WWE Battleground 2016 Review - World of Wrestling
Battleground 2016

WWE Battleground 2016 – Report 24/07/2016′

Nel primo PPV dopo il Draft, Dean Ambrose lotta per mantenere il titolo a Smackdown contro gli ex compagni dello Shield. Impresa possibile per il Lunatic Fringe?

WWE Battleground 2016

Washington, D.C.

Pre-Show: 

Al panel di commento ospiti di Renee Young ci sono i soliti Booker T, Corey Graves e Jerry Lawler. Dopo aver analizzato la card ed aver intervistato brevemente Cesaro, la linea passa a bordoring per il match esclusivo del pre-show.

The Usos vs Breezango

Iniziò decisamente positivo per i samoani, che mettono in difficoltà Fandango fino al cambio per Breeze. La musica sembra cambiare grazie al lavoro di squadra degli heel, che vanno vicini alla vittoria con una manovra combinata. Dopo svariati minuti di sofferenza per Jey, arriva il cambio a favore del gemello, che per poco non porta i suoi allo schieramento finale in solitaria, rischiando però successivamente di capitolare a causa delle continue interferenze avversarie. Nel caotico finale, nonostante l’aiuto del fratello, Jimmy sbaglia clamorosamente il Samoan Splash e finisce nelle grinfie di Breeze, che con un rapido roll-up porta a casa la vittoria.

Vincitori: Breezango

Pay-Per-View: 

Appena prima dell’incontro d’apertura dell’evento, Sasha Banks introduce la sua compagna a sorpresa: Bayley!!

Sasha Banks & Bayley vs Charlotte & Dana Brooke

La campionessa e la sua fedele alleata non si fanno intimorire dalla rivale annunciata e attaccano le due prima del suono del gong, prendendosi un importante vantaggio. Bayley sembra soccombere agli assalti della Flair, ma l’ingresso in campo della partner sembra cambiare il vento della contesa. Sasha però, dopo una bella headscissor, subisce le scorrettezze delle nemiche e presto viene isolata per diversi minuti. Alla prima incertezza però la Boss riesce a dare il cambio alla nuova arrivata da Nxt, che nonostante un grande impeto finisce anch’ella nelle distrazioni delle heel, lasciandola in pasto al lavoro al suolo di Dana Brooke. Finalmente il ritorno della Banks porta il giusto vantaggio al suo team, andando vicino alla vittoria con la doppia ginocchiata all’angolo. Charlotte di gran mestiere dal nulla connette con la Natural Selection, trovando però solo di un larghissimo conto di due. All’esterno del ring Bayley mette fuori gioco finalmente Dana e regala la possibilità alla compagna di connettere con la Bank Statement che clamorosamente costringe la campionessa alla resa!

Vincitrici: Sasha Banks & Bayley

New Day vs Wyatt Family

Ad avviare la contesa sembrano essere i due bracci armati del team, Strowman e Big E, ma presto quest’ultimo viene sostituito prima da un coraggioso Woods e infine da Kingston. Il ghanese subisce però lo strapotere fisico dei rivali, che lo tengono immediatamente isolato per lungo tempo, considerate le fasi iniziali del match. Quello ai danni di Kofi si rivela essere un vero e proprio massacro, con Wyatt che sembra essere in grande spolvero. A sorpresa però è il leader della stable a commettere l’errore che lascia il campo al cambio in favore di Big E, che immediatamente va ad eseguire un belly to belly su Rowan, ripetendo la manovra successivamente, mentre Strowman asfalta Woods. Fasi caotiche dell’incontro con Kofi che ritorna per equilibrare la situazione, ma quando i campioni di coppia sembrano pronti a chiudere la contesa, è Wyatt a risollevare le sorti dei suoi. Nel punto cruciale del match Woods riesce a ribellarsi al potere mentale del nemico e spazzare via i rivali, finendo però vittima della Sister Abigail che chiude le ostilità.

Vincitori: Wyatt Family

U.S. Championship Match: Rusev vs Zack Ryder

Come presumibile, a prendere il primo vantaggio nell’incontro è il campione in carica, che però stupidamente cade nelle provocazioni dello sfidante, prima di rimettere le cose in chiaro grazie ad un roundhouse kick. Dopo un bel spinning kick, Rusev subisce il ritorno del rivale che porta a segno diversi colpi diretti e carica il Brosky Boot, sbagliandolo però miseramente. Il bulgaro, visibilmente infastidito, commette l’ennesimo errore e viene costretto alla ritirata fuori dal ring, dove sbaglia una brutta diagonale e viene colpito da un dropkick volante. Rientrati tra le corde arriva dal nulla il Low Ryder che sembra preannunciare il flying elbowsmash definitivo, ma Rusev alza le barriere ed evita la manovra. Dopo il superkick che abbatte Zack, viene applicata l’Accolade che costringe lo sfidante all’inevitabile resa. Nel postmatch non si ferma l’aggressione del bulgaro, che però viene interrotto dall’arrivo di Mojo Rowley!! Il campione, in realtà non troppo impensierito, prende la via dello spogliatoio.

Vincitore e ancora campione: Rusev

Nell’ufficio della dirigenza di Raw, Seth Rollins interrompe i discorsi di Foley e Stephanie, promettendo di riportare il titolo massimo nello show rosso. Non c’è nulla che possa impedirglielo, Washington sarà la casa del suo ritorno in vetta.

Kevin Owens vs Sami Zayn

Lo scontro fratricida tra i due canadesi inizia come pronosticabile con una rissa all’esterno del quadrato, con Zayn che a sorpresa ha sin da subito la meglio anche una volta rientrati tra le corde. Ancora un duro scambio di colpi diretti, che termina con la rope walk del face stroncata sul nascere e seguita dalla Cannon Ball del rivale. Tanta cattiveria per KO, che con azioni ai limiti della legalità si prende un buon vantaggio, connettendo anche con uno slingshot suplex prima e con la senton in rincorsa poi. Dopo tanti minuti di sofferenza al suolo, Sami trova finalmente uno spiraglio che porta al Michinoku Driver, prima di attaccare in maniera decisamente rischiosa in springboard. All’interno del ring dal nulla arriva la Blue Thunder Bomb! Lo schienamento risente però degli acciacchi fisici e non porta al conto di tre, regalando poi lo spazio al comeback di Owens, che va a segno con il Superkick!! Immediata la crossface dell’heel, che quasi non costringe alla resa il rivale, salvato dal ropebreak. Due clothesline in rincorsa per il Prizefighter, che però al terzo tentativo si schianta contro la reverse STO avversaria, riuscendo ad evitare all’ultimo l’Helluva Kick, ma non il dolorosissimo suplex direttamente sull’apron. Con entrambi i lottatori allo stremo, inizia lo scambio di colpi che sorride ancora a Zayn, che preso dalla foga prova la DDT attraverso il paletto, ma si schianta contro l’uppercut nemico, seguito dalla Cannonball e dalla Frog Splash!! 1…….2…… No! Non c’è il tre!! Primo tentativo di Pop-Up Powerbomb che finisce nel nulla, così come quello successivo di Helluva Kick, con Sami che poi va a colpire l’exploder suplex. Di nuovo rincorsa per la manovra finale… CHE NAUFRAGA NELLA POP-UP POWERBOMB!! 1………2……. PIEDE SULLA CORDA!! La platea è in visibilio mentre Owens intima al nemico di restare giù, ma viene abbattuto da due exploder suplex E POI DALL’HELLUVA KICK!!! ZAYN NON LO SCHIENA…. E LO COLPISCE ANCORA CON L’HELLUVA KICK!!! 1………2……..3!!! 3!!! 3!!! SAMI SI PRENDE LA VITTORIA!!!

Vincitore: Sami Zayn

Si ritorna al panel di commento per discutere di quanto appena andato in onda ed effettuare gli ultimi pronostici prima della parte finale della seconda metà dell’evento.

Natalya vs Becky Lynch

Buon avvio per la ragazza irlandese, che costringe immediatamente la nemica all’immediata ritirata. Al suo rientro tra le corde Natalya sembra però ancora disorientata e subisce un arm drag è un dropkick, prima di essere nuovamente abbattuta da una baseball slide. Le continue distrazioni fanno però vacillare Becky, che viene ripetutamente colpita alla gamba sinistra, subendo un grosso handicap per il prosieguo della contesa. Continua il lavoro della canadese sul suo principale obiettivo, tenendo a lungo al suolo la rivale, prima che quest’ultima riesca a ribaltare la situazione grazie anche ad un enzuigiri. Dopo una sequenza di sottomissioni non portate al termine però è Natalya ad applicare la Sharpshooter, vedendo però la manovra spezzata dal ropebreak. L’arbitro si vede suo malgrado protagonista regalando la possibilità al membro della famiglia Hart di infierire nuovamente sulla gamba della Lynch, per poi applicare la Sharpshooter che gli regala la vittoria finale.

Vincitrice: Natalya

Nel backstage Shane e Bryan raggiungono Dean Ambrose per caricarlo in vista del main event, che deve vederlo vincitore grazie al cuore che ogni volta viene lanciato oltre l’ostacolo. Bryan si rivolge al campione eleggendolo come il migliore del roster, trovando nel Lunatic Fringe la risposta che aspettava: Dean dimostrerà di essere il numero uno dello Shield.

Intercontinental Championship Match: The Miz vs Darren Young

Avvio complicato per lo sfidante, che dopo poco ha bisogno di consultarsi con il maestro Bob Backlund, riuscendo finalmente a portare dei colpi a segno, prima un forearm in rotazione e poi un neckbreaker. Un errore dalla seconda corda costa però a Young altri minuti di sofferenza grazie ad un buon lavoro dell’avversario, venendo anche abbattuto da un big boot dopo aver ottenuto un conto di due grazie ad un roll-up. Clothesline d’incontro che regala un po’ di libertà a Darren, che poi con svariati colpi diretti e un backdrop sull’apron quasi non trova la vittoria. Tentativo di Chicken Wing che finisce nel nulla, con Miz che batte in ritirata e cerca la fuga, venendo però intercettato da Backlund, presto schiaffeggiato da Maryse. L’ex lottatrice inscena un finto infortunio che porta il marito ad attaccare la leggenda all’esterno del ring. Young accorre per salvare il maestro, applicando la Chicken Wing, mentre l’arbitro decreta la fine del match, probabilmente squalificando il campione in carica.

Vincitore: Darren Young

John Cena, Enzo & Big Cass vs The Club

Dopo un lunghissimo primo dell’italoamericano, è proprio lui a dare il via alla contesa affrontando Karl Anderson, prima che questi lasci il campo ad AJ Styles, che presto lo mette in serie difficoltà. A questo punto avviene il doppio cambio che vede entrare nuovamente Anderson, contrapposto a Big Cass, che collaborando col suo tag team partner spazza via tutto il Club. Il lavoro di squadra dei due termina però quando Enzo viene presto isolato dagli heel, con Gallows che fa valere il suo strapotere fisico. I rapidi cambi tra le file della stable non lasciano spazio ad alcun tipo di reazione, con Anderson che si prodiga in uno spettacolare bicycle kick in springboard, prima di stroncare anche il successivo tentativo di tag con la ginocchiata in rincorsa. Finalmente però arriva il cambio a John Cena, che con le sue manovre caratteristiche schianta proprio AJ Styles, prima che il Phenomenal One atterri in piedi sul tentativo di AA e colpisca con il Pelé Kick. Il leader del Club viene interrotto ad un passo dalla Styles Clash, prima che si susseguano svariate manovre conclusive che terminano nella Attitude Adjustment proprio su di lui!! 1…..2…. Interviene Anderson che distrugge Cena sui tavoli dei commentatori con la Spinebuster, per poi essere colpito dalla tornado DDT di Enzo. Rientrati tra le corde arriva la Styles Clash!! 1……2…… Stavolta interviene Big Cass, che viene asfaltato però dalla Magic Killer. Restato solo sul ring contro i rivali, Enzo fa fuori Anderson per poi rivolgere le sue attenzioni a Gallows, che inevitabilmente lo annienta con un superkick. Il gigante del Club sbaglia la diagonale contro Cena, che lo spedisce fuori dal quadrato e prova la Super AA su AJ… ANDANDO FINO IN FONDO!!! 1……..2………3!!! Cena porta il suo team alla vittoria!!

Vincitori: John Cena, Big Cass & Enzo

Chris Jericho arriva sul quadrato per dare il via al suo Highlight Reel, pretendendo il completo silenzio del pubblico e presentando il suo ospite speciale: Randy Orton. Per nove mesi The Viper è rimasto a riposo, ma tutto quello che c’è in WWE gli è mancato troppo. Y2J gli chiede se è davvero solo quello che ha da dire, perché lui lo considera un insulto quando dovrebbe essere solo un onore stare sul ring insieme a lui. Orton ripete che è davvero di buon umore, ma la situazione può cambiare in un nulla, può abbatterlo con un RKO. Jericho lo informa che durante la sua assenza c’è stato il Draft e che lui è stato scelto dallo show migliore, anche se c’è ancora il problema che Dean Ambrose risulta ancora campione in carica. Per ripagare la sua lunga assenza, il canadese gli regalerà il dono di abbeverarsi alla sua fonte della saggezza. Orton si avvicina minacciosamente, ma solo per guardare quanto ridicolo sia diventato chi gli sta di fronte, anche se secondo il parere di Jericho dovrebbe preoccuparsi di più per quello che Lesnar gli farà tra un mese, mandando in onda un filmato con le imprese della Bestia. I due contendenti di Summerslam hanno esordito quasi insieme, ma per 15 anni si sono evitati forse perché Randy ha paura del suo rivale e a maggior ragione è stupido volerlo affrontare ora. La Vipera lancia una frecciata sulla sconfitta del canadese contro Fandango di tre anni fa, rispedita al mittente da quest’ultimo, che gli ricorda come il mese prossimo verrà massacrato. Orton è però sicuro delle sue possibilità, gli basta una sola RKO per risolvere tutto. Dopo l’ennesima minaccia di Y2J, arriva l’inevitabile RKO conclusiva.

WWE Championship Triple Threat Match: Dean Ambrose vs Seth Rollins vs Roman Reigns

Rollins vorrebbe iniziare il main event con la gesture tipica dello Shield, ma viene presto spedito fuori dal quadrato sia da Reigns che da Ambrose. A spezzare questo accenno di alleanza è proprio il campione in carica con un tentativo di roll-up ai danni del samoano, con lo scontro successivo dei due che viene interrotto da uno sfortunato rientro di Seth. Nuovo scambio di colpi tra i due face che finisce ancora prematuramente, quando finalmente The Architecht riesce ad entrare di prepotenza nelle ostilità, prima che Ambrose guadagni il controllo delle operazioni. Ancora Rollins protagonista prima con un backbreaker sul campione e poi con lo slingblade su Roman, che gli regalano alla fine buono spazio di manovra. La prima scelta del Draft, dopo qualche momento di dominio, finisce vittima del Juggernaut Kick, prima che Dean abbatta entrambi i rivali dalla terza corda. All’esterno del ring a farla da padrone è però ancora l’ex alfiere dell’Authority, nonostante un brutto errore in rincorsa che apre la strada al ritorno del campione in carica. Tra le corde è quindi il Lunatic Fringe a colpire Reigns prima con un missile dropkick e poi col suo tipico bulldog, chiudendo la sequenza con l’elbowdrop… MA DAL NULLA ARRIVA LA FROG SPLASH DI SETH!! 1…….2…… Kickout! Tentativo di Pedigree sul Samoano, ma quest’ultimo riesce a reagire e a mettere a segno diversi colpi diretti su entrambi gli ex compagni, connettendo con due Superman Punch consecutivi! Effetto a catena che vede protagonisti tutti i contendenti, costringendoli ad un attimo di riposo prima di far partire il brawling nudo e crudo con un’alleanza inaspettata tra Rollins ed Ambrose, con Roman a fare da vittima all’attacco volante dei due… PER POI COLPIRE CON LA POWERBOMB ATTRAVERSO IL TAVOLO DEI COMMENTATORI!!! CLAMOROSO ATTACCO DI SQUADRA!! L’alleanza dura però poco, Seth colpisce con una sedia tutti e due i nemici, fallendo poi la Bucklebomb sul campione ma riprendendosi immediatamente con il superplex seguito dal Michinoku Driver. Tentativo di Pedigree nel vuoto, ma dal nulla ritorna Reigns che schianta gli altri due con una sequenza di powerbomb. Superman Punch su Ambrose…. E ARRIVA IL PEDIGREE SU REIGNS!!! 1………2……… NON FINISCE QUI!!! Rollins prova nuovamente la manovra conclusiva ma dopo aver subito il Superman Punch… VIENE SPEZZATO DALLA SPEAR!!! Reigns pronto allo schienamento finale… MA ARRIVA LA DIRTY DEEDS SU DI LUI!!! 1………2………3!!!! CONTO DI TRE!!! DEAN AMBROSE MANTIENE IL TITOLO!!!

Vincitore e ancora campione: Dean Ambrose

Lo show si chiude con l’intero roster di Smackdown che sopraggiunge sul ring per portare in trionfo il loro personalissimo campione del mondo.

A cura di Vincenzo “It Factor” Florio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *