The Wrestling Boot #46 – EPW “Overload – l’Analisi (17/12/2011) - World of Wrestling

Valutiamo atleta per atleta i protagonisti del nuovo TV Show Europeo di Wrestling del 2012

THE WRESTLING BOOT #46
EPW “OVERLOAD” – L’ANALISI

Il Logo di EPW Overload

Una cosa che ci hanno sempre recriminato riguardo alla scena italiana é il fatto che uno Show-tipo di una fed italiana non é “televisivamente” appetibile per le televisioni: spesso le riprese infatti sono ottenuto attraverso videocamere che non permettono una buona resa d’immagine, almeno per un TV Show.

In passato ci sono stati tentativi di produzioni televisive sul wrestling italiano: pensiamo a XIW “War” su Ans TV, il Tv Show della IWS, ma si trattava di esperimenti che avevano i suoi limiti (probabilmente come qualità delle immagini la migliore di queste era Superstar della IWS, Ndr).

Con l’avvento massiccio del Web si sono sviluppate Web Series come ICW Turbo, XIW Sprint e 2PW Lavori in Corso, quest’ultima a mio giudizio la migliore fra le produzioni Web italiane.

Ci sarebbe da parlare anche di “Destiny”, il TV Show della NWE, ma sulla NWE merita un discorso a parte che tratteremo più avanti qui su Wrestling Boot

In quest’anno abbiamo assistito alla prima reale produzione 100% televisiva italiana ad Opera della RWA che ha sfornato ben due serie: Friday Night e King Of Faida.

La prima ha presentato una buona resa video e un ritmo buono, ma ovviamente doveva ancora migliorare.
Il miglioramento è avvenuto con “King Of Faida”, TV Show sviluppato completamente sull’omonimo Torneo indetto dalla Rome Wrestling Academy, dimostrandosi sin da subito di essere un prodotto ben curato: ritmi incalzanti, Match seguiti attentamente dalla regia, una fotografia curata e un ottimo mix di azione  e  Promo, commentate da un duo rivelatosi molto professionale come Alessio Di Colantonio e Daniele Di Micco.

Ho quindi iniziato a seguire con interesse il nuovo progetto dove la Rome Wrestling Academy collabora fornendo alcuni dei suoi migliori atleti in un progetto esclusivamente “televisivo” come la European Pro Wrestling (EPW) e il suo format “Overload” .

Il Set TV della EPW

Una volta saputo che a Dicembre si sarebbero svolti i Tapings a Roma , prendo contatti con gli organizzatori e ottengo di poter seguire le riprese in tutti e tre i giorni.

La partenza non sembra evocare buoni auspici: perdo il treno e il secondo è in ritardo, ma alla fine arrivo a Roma; serie di scambi Metro/Bus e dopo un’oretta sono a Ciampino alla Stazione Birra, già teatro del King Of Faida e ora di questo nuovo prodotto.

Il primo colpo dentro il locale è notevole: sul palco è stata realizzata la postazione per le telecamere e il tavolo di Commento, intorno al Ring sono posizionati i microfoni e ruoteranno le Steady Cam, sopra il palco dal terrazzo della Stazione Birra la Regia Audio e il pubblico che seguirà sopra e sotto il piano lo show, che inizia piano piano a riempire la Stazione.

Ora per motivi abbastanza evidenti non parleremo dei Match e delle puntate, visto che ancora devono andare in onda (e spoilerando così tutto, non mi sembra il caso, per sapere News e quant’altro seguite il sito EPW e le pagine FB collegate), quindi vi parlerò dell’impressione che mi hanno fatto i vari atleti coinvolti in questa serie, Cominciando dagli atleti italiani (in rigoroso ordine alfabetico):

 

AXEL FURY

Axel Fury, veterano della scena italiana

Lo ammetto: ho sempre avuto un debole per l’attitudine da Heel Old School di Fury: molta Mic Skill, poche ma efficaci mosse (la combo Ginocchiata/legdrop/Samoan Drop mi ha sempre colpito) e una finisher molto efficace (la Maximum Fury).
L’averlo visto contro atleti come Bambikiller e Burridge mi ha molto impressionato, dimostrando che Fury potrebbe tranquillamente lottare in Europa senza problemi, se volesse.
Sicuramente questo Overload permetterà di farsi notare ancora di più e aprirgli porte per diverse realtà europee, spero.

DA DIRTY DIAMOND “D3”

Da Dirty Diamond

Ricordo la prima volta che l’ho visto e onestamente ho pensato che il ragazzo fosse l’ennesimo atleta che scimmiotta Cena con la gimmick del Rapper: in due anni mi ha totalmente smentito dimostrando di essere una cosa ben diversa: Tolta la Theme e l’Attire, D3 si dimostra un ottimo Peso Medio-Massimo con un’agilità e una velocità d’esecuzione non da pochi, oltre a una straordinaria capacità d’interazione con il pubblico, che difatti lo adora.
Un discreto parco – mosse che esegue con rapidità oltre a una finisher (la Shoot of Diamond) che ormai ha mietuto diverse vittime; per lui l’EPW può consacrarlo come uno degli atleti di spicco della scena italiana e farlo notare in Europa dove un domani ritagliarsi il suo spazio.

GIUSEPPE “THE KING” DANZA

Giuseppe

Un altro che dell’Old School ha fatto una bandiera e che adoro per questo.
Danza si è già fatto apprezzare in Europa con il Tour NWE, ma sicuramente questa serie lo farà apprezzare ancora di più per la sua attitudine Heel (il pubblico lo Odia semplicemente perché entra da come si atteggia sin dall’inizio), un parco mosse anni 80 che rinverdisce i fasti di ottimi Heel come Stan Hansen o Bob Orton (Clutch, pugni proibiti, Big Boot e  DDT che almeno a me mi riportano anni e anni addietro) e un personaggio altamente sopra gli schemi che non può non attirare l’attenzione.
Per Danza vedo da tempo le porte europee aperte, ma fossi in lui mi sentirei lecitamente di puntare ancora più in alto, con la certezza di poterselo permettere…

ITALIAN GLADIATOR

Pier Paolo

Mi ha fatto molto piacere rivedere lottare il fondatore della RWA in questi giorni, l’ho trovato in ottima forma e ha offerto degli ottimi match.
Rimango sempre dell’idea che Gladiator abbia tutte le carte in regola per sfondare, ma che solo la sua grande passione e dedizione di far diventare questa disciplina un Business anche in Italia gli ha tarpato le ali, probabilmente con Overload potranno aprirsi nuovi spiragli anche per lui.

KARIM BRIGANTE

Karim Brigante

Altro atleta che avevo visto agli inizi in RWA e che è cresciuto molto.
Non solo nel fisico e nella massa muscolare (già notevole all’esordio), ma anche nelle mosse, ha un repertorio che va da mosse veloci e letali a mosse di potenza, unite a un’attitudine Heel che ben si sposa con il suo stile “sporco”.
Un nome su cui sicuramente puntare per la scena italiana ma con un occhio anche a fuori dallo Stivale, per un’atleta che può migliorare ulteriormente e diventare uno dei nomi da tenere d’occhio nei prossimi 10 anni.

MR. MASTODONT

Mr. Mastodont, la Legge

Il Tutore della Legge RWA non ha affatto sfigurato in questa serie, mostrandosi notevolmente in forma e ancora più forte di come l’avevamo lasciato alla fine del King Of Faida.
Ormai da considerarsi a pieno titolo fra i Big Man italiani da temere, Mastodont fa della sua stazza e forza fisica il punto in + che può valere la vittoria nei Match, oltre a mosse devastanti come il Samoan Drop e il Samoan Splash.
Mastodont è ormai sicuramente una Bandiera della RWA e può diventarlo anche della scena italiana, con la sua presenza nella EPW quest’ultimo status può essere rafforzato ancora di più.

NICK “THE PROTECTOR” TERRANOVA

Nick

Personaggio al debutto in RWA e EPW, il “compare” di King Danza ha fatto un buon esordio, anche se ovviamente dovrà faticare per ritagliarsi il suo spazio in EPW; rispetto a Danza conta su una maggiore agilità e un parco mosse più improntato su elementi come il Flyng Kick, lo Scissors Kick e altre tecniche simili, ma non disdegna anche mosse di sottomissione o prese articolate.
Un personaggio sicuramente da seguire per vedere il suo sviluppo e le prospettive di crescita sul Ring.

 

RED SCORPION

Red Scorpion, Atleta mascherato

Per uno degli atleti Globetrotter della scena italiana essere chiamato a partecipare a questo progetto è senz’altro motivo di orgoglio: nel 2011Scorpion ha calcato diversi Ring dimostrandosi atleta completo, con una Gimmick particolare e curata unita a un set di mosse aeree/tecniche/di sottomissione che lo rende in grado di gestire ogni tipo di Match o atleta (Medio o Massimo) che si sia trovato davanti.
Anche per lui vedo probabili trovare sempre più aperte le porte fuori dall’Italia , per Scorpion obbiettivo altamente raggiungibile secondo me.

VITO REA

Vito Rea, Campione Mondiale Pancrazio

Il Fighter Campione Mondiale di Pancrazio sta dimostrando notevoli progressi dal suo esordio ormai da un anno nel mondo del Wrestling, dove ha portato il suo bagaglio tecnico di Fighter, fatto di tecniche di lotta a Terra e Submission (tra cui l’Ankle Lock ad esempio) che sta iniziando a ben combinare alle mosse di wrestling, un’atleta quindi in notevole crescita e che in EPW si farà notare senz’altro e non solo lì.

DAVIDE FIORETTI/WILLY G

l'eclettico Willy G

Menziono questi due giovani atleti insieme per il motivo che hanno da poco esordito in RWA e per loro EPW “Overload” ha rappresentato un’opportunità unica di farsi vedere a fianco di atleti di maggiore caratura.
Due Gimmick “particolari” (il danzereccio Willy G e il campagnolo Fioretti) che hanno mostrato che, gimmick apparte, c’è del buon potenziale atletico, di sicuro da rivedere in altri show per una valutazione più oggettiva, ma sicuramente due talenti che possono migliorarsi e crescere sul Ring.

Il Contadino Davide Fioretti

Dopo aver visto gli italiani, passiamo ad analizzare gli atleti europei coinvolti in questo progetto:

ABSOLUTE ANDY

Absolute Andy in Tag con Bad Bones

Avevo visto già Andy combattere in Italia nel 2006 a ICW Xplosion, in 4 way con Devil, Kaio e Chris Bambikiller e mi aveva fatto una buona impressione.
Qui l’impressione è stata ulteriormente positiva, in EPW ha lottato in Tag con Bad Bones e vi assicuro che sono una cosa FANTASTICA, non vedevo un Tag Team così devastante dai tempi dei Legion Of Doom o dei Demolition, hanno letteralmente asfaltato chiunque sul loro cammino.
Andy è sicuramente fra i migliori della scena europea da anni e solo alterne sfortune ne hanno impedito secondo me il suo sfondare nella scena Usa, dove non sfigurerebbe, il progetto EPW ha sicuramente un valore aggiunto con un simile Worker.

BAD BONES

Bad Bones

Cosa non si è già detto di Bad Bones?
Devastante, Rapido, una Forza della Natura concentrata in un fisico solo all’apparenza più piccolo dei normali Big Man, ma che contiene la forza di una macchina da Guerra instancabile sul Ring.
Il suo Tag Team con Andy come ho detto è devastante, le sue Chop vi assicuro sono tremende (chiedete a uno qualsiasi degli atleti che le ha subite in EPW), stupisce comunque l’agilità di questo atleta da molti paragonato a Brock Lesnar per la potenza e la velocità nell’esecuzione di mosse e contromosse e la sua incredibile capacità aerea (è incredibile la leggerezza con cui spicca dal paletto per il Double Flyng Kick ad esempio).
Bad Bones è destinato a dominare la scena europea, ma non scordatevi questo nome perché sicuramente lo sentirete presto nominare anche oltreoceano, fidatevi.

CHRIS “THE BAMBIKILLER” RABEER

Chris

Più di 29 Paesi dove ha lottato in tutto il Mondo, Bambikiller ha avuto anche la possibilità di arrivare ad un passo da quello che è il sogno di ogni lottatore, la WWE, ma alla fine Chris ha preferito continuare a fare il Globetrotter del Wrestling ritagliandosi lì diverse soddisfazioni.
Anche lui l’avevo già visto nel famoso 4 way con Andy, ma un infortunio lo aveva costretto a non essere al 100% allora; qui ho avuto modo di vederlo in azione al Top e vi assicuro che è un’alteta eccezionale: fisico perfetto, agilità, mosse di potenza eccezionali, una finisher a sicuro effetto come la Death Shot o la Jack Hammer, credo si possa dire senz’ombra di dubbio che è l’elemento più rappresentativo dell’EPW fra gli atleti europei coinvolti, di cui spero sarà a lungo protagonista credo, prima che il nostro Bambikiller riprenda a girare il Mondo in cerca di nuove sfide.

GLEN BURRIDGE

Glen Burridge

Un’altra vecchia conoscenza per noi italiani che l’avevamo visto in azione con l’NWE, Burridge è uno degli atleti europei che ha calcato ogni ring del Continente.
Burridge fa del suo essere personaggio sopra le righe buona parte del suo successo con il pubblico, che lo ha sostenuto in ogni match in questi tre giorni di Taping.
Stile molto poco “british” fatto spesso di lampi di furbizia e sfruttamento delle debolezze avversarie, Burridge ha offerto soprattutto un discreto repertorio di chiavi e mosse di sottomissione a terra che mi ha particolarmente impressionato.
Un altro di quelli elementi per cui vale la pena seguire l’EPW, ogni match offerto da Burridge non deluderà gli spettatori.

E infine ma non per importanza diamo spazio alle atlete femminili:

ALPHA FEMALE

The Alpha Female dalla Germania

Molti magari se la ricordano come Jazzy Bi e l’hanno anche vista in ICW, ma da due anni questa atleta tedesca ha cambiato Ring Name e aspetto, ma non ha abbandonato la sua irruenza che ha fatto tremare più di un’atleta in Europa.
Female è stata semplicemente devastante, riducendo spesso le sue avversarie letteralmente K.O: dotata di una forza spaventosa , spazia da mosse distuttive come la Powerbomb o la Queen Suplex a vere e raffinate mosse di sottomissione come la Romero Special, facendo di lei un’atleta completa che farebbe la sua figura anche oltreoceano.

MONICA

Miss Monica, giovane atleta italiana

Al momento l’unica atleta italiana femminile presente nel Roster EPW, la ragazza sì è fatta valere nel confronto con le altre atlete.
Non avevo ancora avuto modo di vedere Monica combattere ma sono stato piacevolmente colpito: deve ancora crearsi un suo stile di lotta, ma ha dimostrato di sapersela cavare sia con le mosse aeree che con mosse anche d’impatto, sono sicuro che con il tempo saprà migliorarsi ulteriormente, grazie anche al confronto con atlete europee che gli ha permesso e gli permetterà l’EPW.

SHANNA

Shanna

Non conoscevo questa atleta portoghese e devo dire che ho visto i suoi match con particolare interesse: un autentico folletto volante, con un repertorio molto “luchistico” (è stata allenata da La Miseria, luchador mascherato da anni in Francia, Ndr), spazia dalla 6-1-9 fino agli spot aerei più rischiosi (vi assicuro che ha effettuato un Suicide Dive fuori ring che solo per poco non ha rischiato di farla schiantare sulle transenne), Shanna può diventare uno delle atlete della scena femminile di prossima generazione, tenete d’occhio questo nome…

CONSIDERAZIONI FINALI:

– Il Roster EPW è sicuramente di Buon livello in tutto il suo organico, lo dimostra il fatto che ho assistito a tre giorni di match ben fatti e con poche sbavature, considerando che i Match saranno trasmessi in TV e che quindi ci saranno sicuramente miglioramenti favoriti dal montaggio e dalla post-produzione, ci troveremo davanti un prodotto accuratamente ben fatto;

– Se il livello di maggiore professionalità è sicuramente offerto dagli stranieri coinvolti, gli italiani coinvolti nel progetto non hanno affatto sfigurato, anzi hanno ottenuto diversi elogi dagli atleti stranieri stessi;

– Il Roster femminile è molto buono, spero aumenti in numero e qualità nell’eventuale nuova serie, magari aggiungendo qualche altra atleta italiana presente sulla scena;

– Vi assicuro che non ci si rende conto di quanto tempo e personale ci vuole per realizzare un TV Show, voi vedete solo il risultato finale, ma vi assicuro che per girare i segmenti video, le interviste, i promo, i Match occore davvero un’intera giornata nel quale gli atleti devono inserire anche gli allenamenti, lo stage e le varie prove dei Match … un bel lavoraccio insomma;

In attesa di vedere (spero presto) l’intera serie, ringrazio sentitatamente l’EPW per aver permesso a me e WOW di seguire questo progetto, ringrazio Pier Paolo Pollina e i ragazzi della Rome Wrestling Academy per l’ospitalità in questi giorni e i proprietari e dipendenti della Stazione Birra di Ciampino (Roma)  (http://www.stazionebirra.biz/) che hanno ospitato questo evento e sopportato la mia presenza e degli altri in questi giorni.

Con questo numero inoltre si esaurisce il ciclo di uscite quindicinnali di  Wrestling Boot, a partire dalla fine delle festività Natalizie e dall’Anno Nuovo Wrestling Boot diventerà un editoriale mensile, purtroppo gli ultimi tempi mi han visto sempre più indaffarato e non voglio che ne risenta la qualità di questa rubrica molto seguita da voi amanti del wrestling italiano ma non solo.

Da questo numero inoltre aggiungo in calce la mia Mail al quale potete scrivere per chiedere lumi, commentare gli editoriali e non per inviarmi pubblicità del Cialis o finanziarie fantasma, chiariamo XD

Foto © by EPW, RWA, Enrico Bertelli “Loscalzo” (www.flickr.com/Photos/enricoloscalzo)

Appuntamento al Prossimo Numero & Buone Feste quindi !!!!

 

Enrico Bertelli “Taigermen” (Loscalzo1979@libero.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *