The Wrestling Boot #29 -Aspettando il Numero 200 (25/03/2011) - World of Wrestling

In attesa del Numero 200, ripercorriamo i 10 momenti “storici” della ICW dalla sua nascita ad oggi che hanno segnato la sua storia

THE WRESTLING BOOT#29

ASPETTANDO IL N° 200 

Per l’Italian Championship Wrestling (o ICW) questo è un anno speciale: Non solo festeggerà il suo 10° Anno di vita, ma sempre quest’anno raggiungerà l’invidiabile cifra di ben 200 Show realizzati, un Record che la pone al primo posto in Italia e fra le prime realtà europee.

Il traguardo sarà raggiunto il 16 Aprile a Lodi, la cui card in questi giorni si sta definendo e che avrà diversi ospiti speciali (potete seguire gli sviluppi attraverso le News in Home e sul Forum sezione Italia, Ndr).

Ho quindi pensato che poteva essere interessante ripercorrere quelle che sono stati a mio giudizio i 10 Momenti che hanno fatto la storia della ICW (e sottolineo a MIO giudizio, sicuramente per altri saranno diversi), ripercorriamoli assieme dal 10° al 1° :

10) IL Primo Show ICW

E’ il 23 Luglio 2001, ci troviamo a Torino: un gruppo di ragazzi italiani stanno per realizzare il loro sogno: passare dal wrestling backyard fatto nei giardini o in luoghi inadatti a lottare su un vero Ring in uno show organizzato, fatto e gestito da italiani.

A dargli una mano a realizzare questo sogno ci pensa Sergio “El Dinamico” Noel, atleta dominicano e creatore della Italian Wrestling Superstar (IWS), che gli fornisce il ring e gli insegna i primi rudimenti di Wrestling “reale” (a Noel la scena italiana deve a mio giudizio molto, soprattutto per gli inizi della sua storia, ma spero di affrontare meglio la cosa in un secondo momento, Ndr).

Su quel Ring debuttano Mr. Excellent, Diablo Rojo, Diablo Amarillo, Tsunami, Ulster, Puck , Manuel Majoli, il Drago e altri, che vede anche incoronare il primo Campione della ICW, Frost, alla fine di un Torneo duro e combattuto; di quel gruppetto storico alcuni si sono ritirati, altri scelto strade diverse, altri a 10 anni di distanza sono cresciuti, maturati e raggiunto grandi obbiettivi, da quei ragazzini che coronavano un sogno 10 anni prima…..

9) Puck Vs Psycho Mike . il Primo No Limits Match!

 Il Pubblico di Gabicce Mare non si scorderà facilmente quando la carovana ICW sbarca il 24 Agosto 2003: non sanno che stanno per assistere al primo No Limits Match della storia della ICW.

Da un lato Psycho Mike, l’inquietante e violentissimo lottatore che arriva sul Ring con una Fiaccola accesa a mò di arma, dall’altro Puck, con in mano una Mazza Chiodata; il resto del match è violenza pura fra i due; Mazzate, sediate, colpi di mazza sulla schiena, l’Hardcore sbarca in ICW e lo fa subito senza troppi fronzoli.

Vincerà Mike alla fine, ma il vero eroe della serata è Puck, che esce malconcio: un dente rotto, decine di ferite dei chiodi sulla schiena, ma il pubblico è tutto per lui; da quella sera per tutti Puck sarà per sempre “Mr. No Limits” .

8) Il Drago perde e lascia l’ICW

Il Drago è nell’ICW fin dalle sue origini: protagonista di tutti i momenti della ICW che conta, Pluricampione Tag e Interregionale, guadagnandosi grazie ai suoi trucchi e i suoi colpi bassi fatti di Mind Games e inganni il soprannome di “Genio del Male , alla fine del 2008 inizia una dura lotta contro la dirigenza per non difendere il suo titolo in maniera corretta, durante un feud che lo vede contrapposto a Charlie Kid, fra i volti nuovi della federazione.

La dirigenza esasperata decide di porre fine alla cosa con un Match inedito e dall’alto potenziale distruttivo: un Resa dei Conti Match a Vae Victis, chi perde lascia l’ICW !!!

Ne nasce un Match senza esclusioni di colpi fra i due, con sediate, colpi proibiti e addirittura un volo dalle tribune per Charlie Kid che subisce sempre dalle stesse un Foot Stomp del Drago, ma alla fine è Kid a vincere, distrutto ma vincente; per il Drago cala il sipario, ma il pubblico fiuta il  momento storico e tributa un inaspettato e lungo applauso al Genio del Male che lascia sconfitto il Ring e l’ICW e con lui se ne va un pezzo di storia…

7) Nasce il Torneo Numero Uno

E’ il 2004 quando l’ICW decide di istituire un Torneo per decretare “il  Numero Uno” : lo scenario è ancora una volta Genova.

A vincere il Torneo alla fine sarà Tsunami, che in finale sconfigge il Maestro Majoli: per l’Ex Wild Boyz sarà un trampolino di lancio che gli permetterà di conquistare qualche mese dopo il Titolo di Campione detenuto da Red Devil.

In quel Torneo debutta anche un giovane atleta, il cui nome sentiremo spesso negli anni successivi: Kaio

6) Nasce il Titolo Femminile

Queen Maya, Lacrima Christi, Sig.na Persefone, le Sorelle Schianto: da queste ragazze inizia il nucleo di lottatrici italiane in ICW nel 2006, che piano piano iniziano a far vedere che possono offrire match e incontri interessanti come quelli dei loro colleghi.

Nel 2007 la dirigenza decide quindi di istituire un Torneo per assegnare il primo titolo femminile italiano: a trionfare sarà la Regina del Ring Queen Maya, che batterà in finale Lisa Schianto dopo un match durissimo.

Dopo quattro anni sono ancora loro a dominare la scena femminile, in cui si stanno inserendo nuove leve e che vedono Maya e Schianto vincenti e riconosciute anche sulla scena estera, in attesa (e nella speranza per la scena anche) che qualche altra ragazza riesca a rubarle lo scettro di Amazzoni del Ring italiano…

5) Are$ , primo straniero Campione ICW

Se non è stato uno Shock, poco c’è mancato in quella edizione del Numero Uno 2005: Red Devil, fino a quel momento simbolo della ICW e di tutta la scena italiana, idolo assoluto dei Fans, viene sconfitto dal Leader della $wi$$ Money Holding Are$, uno dei più forti atleti europei del momento; per la prima volta nella storia della federazione, un’atleta straniero indossa la cintura!

Fa quasi passare in secondo piano la finale del Torneo che vede trionfare un giovane atleta in ICW da neanche un anno ma che  già impressiona per forza e potenza: Kaio.

4) L’ICW fa 100

6 anni dopo La Legge del Più Forte 2001, il 4 Febbraio l’ICW mette in scena il suo 100° Show, che vedrà fra i suoi match Crazy G vincere un Six Men Elimination Match che lo incorona come primo Campione Pesi Leggeri della ICW, Kaio batte Lupo in un violentissimo No Limits Match che vede usare tavoli sedie e puntine; il finale dello show vede le nuove leve e le vecchie leve ICW confrontarsi in una Battle Royal che vede trionfare Ape Atomica che elimina per ultimo Mr. Excellent.

Nell’occasione verrà anche inaugurata l’Arca della Gloria che vede come primo introdotto Tsunami; alla fine dello show vecchi e nuovi atleti della ICW si ritrovano tutti insieme sul Ring per festeggiare il traguardo e augurarsi di superarne presto altri….

3) Kaio e Devil conquistano l’Europa

Fra il 2006 e il 2007 Kaio e Red Devil conquistano la scena europea: Devil vince sia il DWA Cruiserweight Title che il Roe Lightweight Title, diventando il primo atleta italiano a detenere entrambi i titoli (nel 2008 aggiungerà quello Pesi Leggeri ICW diventando il primo atleta europeo ad aver vinto tre titoli di categoria, Ndr), mentre Kaio conquista nel 2007 il Roe Openweight Title, titolo che deterrà fino alla chiusura della Fed, nei primi del 2008.

Altre vittorie seguiranno per gli atleti ICW all’estero: La P3 conquista i Titoli Tag della svizzera SCW nel 2008 che deterrà per più di un anno, mentre Queen Maya nel 2009 conquista il titolo Femminile SPW, titolo che detiene tuttora.

Per Kaio poi arriveranno altre importanti conferme come la presenza nel Torneo per il Titolo UEWA nel 2010 o la sua presenza come unico italiano alla Young Lions Cup della CHIKARA sempre nel 2010.

2) Quackenbush e Mc Guinness: grandi difese titolate in ICW

Nel 2008 e nel 2009 due importanti avvenimenti accadono in ICW: due difese titolate di importante e riconosciuti titoli mondiali.

Nel 2008 Mike Quackenbush, fondatore della CHIKARA, porta in Italia l’NWA Jr. Heavyweight Title (fra i più vecchi e storici titoli Jr. HW mondiali, Ndr) per la prima volta difeso in un Fatal 4-Way Match che vede il campione trionfare dopo una lunga battaglia contro Red Devil, Charlie Kid e Manuel Majoli (autore di una prestazione straordinaria); mentre nel 2009 Nigel Mc Guinness (ora in TNA con il nome di Desmond Wolfe, Ndr) porta a difendere in Italia il ROH World Title (in uno fra i più bei match disputati da Kaio in carriera a mio giudizio) contro Kaio, la cui vittoria sfugge solo per un pelo contro l’inglese.

Due difese che sono anche la prova dell’ottimo lavoro che viene riconosciuto alla ICW anche in campo internazionale.

1) Loggia P3: Potere Politico Prevaricatore

Wrestlerama 2007, è il 1° Aprile, ma quello che il pubblico sta per vedere non è uno scherzo, ma la tremenda realtà: Kobra sta difendendo contro Pitbull il Titolo Interregionale, le cose non sembrano mettersi bene per lui, ma arrivano dal Backstage Kaio (Campione ICW) e i Pezzi Grossi (Drago/Lothar, Campioni di Coppia); attaccano Pitbull e permettono a Kobra di vincere e mantenere il titolo.

A fine Match Sir William Walton, odiatissimo Manager di Kaio, sale sul Ring e da un annuncio che è un autentico Shock per il pubblico: Kobra, Kaio, Drago e Lothar hanno appena unito le loro forze e decretato la nascita di quella che diventa la stable più longeva e vincente della storia della federazione, oltre che la più odiata: la Loggia P3.

Da allora è stato una sequenza di trionfi, vincono tutti i titoli in ICW e anche all’estero, ma anche di clamorosi abbandoni (Lothar che poi vincerà il titolo proprio contro il suo ex-leader Kaio, Ndr), clamorose entrate (come quelle di Diamond e Excellent) o estromissioni violente (come quelle di Drago e Puck), ma il bello e cattivo tempo continuano a farlo ancora loro in ICW.

Con quest’ultimo punto siamo giunti alla fine di questa lunga carrellata di questi momenti “storici” della ICW, appuntamento al prossimo numero che vedrà il sottoscritto raggiungere il traguardo del 30° editoriale qui su WOW (cavolo siamo a già a 30? Sembra ieri che mi veniva data fiducia per tenere questo editoriale  e invece sono quasi due anni che scrivo), vedremo di preparare qualcosa di degno per l’occasione.

Enrico Bertelli “Taigermen”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *