Hall of Shame: Dream Match da Incubo - World of Wrestling

Due dream match, due match da incubo… e raccontarceli è un debuttante assoluto nella HALL of SHAME, Michele Porcaro che ci racconta il peggio di Hogan vs HBK e di Sting vs Hardy!

Un nuovo nome si aggiunge alla lista di illustri ospiti della mia e della vostra rubrica preferita, la Luca PoiSoN’s HALL of SHAME! Ma questa volta non si tratta di un illustre editorialista che tenta di rilanciare la propria carriera scrivendo per una rubrica minore come questa (SCHERZO!!! La Hall of Shame non è una rubrica minore!), bensì un semplice “intelligentissimo” fan della HALL of SHAME che ha deciso di scrivere ben due articoli come tributo alla rubrica che lo ha fatto tanto divertire. Lui si chiama Michele Porcaro, classe 1995 (io nel 1995 in classe, ma alle medie, maledizione!), un Beneventino..ehm, un Beneventese…no, ehm! Un Beneventoniano! (Wikipedia dice Beneventano, ma che ne può sapere…) appassionato di wrestling al massimo della potenza, tanto da essere uno degli atleti in allenamento nella mitica Rome Wrestling Academy! Tra un bump di schiena e l’altro, da “studente del gioco” ha dedicato questi due articoli alla professionalità e all’arte del lottato sul ring (ma quando mai…)
Non mi resta che lasciare la parola a quel Beneventolese di Michele Porcaro al suo debutto nelle pagine della HALL of SHAME!

Luca Celauro

Hogan vs HBK
Quando vendere non è un’arte…

MICHELE PORCARO SCRIVE PER LA HALL OF SHAME

Oggi per la Hall of Shame parleremo…

Di gimmick ridicole?
Di storyline assurde e improponibili?
Di booking fatto da delle scimmie con una macchina da scrivere?

No,signori miei,oggi parleremo del “The Immortal” Hulk Hogan e del “The Heartbreak Kid” Shawn Michaels,e del Match che li vide coinvolti in quel di Summerslam 2005!

MOMENTO MOMENTO MOMENTO MOMENTO MOMENTO MOMENTO

Per quale motivo al mondo due leggende del ring,due pluricampioni del mondo WWE,due intrattenitori epici,due personaggi il cui nome bastava a riempire arene e stadi fino all’orlo,due WWE Hall of Famer dovrebbero entrare nella Hall of Shame?

Tutto cominciò a Wrestlemania 21,quando Hulk Hogan, presentandosi allo Staples Center di Los Angeles (dal momento che il giorno prima era stato introdotto nella WWE Hall of Fame) fu accolto dall’unanime coro dei tifosi “One More Match” (“Ancora un Match”) così insistente che Hulk Hogan non potè che promettere al suo pubblico che prima o poi avrebbero ottenuto quel Match tanto richiesto,

Nel frattempo Shawn Michaels se la doveva vedere contro Daivari e Muhammed Hassan,due americani che appoggiavano la cultura Araba e mediorientale (idea geniale proporre due personaggi simili in un paese che era in guerra contro l’Iraq e che aveva subito pochi anni prima l’attacco alle Twin Towers) e chiese ad Eric Bischoff (allora General Manager di RAW) un Handicap Match da disputare a Backlash,il PPV di Aprile. In tutta risposta Bischoff gli permise di sfidare i due Talebani in erba,ma in un tag team Match. Michaels aveva bisogno di un compagno,e la scelta cadde su Hulk Hogan. The Hulkster accetta la proposta, e i due insieme formano forse la coppia più forte che si sia mai vista nella storia del wrestling. Ovviamente, HBK e Hogan si liberano facilmente di Hassan e Daivari, e anche per questo motivo Shawn decide di richiamare Hulk per alcuni combattimenti a Raw, nei quali i due ottengono sempre la vittoria in maniera sistematica.
La svolta avvenne nell’edizione di Raw del 4 Luglio: Hogan era ospite del Carlito’s Cabana,segmento condotto dall’omonimo portoricano,il quale fece delle insinuazioni poco carine sulla figlia dell’Hulkster,che da buon babbo,comincia a prendere a pugni Carlito.Si aggiunse anche Kurt Angle che,dallo stage,comincia ad insultare Hulk Hogan,la figlia e il loro reality show. A salvare capra e cavoli è Shawn Michaels,che mette in fuga Carlito e l’eroe olimpico. Per quella sera viene stabilito un Tag Team Match tra Carlito e Angle contro Hulk Hogan e Shawn Michaels,vinto con facilità da quest’ultimi.

A fine Match,accade l’impensabile : Shawn Michaels,durante i festeggiamenti post-Match,stende Hogan con la Sweet Chin Music! Nell’edizione successiva di RAW annuncia le sue intenzioni : se Hogan deve fare il suo “One More Match”, deve farlo contro di lui,a SummerSlam. Hogan accetta e parte la faida…Icon vs The Legend! HBK VS Hulk Hogan!

Sembra essere la Faida più bella del millennio,perchè mai questa storia dovrebbe finire nella Hall of Shame,dove ci marciscono persone come The Shockmaster, Earthquake, David Arquette o Capitan Padania? Ci arriviamo tra un attimo!

Ciò che rese avvincente questa faida fu l’imitazione che Shawn Michaels fece di Hulk Hogan,entrando al Larry King Live Spoof con delle stampelle con i classici vestiti dell’Hulkamania rossi e gialli (con tanto di boa!) e rispondendo alle domande del presentatore ripetendo per millemila volte “Brother” (come se il vero Hulk Hogan non lo dicesse abbastanza di suo…)

I problemi sorgono al di fuori della Keyfabe. I booker WWE (team composto da elementi con il quoziente intellettivo pari a quello di Flavia Vento) per una volta ebbero un idea geniale: Michaels avrebbe vinto in modo pulito contro Hogan,affinché questi potesse accrescere il suo status e la sua credibilità. Sono tutti d’accordo:Vince McMahon approva l’idea, Shawn Michaels approva l’idea,il Creative Team approva l’idea…ma Hulk Hogan non è d’accordo.
Hulk Hogan pretendeva di vincere su Michaels…in modo pulito. Se le cose non fossero state in questi termini, Hulk Hogan non avrebbe disputato il Match e avrebbe chiesto un aumento di paga per il suo contratto. ( D’altronde Hogan di poteva permettere capricci simili,vista la sua fama.)
Il creative team e Vince McMahon tentarono di farlo ragionare,di fargli capire che quella vittoria a Summerslam serviva più a un giovane Shawn Michaels che a lui,che oramai aveva oltrepassato i 50 anni.D’altronde Michaels aveva ancora tanto da dare al Wrestling(qualche anno dopo avrebbe sfidato Undertaker a WM)mentre Hulk Hogan…aveva la mobilità e l’elasticità di un bradipo tetraplegico. Ma Hogan non ne volle sapere niente: lui avrebbe vinto a Summerslam in modo pulito!
Shawn Michaels dovette rinunciare all’idea di poter vantare una vittoria pulita su colui che rese famoso il wrestling in tutto il mondo negli anni 80-90, solo perché Hogan aveva deciso così. Ma Shawn Michaels di certo non era intenzionato a farsi mettere i piedi in testa,quindi decise di….rovinare il Match.


Shawn Michaels fece sì che Hogan vincesse un Match che non sarebbe stato ricordato per la sua epicità o per la sua titanica bellezza,ma che sarebbe stato ricordato come uno dei Match più ridicoli e buffi di sempre.
Ma in che modo Michaels rovinó quel Match che era destinato a rimanere nella storia ? Semplicemente vendendo le mosse dell’avversario oltre misura.


Ogni volta che Hogan lo colpiva con un semplice pugnetto, Michaels si buttava a terra e si disperava come se gli avessero tirato una coltellata e rimaneva al tappeto per svariati minuti, qualora venisse spinto si auto-lanciava in aria e atterrava con una doppia capriola, se cadeva dall’apron ring reagiva come se fosse caduto dall’Empire State Building…per non parlare di quando venne colpito dal Big Boot di Hogan,dove cadde…si rialzó…e cadde un’altra volta…

Forse questa descrizione e queste immagini non rendono perfettamente l’idea di quanto buffo e ridicolo fosse stato quel Match quindi vi consiglio di guardare qua sotto:

Morale della favola: un Match che doveva essere ricordato come uno degli incontri più belli del terzo millennio, grazie al genio maligno di Shawn Michaels, è oggi degno della Hall of Shame!

Michele Porcaro

 


 

Sting vs Jeff Hardy
Và a casa Jeff, sei fatto!

Un’altro Match destinato a divenire leggendario ma invece oggi degno della Hall of Shame si tenne a Victory Road nel 2011,dove nel Main Event si sarebbero sfidati Jeff Hardy e Sting,due pilastri della Total Nonstop Action!
Il pubblico non poteva crederci : due miti del wrestling che si sfidavano…addirittura per il massimo alloro…il TNA World Heavyweight Championship! Roba da mettersi le mani nelle mutande per uno spettatore di wrestling!
Un altro bel Match andato a donne di facili costumi? Si,ma la colpa questa volta è da dare al “Charismastic Enigma” Jeff Hardy.

Al caro Jeff (come anche ai suoi colleghi Randy Orton,Rob Van Dam, Jack Swagger e altri wrestler che riempirebbero la lista) piace molto, fuori dal ring,fumarsi qualche bella cannetta (beh, visti i facepaint variopinti da trip di acidi di Jeff Hardy non mi meraviglierei se questi consumasse allucinogeni, ma limitiamoci a parlare di Marijuana.)
Beh, se sei uno sportivo sottoposto periodicamente al Wellness Program, drogarti non è proprio la scelta migliore, a maggior ragione se consumi le tue belle robine poco prima di disputare il Match.
Perché vedete, cari amici della Hall of Shame, il buon Jeff Hardy pensò bene di farsi di stupefacenti poco prima del Main Event e gli esiti furono disastrosi.
Arriva il momento del Match: i tifosi avrebbero visto i loro beniamini,i migliori della federazione darsele di santa ragione per il titolo… Ma forse non quella sera.
Risuona la Theme di Jeff Hardy,il quale arriva sullo stage con una faccia da “e ora che dovrei fare?” per poi avvicinarsi ai tifosi per battergli il 5,si avvicina al ring, sale sulla seconda corda per salutare i tifosi…rischiando di cadere,poi si sdraia all’angolino appoggiando le braccia alle corde…rimanendo impalato lì per 5 minuti buoni. Nel frattempo arriva Sting,che sale sul ring con in spalla il titolo,raggiunto da Eric Bischoff il quale annuncia che il Main Event sarà un NO-DQ Match (da notare che nel frattempo Hardy fa fatica a rialzarsi.)

Sting aveva capito che Hardy non era proprio al 100% e usó la scusa del cambio di stipulazione per avvertire (nei momenti in cui parlano a bassa voce senza il microfono) che forse era il caso di annullare il Match. Ma Bischoff non ne volle sapere niente. Più tardi si scoprirà che nel backstage si era notato che Hardy era fuso,ma non era colpa di Bischoff:Hulk Hogan e Jeff Jarrett sostenevano che il Match si poteva fare! Immagino che la scena sia stata più o meno così:

Tizio del backstage: Signor Hogan,Jeff Hardy è troppo fatto!
Hulk Hogan: In che senso fatto,brother?
Tizio del backstage: immagino abbia fumato erba o qualcosa simile!
Hulk Hogan: E qual’è il problema,brother?
Tizio del backstage: Non si regge in piedi nemmeno,figuriamoci se può combattere nel Main Event!
Hulk Hogan: Ma non dire idiozie brother! Un vero Hulkster combatte sempre,anche da fatto o da ubriaco,brother!
Tizio del backstage: Ma Signor Hogan….
Hulk Hogan: Niente ma, giusto Jeff?
Jeff Jarrett: Giusto Hogan!

Ma ecco che comincia il Match! Jeff Hardy si leva la maglietta e la sta per lanciare verso i tifosi….ma ci rinuncia. Cambia lato,la sta per lanciare verso un’altra tribuna…ma ci rinuncia. Cambia ancora lato,sta per lanciare la maglietta verso i tifosi….ma ci rinuncia. Cambia lato un altra volta,sta per lanciare la maglietta verso i tifosi….ma gli cade di mano e finisce per terra. Sting si stufa della stupidità fattona di Hardy e arriva al sodo…lo chiude in una cliniche,piccola serie di pugni…Scorpion Deathdrop! Va per lo schienamento,ma Hardy è troppo rincitrullito per uscire dal pin..1,2,3 e Sting vince e rimane campione!!! Durata Match 1:28 minuti

COSA!?! Il Main Event di un PPV che dura 1 minuto e 28 secondi? (Di cui un minuto è trascorso solo perché Hardy non sapeva da che parte degli spalti lanciare la maglietta?)

A fine Match si può vedere Sting che,anziché festeggiare per la vittoria, guarda Hardy e gli dice : “Did you really do it?” (“Lo hai fatto davvero?”)
Inutile dire che il pubblico era infuriato (vorrei vedere voi dopo aver pagato un biglietto per assistere a un Main Event che non supera i 2 minuti) e la Impact Zone cominciò a intonare unanimemente il coro “Bullshit” (“Che cagata”) e anche qui si può vedere Sting guardarli in tono serio,alzando le mani per rispondergli “I agree! i agree with you,Guys!” (“Sono d’accordo! Sono d’accordo con voi,ragazzi!”)
Le conseguenze non mancarono: Hardy fu mandato a casa dalla federazione e per un bel po’ di tempo la federazione non volle bookare faide o Match per lui! E ai fan della TNA che avevano comprato il biglietto per assisterlo e a quelli che avevano comprato il PPV gli vennero regalati 6 mesi gratuiti di TNA on demand!

Molti rumors sono circolati intorno a questo Match,che vedevano un Hardy che per ribellione si presentó al PPV da strafuso,frustrato dal fatto che il titolo fosse intorno al “vecchietto” Sting e non a lui,ma nessuna delle due parti confermó mai questa storia. Altre voci vollero che Hardy ritenesse che consumando stupefacenti potessero migliorare le sue doti in-ring (ma anche queste voci sono da ritenere semplici rumors.) La versione più accreditata della vicenda fu che Hardy consumasse droghe per affrontare la depressione che lo affliggeva (voce confermata da Matt Hardy in un intervista.)

Noi non sappiamo perché questo Match fu,per citare il Rag.Ugo Fantozzi, “una cagata pazzesca”, ma sappiamo solo che Jeff Hardy,presentandosi al Main Event da strafatto,ha fatto si che questo Match fosse degno della Hall of Fame!

Michele Porcaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *