Hall of Shame: The Mountie - World of Wrestling

Dal freddo gelido del Canada, arriva il protettore dei sani principi e forti valori, lui è The Mountie …a lui non si scappa perchè…lui acchiappa sempre tutti!

THE MOUNTIE
Lui li acchiappa sempre tutti!

Una delle gimmick più strambe ed inutili ma allo stesso tempo più divertenti è proprio quella di “The Mountie”… Aaaah, The Mountie! Lui “li acchiappa sempre”. Chi? I criminali ovviamente. Perchè la WWE è piena da criminali da acciuffare e lui è una specie di fiero poliziotto a cavallo Canadese dai sani valori, ma che non si può fare a meno che divertirsi ad odiarlo!

Per chi si stesse chiedendo, chi diavolo è questo qua che sembra esaltato già dalla foto, dovete sapere che quest’uomo non è sempre stato così: apparteneva infatti ad una delle famiglie più famose nel mondo del wrestling, i Rougeou, la famiglia Canadese più famosa dopo gli Hart nel nostro sport preferito.

Jacques e Raymond Rougeau si esibirono per anni in quella che allora si chiamava “World Wrestling Federation” (mai sentita nominare?) come i “Fabulous Rougeaus”. I loro costumini, i loro sorrisini erano da circo. Avete presente come si conciavano quelle famiglie di acrobati che si esibivano al circo quand’eravate piccoli? Precisi! Loro! Con le loro facce tonde, col sorriso a 32 denti, con le loro giacchine colorate d’azzurro “Ippopotamo-della-Lines” che sembravano anacronistiche già negli anni 80…e quelle maledette bandierine americane… Li prenderei a schiaffi tutti e due ogni giorno dell’anno tre volte al giorno dopo i pasti! Che odio!!! Pensate come sono cambiati i tempi, oggi un tag team del genere sarebbe fischiato fino a alla morte, sarebbero come Bo Dallas!! In quel periodo invece: “sei Canadese? Tira fuori una bandierina americana e tutti ti tiferanno!”.

I “Favolosi” Fratelli Rougeau, debuttarono in WWE con questa gimmick mielosa, figlia degli anni 80…ed arrivarono persino a vincere i WWE Tag Team Titles in un House Show contro nientemeno che la Hart Foundation! Il match però ebbe un finale controverso, il microfono di Jimmy Hart (manager degli Hart) finisce nelle mani dei Rougeau che lo usano per schienare i campioni, ma la decisione venne ribaltata ed questa vittoria non venne mai riconosciuta ufficialmente dalla WWE.

Una volta ritiratosi il fratello Raymond, l’altra metà dei Fabulous Rougeau Brothers, Jacques Rougeau si trasformò in qualcosa di ben diverso da quello che aveva interpretato in precedenza…divenne un Mountie! Anzi, divenne The Mountie! Una Giubba Rossa Canadese! …che lotta in WWF nel tempo libero, aggiungerei.

Come descrivere The Mountie? Credo che il modo migliore per descriverlo lo si trova leggendo il testo della sua esilarante (per chi ha il gusto dell’orrido!) Theme Music:


“I’m the Mountie!/ I’m Handsome! / I’m Brave! / I’m Strong! / I’m the Mountie! / And I enforce the Law! / You can try to run! / But you can never hide! / The Mountie always gets his man!” 

(trad. “Io sono The Mountie! / Sono affascinante / sono coraggioso! / sono forte! / Io sono The Mountie / e io faccio rispettare la legge / puoi provare a correre / ma non puoi mai nasconderti / The Mountie li acchiappa sempre tutti!)

In pratica The Mountie è la caricatura di una Giubba Rossa (chiamate in inglese per l’appunto “The Mounties”), la Régia polizia a cavallo Canadese, il fiero un corpo militare, simile in certi sensi a quello che per noi sono i Carabinieri, i quali presidiano a cavallo la regione delle grandi praterie nell’ovest del Canada, ed “They always get their man” è un loro motto tipico. Il personaggio venne come di consueto presentato con delle straordinarie vignette made in WWE, dove si notava che The Mountie non è certo un tipo con cui si può scherzare facilmente!

Il nostro amico Jacques Rougeau, da formaggiosissimo face, diventava un odiosissimo heel, talmente odioso che non potevi fare a meno che divertirti ad odiarlo! Si presentava sul ring vestito con l’intera divisa da Giubba Rossa Canadese, addirittura canticchiando la sua canzoncina…e la cosa non finiva lì! Anche sul ring continuava a ripetere “I’M THE MOUNTIE!” (..per chi non l’avesse ancora capito). Fischi a palate!


Eppure funzionava. Perchè la forza di un vero heel sta nell’attirare i fischi della gente, ed a dirla tutta, il problema di questa gimmick non era proprio il fatto che fosse altamente ridicola nel concetto in sè (è come se un wrestler Italiano, in Gernania si mettesse a fare il “Carabiniere” sul ring per farsi odiare…), il punto è che i veri Mounties, non erano giustamente contenti di essere rappresentati come dei cazzoni codardi ed esaltati… The Mountie portava in scena un Poliziotto fin troppo fuori di testa,che dava un’immagine fin troppo sbagliata di quelle forze dell’ordine (che si lamentarono in più di un occasione). The Mountie trovava piacere nel martoriare le proprie vittime con il suo bastone elettrificato, per poi connettere con la sua sottomissione finale.Non proprio la migliore delle rappresentazioni per i veri Mounties. Bisogna ammettere che The Mountie è riuscito ad ottenere vittorie di tutto rispetto durante tutta la sua carriera…basti pensare che è riuscito a battere nientemeno che Bret “The Hitman” Hart conquistando il Titolo Intercontinentale (che però resta alla sua vita solo un paio di giorni).

Il più grande Hightlight della sua carriera, secondo molti fans però, non è la conquista del titolo, bensì il feud contro (quanto è scontato…) il Poliziotto Americano per eccellenza, The Big Bossman!
I due si scontrano a Summerslam 1991, in un Jailhouse Match (mai match fu più azzeccato!!). Il Jailhouse match è un match a stipulazione speciale, dove il perdente dev’essere costretto a passare una notte in gattabuia, nella prigione di New York City in questo caso.

In quel mach, The Big Bossman riesce a mettere KO il Canadese, che viene letteralmente trascinato fino alla prigione di New York. La scena dell’arresto è qualcosa da vedere… The Mountie da di matto, i poliziotti newyorkesi, gli prendono persino le impronte digitali. Lui, arrabbiato come una bestia, gli dice “Volete prendermi le impronte delle mie dita? Ve lo do io IL DITO!!”. Ed eccolo lì!! Il primo dito medio della storia della WWE, tirato fuori da The Mountie incazzato come un’ape!!!

Tecnicamente non è il primissimo dito medio della storia della WWE (Paul Orndorff ne tirò fuori uno verso Mr. Fuji precedentemente), ma questo è stato sicuramente il primo così plateale!!! GRANDE MOUNTIE!!!

Successivamente Jacques venne rilegato ad un ruolo di Jobber di lusso e pian piano messo da parte, ma non abbiamo sicuramente visto la fine della presa per il culo verso i Mounties Canadesi, nossignore! In WWE viene assunto Carl Oullet (da subito rinominato “Pierre”) e viene formato un nuovo tag team di  Canadesi in Giubba Rossa. Insomma: Carl incontra Jacques e diventano… No, non “The Mounties”… diventano “The Quebecers”.

Vi siete mai chiesti perchè non si sono mai chiamati “The Mounties”? Ebbene, miei cari intelligentissimi ‘rrestling fens, il sottoscritto vi chiarirà tutto. Cominciamo con l’ascoltare la loro musica d’ingresso:

Se ascoltate bene dicono “Noi NON siamo i Mounties!”, perchè proprio a causa delle continue lamentele da parte delle forze dell’ordine Canadesi verso la WWE. Quel diavolo di Vince McMahon pensò bene di lasciare intatto il testo della canzone aggiungento un bel “NOT”, implicando il fatto che i Quebecers erano MEGLIO dei Mounties e che i veri Mounties erano codardi, deboli e incapaci di far rispettare le leggi. Era il modo in cui Vince McMahon mostrò il SUO dito medio ai veri Mounties! Oh…Canada!

Luca Celauro
www.lucapoisonhallofshame.com

Cliccate sul banner per entrare sul sito della HALL of SHAME e leggere tutte le precedenti introduzioni nell’arca della vergogna!!
Troverai l’archivio completo, notizie, speciali e curiosità riguardanti il Meglio del Peggio del Wrestling! Vi aspetto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *