WWE Survivor Series 2006 Review (20/11/2016) - World of Wrestling

Survivor Series 2016

Toronto, Canada

Pre-Show: 

Ospiti di Renee Young ci sono Booker T, Lita e Jerry Lawler. Il quartetto classico del panel di commento, messo insieme per le Series, discute della card messa in piedi per lo show dando anche i propri pronostici di rito. La linea passa al quadrato dove ha luogo il primo dei due match del pre-show.

Rich Swann, Noam Dar & TJ Perkins vs Drew Gulak, Tony Nese & Ariya Daivari

Inizio positivo per i face, con Swann e Dar che mettono in grave difficoltà Tony Nese fino a quando sopraggiunge Drew Gulak a ribaltare diametralmente la situazione. Viene infatti isolato per svariati minuti l’atleta scozzese, salvato ad un passo dalla capitolazione dal cambio in favore di Swann. Rich non solo sbaraglia totalmente il team avversario, ma connette con il suo particolare 450º su Daivari, che chiude la contesa.

Vincitori: Rich Swann, TJ Perkins & Noam Dar

Kane vs Luke Harper

Inizio molto positivo per il Big Red Monster, che lavora intelligentemente sul braccio malandato del membro della Family. Harper però riesce a reagire e sfruttare un errore di Kane per ribaltare la situazione e prendere il controllo delle operazioni, tenendo lungamente al suolo il rivale. Nella fase finale però, inaspettatamente, arriva la Chokeslam di Kane che porta al definitivo conto di tre!

Vincitore: Kane

Pay-Per-View:

Appena prima del match di apertura del pay-per-view, viene mostrata una Nikki Bella priva di sensi che quindi non prenderà parte alla contesa e verrà sostituita da Natalya.

5vs5 Elimination Tag Team Match: Charlotte, Sasha Banks, Alicia Fox, Bayley & Nia Jax vs Natalya, Becky Lynch, Naomi, Carmella & Alexa Bliss

Il match inizia con Charlotte e Sasha che fanno partire tutto nel caos attaccando le avversarie e dopo aver ammirato la strapotenza di Nia Jax, ecco che arriva la prima eliminazione: Alicia Fox elimina Carmella! Neanche il tempo di esultare per Alicia però, che dal nulla sopraggiunge la fine del suo match, quando è la Bliss ad estrometterla dallo stesso. Ristabilita la parità numerica, Naomi sposta la battaglia all’esterno per mettere in difficoltà la Jax e magari trovare il conteggio di dieci per eliminarla. Scelta suicida però di Naomi, che nel tentativo di eliminare via count out Nia Jax finisce per terminare prematuramente la sua permanenza nel match. Nel momento di massima difficoltà per il Team Smackdown sale in cattedra una Natalya in forma mostruosa, che con una culla elimina Sasha Banks!! Neanche il tempo di stupirsi per l’eliminazione della Boss che la canadese abbatte anche Charlotte con una mostruosa sit-out powerbomb dopo la quale sfiora un nuovo conto di tre. Natalya applica anche la Sharpshooter e mette in grave difficoltà la campionessa di Raw, salvata anche dall’intervento esterno di Dana Brooke, che le regala quel minimo di tempo che basta per schiantare la rivale con un Big Boot che le regala il conto di tre. Di nuovo in inferiorità numerica, il Team Smackdown deve confidare nell’improbabile alleanza tra la Bliss e Becky Lynch per fronteggiare Nia Jax, che a sorpresa viene messa in difficoltà e resa vittima della Disarmer!! E NIA NON PUÒ FAR ALTRO CHE CEDERE!!! La samoana però non ci sta ed aggredisce le avversarie ancora in gioco, regalando l’assist perfetto a Charlotte per un nuovo Big Boot che sancisce l’eliminazione anche di Alexa!! La campionessa dello show blu si ritrova quindi sola contro Bayley e la Flair, che inizialmente sembra poter gestire la rivale fino a quando quest’ultima dal nulla trova la via della Disarmer che quasi non la costringe alla resa. Rientra allora in partita Bayley, che dopo aver evitato a sua volta la manovra di sottomissione dell’irlandese, CONNETTE CON IL BELLY TO BAYLEY!!! 1………2………3!!! BAYLEY PORTA ALLA VITTORIA IL TEAM RAW!!!

Vincitrici: Charlotte & Bayley

Nel postmatch, dopo l’annuncio delle vincitrici arriva però l’attacco a tradimento di Charlotte, che infierisce per svariati minuti su Bayley prima di abbandonare la scena.

Nel backstage Anderson e Gallows si prendono gioco di James Ellsworth soprattutto per la sua mancanza di mento, ma vengono interrotti da Mick Foley che prende le sue difese. Il wrestler amatoriale sfrutta l’occasione per conoscere un suo personale mito, che addirittura sembra volerlo convincere a cambiare compagine, trovando come risposta un secco rifiuto. Neanche il tempo di girarsi per andare via, che Ellsworth si ritrova davanti a Strowman, scappando via nella direzione opposta.

Intercontinental Championship Match: The Miz vs Sami Zayn 

Galvanizzato da un pubblico ovviamente tutto a favore, il padrone di casa inizia come meglio non si può e solo il primo intervento esterno di Maryse ferma la sua offensiva, che però riprende immediatamente con un moonsault dalla barricata. Nuovo intervento della moglie di Miz e allora la situazione cambia radicalmente, rimettendo in corsa il campione che ha quindi la possibilità di rallentare i ritmi conducendo la contesa. Palese la scelta di Mizanin di lavorare principalmente sulla gamba sinistra del rivale sfruttando qualche esitazione precedente nell’atterrare su quella gamba, che viene chirurgicamente mandata ad impattare due volte contro il paletto di sostegno. Tentativo addirittura di Figure-4, bloccato però in più occasioni e che sembra regalare a Sami la possibilità di riprendersi e addirittura andare a volare verso l’esterno del ring abbattendo l’Awesome One. Non si ferma l’offensiva del canadese che immediatamente rientra tra le corde e quasi non trova il conto di tre grazie al Michinoku Driver. The Miz evita la Blue Thunder Bomb e prova di nuovo la figura a quattro, ma subisce una culla che per un nulla non gli costa la sconfitta, costringendolo a rifugiarsi in una rapidissima DDT. Serie di attacchi in diagonale del campione conclusi con il Discuss Punch, sbagliando però il salto dalla terza corda e finendo nella BLUE THUNDER BOMB!!! 1………2…….. NO!! THE MIZ ALZA LA SPALLA!!! Sami conta i passi per l’Helluva Kick, ma la gamba cede e non arriva al termine, trovando comunque le forze di ribaltare una nuova Figure-4 con una culla per il conto di due. Nuovo tentativo di Helluva Kick, ancora nel vuoto e che stavolta viene seguito DALLA FIGURE-4!!! Momenti di grande sofferenza per lo sfidante, che però riesce a salvarsi grazie al ropebreak. Miz fa allora affidamento agli Yes Kick per scimmiottare Daniel Bryan, ma FINISCE A SUA VOLTA NELLA FIGURE-4!!! Mossa geniale di Zayn che sembra potergli regalare la vittoria, ma improvvisamente arriva il suono del gong suonato da Maryse che distrae il canadese, che non solo lascia la presa sul nemico, ma viene addirittura beffato da una culla di The Miz, per il conto di tre!!

Vincitore e ancora campione: The Miz 

Negli spogliatoi di Smackdown AJ Styles prova a convincere Dean Ambrose a fidarsi di lui, ma il Lunatic Fringe anche se si trova d’accordo sul lavoro di squadra non lesina minacce a destra e a manca, venendo interrotto solo dal sopraggiungere di Shane che prova a tenere calmi gli animi.

10vs10 Elimination Tag Team Match: Enzo Amore & Big Cass, Anderson & Gallows, The Shining Stars, Cesaro & Sheamus, New Day vs Rhyno & Slater, American Alpha, Fandango & Breeze, Hype Bros, The Usos

Situazione quantomeno particolare quella di questo match a venti partecipanti, con Fandango che inizia per il suo team dispensando multe un po’ per tutti e viene immediatamente schiantato dalla manovra conclusiva del New Day, per la sua eliminazione insieme a Breeze. La sorpresa mastodontica è però dietro l’angolo: Superkick di Jimmy Uso su Kofi, i campioni di Raw vengono eliminati!!! Inizio col botto delle ostilità dopo l’abbandono dei più longevi campioni degli ultimi anni, con l’azione che vede ora protagonista un Epico umiliato per svariati minuti dagli Hype Bros prima di dare il cambio al cugino per cambiare radicalmente la situazione. Mojo Rawley infatti viene isolato per svariati minuti dagli avversari, ma riesce a trovare lo spazio per il cambio a Ryder che da solo abbatte più di un nemico, travolgendo sia Anderson che Gallows. Il ragazzo di Long Island si sente però troppo sicuro delle sue possibilità e viene quindi schiantato dalla Magic Killer avversaria che ne sancisce l’eliminazione. Nuova superiorità numerica per Raw sfruttata nelle prime fasi molto bene dai vari team, isolando al meglio Chad Gable nel proprio angolo. Nota di merito per gli Shining Stars, protagonisti assoluti per la squadra rossa, ma come prevedibile alla prima distrazione arriva non solo la Big Amplitude degli American Alpha, ma anche l’eliminazione dei portoricani. Scatta quindi una mega rissa tra le squadre ancora in gioco, conclusa da un salto dalla terza corda di Slater prima che si susseguano una serie di signature move dei partecipanti e nella confusione arriva una nuova Magic Killer per l’eliminazione degli American Alpha. Diventa l’uomo legale Slater che preso dalla foga abbatte più di un avversario ma viene presto sopraffatto dal numero degli avversari. Dopo qualche minuto di sofferenza arriva finalmente il cambio per Rhyno che va a segno con la Gore su Gallows!!! 1……2…..3!! Neanche il tempo di esultare per la nuova parità numerica che l’ex ECW si ritrova vittima dello Splash accompagnato di Enzo e Big Cass, che lo condanna a sua volta al conto di tre. Rientrano gli Usos, latitanti da tantissimo tempo e che regalano nuove speranze al team blu connettendo con un superkick in stereofonia su Enzo e poi con un Samoan Splash per ottenere anche la sua eliminazione. Si scatena quindi la battaglia tra i samoani e i loro ultimi avversari, Cesaro e Sheamus, con l’irlandese che viene salvato dal compagno di squadra solo ad un passo dalla sconfitta dopo aver subito la stessa sorte di Enzo poc’anzi. Il Superman svizzero da solo sbaraglia entrambi gli Usos arrivando anche ad un passo dalla vittoria dopo un crossbody dalla terza corda, applicando subito dopo anche il suo speciale Swing su Jimmy, sballottato per un numero indefinito di giri e salvato dal fratello appena prima di subire la Sharpshooter. Dopo un nuovo momento caotico il samoano riesce addirittura ad applicare la sua Boston Crab, ribaltata però con una magia nella Sharpshooter!! Prova ad intervenire nuovamente Jey, stroncato però dal Brogue Kick di Sheamus, che regala l’assist al compagno per ottenere la resa dell’avversario e la vittoria finale!!

Vincitori: Sheamus & Cesaro

Nell’ufficio della dirigenza di Raw, Stephanie e Foley sono eccitati per il vantaggio ottenuto nei primi tre match, annunciando anche un incontro titolato per Cesaro e Sheamus contro il New Day come premio per aver portato alla vittoria la propria squadra.

Cruiserweight Championship Match: Brian Kendrick vs Kalisto

Avvio lampo per il messicano rappresentante Smackdown, che mette immediatamente in seria difficoltà il campione in carica con una gomitata in rotazione. Kendrick però non si fa trovare impreparato e dopo aver colpito a sorpresa il rivale prova a chiudere subito la contesa, ma lo scambio di manovre conclusive finisce con un nulla di fatto. Kalisto riesce in un attacco in diagonale, ma viene nuovamente colpito a tradimento dal rivale, che sfrutta l’occasione per schiacciarlo successivamente tra il paletto e i gradoni. Rientrati sul quadrato, Kendrick rallenta notevolmente il ritmo del match costruendo una situazione a lui più congeniale applicando diverse sottomissioni volte a spezzare il fiato dello sfidante. Dopo tanti minuti di sofferenza, il messicano sembra potersi liberare grazie ad un arm drag, colpendo poi anche con un dropkick nella zona apron, dove connette anche con lo Spanish Fly!! Dopo aver sfiorato la vittoria, Kalisto va a segno con un Suicide Dive per poi provare un Moonsault stroncato sul nascere e che lo mette in una pessima posizione in cima al paletto, dalla quale viene proiettato al suolo per il Captain’s Hook!!! Momento drammatico per lo sfidante che ad un passo dalla resa riesce a trovare il ropebreak che rappresenta la sua salvezza. Kendrick sfrutta i danni arrecati con la sottomissione per perpetuare la propria offensiva, ma dopo una diagonale sbagliata dà il via al comeback del rivale, che culmina CON LA SALIDA DEL SOL!!! 1…….2…… Kendrick trova a sua volta il ropebreak. Kalisto sale sulla terza corda, ma quando sembra pronto per chiudere il match ecco che sopraggiunge Baron Corbin per attaccare prima il campione dei pesi leggeri, facendo scattare la squalifica, e poi connettendo con la End of Days sul luchador.

Vincitore: Kalisto

La linea si sposta nuovamente al panel di commento, dove si discute di quanto appena andato in onda e per gli ultimi pronostici sui restanti incontri.

Nel backstage Daniel Bryan ferma Baron Corbin per fargli capire come la sua azione sia costata l’intera divisione dei pesi leggeri a Smackdown, ricevendo come risposta soltanto l’ennesima minaccia del Lone Wolf.

5vs5 Elimination Tag Team Match: AJ Styles, Dean Ambrose, Shane McMahon, Bray Wyatt & Randy Orton vs Seth Rollins, Roman Reigns, Brawn Strowman, Kevin Owens & Chris Jericho

A dare il via alle ostilità sono i due campioni del mondo, con uno scambio di offensive vinto in prima battuta dall’idolo di casa, che evita un dropkick e colpisce con una senton in rincorsa, prima di dare il via ad una rissa diretta che culmina con una serie di counter alle migliori manovre dei due. Arriva il cambio in favore del secondo idolo di casa, il migliore amico del campione Y2J, che lancia la maglietta contro il campione di Smackdown per sfruttare al meglio la distrazione, ma viene abbattuto da un dropkick in corsa, che infastidisce a tal punto il canadese da dare il cambio a Seth Rollins, seguito dall’altra parte dal cambio in favore di Dean Ambrose. La sfida tra i due vede due tentativi di manovre finali evitate, ma Jericho dal nulla si prende il cambio infastidendo particolarmente il compagno di squadra. Scontro molto più duro quello tra due vecchi rivali, con Y2J che va a segno con un enzuigiri e prende il controllo delle operazioni. Reagisce però in maniera rabbiosa il Lunatic Fringe, che finalmente porta un bel vantaggio alla sua squadra prima di dare il cambio a Shane, che entra nella contesa alla grande con il solito entusiasmo. Dopo un dropkick devastante di Jericho però arriva un nuovo cambio in favore di Rollins, seguito immediatamente da quello per Reigns, subissato dai fischi della platea nonostante riesca a mettere in serissima difficoltà il rampollo della famiglia McMahon. Nuovo cambio tra i due ex membri dello Shield, che di fatto isolato Shane per un tempo gigantesco fino a quando con un back bodydrop riesce ad aprirsi la strada per il tag ad Ambrose, che incrocia le braccia con un rientrante Kevin Owens, abbattuto da in Suicide Dive. Momento che sembra cruciale dopo un superkick di KO, ma dopo che quest’ultimo quasi rischia di subire il Dirty Deeds, ecco che un intervento fondamentale di Jericho scatena la rissa generale, in cui Strowman si prende il cambio. Il momento di caos più totale viene risolto dalla Senton dal paletto di Owens, che abbatte l’intero team avversario. Prova ad emularlo quindi Shane, ma viene intercettato da Strowman, a sua volta colpito da Styles e Ambrose, che però fanno partire una rissa tra di loro. Il suicidio tattico della squadra di Smackdown regala l’assist a Strowman per schiantare il Lunatic Fringe ED ELIMINARLO!!! L’ex membro della Family distrugge letteralmente tutta la squadra avversaria, prima di ritrovarsi di fronte al suo vecchio leader, che prova a riportarlo dalla sua parte. Interviene anche Jericho, ma Strowman dopo aver per un attimo pensato di schiantare il compagno di squadra, colpisce Wyatt e libera il tavolo dei commentatori… VENENDO SCHIANTATO SULLO STESSO DALLA RKO!!! Bray e Randy adagiano il big man sulla superficie e lasciano campo libero AL FLYING ELBOW SMASH DI SHANE!!! IL TAVOLO VA IN FRANTUMI!!! Scatta una nuova rissa all’esterno del quadrato mentre parte il conteggio dell’arbitro: Shane viene salvato da AJ Styles, ma Strowman viene invece bloccato da Ellsworth (nascosto sotto al ring) facendolo eliminare per count-out. La mascotte di Smackdown paga molto cara la sua azione, venendo distrutto nella zona del titantron. Rientrati finalmente sul quadrato, gli uomini legali sono Shane e Jericho, sostituito presto da Owens, che colpisce con una Senton prima di scimmiottare il diretto avversario e dare un nuovo tag al suo migliore amico. Dopo tanti minuti di sofferenza il McMahon quasi non trova uno schienamento con una culla… MA ARRIVA IL CODEBREAKER!!! E UNO ANCHE PER ORTON!!! 1…….2…… SHANE SI SALVA!!! Rientra nella contesa quindi anche Rollins, ricominciando a lavorare sul commissioner di Smackdown, ormai ridotto al lumicino, che però sfrutta un nuovo errore di Jericho per dare il cambio ad AJ. Il Phenomenal One ribalta finalmente la situazione e prova addirittura la Styles Clash, riuscendo ad applicare comunque la Calf Killer, anche se per pochi istanti. Scelta folle a questo punto di Kevin Owens, che per salvare il compagno di squadra colpisce AJ con la lista di Jericho, venendo clamorosamente squalificato. Non si fermano le disgrazie per il team rosso, che vedono Jericho disperato per la distruzione della sua lista non accorgersi di Orton E DELLA SUA RKO!!! 1…….2……3!!! ANCHE JERICHO ELIMINATO!!! Vantaggio enorme allora per Smackdown, che si ritrova improvvisamente con ben due uomini in più. Momento tragico quindi per Seth Rollins, che si ritrova presto sopraffatto dal numero degli avversari, venendo isolato per parecchi minuti e subendo anche il superplex classico della famiglia Orton. The Architect riesce però nel cambio a un Reigns che in poche azioni sbaraglia la squadra avversaria e connette con la crucifix sit-out powerbomb su AJ, che si salva al conto di due. Roman carica il Superman Punch ma viene intercettato dal Pelé Kick, prima venga dato il cambio di nuovo a Shane, che nonostante gli enormi danni subiti sembra essere in grandissima forma, tanto da distruggere il samoano contro il paletto di sostegno. Reigns è adagiato al suolo e sembra essere pronto a subire il Coast to Coast…. MA CONNETTE CON LA SPEAR!!! Nonostante una regia americana quantomeno discutibile, Shane sembra essere riuscito ad uscire dallo schienamento, ma il colpo subito viene ritenuto troppo grave dal direttore di gara, che propende per l’estromissione dal match. L’azione sul ring riprende e Roman riesce ad abbattere un molto più fresco Bray Wyatt, riuscendo a dare il cambio a Rollins, che travolge il team avversario mentre diventa AJ l’uomo legale per i suoi. Lo scontro tra i due vede Seth in grande vantaggio, andando a segno con la combo superplex e michinoku driver. A salvare il campione del mondo sopraggiunge Orton, presto schiantato da un rientrante Reigns, che insieme all’ex compagno dello Shield prova a colpire con la classica powerbomb della stable, perdendo troppo tempo e favorendo il ritorno di AJ. Nuovo harakiri però della squadra blu, che vede il ritorno nell’arena di Ambrose per attaccare brutalmente Styles e quando sembrava essere fermato dalla security, ecco che Reigns e Rollins li spazzano via e tutti e tre i membri dello Shield…. COLPISCONO CON LA TRIPLE POWERBOMB SU AJ!!! Il campione WWE viene trascinato tra le corde per essere eliminato: colpo di scena clamoroso!!! Arriva a questo punto anche Luke Harper per fungere da distrazione ed aprire di nuovo le ostilità, colpendo con un superkick Reigns. Seth riesce comunque ad abbattere sia Wyatt che Harper, colpendo poi anche Orton prima di ritrovarsi inevitabilmente vittima dell’inferiorità numerica e venendo STRONCATO DALLA RKO IN VOLO!!! 1……..2…….3!!! ROLLINS VIENE ELIMINATO!!! Roman resta quindi da solo come ultimo membro della sua squadra, ma riesce comunque a colpire con il Superman Punch su Orton, schiantandolo poi contro i gradoni e dedicando le sue attenzioni su Wyatt, vittima del juggernaut kick, e poi su Harper, spezzato dalla Spear. Il samoano evita la Sister Abigail e colpisce con un nuovo Superman Punch, caricando poi la Spear… SUBITA PERÒ DA ORTON CHE SI SACRIFICA!!! WYATT SFRUTTA L’OCCASIONE CONNETTE CON LA SISTER ABIGAIL!!! 1………2………3!!! SMACKDOWN TRIONFA!!!

Vincitori: Bray Wyatt & Randy Orton

Brock Lesnar vs Goldberg

Inizio prepotente del rientrante Goldberg, che prima spinge via Lesnar E POI CONNETTE CON LA SPEAR!!! Avvio completamente inaspettato del main evento delle Survivor Series, con Da Man che CONNETTE CON UN’ALTRA SPEAR!!! Non finisce qui, GOLDBERG ESEGUE LA JACKHAMMER!!! 1………..2………3!!!! 3!!!!! 3!!!!!!!!! CLAMOROSO A TORONTO, LESNAR VIENE UMILIATO IN TEMPO ZERO!!!!

Vincitore: Goldberg

A cura di Vincenzo “It Factor” Florio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *