce l’ha fatta ed il film finisce così!

A questo punto, Vince McMahon pensò bene di proporre il personaggio di Zeus nel mondo del wrestling, quello vero! Zeus venne associato a Randy Savage, per affrontare il duo Beefcake-Hogan a Summerslam. Prima del match, ci furono settimane e settimane di promo intelligentissimi.

Il match di Summerslam, come potete chiaramente immaginare è stato gestito completamente dai tre wrestlers, mentre a Zeus è stato dato il compito di gridare.

Zeus era un attore (e che attore!) e non un wrestler, quindi potete bene immaginare le sue legnosissime prestazioni sul ring, che anche qui erano basate sulle grida e sulla presenza scenica (ah, e sul monociglio e su quella zeta che aveva rasata sulla testa!). Non c’è molto da dire su Zeus il wrestler, se non che era veramente scarso… e che dopo questo feud con Hogan e Beefcake, giusto in tempo per lanciare bene il film, è apparso in video poco prima della Royal Rumble successiva (senza parteciparvi) per poi non farsi più vedere alla WWE.


Si alla WWE. Perchè poi la WCW sotto crack, lo assume sotto il nome dI Z-Gangsta, nella storyline dell’alleanza per porre fine alla Hulkamania. Z-Gangsta questa volta si presenta con la scritta “Z-Gangsta” disegnata sulla testa ed un notevole monociglio fatto col pennarello nero.

Che altro aggiungere? Zeus, benvenuto nella HALL of SHAME!

 

Luca Celauro
www.lucapoisonhallofshame.com

 

*********************************************************

Banner forum
L’appuntamento con la Hall of Shame continua sul sito www.lucapoisonHALLofSHAME.com dove troverete l’archivio generale di tutti i personaggi e le storie introdotte nell’arca della vergogna…ed inoltre news, speciali e tanto altro ancora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *