WWE Payback 2015 Review - World of Wrestling

17/05/2015: Il titolo WWE è una questione a quattro: Rollins ne uscirà ancora da campione? Quale la conclusione della faida tra Rusev e Cena?

Payback 2015

Baltimore, Maryland

Pre-Show:

Al panel di commento Renee Young presenta gli ospiti di serata: Booker T e Corey Graves. I tre speculano su chi saranno i vincitori di serata e sul match che a breve andrà in onda.

R-Truth vs Stardust

Stardust domina gran parte della contesa, ma alla fine R-Truth riesce a beffarlo.

Vincitore: R-Truth

The Ascension vs Curtis Axel & Damien Sandow

Tributo di Axel e Sandow per Hogan e il compianto Randy Savage. Il match viene per gran parte gestito dagli Ascension, che isolano Axel per tanti minuti. Il cambio a favore di Sandow sembra cambiare l’inerzia dell’incontro, ma quando Damien esagera e tenta il Flying Elbowdrop, diventa vittima degli avversari, che connettono con la Fall of Men.

Vincitori: The Ascension

Pay-Per-View:

Sheamus vs Dolph Ziggler

Inizio rabbioso di Ziggler, stufo delle angherie dell’avversario e dominatore delle prime fasi. In più di un’occasione sfiora la vittoria con schieramenti veloci, ma il Celtico riesce infine a tornare in corsa dopo un colpo alla gamba destra del rivale. Il deficit al ginocchio concede a Sheamus la possibilità di rallentare drasticamente i ritmi dell’incontro, con manovre statiche e di soffocamento. Dopo tanti minuti arriva la reazione di Ziggler, che approfitta dell’errore nemico per tornare e finalmente riprende la testa del match, connettendo con la jumping DDT, con conto solo di 2. Lo Show-Off riesce addirittura a prendersi la rivincita per quello andato in scena un mese fa, costringendo il nemico a baciargli il sedere. Evita anche il Brogue Kick e mette a segno la Fameasser, sfiorando ancora la vittoria. Sheamus quindi non crolla, ma anzi fa anche lui passi importanti in avanti, sfoderando una powerbomb eccezionale. Dolph stoicamente non molla, resistendo sia alla White Noise che alla Cloverleaf, attaccando dal nulla con il Superkick! 1..2..Arriva il kickout! Una ferita però trasforma Ziggler in una pozza di sangue e la mancata visibilità lo fa cadere vittima del Brogue Kick definitivo. Conto di 3 e vittoria per l’irlandese.

vincitore Sheamus

Negli uffici Rollins offre una rinnovata alleanza a Kane, che però è stanco delle angherie che sta subendo. Il comportamento del campione sembra avergli fatto perdere l’aiuto del Big Red Monster, che però non ha ancora preso una decisione.

WWE Tag Team Championship 2 out of 3 Falls Match: New Day vs Cesaro & Kidd

Gli sfidanti sono spinti da forte spirito di rivalsa, con i due che trovano il punto del vantaggio dopo pochi minuti grazie al Giant Swing abbinato al dropkick. Il tutto sembra diventare favorevole per loro, ma ben presto i campioni riescono ad isolare Tyson Kidd e a colpire con una Spear lo svizzero. Nonostante il canadese sembri per un attimo ribaltare da solo la situazione, ecco che arriva la manovra combinata conclusiva dei New Day, che raggiungono il pareggio! Kidd sfrutta l’errore di Big E per far tornare nella contesa Cesaro, che mette in bella mostra la forza fisica con i suoi uppercut di violenza inaudita su Kofi. Gli ex campioni ancora una volta mostrano le abilità di coppia unendo un backbreaker ad un elbowdrop!! 1..2..NO! Non finisce l’assalto, Kingston si salva dalla Sharpshooter, ma resta vittima del super European Uppercut di Cesaro!! 1..2.. Arriva Big E che salva tutti! Momenti di confusione e l’arbitro commette un errore gravissimo permettendo a Xavier Woods (nemmeno partecipante al match) di eseguire lo schienamento decisivo!!

Vincitori e ancora campioni: New Day

Nello spogliatoio Ryback è pronto ad affrontare Wyatt, ribadendo ancora di non aver paura di lui.

Bray Wyatt vs Ryback

Inizio clamorosamente dominato in modo totale da Ryback, che mette subito a segno la sua Lou Thesz Press. Il primo colpo portato a segno da Bray arriva dopo parecchi minuti, ma tanto basta a dargli la possibilità di rallentare l’incontro, anche se solo per poco. La bodyslam del Big Guy non si rivela decisiva ed è solo preludio alla DDT spaventosa subita sull’apron, a cui segue una super Senton verso l’esterno del quadrato. L’Eater of World spreca però il vantaggio costruito beandosi con il pubblico e restando vittima di una powerbomb, ma risponde subito dopo al Meat Hook con un braccio teso potentissimo. Ryback trova ancora le forze per colpire con la spinebuster e addirittura con uno splash dalla terza corda, non trovando però il conteggio finale. Bray Wyatt arriva alle fasi conclusive con grande lucidità nonostante i colpi subiti: per evitare la Shell Shocked spoglia l’angolo della protezione e fa impattare l’avversario sullo stesso! Sister Abigail fulminea 1…2…3!! Wyatt trova lo schienamento vincente!

vincitore Bray Wyatt

U.S. Championship I Quit Match: John Cena vs Rusev

Rusev invita l’avversario ad arrendersi sin da subito, ma il campione risponde attaccandolo immediatamente. Il bulgaro però a sorpresa non sente i colpi subiti e abbatte il nemico, mentre costringe lana a sedersi per non distrarlo. La perdita di tempo lo lascia vittima di un suplex, che però non ha seguito se non il ritorno immediato dello sfidante. Cena davvero molto in difficoltà, subisce per svariati minuti trovando solo brevi reazioni non significative, nonostante lo sfidante sia più impegnato a dirigere le azioni di Lana. Finalmente il campione esegue il suo classico comeback, che si ferma bruscamente sul tentativo di AA, trasformato in una potente fall away slam. Come modo per convincere l’avversario ad arrendersi, Rusev introduce nella contesa il gradone d’acciaio, ma la risposta di John è sempre un fragoroso NO! Proprio sulla piattaforma di metallo arriva la one-handed slam, ma un successivo errore condanna o sfidante alla AA sulla stessa, ma la risposta è anche sua negativa. Cena allora tira fuori le armi devastanti e abbatte le transenne travolgendo il rivale, che continua a rifiutare la sconfitta. Rusev, quasi del tutto spacciato, si riprende connettendo con un Superkick, spostando poi la contesa tra la folla. Tra colpi diretti e oggetti contundenti, a sorpresa è ancora il bulgaro a schiantare John contro un tavolo grazie alla Alabama Slam, che non risulta ancora decisiva. Cena sembra essere spacciato quando mette a segno la Attitude Adjustment, dritto sui meccanismi dei fuochi d’artificio… MA RUSEV NON CEDE ANCORA!! L’uso di una transenna sembra per Cena l’ennesima arma da utilizzare, ma sulla stessa finisce proprio il campione dopo un suplex, anche se il rifiuto alla sconfitta arriva relativamente presto. Rusev ricorre alle sue armi migliori utilizzando l’accoppiata Superkick-Accolade, John prova a reagire, ma le forze vengono a mancare e la risposta stavolta proprio non arriva! Preso dall’ira, lo sfidante smonta la terza corda e tenta di usarla, ma Cena ribalta tutto chiudendolo nella STF con sostegno della corda stessa. Arrivano parole incomprensibili da parte di Rusev, che Lana interpreta come volontà di arrendersi e l’arbitro è costretto a chiamare la fine del match!! Finale confuso che trova il suo risultato nella vittoria di John Cena.

vincitore e ancora campione: John Cena

Nel backstage i New Day stanno brindando alla loro vittoria, ma i loro festeggiamenti vengono bruscamente interrotti da Byron Saxton, che annuncia il primo Tag Team Championship Elimination Chamber Match, in scena nel prossimo PPV!

The Bella Twins vs Tamina & Naomi

Inizia bene il team della campionessa, che mette in difficoltà Naomi grazie al più oliato gioco di squadra. Il Superkick di Tamina cambia il vento dell’incontro, regalando alle due un ottimo vantaggio. Finalmente arriva il cambio dopo un errore di Naomi e Nikki sembra poter riportare il match nei loro canoni, ma il suo apporto positivo dura poco e anzi va vicina alla sconfitta dopo il colpo conclusivo di Naomi. La campionessa riesce a riprendersi ancora, ma stavolta è il ritorno di Tamina a risultare decisivo: annienta Brie fuori dal ring e fa distrarre Nikki in modo che questa venga fatta cadere dalla terza corda. La caduta risulta sufficiente affinché Naomi raggiunga un inaspettato conto di 3!

Vincitrici: Naomi & Tamina

Nello spogliatoio di Rusev, il bulgaro sta sfogando la sua rabbia su Lana, che infine viene malamente cacciata fuori.

Neville vs King Barrett

La partenza rapida e spettacolare di Neville mette inizialmente in difficoltà il vincitore dell’ultimo King of The Ring. Ben presto però l’ex campione NXT esagera e viene abbattuto dell’avversario, che presto ne tarpa le ali anticipando qualsiasi manovra lo possa infastidire. BNB domina la scena per svariati minuti, rallentando drasticamente la velocità dell’incontro, fino a quando Neville riesce e ad incatenare un buon numero di colpi diretti, seguiti da una spettacolare standing shooting star press. Barrett prova a risolvere il tutto con la Bull Hammer, ma una volta andato a vuoto deve ripiegare sulla Winds of Change, che porta solo al conto di 2. Neville evita ancora la gomitata decisiva e di fronte alla ritirata del nemico, lo colpisce con un avvitamento articolato sopra la terza corda. BNB a sorpresa preferisce restare fuori dal ring e perdere!

Vincitore: Neville

King Barrett connette a sorpresa con il Bull Hammer, colpendo ripetutamente un esanime avversario. Neville però rientra dal nulla e mette a segno il suo German Suplex con sollevamento anticipato, seguito poi dalla Red Arrow.

Kane arriva a bordo ring per l’imminente main event.

WWE World Heavyweight Championship Fatal-4 Way Match: Seth Rollins vs Dean Ambrose vs Roman Reigns vs Randy Orton

La J&J Security prova subito ad immischiarsi, ma prima il suicide dive di Ambrose e poi il volo di Reigns abbattono tutti gli altri concorrenti. Nel ring è proprio Reigns deve vedersela con Rollins, ma ben presto il loro posto viene preso dai rientranti Orton e Ambrose, con quest’ultimo che mette a segno il running bulldog. Dopo l’ennesima fase caotica, Ambrose e Reigns fanno squadra per abbattere il campione, scegliendo un’alleanza temporanea, che però viene interrotta dal primo intervento significativo di Kane, che abbatte entrambi. Mentre i 3 dell’Authority tengono giù anche Orton, Rollins può lavorare sul solo Lunatic Fringe, andando più di una volta vicino allo schienamento definitivo. Ambrose però fa grande resistenza e nemmeno la powerbomb all’angolo e il superkick lo condannano, preludio della sua reazione tramite la sua clothesline patentata. Ancora una volta Kane interviene e abbatte Dean con la Chokeslam. Finalmente Orton e Reigns lo eliminano dalla contesa ed è proprio The Viper a ritrovarsi solo sul quadrato con Rollins, sul quale arriva il Superplex! Al ritorno degli altri due ex membri dello Shield accade l’inaspettato! I tre si alleano e arriva la JUSTICE TRIPLE POWERBOMB SUL TAVOLO!!! Rollins, davvero convinto di aver ritrovato i suoi fratelli, abbassa la guardia e viene aggredito! Col ritorno di Kane, sia quest’ultimo che Rollins vengono fracassati sul secondo tavolo dopo altre due Powerbomb combinate. Roman e Dean rientrano nel ring per giocarsela fino alla fine, con il primo che va vicino alla vittoria dopo la powerbomb in sit-out. Il Superman Punch prima finisce nel vuoto e poi abbatte Ambrose!! 1…2…NO! Ambrose non si arrende ancora!! Reigns carica la Spear, evita il Dirty Deeds e colpisce!! 1…2…RIENTRA ROLLINS!! Seth scappa dal quadrato, ma rientrando viene colpito dal Superman Punch e dalla Dirty Deeds! 1..2…Ritorna anche Kane! Il Big Red Monster abbatte sia Reigns che Ambrose, ma il rientro di Orton lo fa uscire ancora di scena. Mr. RKO rifila la sua manovra conclusiva ai due della Security e poi la carica anche per Rollins, ma viene costretto ad usarla prima su Kane, finendo nelle grinfie… DEL PEDIGREE DI ROLLINS!! 1….2…..3!!! SETH ROLLINS ANCORA CAMPIONE!! Infine arriva anche Triple H, che si congratula col confermato campione del mondo.

Vincitore e ancora campione: Seth Rollins

A cura di Vincenzo “It Factor” Florio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *